Suggerimento 1: come tradurre i grammi in falene

Stepanischev M
Membro VIP
Grado: 2956

04.06.2011 // 23:36:44 Trova le risposte alle domande:

1. Quale parte è 100 ml da 1 litro? (1 l = 1000 ml)
2. Quanto rame in moli e mmoli è contenuto in un estratto da 100 ml ad una data concentrazione di 0.36 mmol / l? (1 mol = 1000 mmol)
3. Quanto sarà in grammi e milligrammi, dato che la massa molare del rame è 63,55 g / mol? (1 g = 1000 mg)
4. Trovato nel paragrafo 3, la massa di rame viene estratta da un terreno del peso di 400 grammi, quanto rame sarà rilasciato da un chilogrammo? (1 kg = 1000 g)

Stepanischev M
Membro VIP
Grado: 2956

06/05/2011 // 7:39:57 Modificato 2 volte

> "Grazie per la risposta dettagliata"

Sì, per niente. La cosa principale - imparare. Spite Fursenkam e altri innovatori, modernizzatori.

Hai la decisione giusta, ma:

> "così, risulta 0,000036 mol / l di rame in un estratto da 0,1 l"

Ecco l'errore nella dimensione. Risulta 0,036 mmol di rame in 0,1 l - la quantità di sostanza in moli, e non la concentrazione in mol / l.

Successivamente, si verifica un errore durante l'arrotondamento:
0,036 * 63,55 = 2,29 mg

C'è una differenza tra 2,2 e 2,29: anche se la cifra extra significativa non è stata lasciata ai calcoli intermedi, dovrebbero essere stati registrati 2,3 mg, che darebbero 6 mg / kg nella risposta.

Ma con ulteriore ricalcolo non si dovrebbe arrotondare a una cifra, poiché nei 400 grammi indicati nella condizione ci sono tre cifre significative.

Cioè, dovresti dividere la massa non per 0,4, ma per 0,400. Dal punto di vista dell'aritmetica, è simile, ma tu risolvi il problema in chimica, e non in matematica per la seconda classe, non è vero?

2,29 / 0,400 = 5,73 mg / kg.

Arrotondando fino a due cifre significative, come nella condizione, otteniamo la risposta corretta: 5,7 mg / kg.

Ma se arrotondassimo un'azione intermedia di 2,29 a 2,3 mg, sarebbe 2,3 / 0,400 = 5,75 mg / kg.

Se dimentichiamo le regole che si applicano agli arrotondamenti consecutivi e consideriamo il numero 5.75 da solo, allora dovrebbe essere arrotondato alla risposta a 5,8 mg / kg. Quindi, aggiungeremo circa lo 0,7% dell'errore relativo al risultato dell'analisi solo nella fase di calcolo, che difficilmente può essere considerata accettabile. (Considerando il valore accurato 5.73 otteniamo (5.8-5.73) / 5.73 = errore dell'1.2% e (5.7-5.73) / 5.73 = 0.5%).

Se non dimentichiamo le regole per calcoli successivi, allora ricordiamo che il risultato di 2.3 è stato ottenuto arrotondando, quindi, 5.75 è arrotondato qui - anche a 5.7 mg / kg.

Qui il tema dell'arrotondamento è spiegato in un linguaggio più vivace e molto altro: www.interface.ru/home.asp?artId=19535

A proposito, è molto più facile spiegare tutto questo, mostrando azioni su una regola di diapositive. Le calcolatrici elettroniche, con la loro eccessiva accuratezza, purtroppo hanno distrutto nella maggioranza delle teste ogni tipo di comprensione circa lo scopo e l'adeguatezza dei calcoli, per non parlare dei computer con Excel e dei suoi errori.

Quindi, da una parte, questo compito è elementare, dall'altra - non così semplice come sembra inizialmente.

Conversione da grammi a moli e da moli a grammi

Il calcolatore converte dalla massa di una sostanza espressa in grammi alla quantità di sostanza in moli e parte posteriore.

Per le attività di chimica, è necessario convertire la massa di una sostanza in grammi nella quantità di una sostanza in moli e parte posteriore.
Questo è risolto attraverso una semplice relazione:
,
dove
- massa della sostanza in grammi
- quantità di sostanza in moli
- Massa molare della sostanza in g / mol

E, in realtà, il momento più difficile qui è la determinazione della massa molare del composto chimico.

La massa molare è una caratteristica di una sostanza, il rapporto tra la massa di una sostanza e il numero di moli di quella sostanza, cioè la massa di una mole di una sostanza. Per singoli elementi chimici, la massa molare è la massa di una mole di singoli atomi di questo elemento, cioè la massa di atomi di materia assunta in una quantità pari al numero di Avogadro (il numero di Avogadro stesso è il numero di atomi di carbonio -12 in 12 grammi di carbonio-12). Pertanto, la massa molare dell'elemento, espressa in g / mol, numericamente coincide con il peso molecolare - la massa dell'atomo dell'elemento, espressa in a. e. m. (unità di massa atomica). E le masse molari di molecole complesse (composti chimici) possono essere determinate sommando le masse molari dei loro elementi costitutivi.

Fortunatamente, c'è già una calcolatrice sul nostro sito Molare massa di composti, che calcola la massa molare di composti chimici, in base ai dati di massa atomica dalla tavola periodica. Viene utilizzato per ottenere la massa molare in base alla formula inserita del composto chimico nella calcolatrice sottostante.

Il calcolatore sottostante calcola la massa di una sostanza in grammi o la quantità di una sostanza in moli, a seconda della scelta dell'utente. Per riferimento, vengono visualizzati anche la massa molare del composto e i dettagli del suo calcolo.

Gli elementi chimici dovrebbero essere scritti così come sono scritti nella tavola periodica, cioè, prendere in considerazione lettere grandi e piccole. Ad esempio Co - cobalto, CO - monossido di carbonio, monossido di carbonio. Quindi, Na3PO4 è corretto, na3po4, NA3PO4 è sbagliato.

glucosio

Il glucosio è un'importante fonte di carboidrati presenti nel sangue periferico. L'ossidazione del glucosio è un'importante fonte di energia cellulare nel corpo. Il glucosio che entra nel corpo con il cibo viene convertito in glicogeno, che viene immagazzinato nel fegato o negli acidi grassi, che sono immagazzinati nel tessuto adiposo. La concentrazione di glucosio nel sangue è controllata entro limiti ristretti da molti ormoni, i più importanti dei quali sono ormoni pancreatici.

Un metodo rapido e preciso per regolare il livello di zucchero nel sangue a digiuno contrasta nettamente con il rapido aumento della glicemia durante la digestione dei carboidrati. Ridurre la glicemia a un livello critico (fino a circa 2,5 mmol) porta a una disfunzione del sistema nervoso centrale. Questo si manifesta sotto forma di ipoglicemia ed è caratterizzato da debolezza muscolare, scarsa coordinazione dei movimenti, confusione di coscienza. Un'ulteriore diminuzione della glicemia porta al coma ipoglicemico. I valori glicemici sono variabili e dipendono dall'attività muscolare e dagli intervalli tra i pasti. Queste fluttuazioni sono ulteriormente aumentati in violazione della regolazione dei livelli di zucchero nel sangue, che è caratteristica di certe condizioni patologiche, quando il livello di glucosio nel sangue può essere elevato (iperglicemia) o basso (ipoglicemia).

La causa più comune di occorrenza iperglicemia è il diabete mellito derivante dalla insufficiente secrezione di insulina o dalla sua attività. Questa malattia è caratterizzata da un aumento della glicemia a tal punto che supera la soglia renale e lo zucchero appare nelle urine (glicosuria). Diversi fattori secondari contribuiscono anche a un aumento dei livelli di glucosio nel sangue. Questi fattori includono pancreatite, disfunzione tiroidea, insufficienza renale e malattia del fegato.

Si verifica meno frequentemente ipoglicemia. Una serie di fattori può causare una diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue, come l'insulinoma, l'ipopituitarismo o l'ipoglicemia causati dall'azione dell'insulina. Ipoglicemia si verifica in determinate condizioni patologiche, tra cui grave insufficienza respiratoria, sindrome neonatale, tossiemia della gravidanza, deficit enzimatico sindrome Raya congenita, disfunzione epatica, insulinproduktivnye tumore pancreatico (insulinoma), anticorpi anti-insulina, tumori non-pancreatici, setticemia, insufficienza renale cronica e bere alcolici

La misurazione della glicemia viene utilizzata per lo screening del diabete mellito, se si sospetta l'ipoglicemia, monitorare il trattamento del diabete, valutare il metabolismo dei carboidrati, ad esempio, nell'epatite acuta nelle donne in gravidanza con diabete, nella pancreatite acuta e nella malattia di Addison.

La misurazione del livello di glucosio nelle urine viene utilizzata per rilevare il diabete, la glicosuria, la disfunzione renale e il trattamento dei pazienti con diabete.

La misurazione del livello di glucosio nel liquido cerebrospinale viene utilizzata per rilevare la meningite, i tumori dei gusci cerebrali e altri disturbi neurologici. Glucosio nel fluido cerebrospinale può essere basso o nullo determinata in pazienti con acuta batterica, cryptococcal, tubolari o meningite carcinomatosa, nonché ascesso cerebrale. Ciò può essere dovuto a un elevato assorbimento di glucosio da parte dei leucociti o di altre cellule che metabolizzano rapidamente. Nella meningite virale e nell'encefalite, il livello di glucosio è solitamente normale.

Siero / plasma (a digiuno)

Convertitore di unità

Convertire unità: millimole per litro [mmol / l] mol per litro [mol / l]

Livello sonoro

Altro sulla concentrazione molare

Informazioni generali

La concentrazione della soluzione può essere misurata in diversi modi, ad esempio come il rapporto tra la massa di un soluto e il volume totale della soluzione. In questo articolo, consideriamo la concentrazione molare, che viene misurata come il rapporto tra la quantità di una sostanza in moli rispetto al volume totale della soluzione. Nel nostro caso, la sostanza è una sostanza solubile e misuriamo il volume per l'intera soluzione, anche se altre sostanze sono disciolte in essa. La quantità di una sostanza è il numero di costituenti elementari, ad esempio atomi o molecole di una sostanza. Poiché anche in una piccola quantità di una sostanza c'è di solito un gran numero di componenti elementari, unità speciali, talpe, vengono utilizzate per misurare la quantità di una sostanza. Una mole è uguale al numero di atomi in 12 g di carbonio-12, vale a dire circa 6 × 10² di atomi.

È conveniente usare le tarme se lavoriamo con una quantità di una sostanza così piccola che la sua quantità può essere facilmente misurata con elettrodomestici o apparecchi industriali. Altrimenti, dovresti lavorare con numeri molto grandi, che sono scomodi, o con peso o volume molto piccoli che sono difficili da trovare senza attrezzature di laboratorio specializzate. Gli atomi sono più comunemente usati quando si lavora con le talpe, sebbene sia possibile utilizzare altre particelle, come molecole o elettroni. Va ricordato che se gli atomi non sono usati, allora è necessario indicarlo. A volte la concentrazione molare viene anche chiamata molarità.

Non si deve confondere molarità con molalità. Contrariamente alla molarità, la molalità è il rapporto tra la quantità di una sostanza solubile e la massa del solvente e non la massa dell'intera soluzione. Quando il solvente è acqua e la quantità della sostanza solubile è piccola rispetto alla quantità di acqua, la molarità e la molalità sono simili nel significato, ma in altri casi di solito differiscono.

Fattori che influenzano la concentrazione molare

La concentrazione molare dipende dalla temperatura, anche se questa dipendenza è più forte per alcuni e più debole per altre soluzioni, a seconda di quali sostanze sono disciolte in esse. Alcuni solventi si espandono quando la temperatura aumenta. In questo caso, se le sostanze disciolte in questi solventi non si espandono insieme al solvente, la concentrazione molare dell'intera soluzione diminuisce. D'altra parte, in alcuni casi, all'aumentare della temperatura, il solvente evapora e la quantità di sostanza solubile non cambia, in questo caso la concentrazione della soluzione aumenta. A volte succede il contrario. A volte un cambiamento di temperatura influisce sul modo in cui la sostanza solubile si dissolve. Ad esempio, parte o tutta la sostanza solubile cessa di dissolversi e la concentrazione della soluzione diminuisce.

unità

La concentrazione molare viene misurata in moli per unità di volume, ad esempio, moli per litro o moli per metro cubo. La falena per metro cubo è l'unità SI. La molarità può anche essere misurata usando altre unità di volume.

Come trovare la concentrazione di molari

Per trovare la concentrazione molare, è necessario conoscere la quantità e il volume della sostanza. La quantità di una sostanza può essere calcolata utilizzando la formula chimica della sostanza e le informazioni sulla massa totale della sostanza in soluzione. Cioè, per scoprire la quantità di soluzione in talpe, impariamo dalla tavola periodica la massa atomica di ogni atomo nella soluzione, e quindi dividiamo la massa totale della sostanza per la massa atomica totale degli atomi nella molecola. Prima di mettere insieme la massa atomica, dovresti assicurarti di moltiplicare la massa di ciascun atomo per il numero di atomi nella molecola che stiamo considerando.

È possibile eseguire calcoli e in ordine inverso. Se si conoscono la concentrazione molare della soluzione e la formula della sostanza solubile, si può scoprire la quantità di solvente in soluzione, in moli e grammi.

esempi

Troviamo la molarità della soluzione di 20 litri di acqua e 3 cucchiai di soda. In un cucchiaio - circa 17 grammi, e in tre - 51 grammi. La soda è bicarbonato di sodio, la cui formula è NaHCOH. In questo esempio, useremo gli atomi per calcolare la molarità, quindi troveremo la massa atomica dei componenti di sodio (Na), idrogeno (H), carbonio (C) e ossigeno (O).

Na: 22,989769
H: 1.00794
C: 12.0107
O: 15.9994

Poiché l'ossigeno nella formula è O₃, è necessario moltiplicare la massa atomica dell'ossigeno per 3. Otteniamo 47.9982. Ora sommate le masse di tutti gli atomi e ottenete 84,006609. La massa atomica è indicata nella tavola periodica in unità di massa atomica, o a. e. m. I nostri calcoli sono anche in queste unità. Uno a. E. m è uguale alla massa di una mole di sostanza in grammi. Cioè, nel nostro esempio, la massa di una mole di NaHCO₃ è 84,006609 grammi. Nel nostro problema - 51 grammi di soda. Troviamo la massa molare dividendo 51 grammi per la massa di una talpa, cioè 84 grammi, e otteniamo 0,6 moli.

Risulta che la nostra soluzione è 0,6 moli di soda disciolta in 20 litri di acqua. Dividiamo questa quantità di soda per il volume totale della soluzione, cioè 0,6 mol / 20 l = 0,03 mol / l. Poiché nella soluzione è stata utilizzata una grande quantità di solvente e una piccola quantità di sostanza solubile, la sua concentrazione è bassa.

Considera un altro esempio. Cerchiamo di trovare la concentrazione molare di un pezzo di zucchero in una tazza di tè. Lo zucchero da tavola è costituito da saccarosio. Per prima cosa troviamo il peso di una mole di saccarosio, la cui formula è C₁₂H₂₂O₁₁. Usando la tavola periodica, troviamo le masse atomiche e determiniamo la massa di una mole di saccarosio: 12 × 12 + 22 × 1 + 11 × 16 = 342 grammi. In un cubo, lo zucchero è di 4 grammi, il che ci dà 4/342 = 0,01 moli. In una tazza circa 237 millilitri di tè, quindi la concentrazione di zucchero in una tazza di tè è 0,01 mol / 237 millilitri × 1000 (per convertire i millilitri in litri) = 0,049 moli per litro.

applicazione

La concentrazione molare è ampiamente usata nei calcoli che implicano reazioni chimiche. La sezione della chimica in cui vengono calcolati i rapporti tra le sostanze nelle reazioni chimiche e che spesso lavorano con le talpe è detta stechiometria. La concentrazione molare può essere trovata dalla formula chimica del prodotto finale, che diventa quindi una sostanza solubile, come nell'esempio con la soluzione di soda, ma è anche possibile trovare questa sostanza per prima usando le formule di reazione chimica durante le quali è formata. Per fare questo, è necessario conoscere le formule delle sostanze coinvolte in questa reazione chimica. Avendo risolto l'equazione di reazione chimica, scopriamo la formula della molecola del soluto, e quindi troviamo la massa della molecola e la concentrazione molare usando la tavola periodica, come negli esempi sopra. Naturalmente, è possibile eseguire calcoli nell'ordine inverso, utilizzando le informazioni sulla concentrazione molare della sostanza.

Considera un semplice esempio. Questa volta mescoliamo la soda con l'aceto per vedere un'interessante reazione chimica. Sia l'aceto che la soda sono facili da trovare, sicuramente li hai in cucina. Come accennato in precedenza, la formula della soda è NaHCO₃. L'aceto non è una sostanza pura, ma una soluzione al 5% di acido acetico in acqua. La formula dell'acido acetico è CH₃COOH. La concentrazione di acido acetico nell'aceto può essere più o meno del 5%, a seconda del produttore e del paese in cui viene prodotto, poiché la concentrazione di aceto è diversa nei diversi paesi. In questo esperimento, non puoi preoccuparti delle reazioni chimiche dell'acqua con altre sostanze, perché l'acqua non reagisce con la soda. Siamo interessati solo al volume d'acqua, quando in seguito calcoleremo la concentrazione della soluzione.

Innanzitutto, risolviamo l'equazione per la reazione chimica tra la soda e l'acido acetico:

NaHCO₃ + CH₃COOH → NaC₂H₃O₂ + H₂CO₃

Il prodotto di reazione è H₂CO₃, una sostanza che, a causa della sua bassa stabilità, rientra in una reazione chimica.

Come risultato della reazione, otteniamo acqua (H₂O), anidride carbonica (CO₂) e sodio acetato (NaC₂H₃O₂). Mescoliamo l'acetato di sodio ottenuto con acqua e troviamo la concentrazione molare di questa soluzione, proprio come prima abbiamo trovato la concentrazione di zucchero nel tè e la concentrazione di soda nell'acqua. Quando si calcola il volume di acqua, è necessario prendere in considerazione l'acqua in cui l'acido acetico è dissolto. L'acetato di sodio è una sostanza interessante. Viene utilizzato in bottiglie di acqua calda chimica, ad esempio, in bottiglie di acqua calda per le mani.

Usando la stechiometria per calcolare il numero di sostanze che entrano in una reazione chimica, o prodotti di reazione, per i quali successivamente si troverà la concentrazione molare, si dovrebbe notare che solo una quantità limitata di una sostanza può reagire con altre sostanze. Influisce anche sulla quantità del prodotto finale. Se la concentrazione molare è nota, al contrario, è possibile determinare la quantità di prodotti di partenza mediante il calcolo inverso. Questo metodo è spesso usato nella pratica, nei calcoli relativi alle reazioni chimiche.

Quando si utilizzano le ricette, sia in cucina, nella produzione di medicinali o quando si crea l'ambiente ideale per il pesce d'acquario, è necessario conoscere la concentrazione. Nella vita di tutti i giorni, i grammi sono spesso più convenienti da usare, ma nelle industrie farmaceutiche e chimiche, la concentrazione molare è più spesso utilizzata.

In prodotti farmaceutici

Quando si creano farmaci, la concentrazione molare è molto importante, perché determina come il farmaco influenza il corpo. Se la concentrazione è troppo alta, il farmaco potrebbe persino essere letale. D'altra parte, se la concentrazione è troppo bassa, la medicina è inefficace. Inoltre, la concentrazione è importante nello scambio di fluidi attraverso le membrane cellulari del corpo. Nel determinare la concentrazione del liquido, che deve passare o, al contrario, non passare attraverso la membrana, usare una concentrazione molare, oppure può essere usato per trovare la concentrazione osmotica. La concentrazione osmotica è usata più spesso del molare. Se la concentrazione di una sostanza, come un farmaco, è maggiore su un lato della membrana rispetto alla concentrazione sull'altro lato della membrana, ad esempio all'interno dell'occhio, allora la soluzione più concentrata si muoverà attraverso la membrana dove la concentrazione è più bassa. Un tale flusso di soluzione attraverso la membrana è spesso problematico. Ad esempio, se il fluido si muove all'interno della cellula, ad esempio, nella cella del sangue, è possibile che a causa di questo trabocco del fluido, la membrana venga danneggiata e si rompa. Anche la perdita di fluido dalla cella è problematica, per questo la capacità di lavoro della cella è compromessa. E 'desiderabile impedire qualsiasi flusso di fluido attraverso la membrana dalla cellula o nella cellula causata da droghe, e per questo scopo, la concentrazione del farmaco è fatta per essere simile alla concentrazione di fluido nel corpo, per esempio nel sangue.

Vale la pena notare che in alcuni casi le concentrazioni molari e osmotiche sono uguali, ma questo non è sempre il caso. Dipende se la sostanza disciolta in acqua si è decomposta in ioni durante la dissociazione elettrolitica. Nel calcolo della concentrazione osmotica, le particelle sono prese in considerazione in generale, mentre nel calcolo della concentrazione molare vengono prese in considerazione solo alcune particelle, come le molecole. Pertanto, se, ad esempio, lavoriamo con le molecole, ma la sostanza è scomposta in ioni, le molecole saranno inferiori al numero totale di particelle (incluse sia le molecole che gli ioni), e questo significa che la concentrazione molare sarà inferiore a quella osmotica. Per convertire la concentrazione molare in concentrazione osmotica, è necessario conoscere le proprietà fisiche della soluzione.

Nella produzione di medicinali, i farmacisti tengono conto anche della tonicità della soluzione. La tonicità è una proprietà della soluzione, che dipende dalla concentrazione. A differenza della concentrazione osmotica, toychest è la concentrazione di sostanze che la membrana non lascia passare. Il processo di osmosi causa soluzioni con una maggiore concentrazione per spostarsi in soluzioni con una concentrazione inferiore, ma se la membrana impedisce questo movimento, senza passare la soluzione attraverso se stessa, si verifica la pressione sulla membrana. Tale pressione è solitamente problematica. Se il farmaco è destinato a penetrare nel sangue o altri fluidi nel corpo, è necessario bilanciare la tonicità di questo farmaco con la tonicità del fluido nel corpo al fine di evitare la pressione osmotica sulle membrane del corpo.

Al fine di bilanciare la tonicità, i farmaci vengono spesso dissolti in una soluzione isotonica. Una soluzione isotonica è una soluzione di sale da tavola (NaCL) in acqua con una tale concentrazione che consente di bilanciare la tonicità dei fluidi corporei e la tonicità della miscela di questa soluzione e della medicina. Una soluzione isotonica viene solitamente conservata in contenitori sterili e infusa per via endovenosa. A volte è usato in forma pura, e talvolta - come una miscela con la medicina.

Mole (unità)

Talpa (designazione - talpa, mol) - un'unità di misura della quantità di una sostanza. Corrisponde alla quantità di una sostanza che contiene il numero di unità strutturali specificate (atomi, molecole, ioni, elettroni o qualsiasi altra particella) poiché molti atomi contengono in 12 grammi di nuclide di carbonio 12 C.

Il numero di particelle in una mole di qualsiasi sostanza è costante e si chiama numero Avogadro (Nla).

Nla = 6.02214179 (30) × 10 23 mol -1.

Unità multiple e lunghe

I multipli decimali e le unità frazionarie si formano usando prefissi SI standard.

Nota: l'unità di misura yoktomol può essere utilizzata solo formalmente, poiché tali piccole quantità di una sostanza devono essere misurate da particelle individuali (1 formalmente uguale a 0,602 particelle).

Wikimedia Foundation. 2010.

Controlla quale "Mole (unit)" in altri dizionari:

Talpa (numero di unità di una sostanza) - Una talpa, un'unità di una quantità di una sostanza, cioè una quantità stimata dal numero di elementi strutturali identici contenuti in un sistema fisico (atomi, molecole, ioni e altre particelle o i loro gruppi specifici). M. è uguale alla quantità di sostanza...... La grande Enciclopedia Sovietica

Talpa (unità di sostanza) - Questo articolo è dedicato a un'unità di misura. Vedi anche: falene d'insetti. Talpa (designazione talpa, mol) è un'unità per misurare la quantità di una sostanza. Corrisponde alla quantità di sostanza contenente così tante unità strutturali specificate (atomi, molecole,...... Wikipedia

talpa - 1. MOLE, e; Bene. Una piccola farfalla, il cui bruco è un parassita di oggetti di lana, cereali e piante. 2. MOLE, e; Bene.; MOLE, I; Spec. Un rafting nel bosco lungo il fiume da tronchi non collegati in una zattera. Il fiume fluttuava m. Guadando su una barca...... Dizionario enciclopedico

Talpa (valore) - Talpa è una parola a più valori: la talpa è un'unità di misura per la quantità di una sostanza, la talpa è un rappresentante delle talpe (dette talpe, sono raggruppate in un gruppo non tassonomico di piccoli insetti dall'ordine dei lepidotteri). Sedi Mol...... Wikipedia

MOT è un'unità di una quantità di una sostanza in SI, definita come la quantità di una sostanza contenente il numero di unità formula (strutturali) di questa sostanza (atomi, molecole, ioni, elettroni, ecc.) In quanto 12 atomi in un isotopo di carbonio 12 (12C);...... Grande Enciclopedia Politecnica

MOL - • MOL (Mohl) Hugo von (1805-1872), botanico tedesco, pioniere nello studio dell'anatomia e della fisiologia delle cellule CELL. Formulò l'ipotesi che il nucleo cellulare fosse circondato da una sostanza granulare colloidale, che nel 1846 chiamò...... Dizionario enciclopedico scientifico e tecnico

MOTTING - MOTTLE, unità di quantità di sostanza in SI. Talpa di designazione. 1 mole contiene tante molecole (atomi, ioni o altri elementi strutturali di una sostanza) quanti più atomi contengono in 0,012 kg 12C (carbonio con una massa atomica di 12). numero...... Enciclopedia moderna

MOL è un'unità della quantità di una sostanza SI, è indicata da una talpa 1 mole contiene tante molecole (atomi, ioni o altri elementi strutturali di una sostanza), quanti atomi sono contenuti in 0.012 kg di 12C (carbonio con una massa atomica di 12), cioè 6.022.1023...... Dizionario Enciclopedico

Una talpa è una talpa, una quantità unitaria di una sostanza in SI. Talpa di designazione. 1 mole contiene tante molecole (atomi, ioni o altri elementi strutturali di una sostanza) quanti più atomi contengono in 0,012 kg 12C (carbonio con una massa atomica di 12). Il numero...... Dizionario Enciclopedico Illustrato

Talpa - Questo articolo riguarda l'unità. La parola "talpa" ha altri significati: vedere Mole (significato). Talpa (denominazione russa: talpa; internazionale: mol) è un'unità per misurare la quantità di una sostanza nel Sistema internazionale di unità (SI), una delle sette... Wikipedia

Correzione del deficit di elettroliti

Rapporti equivalenti di composti chimici significativi ed elementi necessari per calcolare il deficit di elettroliti e il numero di soluzioni per la loro correzione:

  • 1 grammo di NaCl contiene 17,1 mmoli di sodio e cloro;
  • 58 mg di NaCl contengono 1 mmol di sodio e cloro;
  • 1 litro di soluzione di NaCl al 5,8% contiene 1000 mmoli di sodio e cloro;
  • 1 grammo di NaCl contiene 400 mg di sodio e 600 mg di cloro.
  • 1 grammo di KCl contiene 13,4 mmoli di potassio e cloro;
  • 74,9 mg di KCl contengono 1 mmol di potassio e cloro;
  • 1 litro di soluzione di KCl al 7,49% contiene 1000 mmoli di potassio e cloro;
  • 1 grammo di KCl contiene 520 mg di potassio e 480 mg di cloro.
  • 1 grammo di NaHCO3 contiene 11,9 mmoli di sodio e bicarbonato;
  • 84 mg di NaHCO3 contenere 1 mmol di sodio e bicarbonato;
  • In 1 litro di soluzione all'8,4% di NaHCO3 contiene 1000 mmoli di sodio e bicarbonato.

Per calcolare il deficit di qualsiasi elettrolita usare la seguente formula universale:

  1. m è la massa del paziente (kg);
  2. K1 - il normale contenuto di ioni (cationi o anioni) nel plasma del paziente (mmol / l);
  3. K2 - il contenuto effettivo di ioni (cationi o anioni) nel plasma del paziente (mmol / l).

Per calcolare il numero di soluzioni dell'elettrolito desiderato per la correzione, applicare la formula:

  1. D - carenza elettrolitica (mmol / l);
  2. E - il coefficiente che indica la quantità di questa soluzione contenente 1 mmol di ione carente (anione o catione):
    • KCl (3%) - 2.4
    • KCl (7,5%) - 1,0
    • NaCl (10%) - 0,58
    • NaCl (5,8%) - 1,0
    • NH4Cl (5%) - 1,08
    • NH4Cl (5,4%) - 1,0
    • CaCl (10%) - 1.1
    • HCl (2%) - 1,82
    • NaHCO3 (5%) - 1,67
    • NaC3H5O2 (10%) - 1.14
    • MgSO4 (25%) - 0,5
    • NaCl (0,85%) - 7.1

Di seguito sono riportate le formule di calcolo pronte all'uso che consentono di determinare immediatamente il volume desiderato di soluzioni standard (ml) per correggere il deficit di elettrolita, che dovrebbe essere avviato con quel catione (anione), la cui carenza è minima (m è la massa del paziente in kg, il plasma è plasma; globuli rossi) (AP Zilber, 1982):

Come convertire mmol in mole?

Risparmia tempo e non vedi annunci con Knowledge Plus

Risparmia tempo e non vedi annunci con Knowledge Plus

La risposta

La risposta è data

tbajguzin

mmol = 1/1000 mol. 1 mole = 1/1000 kmol

Connetti Knowledge Plus per accedere a tutte le risposte. Rapidamente, senza pubblicità e pause!

Non perdere l'importante - connetti Knowledge Plus per vedere la risposta adesso.

Guarda il video per accedere alla risposta

Oh no!
Le visualizzazioni di risposta sono finite

Connetti Knowledge Plus per accedere a tutte le risposte. Rapidamente, senza pubblicità e pause!

Non perdere l'importante - connetti Knowledge Plus per vedere la risposta adesso.

Conversione dell'unità per durezza (gradi) di acqua.

Unità di conversione (gradi) di durezza dell'acqua.

  • Gradi americani di durezza dell'acqua, l'attenzione qui sono due punti:
    • gpg = Grani per gallone: ​​1 gran (0,0648 g) CaCO3 in 1 gallone americano (3.785 litri) di acqua. Dividendo grammi per litro otteniamo: 17,22 mg / l CaCO3 - questo non è un "grado americano", ma un valore di durezza dell'acqua che è molto usato negli stati.
    • Laurea americana = ppmw = mg / L = degre americano: 1 parte di CaCO3 in 1.000.000 di parti di acqua 1mg / l di CaCO3
  • Grado di durezza dell'acqua inglese = ° e = ° Clark: 1 gran (0,0648 g) in 1 gallone inglese (4,546) l di acqua = 14,254 mg / l CaCO3
  • Grado di durezza dell'acqua francese (° fH o ° f) (fh): 1 parte di CaCO3 in 100.000 parti di acqua, o 10 mg / l di CaCO3
  • Gradi tedeschi di durezza dell'acqua = ° dH (Deutsche Härte = "rigidità tedesca" può ° dGH (durezza totale) o ° dKH (durezza carbonato)): 1 parte di ossido di calcio - CaO in 100.000 parti di acqua, e 0,719 parti di ossido di magnesio - MgO in 100.000 parti di acqua, che fornisce 10 mg / l CaO o 7,194 mg / l MgO
  • Grado di durezza dell'acqua russo (RF) ° Ж = 1 mEq / l: corrisponde alla concentrazione di elemento alcalino terroso, numericamente uguale a 1/2 del millimole per litro, che dà 50,05 mg / l di CaCO3 o 20,04 mg / l di Ca2 +
  • mmol / l = mmol / L: corrisponde alla concentrazione di elemento alcalino terroso, numericamente pari a 100,09 mg / l CaCO3 o 40,08 mg / l di Ca2 +

Consulenza e tecnica
supporto del sito: Zavarka Team

Unità di misura nella diagnostica clinica e biochimica

In conformità con lo Standard di Stato, in tutti i settori della scienza e della tecnologia, inclusa la medicina, l'uso di unità di Sistema Internazionale di Unità (SI) è obbligatorio.

L'unità di volume in SI è un metro cubo (m3). Per praticità in medicina è consentito utilizzare un volume unitario di litri (1; l 1 = 0,001 m3).

L'unità di una sostanza contenente tanti elementi strutturali quanti sono gli atomi in un nuclide di carbonio 12C con una massa di 0,012 kg è mol, cioè mol è la quantità di una sostanza in grammi, il cui numero è uguale al peso molecolare di questa sostanza.

Il numero di moli corrisponde alla massa della sostanza in grammi diviso per il peso molecolare relativo della sostanza.

1 mol = 10 ^ 3 mmol = 10 ^ 6 μmol = 10 ^ 9 nmol = 10 ^ 12 pmol

Il contenuto della maggior parte delle sostanze nel sangue è espresso in millimoli per litro (mmol / l).

Solo per gli indicatori il cui peso molecolare è sconosciuto o non può essere misurato, poiché manca di significato fisico (proteine ​​totali, lipidi totali, ecc.), La concentrazione di massa viene utilizzata come unità di misura - grammo per litro (g / l).

Una concentrazione molto comune nella biochimica clinica nel recente passato era milligrammo per cento (mg%) - la quantità di una sostanza in milligrammi contenuta in 100 ml di fluido biologico. Per convertire questo valore in unità SI, viene utilizzata la seguente formula:

mmol / l = mg% 10 / peso molecolare di una sostanza

L'unità di concentrazione equivalente utilizzata in precedenza per litro (eq / l) deve essere sostituita da unità di mole per litro (mol / l). Per questo, il valore di concentrazione in equivalenti per litro è diviso per la valenza dell'elemento.

L'attività degli enzimi nelle unità SI è espressa in quantità di moli del prodotto (substrato) formato (convertito) in 1 s in 1 l di soluzione - mol / (s-1), μmol / (s-1), nmol / (s-1).

Dov'è il glucosio: lista dei cibi

Prezzemolo per pancreatite