Come usare le tavolette Amaryl e come sostituirle

L'amarillo è considerato popolare tra i diabetici. La sua ricezione consente ai pazienti di controllare la loro condizione, per ridurre al minimo la probabilità di sviluppare iperglicemia. Prescrivere questo farmaco solo alle persone con diabete di tipo II.

struttura

Il principio attivo di Amaryl è glimepiride. La composizione delle compresse include anche componenti ausiliari. Il loro elenco dipenderà dal dosaggio di glimepiride. Diversa combinazione di sostanze aggiuntive in compresse dovute a colori diversi.

INN (nome internazionale): glimepiride (nome latino Glimepiride).

Le farmacie vendono anche Amaril M1, M2. Oltre alla glimepiride, la composizione delle compresse include metformina nella quantità di 250 o 500 mg, rispettivamente. Solo l'endocrinologo ha il diritto di prescrivere questa combinazione di farmaci.

Modulo di rilascio

Amaryl in vendita sotto forma di compresse. Il colore dipende dal dosaggio della sostanza attiva:

  • 1 mg di glimepiride - rosa;
  • 2 - verde;
  • 3 - giallo chiaro;
  • 4 - blu.

Differiscono sulla marcatura applicata sui tablet.

Azione farmacologica

Glimepirid ha un effetto ipoglicemizzante sul corpo. È un derivato della sulfonilurea di terza generazione.

L'amaryl ha un effetto principalmente prolungato. Quando le pillole vengono consumate, il pancreas viene stimolato e vengono attivate le cellule beta. Di conseguenza, l'insulina inizia a essere rilasciata da loro, l'ormone entra nel sangue. Questo aiuta a ridurre la concentrazione di zucchero dopo un pasto.

Allo stesso tempo, la glimepiride ha un effetto extrapancreatico. Aumenta la sensibilità del muscolo, del tessuto adiposo verso l'insulina. Quando si utilizza il farmaco vi è un generale antiossidante, anti-aterogenico, effetti antipiastrinici.

Amaril differisce da altri derivati ​​sulfonilurea in quanto quando viene consumato, il contenuto di insulina rilasciata è inferiore rispetto a quando si utilizzano altri farmaci ipoglicemici. A causa di ciò, il rischio di ipoglicemia è minimo.

Il rafforzamento del processo di utilizzazione del glucosio nei tessuti muscolari e grassi diventa possibile grazie alla presenza di speciali proteine ​​di trasporto nelle membrane cellulari. Amaril aumenta la loro attività.

Il farmaco praticamente non blocca i canali di potassio sensibili al cuore dei miociti cardiaci. Mantengono la capacità di adattarsi alle condizioni ischemiche.

Durante il trattamento con Amaril, la produzione di glucosio da parte delle cellule del fegato viene bloccata. Questo effetto è dovuto all'aumento del contenuto di fruttosio-2,6-biofosfato negli epatociti. Questa sostanza blocca la gluconeogenesi.

Il farmaco contribuisce a bloccare la secrezione della cicloossigenasi, riducendo il processo di trasformazione del trombossano A2 dall'acido arachidonico. Questo riduce l'intensità dell'aggregazione piastrinica. Sotto l'influenza di Amaryl diminuisce la gravità delle reazioni ossidative, che si osservano nel diabete non insulino-dipendente.

testimonianza

Farmaci prescritti basati su pazienti glimepiride con malattia di tipo II, se l'attività fisica, la dieta non consente di controllare i livelli di zucchero.

Le istruzioni per l'uso hanno indicato che è permesso combinare il ricevimento di Amaril con metformina, iniezioni di insulina.

Il Dr. Bernstein insiste sul fatto che la prescrizione di agenti ipoglicemizzanti non è giustificata, anche con le indicazioni per l'uso. Sostiene che i farmaci sono dannosi, aumentando i disturbi metabolici. Per normalizzare la condizione, è possibile utilizzare non derivati ​​sulfonilurea, ma la dieta in combinazione con un regime di trattamento speciale.

Controindicazioni

Amaril non deve essere somministrato a pazienti in cui:

  • dipendenza da insulina;
  • chetoacidosi, coma diabetico;
  • alterazione della funzionalità renale (anche in caso di necessità di emodialisi);
  • malfunzionamento del fegato;
  • intolleranza individuale o ipersensibilità alla glimepiride, eccipienti, altri farmaci del gruppo sulfonilurea;
  • età da bambini.

I medici non dovrebbero prescrivere il farmaco a pazienti che sono malnutriti, mangiare in modo irregolare, limitare l'apporto calorico, consumando meno di 1000 kcal. Controindicazione è una violazione del processo di assorbimento del cibo dal tratto gastrointestinale.

Effetti collaterali

Prima di iniziare a prendere Amaril dovrebbe familiarizzare con l'annotazione sul farmaco. I pazienti devono sapere quali complicanze possono verificarsi.

L'effetto collaterale più noto sono i disturbi metabolici. Il paziente subito dopo aver assunto la pillola può iniziare a sviluppare ipoglicemia. A casa, questa condizione è difficile da normalizzare, è necessario l'aiuto dei medici. Tuttavia, in casi rari si osserva un'improvvisa diminuzione della glicemia, non più spesso che in 1 paziente su 1000.

Durante l'assunzione di Amaril si verificano anche tali complicazioni da:

  • Tratto gastrointestinale: diarrea, sensazione di fame, dolore nella zona di epigastria, ittero, nausea, epatite, sviluppo di insufficienza epatica;
  • organi ematopoietici: trombocitopenia, agranulocitosi, eritrocitopenia, leucopenia;
  • sistema nervoso: aumento della sonnolenza, affaticamento, mal di testa, aumento dell'ansia, aggressività, disturbi del linguaggio, confusione, paresi, crisi cerebrali, comparsa di sudore freddo appiccicoso;
  • organi di visione: disturbi transitori dovuti a variazioni dei livelli di zucchero nel sangue.

Alcuni sviluppano reazioni di ipersensibilità. I pazienti si lamentano di prurito, eruzioni cutanee, orticaria, vasculite allergica. Di solito, questi effetti collaterali sono lievi, nei singoli casi la probabilità di shock anafilattico non può essere esclusa.

Istruzioni per l'uso

È permesso prendere Amaryl come prescritto dal medico curante. Lo specialista selezionerà il dosaggio iniziale per ciascun paziente personalmente. Dipende dalla concentrazione di glucosio nel sangue, dall'intensità dell'escrezione di zucchero nelle urine.

All'inizio della terapia, si raccomanda di bere compresse contenenti 1 mg di glimepiride. È necessario aumentare gradualmente la dose. Le compresse da 2 mg vengono trasferite non prima di 1-2 settimane dall'inizio della terapia. Nelle fasi iniziali, il medico monitora le condizioni del paziente, a seconda della risposta al farmaco, corregge il trattamento. La dose giornaliera massima consentita è 6-8 mg di glimepiride.

Se l'effetto terapeutico desiderato non può essere raggiunto anche assumendo la quantità massima di Amaril, viene anche prescritta l'insulina.

È necessario assumere compresse prima del pasto principale una volta al giorno. I medici raccomandano di bere il farmaco prima di colazione. Se necessario, è permesso spostare l'orario di ricevimento per il pranzo.

Rifiutarsi di mangiare dopo che Amaryl è ubriaco è severamente proibito. Dopotutto, questo provocherà un forte calo della concentrazione di glucosio. L'ipoglicemia può causare disturbi neurologici, causare coma diabetico e morte.

Le compresse inghiottiscono intere senza masticare.

overdose

È necessario usare Amaril nelle quantità scritte dal dottore. Il sovradosaggio causa ipoglicemia. Un forte calo di zucchero a volte provoca un coma diabetico.

Quando si supera la velocità d'uso ammissibile appare nausea, vomito, dolore epigastrico. Vari effetti collaterali possono verificarsi:

  • menomazione della vista;
  • sonnolenza;
  • tremori;
  • convulsioni;
  • coma;
  • problemi di coordinamento.

In caso di sovradosaggio, lavare lo stomaco. Dopo la pulizia, somministrare enterosorbenti. Nello stesso momento la soluzione per glucosio iniettata per via endovenosa. Ulteriori tattiche di azione si sviluppano a seconda delle condizioni del paziente. Nei casi più gravi, il paziente viene ricoverato in ospedale in unità di terapia intensiva.

interazione

Prima di prescrivere Amaryl, il medico deve scoprire quali farmaci sta assumendo il paziente. Alcuni farmaci aumentano, altri riducono l'effetto ipoglicemico della glimepiride.

Durante la ricerca, si è constatato che durante l'uso si osserva un forte calo di zucchero nel sangue:

  • agenti antidiabetici orali;
  • fenilbutazone;
  • ossifenbutazone;
  • azapropazone;
  • sulfinpirazona;
  • metformina;
  • tetraciclina;
  • miconazolo;
  • salicilati;
  • Inibitori MAO;
  • ormoni sessuali maschili;
  • steroidi anabolizzanti;
  • antibiotici chinolici;
  • claritromicina;
  • fluconazolo;
  • simpatolitikov;
  • fibrati.

Pertanto, non è consigliabile iniziare a bere Amaryl da solo senza ottenere una prescrizione appropriata da un medico.

Tale efficacia riduce l'efficacia della glimepiride:

  • progestinici;
  • estrogeni;
  • diuretici tiazidici;
  • saluretiki;
  • glucocorticoidi;
  • acido nicotinico (se usato in dosi elevate);
  • farmaci lassativi (soggetti a uso prolungato);
  • barbiturici;
  • rifampicina;
  • Glucagone.

Questo effetto è necessariamente preso in considerazione quando si seleziona il dosaggio.

I simpaticolitici (beta-bloccanti, reserpina, clonidina, guanetidina) hanno un effetto imprevedibile sull'effetto ipoglicemico di Amaril.

Quando si utilizzano derivati ​​cumarinici, considerare: la glimepiride rafforza o indebolisce l'effetto di questi farmaci sul corpo.

Il medico seleziona il paziente per i farmaci per l'ipertensione, i farmaci antinfiammatori non steroidei, altri farmaci popolari.

Combina Amaryl con insulina, metformina. Questa combinazione è necessaria quando, durante l'assunzione di glimepiride, non è possibile ottenere il controllo metabolico desiderato. Il dosaggio di ciascun farmaco è determinato dal medico individualmente.

In alcuni casi, i medici raccomandano di bere Janumet e Amaryl allo stesso tempo. Con questa terapia, il paziente entra nel corpo:

  • metformina;
  • sitagliptin;
  • glimepiride.

Questa combinazione di principi attivi consente di migliorare l'efficacia della terapia, aiuta a controllare meglio la condizione dei diabetici.

Condizioni di vendita

In farmacia, è possibile ottenere Amaryl se si dispone di una prescrizione dal proprio medico.

Funzionalità di archiviazione

Le compresse sulla base di glimepirid dovrebbero essere al buio, al riparo dai raggi diretti del sole, fuori dalla portata dei bambini. Temperatura di conservazione - fino a +30 o C.

Periodo di validità

Utilizzare il farmaco è consentito per 36 mesi dalla data di emissione.

analoghi

Seleziona il sostituto appropriato Amaril deve trattare l'endocrinologo. Può prescrivere un analogo fatto sulla base dello stesso principio attivo o raccogliere un medicinale ricavato da altri componenti.

I pazienti possono assegnare Diamerid sostituto russo, che è relativamente economico. Per 30 compresse del farmaco, fatte sulla base di glimepiride, con un dosaggio di 1 mg in una farmacia, i pazienti pagheranno 179 p. Con l'entusiasmo della concentrazione della sostanza attiva aumenta il costo. Per diameride in un dosaggio di 4 mg, sarà necessario dare 383 r.

Se necessario, sostituire Amaryl con Glimepiride, prodotto dalla società russa Vertex. Queste compresse sono poco costose. Per un pacchetto di 30 pezzi. 2 mg dovranno pagare 191 p.

Il costo di Glimepiridon Canon, prodotto da Canonfarm, è ancora più basso. Il prezzo di un pacchetto di 30 compresse da 2 mg è considerato a buon mercato, è 154 p.

Nei casi di intolleranza alla glimepiride, ai pazienti vengono prescritti altri analoghi prodotti sulla base di metformina (Avandamet, Glimekomb, Metglib) o vildagliptin (Galvus). Sono selezionati tenendo conto delle caratteristiche individuali del paziente.

Alcol e Amaryl

È impossibile prevedere in anticipo in che modo le bevande contenenti alcol interesseranno una persona che assume preparazioni glimepiride. L'alcol è in grado di indebolire o migliorare l'effetto ipoglicemico di Amaril. Pertanto, allo stesso tempo non possono essere utilizzati.

I farmaci ipoglicemici devono essere assunti per un lungo periodo. Per questo motivo, un divieto categorico all'uso di bevande contenenti alcol per molti diventa un problema.

Gravidanza, allattamento

Durante il periodo di portamento prenatale del bambino, allattamento al seno del neonato, è impossibile utilizzare i derivati ​​sulfonilurea. Nel sangue di una donna incinta, la concentrazione di glucosio dovrebbe rientrare nell'intervallo di normalità. Dopo tutto, l'iperglicemia porta ad un aumentato rischio di malformazioni congenite, aumenta i tassi di mortalità infantile.

Le donne incinte sono trasferite a insulina. Eliminare la probabilità di un effetto tossico del farmaco sul bambino in utero, se rifiuti gli agenti sulfonilurea nella fase di pianificazione del concepimento.

La terapia con Amarilom è proibita durante l'allattamento. Il principio attivo entra nel latte materno, il corpo del neonato. Durante l'allattamento al seno, è necessario che la donna passi completamente alla terapia insulinica.

Recensioni

Per molti pazienti, la raccomandazione dell'endocrinologo non è sufficiente per iniziare a bere un nuovo farmaco. I medici dicono che le pillole aiutano il pancreas a produrre insulina, aumentando allo stesso tempo la sensibilità dei tessuti ad esso. Ciò contribuisce al fatto che il glucosio inizia ad essere assorbito nel corpo.

Ma i pazienti vogliono sentire un'opinione sul farmaco prescritto da altri diabetici. Il desiderio di ottenere feedback da altri pazienti è dovuto al costo ancora elevato del farmaco. Dopo tutto, ci sono molte varietà di farmaci in commercio che hanno lo scopo di abbassare i livelli di glucosio, il cui prezzo è significativamente inferiore.

Quando assume Amaril per 1-2 anni non si osservano effetti negativi. La pratica mostra che poche persone incontrano complicazioni quando usano il farmaco. Più spesso, i problemi sorgono quando si utilizza Amaril M, che include metformina oltre a glimepiride. I pazienti lamentano la comparsa di un'eruzione cutanea sul corpo, il prurito, lo sviluppo dell'ipertensione. Dopo aver preso le pillole, alcune persone hanno la sensazione di avvicinarsi a una crisi ipoglicemica, anche se durante il controllo si scopre che una diminuzione della concentrazione di glucosio non è critica.

Nei primi mesi di utilizzo, i preparati glimepiride riducono perfettamente il livello di zucchero. Ma alcuni medici dicono che l'efficacia del farmaco inizia a deteriorarsi col tempo. Il paziente viene prima aumentato il dosaggio e poi prescritto una combinazione di farmaci. Questo è l'unico modo per ottenere una normalizzazione temporanea della condizione. Ma a causa della diminuzione dell'efficacia del trattamento, il paziente ha continui salti di zucchero nel corpo. Ciò porta ad un deterioramento generale.

Alcuni diabetici, con l'aiuto di Amaril, sono riusciti a eliminare gradualmente la necessità di iniettare l'insulina permanente. Sebbene all'inizio del trattamento, molte persone sviluppano sintomi di ipoglicemia. I pazienti si lamentano di nausea, mani tremanti, vertigini, costante sensazione di fame. A poco a poco, la condizione migliora, le manifestazioni negative passano.

Prezzo dove comprare

Le compresse di Amaril sono vendute in quasi tutte le farmacie. Il prezzo di un pacchetto di 30 pezzi dipende direttamente dalla dose raccomandata dal medico.

Amaryl - istruzioni per l'uso, analoghi, revisioni e forme di rilascio (compresse 1 mg, 2 mg, 3 mg e 4 mg, M con Metformina 250 mg e 500 mg) farmaci per il trattamento del diabete mellito non insulino-dipendente di tipo 2 negli adulti, nei bambini e durante la gravidanza. struttura

In questo articolo, puoi leggere le istruzioni per l'uso del farmaco Amaryl. Recensioni presentate dei visitatori del sito - i consumatori di questa medicina, così come le opinioni dei medici specialisti sull'uso di Amaril nella loro pratica. Una grande richiesta per aggiungere il vostro feedback sul farmaco più attivamente: il medicinale ha aiutato o non ha aiutato a sbarazzarsi della malattia, quali complicazioni ed effetti collaterali sono stati osservati, forse non dichiarati dal produttore nell'annotazione. Analoghi di Amaril in presenza di analoghi strutturali disponibili. Utilizzare per il trattamento del diabete mellito non insulino-dipendente di tipo 2 negli adulti, nei bambini, così come durante la gravidanza e l'allattamento. La composizione del farmaco.

L'amaryl è un farmaco ipoglicemico orale, un derivato della sulfonilurea della terza generazione.

Glimepiride (principio attivo del farmaco Amaryl) riduce la concentrazione di glucosio nel sangue, principalmente a causa della stimolazione del rilascio di insulina dalle cellule beta del pancreas. Il suo effetto è principalmente legato alla migliore capacità delle cellule beta del pancreas di rispondere alla stimolazione fisiologica con glucosio. Rispetto alla glibenclamide, la glimepiride a basse dosi causa il rilascio di una minore quantità di insulina quando si raggiunge approssimativamente la stessa diminuzione della concentrazione di glucosio nel sangue. Questo fatto testimonia a favore della presenza di effetti ipoglicemici extrapancreatici in glimepiride (aumento della sensibilità dei tessuti all'insulina e all'effetto insulinomimetico).

Secrezione di insulina Come tutti gli altri derivati ​​sulfonilurea, la glimepiride regola la secrezione di insulina interagendo con i canali del potassio sensibili all'ATP sulle membrane delle cellule beta. A differenza di altri derivati ​​sulfonilurea, la glimepiride si lega selettivamente a una proteina con una massa molecolare di 65 kilodalton, situata nelle membrane delle cellule beta del pancreas. Questa interazione di glimepiride con la sua proteina legante regola l'apertura o la chiusura dei canali del potassio sensibili all'ATP.

Glimepirid chiude i canali del potassio. Questo causa la depolarizzazione delle cellule beta e porta alla scoperta di canali di calcio sensibili alla tensione e all'ingresso di calcio nella cellula. Di conseguenza, un aumento della concentrazione di calcio intracellulare attiva la secrezione di insulina mediante esocitosi.

Glimepiride è molto più veloce e, di conseguenza, più spesso entra in un legame e viene rilasciato dal legame con una proteina legata ad esso rispetto alla glibenclamide. Si presume che questa proprietà dell'elevato tasso di scambio di glimepiride con una proteina legata ad esso causi il suo effetto pronunciato di sensibilizzazione delle cellule beta al glucosio e la loro protezione da desensibilizzazione e esaurimento prematuro.

L'effetto di aumentare la sensibilità dei tessuti all'insulina. L'amaryl aumenta gli effetti dell'insulina sull'assorbimento del glucosio da parte dei tessuti periferici.

Effetto insulinomimetico. La glimepiride ha effetti simili a quelli dell'insulina sull'assorbimento di glucosio da parte dei tessuti periferici e il rilascio di glucosio dal fegato.

L'assorbimento del glucosio da parte dei tessuti periferici viene effettuato mediante il trasporto all'interno delle cellule muscolari e degli adipociti. Glimepiride aumenta direttamente il numero di molecole che trasportano il glucosio nelle membrane plasmatiche delle cellule muscolari e degli adipociti. Un aumento dell'ingestione delle cellule di glucosio porta all'attivazione della fosfolipasi C. glicosilfosfatidilinositolo-specifica. Di conseguenza, la concentrazione intracellulare di calcio diminuisce, causando una diminuzione dell'attività della protein chinasi A, che a sua volta porta alla stimolazione del metabolismo del glucosio.

La glimepiride inibisce il rilascio di glucosio dal fegato aumentando la concentrazione di fruttosio-2,6-bisfosfato, che inibisce la gluconeogenesi.

Effetto sull'aggregazione piastrinica. L'amaryl riduce l'aggregazione piastrinica. Questo effetto sembra essere associato con l'inibizione selettiva della COX, che è responsabile della formazione di trombossano A, un importante fattore di aggregazione piastrinica endogena.

Azione antiaterogena. Glimepirid contribuisce alla normalizzazione dei lipidi, riduce il livello di malondialdeide nel sangue, che porta ad una significativa riduzione della perossidazione lipidica. Negli animali, la glimepiride porta a una significativa diminuzione della formazione di placche aterosclerotiche.

Ridurre la gravità dello stress ossidativo, che è costantemente presente nei pazienti con diabete di tipo 2. Glimepiride aumenta il livello di alfa-tocoferolo endogeno, l'attività di catalasi, glutatione perossidasi e superossido dismutasi.

Effetti cardiovascolari Attraverso i canali del potassio sensibili all'ATP, i derivati ​​sulfonilurea influenzano anche il sistema cardiovascolare. Rispetto ai tradizionali derivati ​​sulfonilurea, la glimepiride ha un effetto significativamente minore sul sistema cardiovascolare, che può essere spiegato dalla natura specifica della sua interazione con il canale del potassio sensibile all'ATP che si lega ad esso.

Nei volontari sani, la dose minima efficace di Amaril è 0,6 mg. L'effetto della glimepiride è dose-dipendente e riproducibile. La risposta fisiologica all'attività fisica (riduzione della secrezione di insulina) durante il trattamento con glimepiride persiste.

Non ci sono differenze significative in effetti a seconda che il farmaco sia stato assunto 30 minuti prima di un pasto o appena prima di un pasto. Nei pazienti con diabete mellito, un sufficiente controllo metabolico può essere raggiunto entro 24 ore con una singola dose del farmaco. Inoltre, in uno studio clinico condotto su 12 pazienti su 16 con insufficienza renale (CC 4-79 ml / min), è stato raggiunto anche un sufficiente controllo metabolico.

Terapia di associazione con metformina. Nei pazienti con controllo metabolico insufficiente quando si utilizza la dose massima di glimepiride, può essere iniziata una terapia di associazione con glimepiride e metformina. Due studi in terapia combinata hanno mostrato un miglioramento nel controllo metabolico rispetto a quello nel trattamento di ciascuno di questi farmaci separatamente.

Terapia di associazione con insulina. Nei pazienti con controllo metabolico insufficiente, mentre assumono la glimepiride a dosi massime, può essere iniziata la terapia insulinica simultanea. In base ai risultati di due studi con l'uso di questa combinazione, lo stesso miglioramento nel controllo metabolico si ottiene con l'uso di una sola insulina. Tuttavia, è necessaria una dose inferiore di insulina nella terapia di associazione.

struttura

Glimepiride + eccipienti (Amaril).

Glimepirid micronizzato + metformina cloridrato + eccipienti (Amaryl M).

farmacocinetica

Con l'assunzione ripetuta del farmaco per via orale in una dose giornaliera di 4 mg di Cmax nel siero si raggiunge dopo circa 2,5 ore ed è 309 ng / ml. Esiste una relazione lineare tra dose e Cmax di glimepiride nel plasma sanguigno, nonché tra dose e AUC. Quando ingerito glimepiride la sua biodisponibilità assoluta è completa. Mangiare non ha un effetto significativo sull'assorbimento, tranne che per un leggero rallentamento della sua velocità. La glimepiride viene escreta nel latte materno e penetra nella barriera placentare. Glimepirid penetra scarsamente nella barriera ematoencefalica (BBB).

Il confronto tra singolo e multiplo (2 volte al giorno) di glimepiride non ha rivelato differenze significative nei parametri farmacocinetici e la loro variabilità nei diversi pazienti era insignificante. Non si è verificato un accumulo significativo di glimepiride.

La glimepiride viene metabolizzata nel fegato con la formazione di due metaboliti - derivati ​​idrossilati e carbossilati, che si trovano nelle urine e nelle feci.

Dopo una singola ingestione, il 58% della glimepiride viene escreto dai reni (come metaboliti) e dal 35% attraverso l'intestino. Sostanza attiva immodificata non rilevata nelle urine.

Nei pazienti di sesso diverso e in gruppi di età diversi, i parametri farmacocinetici della glimepiride sono gli stessi.

Dopo somministrazione orale, la metformina viene assorbita abbastanza completamente dal tratto gastrointestinale. Con l'ingestione simultanea, l'assorbimento di metformina diminuisce e rallenta. La metformina viene rapidamente distribuita nel tessuto, praticamente non si lega alle proteine ​​plasmatiche. Metabolizzato a un livello molto basso Excreted dai reni.

Farmacocinetica di Amaryl M con dosi fisse di glimepiride e metformina

I valori di Cmax e AUC quando si assume un farmaco a dose fissa (compressa contenente glimepiride 2 mg + metformina 500 mg) soddisfano i criteri di bioequivalenza rispetto agli stessi indicatori quando si assume la stessa combinazione di farmaci separati (compresse glimepiride 2 mg e compressa metformina 500 mg).

Inoltre, un aumento proporzionale alla dose di Cmax e AUC di glimepiride è stato mostrato con un aumento della sua dose in farmaci a combinazione fissa da 1 mg a 2 mg con una dose fissa di metformina (500 mg) come parte di questi farmaci.

Inoltre, non ci sono state differenze significative nella sicurezza, incluso il profilo degli effetti indesiderati, tra i pazienti che assumono Amaryl M 1 mg + 500 mg e i pazienti che assumono Amaryl M 2 mg + 500 mg.

testimonianza

Trattamento del diabete di tipo 2 (oltre a dieta, esercizio fisico e perdita di peso):

  • diabete mellito non insulino-dipendente di tipo 2 (in monoterapia o come parte della terapia di associazione con metformina o insulina);
  • quando il controllo glicemico non può essere ottenuto con glimepiride o metformina in monoterapia (Amaryl M);
  • quando si sostituisce la terapia di associazione con glimepiride e metformina per ricevere una combinazione di farmaci (Amaryl M).

Forme di rilascio

Compresse da 1 mg, 2 mg e 3 mg (Amaril).

Compresse rivestite 1 mg + 250 mg, 2 mg + 500 mg (Amaril M con metformina).

Istruzioni per l'uso e il dosaggio

Di regola, la dose del farmaco Amaryl è determinata dalla concentrazione target di glucosio nel sangue. Il farmaco deve essere usato in una dose minima, sufficiente per ottenere il controllo metabolico necessario.

Durante il trattamento con Amaryl, è necessario determinare regolarmente il livello di glucosio nel sangue. Inoltre, si raccomanda di monitorare regolarmente il livello di emoglobina glicata.

La violazione del farmaco, ad esempio, saltando la dose successiva, non dovrebbe essere reintegrata con la somministrazione successiva del farmaco a una dose più elevata.

Il medico dovrebbe istruire il paziente in anticipo sulle azioni che dovrebbero essere intraprese quando ci sono errori nell'assunzione di Amaryl (in particolare quando si salta la dose successiva o saltando i pasti), o in situazioni in cui non è possibile assumere il farmaco.

Le compresse del farmaco Amaryl devono essere assunte intere, senza masticare, con una quantità sufficiente di liquido (circa 1/2 tazza). Se necessario, le tavolette di Amaryl possono essere suddivise lungo i rischi in due parti uguali.

La dose iniziale di Amaryl è 1 mg una volta al giorno. Se necessario, la dose giornaliera può essere aumentata gradualmente (a intervalli di 1-2 settimane) sotto il controllo regolare della glicemia e nel seguente ordine: 1 mg-2 mg-3 mg-4 mg-6 mg (-8 mg) al giorno.

Nei pazienti con diabete mellito ben controllato di tipo 2, la dose giornaliera del farmaco è di solito 1-4 mg. Una dose giornaliera di oltre 6 mg è più efficace solo in un piccolo numero di pazienti.

Il tempo di assumere Amaryl e la distribuzione della dose durante il giorno, il medico determina, tenendo conto dello stile di vita del paziente (tempo del pasto, quantità di sforzo fisico). La dose giornaliera è prescritta in 1 ricevimento, di regola, immediatamente prima di una colazione completa o, se la dose giornaliera non è stata assunta, immediatamente prima del primo pasto principale. È molto importante non saltare i pasti dopo aver assunto le compresse di Amaril.

perché il miglioramento del controllo metabolico è associato ad una maggiore sensibilità all'insulina e durante il trattamento è possibile ridurre la necessità di glimepiride. Al fine di evitare lo sviluppo di ipoglicemia, è necessario ridurre la dose in modo tempestivo o interrompere l'assunzione di Amaryl.

Condizioni in cui può essere richiesto un aggiustamento della dose di glimepiride:

  • perdita di peso;
  • cambiamenti dello stile di vita (cambiamenti nella dieta, orari dei pasti, quantità di esercizio);
  • il verificarsi di altri fattori che portano alla suscettibilità allo sviluppo di ipoglicemia o iperglicemia.

Il trattamento con Glimepiride è di solito a lungo termine.

Trasferimento di un paziente dall'assunzione di un altro farmaco ipoglicemico orale all'assunzione di Amaryl

Non esiste una relazione esatta tra le dosi di Amaryl e altri farmaci ipoglicemizzanti orali. Quando si trasferisce da tali farmaci ad Amaril, la dose giornaliera iniziale raccomandata di questi ultimi è di 1 mg (anche se il paziente viene trasferito ad Amaryl dalla dose massima di un altro farmaco ipoglicemico orale). Qualsiasi aumento della dose deve essere eseguito gradualmente, tenendo conto della reazione alla glimepiride in conformità con le raccomandazioni sopra riportate. È necessario considerare l'intensità e la durata dell'effetto del precedente agente ipoglicemico. L'interruzione del trattamento può essere necessaria per evitare un effetto additivo che aumenta il rischio di ipoglicemia.

Utilizzare in combinazione con metformina

Nei pazienti con diabete mellito non sufficientemente controllato, quando assumono glimepiride o metformina alla massima dose giornaliera, il trattamento può essere iniziato con una combinazione di questi due farmaci. Con questo trattamento o glimepiride o filo metformina precedenza continua nelle stesse dosi, ed un metformina o glimepiride supplementare iniziare con una dose bassa, che viene poi titolata a seconda del livello desiderato di controllo metabolico, fino ad una dose massima giornaliera. La terapia di combinazione deve essere avviata sotto stretto controllo medico.

Utilizzare in combinazione con insulina

I pazienti con diabete mellito non sufficientemente controllato mentre assumono glimepiride nella dose massima giornaliera possono essere contemporaneamente assegnati all'insulina. In questo caso, l'ultima dose di glimepiride assegnata al paziente rimane invariata. In questo caso, il trattamento con insulina inizia con basse dosi, che aumentano gradualmente sotto il controllo della concentrazione di glucosio nel sangue. Il trattamento combinato è effettuato sotto attenta supervisione medica.

Amaril M compresse

Di norma, la dose di Amaryl M è determinata dalla concentrazione target di glucosio nel sangue del paziente. Deve essere applicata la dose più bassa, sufficiente per ottenere il controllo metabolico necessario.

Durante il trattamento con Amaryl M, è necessario determinare regolarmente la concentrazione di glucosio nel sangue. Inoltre, si raccomanda di monitorare regolarmente la percentuale di emoglobina glicata nel sangue.

Un'assunzione errata del farmaco, ad esempio, saltando una dose regolare, non dovrebbe mai essere reintegrata con l'assunzione successiva di una dose più elevata.

Le azioni del paziente in caso di errori durante l'assunzione del farmaco (in particolare quando saltare la dose successiva o saltare il pasto), o in situazioni in cui non è possibile assumere il farmaco, dovrebbero essere discusse dal paziente e dal medico in anticipo.

perché il miglioramento del controllo metabolico è associato ad una maggiore sensibilità dei tessuti all'insulina, quindi durante il trattamento con Amaryl M, la necessità di glimepiride può diminuire. Per evitare lo sviluppo di ipoglicemia, è necessario ridurre prontamente la dose o interrompere l'assunzione di Amaryl M.

Amaryl M deve essere assunto 1 o 2 volte al giorno durante un pasto.

La dose massima di metformina alla volta è 1000 mg. La dose giornaliera massima: per glimepiride - 8 mg, per metformina - 2000 mg.

Solo in un piccolo numero di pazienti una dose giornaliera di glimepiride superiore a 6 mg è più efficace.

Per evitare lo sviluppo di ipoglicemia, la dose iniziale di Amaryl M non deve superare le dosi giornaliere di glimepiride e metformina, che il paziente sta già assumendo. Quando trasferisce i pazienti dall'assunzione di una combinazione di preparati individuali di glimepiride e metformina ad Amaryl M, la sua dose viene determinata sulla base delle dosi di glimepiride e metformina già assunte come preparati separati. Se è necessario aumentare la dose, la dose giornaliera di Amaryl M deve essere titolata in incrementi di solo 1 compressa di Amaryl M 1 mg + 250 mg o 1/2 compressa di Amaryl M 2 mg + 500 mg.

Di solito il trattamento con Amaryl M viene effettuato per un lungo periodo.

È noto che la metformina è escreta principalmente dai reni e poiché il rischio di gravi reazioni avverse a metformina in pazienti con funzionalità renale compromessa è maggiore, può essere utilizzato solo in pazienti con funzionalità renale normale. A causa del fatto che la funzione renale diminuisce con l'età, nei pazienti anziani la metformina deve essere usata con cautela. La dose deve essere attentamente selezionata e attenta e deve essere garantito un monitoraggio regolare della funzionalità renale.

Effetti collaterali

  • lo sviluppo dell'ipoglicemia, che può protrarsi;
  • mal di testa;
  • fame appassionata;
  • nausea, vomito;
  • diarrea;
  • flatulenza;
  • anoressia;
  • sapore metallico in bocca;
  • la debolezza;
  • letargia;
  • disturbi del sonno;
  • ansia;
  • l'aggressività;
  • concentrazione ridotta;
  • diminuzione della vigilanza e rallentamento delle reazioni psicomotorie;
  • depressione;
  • confusione;
  • disturbi del linguaggio;
  • afasia;
  • menomazione della vista;
  • tremori;
  • paresi;
  • violazione della sensibilità;
  • vertigini;
  • impotenza;
  • perdita di autocontrollo;
  • il delirio;
  • convulsioni;
  • sonnolenza e perdita di coscienza fino allo sviluppo del coma;
  • respirazione superficiale e bradicardia;
  • aumento della sudorazione;
  • viscosità della pelle;
  • aumento dell'ansia;
  • tachicardia;
  • aumento della pressione sanguigna;
  • sensazione di palpitazioni;
  • angina pectoris;
  • disturbi del ritmo cardiaco;
  • deterioramento temporaneo della vista, specialmente all'inizio del trattamento, a causa delle fluttuazioni della concentrazione di glucosio nel sangue;
  • l'epatite;
  • trombocitopenia, leucopenia o anemia emolitica, eritrocitopenia, granulocitopenia, agranulocitosi o pancitopenia;
  • una diminuzione della concentrazione di vitamina B12 nel siero dovuta ad una diminuzione dell'assorbimento intestinale;
  • reazioni allergiche o pseudo-allergiche (ad esempio prurito, orticaria o eruzione cutanea);
  • shock anafilattico;
  • vasculite allergica;
  • fotosensibilità;
  • acidosi lattica.

Controindicazioni

  • diabete di tipo 1;
  • chetoacidosi diabetica (inclusa una storia), coma diabetico e precoma;
  • acidosi metabolica acuta o cronica;
  • grave disfunzione epatica (mancanza di esperienza, l'uso di insulina è necessario per garantire un adeguato controllo glicemico);
  • pazienti in emodialisi (mancanza di esperienza con l'applicazione);
  • insufficienza renale e funzionalità renale compromessa;
  • condizioni acute in cui è possibile compromissione della funzionalità renale (disidratazione, infezioni gravi, shock, iniezione intravascolare di agenti di contrasto contenenti iodio);
  • malattie acute e croniche che possono causare ipossia tissutale (insufficienza cardiaca o respiratoria, infarto miocardico acuto e subacuto, shock);
  • una tendenza allo sviluppo di acidosi lattica, acidosi lattica nella storia;
  • situazioni stressanti (gravi lesioni, ustioni, interventi chirurgici, infezioni gravi con febbre, setticemia);
  • esaurimento, digiuno, osservanza di una dieta ipocalorica (meno di 1000 calorie al giorno);
  • violazione dell'assorbimento di cibo e droghe nel tratto digestivo (con ostruzione intestinale, paresi intestinale, diarrea, vomito);
  • alcolismo cronico, intossicazione acuta da alcool;
  • deficit di lattasi, intolleranza al galattosio, malassorbimento di glucosio-galattosio;
  • gravidanza, pianificazione della gravidanza;
  • periodo di allattamento al seno;
  • bambini e adolescenti sotto i 18 anni (esperienza insufficiente nell'uso clinico);
  • ipersensibilità al farmaco;
  • ipersensibilità ai derivati ​​sulfonilurea, ai farmaci sulfa o alle biguanidi.

Utilizzare durante la gravidanza e l'allattamento

Amaryl e Amaryl M sono controindicati per l'uso in gravidanza. Nel caso di una gravidanza pianificata o in caso di gravidanza, la donna deve essere trasferita alla terapia insulinica.

È accertato che la glimepiride è escreta nel latte materno. Durante l'allattamento, deve trasferire una donna all'insulina o interrompere l'allattamento.

Usare nei bambini

Non è stato condotto lo studio della sicurezza e dell'efficacia del farmaco in bambini e adolescenti di età inferiore ai 18 anni con diabete mellito di tipo 2. L'uso del farmaco è controindicato in questo gruppo di età di pazienti.

Uso nei pazienti anziani

Precauzioni dovrebbero essere usati farmaco nei pazienti anziani (spesso hanno un declino asintomatico della funzione renale), in situazioni in cui può peggiorare la funzione renale, come ad esempio l'inizio della ricezione di agenti antipertensivi o diuretici e farmaci protivovspalitelnyh netseroidnyh (FANS) (aumento del rischio sviluppo di acidosi lattica e altri effetti collaterali di metformina).

Istruzioni speciali

In particolari condizioni cliniche stressanti, come traumi, interventi chirurgici, infezioni con febbre, il controllo metabolico può essere peggiorato nei pazienti con diabete, pertanto, per mantenere un adeguato controllo metabolico può essere necessario un intervento temporaneo di mantenimento della terapia insulinica.

Nelle prime settimane di trattamento, potrebbe esserci un aumento del rischio di ipoglicemia, che richiede un monitoraggio particolarmente attento della concentrazione di glucosio nel sangue.

I fattori che contribuiscono al rischio di ipoglicemia comprendono:

  • riluttanza o incapacità del paziente (più spesso osservata nei pazienti anziani) a collaborare con il medico;
  • malnutrizione, assunzione di cibo irregolare o pasti persi;
  • squilibrio tra esercizio e assunzione di carboidrati;
  • cambiamento nella dieta;
  • bere alcolici, soprattutto se abbinato a pasti saltati;
  • grave insufficienza renale;
  • grave disfunzione epatica (nei pazienti con grave disfunzione epatica, è indicata la terapia insulinica, almeno fino al raggiungimento del controllo metabolico);
  • sovradosaggio di glimepiride;
  • alcuni disordini endocrini scompensati che alterano il metabolismo dei carboidrati o la controregolazione adrenergica in risposta all'ipoglicemia (ad esempio, alcune disfunzioni della ghiandola tiroidea e dell'ipofisi anteriore, insufficienza surrenalica);
  • assunzione simultanea di alcuni farmaci;
  • ricevere glimepiride in assenza di prove per la sua ricezione.

Il trattamento dei derivati ​​sulfonilurea, che comprendono la glimepiride, può portare allo sviluppo dell'anemia emolitica, pertanto, nei pazienti con deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi, si deve prestare particolare attenzione quando si prescrive glimepiride, è preferibile utilizzare agenti ipoglicemici che non siano derivati ​​sulfonilurea.

Nel caso dei suddetti fattori di rischio per ipoglicemia, e quando una malattia intercorrente durante il trattamento o modificare l'immagine della vita del paziente può richiedere una registrazione di dosaggio o AMARE intera terapia.

I sintomi di ipoglicemia derivanti da una contro-regolazione adrenergica del corpo in risposta all'ipoglicemia possono essere lievi o assenti con lo sviluppo graduale dell'ipoglicemia nei pazienti anziani, nei pazienti con disturbi del sistema nervoso autonomo o nei pazienti trattati con beta-adrenoblokler, clonidina, reserpina, guanetidina e altri farmaci simpaticolitici.

L'ipoglicemia può essere rapidamente eliminata assumendo immediatamente carboidrati a digestione rapida (glucosio o saccarosio). Come con l'assunzione di altri derivati ​​sulfonilurea, nonostante il sollievo iniziale con successo dell'ipoglicemia, l'ipoglicemia può riprendere. Pertanto, i pazienti devono rimanere sotto costante sorveglianza. Nell'ipoglicemia grave è anche richiesto il trattamento immediato e l'osservazione da parte di un medico e, in alcuni casi, l'ospedalizzazione del paziente.

Durante il trattamento, Amaril richiede un monitoraggio regolare della funzionalità epatica e un quadro del sangue periferico (in particolare il numero di leucociti e piastrine).

Tali effetti collaterali come grave ipoglicemia, gravi alterazioni del quadro ematico, gravi reazioni allergiche, insufficienza epatica possono rappresentare una minaccia per la vita, quindi se tali reazioni si sviluppano, il paziente deve immediatamente informare il medico curante su di loro, interrompere l'assunzione del farmaco e non riprenderlo senza la raccomandazione del medico.

Influenza sulla capacità di guidare il trasporto motorio e i meccanismi di controllo

All'inizio del trattamento, dopo un cambiamento nel trattamento o con un ricevimento irregolare di glimepiride, può verificarsi una diminuzione della concentrazione di attenzione e velocità delle reazioni psicomotorie a causa di ipo o iperglicemia. Ciò potrebbe influire negativamente sulla capacità di guidare veicoli o di controllare varie macchine e meccanismi.

Interazione farmacologica

Interazione glimepirida con altri farmaci

Quando altri farmaci vengono prescritti o cancellati contemporaneamente a un paziente che assume la glimepiride, sono possibili reazioni indesiderate: un aumento o una diminuzione dell'azione ipoglicemica della glimepiride. Sulla base dell'esperienza clinica con glimepiride e altri farmaci sulfonilurea, devono essere considerate le seguenti interazioni farmacologiche.

Con farmaci che sono induttori e inibitori dell'isoenzima CYP2C9: la glimepiride viene metabolizzata con la partecipazione dell'isoenzima CYP2C9. Il suo metabolismo è influenzato dall'uso simultaneo di induttori dell'isoenzima CYP2C9, ad esempio rifampicina (il rischio di ridurre l'effetto ipoglicemico della glimepiride con l'uso simultaneo dell'isoenzima CYP2C9 con induttori e un aumento del rischio di sviluppare ipoglicemia se vengono annullati senza aggiustamento della dose di glimepiride) e inibitori dell'isoenzima CYP2C di un isoenzima. aumento del rischio di ipoglicemia ed effetti collaterali della glimepiride quando viene assunto contemporaneamente agli inibitori dell'isoenzima CYP2C9 e al rischio di ridurre la sua ipoglicemia effetto chesky alla loro cancellazione senza correzione di una dose di glimepiride).

Con farmaci che aumentano l'ipoglicemia, glimepirida: insulina Inibitori MAO, miconazolo, fluconazolo, acido aminosalicilico, pentossifillina (alte dosi parenterali), fenilbutazone, azapropazone, oxyphenbutazone, probenecid, anti-cancro dettaglio farmaci chinolonici derivati, salicilati, sulfinpirazone, claritromicina, antimicrobici sulfamidici, tetracicline, tritokvalin, trofosfamide: aumento del rischio di ipoglicemia, mentre l'uso di tali farmaci con glimepiride e il rischio di deterioramento del controllo glicemico al loro annullamento senza dosaggio correzione di glimepiride.

Con farmaci che indeboliscono l'azione ipoglicemizzante: acetazolamide, barbiturici, glucocorticoidi (GCS), diazossido, diuretici, epinefrina (adrenalina) o altri simpaticomimetici, glucagone, lassativi (uso prolungato), acido nicotinico (alto dosaggio), estrogeni, progestinici, fenotiazine, fenitoina, rifampicina, ormoni tiroidei: il rischio di peggioramento controllo glicemico quando usato insieme con questi farmaci e aumentato rischio di ipoglicemia in caso di cancellazione senza dosaggio regolazione glimepir ida.

Con i bloccanti del recettore H2 dell'istamina, i beta-bloccanti, la clonidina, la reserpina, la guanetidina: è possibile sia l'amplificazione che la riduzione dell'effetto ipoglicemico della glimepiride. È necessario un attento monitoraggio della concentrazione di glucosio nel sangue. I beta-bloccanti, la clonidina, la guanididina e la reserpina, bloccando le reazioni del sistema nervoso simpatico in risposta all'ipoglicemia, possono rendere lo sviluppo dell'ipoglicemia più impercettibile per il paziente e il medico e quindi aumentare il rischio di insorgenza.

Con l'etanolo: l'uso acuto e cronico di etanolo può indebolire o aumentare in modo imprevedibile l'effetto ipoglicemico della glimepiride.

Con anticoagulanti indiretti, derivati ​​cumarinici: la glimepiride può sia aumentare che diminuire gli effetti degli anticoagulanti indiretti, derivati ​​cumarinici.

Con sequestranti degli acidi biliari: i vermi dell'ormone si legano alla glimepiride e riducono l'assorbimento di glimepiride dal tratto gastrointestinale. Nel caso della glimepiride, almeno 4 ore prima dell'ingestione del volano, non si osservano interazioni. Pertanto, glimepiride deve essere assunto almeno 4 ore prima di prendere la sedia a rotelle.

Interazione di metformina con altri farmaci

Con etanolo (alcool) in intossicazione acuta da alcol aumentato rischio di sviluppare acidosi lattica, in particolare in caso di mancanza o insufficiente assunzione di cibo, la presenza di insufficienza epatica. L'assunzione di alcool (etanolo) e i preparati contenenti etanolo devono essere evitati.

Con agenti di contrasto contenenti iodio: la somministrazione intravascolare di agenti di contrasto contenenti iodio può portare allo sviluppo di insufficienza renale, che a sua volta può portare ad un accumulo di metformina e ad un aumentato rischio di acidosi lattica. La metformina deve essere interrotta prima o durante lo studio e non deve essere ripresa entro 48 ore da essa; il rinnovo di metformina è possibile solo dopo lo studio e ottenere normali indicatori di funzionalità renale.

Con antibiotici con un effetto nefrotossico pronunciato (gentamicina): un aumento del rischio di acidosi lattica.

Combinazioni di farmaci con metformina che richiedono la conformità con cautela

Con GCS (sistemico e per uso locale), beta2-adrenostimolanti e diuretici con attività iperglicemica interna: il paziente deve essere informato sulla necessità di monitorare più frequentemente la concentrazione mattutina di glucosio nel sangue, specialmente all'inizio della terapia di associazione. Può richiedere la correzione di dosi di terapia ipoglicemica durante l'applicazione o dopo l'abolizione dei farmaci sopra citati.

Con gli ACE-inibitori: gli ACE-inibitori possono ridurre la concentrazione di glucosio nel sangue. Potrebbe essere necessario regolare le dosi della terapia ipoglicemica durante l'applicazione o dopo la sospensione degli ACE-inibitori.

Con farmaci che potenziano l'effetto ipoglicemico della metformina: insulina, farmaci sulfonilurea, steroidi anabolizzanti, guanetidina, salicilati (incluso acido acetilsalicilico), beta-bloccanti adrenergici (incluso propranololo), inibitori MAO: in caso di uso simultaneo di questi farmaci con metformina sono necessari un attento monitoraggio del paziente e il controllo della concentrazione di glucosio nel sangue, poiché è possibile aumentare l'effetto ipoglicemico della metformina.

Con farmaci che indeboliscono l'azione ipoglicemizzante Metformina: epinefrina, corticosteroidi, ormoni tiroidei, estrogeni, pirazinamide, isoniazide, acido nicotinico, fenotiazine, diuretici tiazidici o diuretici altri gruppi, contraccettivi orali, fenitoina, simpaticomimetici, bloccanti del canale del calcio lenta: nel caso di applicazione simultanea questi farmaci con metformina richiedono un attento monitoraggio del paziente e il controllo della concentrazione di glucosio nel sangue, perché eventualmente indebolimento dell'azione ipoglicemizzante.

Interazione che dovrebbe essere presa in considerazione

Con la furosemide: in uno studio clinico sull'interazione di metformina e furosemide assunto una volta in volontari sani, è stato dimostrato che l'uso simultaneo di questi farmaci influenza i loro parametri farmacocinetici. Furosemide ha aumentato la Cmax di metformina nel plasma del 22% e l'AUC del 15% senza cambiamenti significativi nella clearance renale di metformina. Se usato con Cmax e AUC di metformina, la furosemide è diminuita rispettivamente del 31% e del 12% rispetto alla monoterapia con furosemide e il T1 / 2 terminale è diminuito del 32% senza cambiamenti significativi nella clearance renale della furosemide. Non sono disponibili informazioni sull'interazione di metformina e furosemide con l'uso prolungato.

Con nifedipina: in uno studio clinico sull'interazione di metformina e nifedipina somministrato una volta in volontari sani, è stato dimostrato che l'uso simultaneo di nifedipina aumenta la Cmax e l'AUC di metformina nel plasma sanguigno rispettivamente del 20% e del 9% e aumenta anche la quantità di metformina escreta dai reni. La metformina ha avuto un effetto minimo sulla farmacocinetica della nifedipina.

Con farmaci cationici (amiloride, digossina, morfina, procainamide, chinidina, chinina, ranitidina, triamterene, trimetoprim e vancomicina) farmaci cationici possono essere trasmessi tramite secrezione tubulare nel rene, è teoricamente in grado di reagire con metformina a causa della competizione per il sistema tubolare comune dei trasporti. Questa interazione tra metformina e cimetidina orale è stata osservata in volontari sani in studi clinici di interazioni singole e multiple di metformina e cimetidina, con un aumento del 60% della Cmax plasmatica e concentrazione totale di metformina nel sangue e un aumento del 40% nel plasma e AUC totale di metformina. Se assunto una volta, non vi era alcun cambiamento in T1 / 2. La metformina non ha influenzato la farmacocinetica della cimetidina. Sebbene questa interazione rimanga puramente teorica (con l'eccezione della cimetidina), dovrebbe essere assicurato un attento monitoraggio dei pazienti e la dose di metformina e / o il farmaco che interagisce con esso dovrebbe essere aggiustata in caso di somministrazione contemporanea di farmaci cationici che vengono escreti dal sistema secretorio dei tubuli prossimali dei reni.

Con propranololo, ibuprofene: volontari sani in studi a dose singola con metformina e propranololo, nonché metformina e ibuprofene, non hanno mostrato alcun cambiamento nei loro parametri farmacocinetici.

Analoghi della droga Amaryl

Analoghi strutturali della sostanza attiva:

Analoghi per gruppo farmacologico (agenti ipoglicemici):

  • Avandamet;
  • Antidiab;
  • Arfazetin;
  • Astrozon;
  • Bagomet;
  • Bagomet Plus;
  • Viktoza;
  • Galvus;
  • Galvus Met;
  • Gilemal;
  • Glemaz;
  • Glibenez;
  • Glibenez ritardato;
  • glibenclamide;
  • Glidiab;
  • gliclazide;
  • glucones;
  • glimepiride;
  • Glitizol;
  • Gliformin;
  • Glyukobay;
  • Glyukonorm;
  • Glucophage;
  • Glucophage Long;
  • guar;
  • Diabetalong;
  • Diabeton;
  • Diabefarm;
  • Diaglitazon;
  • Invokana;
  • Maniglid;
  • Manin;
  • Meglimid;
  • Metglib;
  • Metfogamma;
  • metformina;
  • Metformina cloridrato;
  • NovoNorm;
  • NovoFormin;
  • Pioglit;
  • Reklid;
  • Silubin ritardato;
  • Siofor;
  • Starliks;
  • Formetin;
  • Formin Pliva;
  • Forsiga;
  • clorpropamide;
  • Euglyukon;
  • Janow.

Trattamento di calli secchi tra le dita

Malattie del pancreas: sintomi e trattamento