Cosa viene attribuito al sistema endocrino degli organi, una descrizione delle ghiandole

Secondo le statistiche, le malattie delle ghiandole endocrine occupano uno dei posti principali in termini di prevalenza. Pertanto, è importante sapere cosa viene attribuito al sistema endocrino degli organi, alle malattie esistenti e ai metodi di trattamento.

Informazioni generali

Il sistema endocrino è una raccolta di organi e cellule specifiche responsabili della regolazione dei processi fisiologici che si verificano nel corpo durante tutta la vita. La funzione regolatrice viene eseguita per mezzo di sostanze biologicamente attive - gli ormoni, prodotti all'interno delle ghiandole secretorie.

Il meccanismo di controllo dei processi fisiologici dovuti alla stimolazione ormonale è chiamato regolazione umorale. Allo stesso tempo, nel corpo umano avviene una regolazione nervosa, che viene effettuata per mezzo di impulsi nervosi che trasmettono i comandi dai corrispondenti centri cerebrali all'organo.

L'emissione degli ormoni sintetizzati è prodotta nel sangue o nel liquido linfatico. A causa della mancanza di dotti di uscita, gli organi endocrini sono chiamati ghiandole endocrine. Questa è la principale differenza dalle ghiandole della secrezione esterna, che producono sostanze attive con un ulteriore rilascio nell'ambiente esterno (ad esempio, liquido salivare, sudore, bile).

  • Coordinamento dell'attività degli organi interni
  • Controllo dei processi biochimici
  • Mantenere un equilibrio di sostanze
  • Conservazione della capacità di auto-riproduzione
  • Controllo psico-emozionale
  • Mantenere l'immunità
  • Garantire i processi di crescita
  • Conservazione di capacità adattive di un organismo
  • Protezione dagli effetti negativi esterni

Il sistema endocrino è una struttura organica complessa che include ghiandole endocrine e cellule specifiche che svolgono funzioni secretorie.

Specificità della struttura

Il sistema combina un numero elevato di organi con funzioni simili. Nella maggior parte dei casi, considerando quali organi appartengono al sistema endocrino, vengono contate solo le ghiandole intrasecretorie. Tuttavia, altri corpi che svolgono questa funzione non sono considerati. Questa visione è errata, poiché la sintesi di sostanze biologicamente attive non si verifica solo nelle ghiandole, ma anche negli organi di altri sistemi.

Nel tavolo puoi vedere cosa unisce il meccanismo endocrino.

Pertanto, il sistema endocrino consiste di organi, il cui compito nella maggior parte dei casi non è limitato alla sintesi di sostanze attive.

Funzioni delle ghiandole principali

Il compito principale è sviluppare sostanze ormonali, poiché svolgono funzioni vitali. È importante che il corpo mantenga un equilibrio di ormoni. Quando è disturbato, ci sono disturbi che hanno un effetto complesso. I dettagli delle funzioni delle ghiandole endocrine sono descritti nella tabella.

Controllare il consumo di ossigeno

Regolamento di sviluppo

Regolazione delle funzioni del CNS

Stress secrezione dell'ormone

Sviluppo di neurotrasmettitori del dolore

Stimolazione della sintesi degli enzimi biliari

Accelerazione del flusso sanguigno negli organi interni

Regolazione dei processi immunitari

Controllare il metabolismo dei carboidrati e dei grassi

Gli organi endocrini producono sostanze coinvolte in tutti i processi del corpo.

Tipi di ormoni

Le sostanze prodotte all'interno delle ghiandole secretorie sono caratterizzate da un'ampia gamma di funzioni e proprietà. Ogni ormone ha un effetto complesso sul corpo. Questo è il motivo per cui l'interruzione di un elemento endocrino porta a un esteso disordine.

Le sostanze biologicamente attive differiscono a seconda delle loro proprietà, caratteristiche strutturali e composizione chimica. Molti ormoni interagiscono solo con specifici gruppi di cellule, ma ci sono anche quelli che colpiscono tutti i tipi di tessuti. Ciò è dovuto alla presenza di membrane intracellulari di recettori microscopici, attraverso i quali è possibile una reazione ad una sostanza.

A seconda della struttura, vengono rilasciati questi tipi di ormoni:

  • Proteine. Formato da più di 20 residui di semplici amminoacidi sotto l'influenza di determinati fattori, impulsi nervosi o esposizione ad altri ormoni. Questo gruppo comprende sostanze prodotte nelle ghiandole pituitaria, pancreas e paratiroidea.
  • Peptide. Consiste di non più di 20 amminoacidi. L'interazione con le membrane cellulari viene effettuata esclusivamente tramite messaggeri istantanei. Questo gruppo include alcuni ormoni della ghiandola pituitaria, della tiroide e della ghiandola pineale.
  • Steroidi. La base è costituita da elementi lipidici. Una caratteristica distintiva - la capacità di liberare la penetrazione attraverso la membrana cellulare. Il gruppo comprende ormoni delle ghiandole surrenali, ghiandole del sistema riproduttivo.

Tabella 3. I principali ormoni.

Mantiene normale potassio, sodio

Provoca la rottura attiva del glicogeno

Attiva la produzione di aminoacidi

Conservazione delle funzioni fertili

Formazione di caratteristiche sessuali secondarie

Mantenere un normale tasso metabolico

Colpisce il desiderio sessuale

Controllare il contenuto di zucchero

Mantenere il tono muscolare

In generale, la regolazione dei processi fisiologici viene effettuata attraverso una vasta gamma di sostanze ormonali prodotte da diverse ghiandole.

Patologie comuni

Le malattie endocrine rappresentano una minaccia significativa per la salute e, in alcuni casi, per la vita del paziente. Ciò è dovuto al fatto che la disfunzione delle ghiandole porta allo sviluppo di un malfunzionamento in cui l'intero corpo è sottoposto a stress. Ci sono varie malattie degli organi del sistema endocrino. Possono essere causati da una vasta gamma di fattori patogeni, oltre a verificarsi sullo sfondo di processi patologici associati.

Le possibili cause includono:

  • Carenza di iodio
  • Difetti congeniti e anomalie di sviluppo
  • Intossicazione cronica
  • Lesione cerebrale traumatica
  • Lesioni oncologiche
  • Atrofia dovuta a disturbi circolatori
  • Resistenza ormonale

Nella maggior parte dei casi, le patologie si verificano nei principali organi endocrini: la ghiandola tiroidea, le ghiandole surrenali, l'ipofisi e l'ipotalamo, le ghiandole riproduttive.

Le malattie più comuni includono quanto segue:

  • Acromegalia. È caratterizzato da un'eccessiva secrezione di ormone somatotropo. Si verifica prevalentemente sullo sfondo dei processi tumorali nella ghiandola pituitaria, a causa di lesioni, trasferite lesioni infettive. È caratterizzato da un decorso lento e da un rapido sviluppo dei sintomi.
  • Sindrome di Conn. È caratterizzato da iperaldosteronismo, un fenomeno patologico in cui l'eccesso di aldosterone è prodotto dalle ghiandole surrenali. A causa di ciò, i pazienti sviluppano tachicardia persistente, ipertensione. Chiamato, di regola, i tumori. Principalmente le donne oltre i 30 sono ammalate.
  • Sindrome di Itsenko-Cushing. Processo patologico, sullo sfondo del quale si rafforza la sintesi di una sostanza che regola l'attività delle ghiandole surrenali. Di conseguenza, aumenta il livello di glucocorticoidi. Appare sullo sfondo dell'infezione del cervello o della ferita.
  • Ipotiroidismo. È caratterizzato da una bassa attività secretoria della tiroide, a seguito della quale il livello degli ormoni nel sangue diminuisce. Il motivo principale è l'infiammazione dell'organo, che si verifica a causa di carenza di iodio, chirurgia, infezioni.
  • Diabete. Assorbimento del glucosio alterato a causa dell'insufficienza di insulina. Allo stesso tempo, il livello di zucchero aumenta in modo significativo, a causa del quale i vasi sanguigni, gli organi cardiovascolari, escretori e digestivi sono soggetti a stress.
  • Tireotossicosi. Manifestazioni patologiche complesse, caratterizzate da un aumento dell'attività della ghiandola tiroidea. È provocato principalmente da malattie tumorali, gozzo diffuso, disordini immunitari, lesioni.
  • Sterilità endocrina. Patologia del sistema riproduttivo risultante dalla disfunzione delle ghiandole sessuali. Nelle donne, la malattia è caratterizzata da insufficienza mestruale, mancanza di ovulazione o irregolarità. Nei maschi, sullo sfondo della patologia, si osserva una significativa diminuzione del numero di spermatozoi vitali, il che rende praticamente esclusa la possibilità di una concezione di successo di un bambino.
  • Ovaio policistico. È una neoplasia benigna, localizzata sulla superficie esterna o esterna delle ghiandole genitali femminili. Porta a disfunzione d'organo, causando un gran numero di disturbi associati. Questi includono amenorrea, irsutismo, obesità, sterilità.
  • Gozzo nodulare. La sconfitta della ghiandola tiroidea, in cui numerosi tumori solidi si formano nei tessuti dell'organo. Può essere causato da effetti tossici, carenza di iodio, lesioni oncologiche.

Sintomi di patologie

Per la maggior parte delle patologie endocrine caratterizzate da corrente intensa. Quando le malattie appaiono sintomi pronunciati. Grazie a questa violazione può essere prontamente riconosciuto e curato.

I sintomi includono:

  • sudorazione
  • Forti sbalzi di pressione
  • tachicardia
  • Rapido cambio di peso
  • Occorrenza regolare di vertigini
  • Malessere generale
  • Disturbi mestruali
  • infertilità
  • Mancanza di respiro
  • Tremore degli arti
  • Disturbi degli organi digestivi
  • Temperatura corporea costantemente aumentata
  • Irritabilità aumentata
  • Ansia, paura, attacchi di panico
  • Sigillo al collo

È noto un gran numero di patologie endocrine. Senza trattamento, rappresentano una minaccia per la salute del paziente e, naturalmente, hanno un impatto negativo sulla qualità della vita. Pertanto, quando si verificano i primi sintomi, è necessario visitare uno specialista.

sondaggio

La diagnosi delle patologie endocrine è un processo complesso che comprende vari metodi di esame. Per la diagnosi vengono utilizzati test di laboratorio, metodi strumentali, test e test specifici.

Nella fase iniziale della diagnosi, viene raccolta l'anamnesi. Il processo prevede lo studio dei sintomi presenti nel paziente, la determinazione della loro natura, il grado di intensità e altri aspetti importanti. La presenza di sintomi simili in parenti stretti è presa in considerazione. Inoltre, chiarisce se ci sono stati casi di malattie che potrebbero essere una potenziale causa di patologia endocrina.

La seconda fase della diagnosi prevede l'ispezione e la palpazione. Questi metodi sono utilizzati nel rilevamento di patologie dell'organo tiroideo. Altre ghiandole da esaminare visivamente senza l'uso di metodi hardware sono impossibili.

Con le anomalie della tiroide si nota il sigillo. Quando si forma il gozzo, c'è un aumento e una deformazione del collo nell'organo. L'ispezione visiva può rivelare segni indiretti di patologia, come le caratteristiche della costituzione corporea, la presenza di gigantismo, i sintomi del tremore e l'obesità.

L'esame successivo viene nominato in base ai risultati della diagnosi primaria. Le procedure sono prescritte tenendo conto del quadro clinico e delle caratteristiche individuali del paziente.

Metodi di laboratorio

Il principale metodo diagnostico è esaminare campioni di sangue. Le analisi vengono eseguite in diversi modi. Oltre allo studio generale, che mira a studiare gli indicatori di base del sangue, prescrivono anche analisi biochimiche e ormonali.

Utilizzando tali procedure, determinare:

  • Contenuto di glucosio
  • Livello di calcio
  • Quantità di urea
  • La concentrazione di alcuni ormoni
  • Viscosità del sangue
  • Contenuto di acidi grassi

Il metodo ausiliario per la diagnosi delle patologie endocrine è l'analisi delle urine. Fornisce test di esempio per identificare specifici prodotti metabolici. È più efficace nelle patologie delle ghiandole surrenali e nel diabete mellito.

Per scopi diagnostici, vengono utilizzati vari metodi di analisi dei campioni di sangue e un'analisi delle urine generale.

Esame strumentale

Tali metodi di diagnosi del sistema endocrino sono necessari non solo per identificare la patologia. Con il loro aiuto, vengono determinati anche la gravità della malattia, l'intensità dello sviluppo, i possibili fattori provocatori e l'effetto su altri organi.

La ricerca strumentale è estremamente importante per la nomina di un ulteriore corso terapeutico. Inoltre, i metodi hardware svolgono un ruolo nel processo di differenziazione delle patologie. Eliminano la possibilità di altre malattie con sintomi e parametri biochimici simili.

I metodi strumentali includono:

  • Esame ecografico
  • Metodi di tomografia (CT, RM)
  • Biopsia dell'ago
  • radiografia
  • densitometria
  • Scansione radioisotopica

I metodi presentati hanno controindicazioni che devono essere considerati prima di effettuare.

Il sistema endocrino è un complesso di ghiandole responsabili della secrezione di ormoni. Queste sostanze sono coinvolte in tutti i processi nel corpo umano. Quando le malattie sviluppano disturbi ormonali che portano a gravi complicazioni. All'atto di apparizione di primi sintomi di patologia l'esame complesso è richiesto.

Notato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio per dircelo.

Sistema endocrino

Il sistema endocrino forma una collezione di ghiandole endocrine (ghiandole endocrine) e gruppi di cellule endocrine sparse in diversi organi e tessuti che sintetizzano e rilasciano sostanze biologiche altamente attive - ormoni (dall'ormone greco - messi in moto) che hanno un effetto stimolante o soppressivo sulle funzioni corporee: metabolismo ed energia, crescita e sviluppo, funzioni riproduttive e adattamento alle condizioni di esistenza. La funzione delle ghiandole endocrine è controllata dal sistema nervoso.

Sistema endocrino umano

Il sistema endocrino è un insieme di ghiandole endocrine, vari organi e tessuti che, in stretta interazione con il sistema nervoso e immunitario, regolano e coordinano le funzioni del corpo attraverso la secrezione di sostanze fisiologicamente attive trasportate dal sangue.

Ghiandole endocrine (ghiandole endocrine) - ghiandole che non hanno dotti escretori e secernono un segreto dovuto alla diffusione e all'esocitosi nell'ambiente interno del corpo (sangue, linfa).

Le ghiandole endocrine non hanno dotti escretori, sono intrecciate da numerose fibre nervose e un'abbondante rete di capillari sanguigni e linfatici in cui entrano gli ormoni. Questa caratteristica li distingue fondamentalmente dalle ghiandole della secrezione esterna, che secernono i loro segreti attraverso i dotti escretori alla superficie del corpo o nella cavità d'organo. Ci sono ghiandole di secrezione mista, come il pancreas e le ghiandole sessuali.

Il sistema endocrino include:

Ghiandole endocrine:

Organi con tessuto endocrino:

  • pancreas (isole di Langerhans);
  • gonadi (testicoli e ovaie)

Organi con cellule endocrine:

  • CNS (specialmente l'ipotalamo);
  • cuore;
  • luce;
  • tratto gastrointestinale (sistema APUD);
  • rene;
  • la placenta;
  • timo
  • ghiandola prostatica

Fig. Sistema endocrino

Le proprietà distintive degli ormoni sono la loro elevata attività biologica, specificità e lontananza di azione. Gli ormoni circolano in concentrazioni estremamente basse (nanogrammi, picogrammi in 1 ml di sangue). Quindi, 1 g di adrenalina è sufficiente per rafforzare il lavoro di 100 milioni di cuori isolati di rane e 1 g di insulina è in grado di abbassare il livello di zucchero nel sangue di 125 mila conigli. Una deficienza di un ormone non può essere completamente sostituita da un altro e la sua assenza, di norma, porta allo sviluppo della patologia. Entrando nel flusso sanguigno, gli ormoni possono colpire l'intero corpo e gli organi e i tessuti situati lontano dalla ghiandola in cui sono formati, vale a dire. gli ormoni coprono l'azione distante.

Gli ormoni vengono distrutti relativamente rapidamente nei tessuti, in particolare nel fegato. Per questo motivo, al fine di mantenere una quantità sufficiente di ormoni nel sangue e assicurare un'azione più lunga e più continua, è necessario il loro rilascio costante dalla corrispondente ghiandola.

Gli ormoni come portatori di informazioni, che circolano nel sangue, interagiscono solo con quegli organi e tessuti, nelle cellule di cui sulle membrane, nel citoplasma o nel nucleo ci sono speciali chemocettori in grado di formare un complesso ormone-recettore. Organi che hanno recettori per un particolare ormone sono chiamati organi bersaglio. Ad esempio, per gli ormoni paratiroidei, gli organi bersaglio sono osso, rene e intestino tenue; per gli ormoni sessuali femminili, gli organi femminili sono gli organi bersaglio.

Il complesso ormone-recettore negli organi bersaglio innesca una serie di processi intracellulari, fino all'attivazione di determinati geni, a seguito del quale aumenta la sintesi degli enzimi, la loro attività aumenta o diminuisce e la permeabilità delle cellule aumenta per alcune sostanze.

Classificazione degli ormoni per struttura chimica

Da un punto di vista chimico, gli ormoni sono un gruppo di sostanze abbastanza diversificato:

ormoni proteici - consistono in 20 o più residui di amminoacidi. Questi includono gli ormoni ipofisari (STG, TSH, ACTH e LTG), il pancreas (insulina e glucagone) e le ghiandole paratiroidi (ormone paratiroideo). Alcuni ormoni proteici sono glicoproteine, come gli ormoni ipofisari (FSH e LH);

ormoni peptidici - contengono fondamentalmente da 5 a 20 residui di amminoacidi. Questi includono gli ormoni ipofisari (vasopressina e ossitocina), la ghiandola pineale (melatonina), la ghiandola tiroidea (tirocalcitonina). Gli ormoni proteici e peptidici sono sostanze polari che non possono penetrare nelle membrane biologiche. Pertanto, per la loro secrezione, viene utilizzato il meccanismo di esocitosi. Per questo motivo, i recettori di ormoni proteici e peptidici sono incorporati nella membrana plasmatica della cellula bersaglio e il segnale viene trasmesso alle strutture intracellulari da messaggeri secondari - messaggeri (Figura 1);

ormoni, derivati ​​di amminoacidi - catecolamine (epinefrina e norepinefrina), ormoni tiroidei (tiroxina e triiodotironina) - derivati ​​tirosina; serotonina - un derivato di triptofano; l'istamina è un derivato di istidina;

ormoni steroidei - hanno una base lipidica. Questi includono ormoni sessuali, corticosteroidi (cortisolo, idrocortisone, aldosterone) e metaboliti attivi di vitamina D. Gli ormoni steroidei sono sostanze non polari, quindi penetrano liberamente nelle membrane biologiche. I loro recettori si trovano all'interno della cellula bersaglio - nel citoplasma o nel nucleo. A questo proposito, questi ormoni hanno un effetto duraturo, causando un cambiamento nei processi di trascrizione e traduzione durante la sintesi delle proteine. Gli ormoni tiroidei, la tiroxina e la triiodotironina hanno lo stesso effetto (Fig. 2).

Fig. 1. Il meccanismo d'azione degli ormoni (derivati ​​degli aminoacidi, natura dei peptidi proteici)

a, 6 - due varianti dell'azione dell'ormone sui recettori di membrana; PDE - fosfodizeterasi, PC-A - proteina chinasi A, proteina C-chinasi C; DAG - diacelglycerol; TFI - tri-phosphoinositol; In - 1,4, 5-F-inositolo 1,4, 5-fosfato

Fig. 2. Il meccanismo d'azione degli ormoni (natura steroidea e tiroide)

E - inibitore; GH - ormone recettore; Complesso del Gra - ormone-recettore attivato

Gli ormoni proteici-peptidici hanno specificità di specie, mentre gli ormoni steroidei e i derivati ​​di amminoacidi non hanno specificità di specie e di solito hanno un effetto simile su membri di specie diverse.

Proprietà generali dei peptidi di regolazione:

  • Sintetizzato ovunque, compresi il sistema nervoso centrale (neuropeptidi), il tratto gastrointestinale (peptidi gastrointestinali), i polmoni, il cuore (atriopeptidi), l'endotelio (endotelio, ecc.), Il sistema riproduttivo (inibina, rilassina, ecc.)
  • Hanno una breve emivita e, dopo somministrazione endovenosa, vengono conservati nel sangue per un breve periodo.
  • Hanno un effetto prevalentemente locale.
  • Spesso hanno un effetto non indipendente, ma in stretta interazione con i mediatori, gli ormoni e altre sostanze biologicamente attive (effetto modulante dei peptidi)

Caratteristiche dei principali regolatori peptidici

  • Peptidi-analgesici, sistema antinocicettivo del cervello: endorfine, enxfalina, dermorfina, kiotorfina, casomorfina
  • Memoria e apprendimento dei peptidi: vasopressina, ossitocina, corticotropina e frammenti di melanotropina
  • Peptidi del sonno: peptide del sonno Delta, fattore Uchizono, fattore Pappenheimer, fattore Nagasaki
  • Stimolanti dell'immunità: frammenti di interferone, tuftina, peptidi del timo, muramil-dipeptidi
  • Stimolanti del comportamento alimentare e bevente, inclusi soppressori dell'appetito (anoressigeni): neurogenina, dinorfina, analoghi cerebrali di colecistochinina, gastrina, insulina
  • Modulatori dell'umore e del comfort: endorfine, vasopressina, melanostatina, tiroliberina
  • Stimolanti del comportamento sessuale: lyuliberin, ossitocico, frammenti di corticotropina
  • Regolatori della temperatura corporea: bombesina, endorfine, vasopressina, tiroliberina
  • Regolatori di un tono di muscoli a strisce trasversali: somatostatina, endorfine
  • Regolatori di tono muscolare liscio: ceruslin, xenopsin, fizalemin, cassinin
  • Neurotrasmettitori e loro antagonisti: neurotensina, carnosina, proctolina, sostanza P, inibitore della neurotrasmissione
  • Peptidi antiallergici: analoghi della corticotropina, antagonisti della bradichinina
  • Stimolanti di crescita e sopravvivenza: glutatione, stimolatore della crescita cellulare

La regolazione delle funzioni delle ghiandole endocrine viene effettuata in diversi modi. Uno di questi è l'effetto diretto sulle cellule della ghiandola della concentrazione nel sangue di una sostanza, il cui livello è regolato da questo ormone. Ad esempio, il glucosio elevato nel sangue che scorre attraverso il pancreas provoca un aumento della secrezione di insulina, che riduce i livelli di zucchero nel sangue. Un altro esempio è l'inibizione della produzione di ormone paratiroideo (che aumenta il livello di calcio nel sangue) sotto l'azione delle ghiandole paratiroidi su cellule con elevate concentrazioni di Ca 2+ e la stimolazione della secrezione di questo ormone quando i livelli ematici di Ca 2+ cadono.

La regolazione nervosa dell'attività delle ghiandole endocrine viene effettuata principalmente attraverso l'ipotalamo e i neuro-ormoni secreti da essa. Gli effetti nervosi diretti sulle cellule secretorie delle ghiandole endocrine, di regola, non sono osservati (ad eccezione della midollare surrenale e dell'epifisi). Le fibre nervose che innervano la ghiandola regolano principalmente il tono dei vasi sanguigni e l'afflusso di sangue alla ghiandola.

Le violazioni della funzione delle ghiandole endocrine possono essere indirizzate sia verso una maggiore attività (iperfunzione), sia verso una diminuzione dell'attività (ipofunzione).

Fisiologia generale del sistema endocrino

Il sistema endocrino è un sistema per trasmettere informazioni tra varie cellule e tessuti del corpo e regolarne le funzioni con l'aiuto di ormoni. Il sistema endocrino del corpo umano è rappresentato da ghiandole endocrine (ghiandole pituitarie, surrenali, ghiandole tiroidee e paratiroidi, epifisi), organi con tessuto endocrino (pancreas, ghiandole sessuali) e organi con funzione endocrina delle cellule (placenta, ghiandole salivari, fegato, reni, cuore, ecc. ).. Un posto speciale nel sistema endocrino è dato all'ipotalamo, che, da un lato, è il sito della formazione di ormoni, dall'altro, fornisce l'interazione tra i meccanismi nervoso ed endocrino della regolazione sistemica delle funzioni corporee.

Le ghiandole endocrine, o ghiandole endocrine, sono quelle strutture o strutture che secernono il segreto direttamente nel fluido intercellulare, nel sangue, nella linfa e nel liquido cerebrale. La combinazione di ghiandole endocrine forma il sistema endocrino, in cui si possono distinguere diversi componenti.

1. sistema endocrino locale, che comprende ghiandole endocrine classici: ipofisi, ghiandole surrenali, ghiandola pineale, tiroide e paratiroidi, parte di isole pancreatiche, gonadi, ipotalamo (secretoria core), placenta (temporaneo di ferro), timo ( timo). I prodotti della loro attività sono ormoni.

2. Sistema endocrino diffuso, costituito da cellule ghiandolari localizzate in vari organi e tessuti e sostanze secernenti simili agli ormoni prodotti nelle ghiandole endocrine classiche.

3. Un sistema per catturare i precursori delle ammine e la loro decarbossilazione, rappresentata da cellule ghiandolari che producono peptidi e ammine biogeniche (serotonina, istamina, dopamina, ecc.). C'è un punto di vista che questo sistema include il sistema endocrino diffuso.

Le ghiandole endocrine sono classificate come segue:

  • in base alla loro connessione morfologica con il sistema nervoso centrale, al centro (ipotalamo, ipofisi, epifisi) e periferico (tiroide, ghiandole sessuali, ecc.);
  • secondo la dipendenza funzionale dalla ghiandola pituitaria, che si realizza attraverso i suoi ormoni trofici, sulla ghiandola pituitaria e sull'ipofisi.

Metodi per valutare lo stato delle funzioni del sistema endocrino nell'uomo

Le principali funzioni del sistema endocrino, che riflettono il suo ruolo nel corpo, sono considerate come:

  • controllare la crescita e lo sviluppo del corpo, il controllo della funzione riproduttiva e la partecipazione alla formazione del comportamento sessuale;
  • insieme con il sistema nervoso - la regolazione del metabolismo, regolamentazione dell'uso e deposizione energosubstratov mantenimento dell'omeostasi, formando reazioni adattative dell'organismo, fornendo pieno sviluppo fisico e mentale, controllo sintesi, la secrezione di ormoni e metabolismo.
Metodi per lo studio del sistema ormonale
  • Rimozione (estirpazione) della ghiandola e una descrizione degli effetti dell'operazione
  • Introduzione di estratti di ghiandole
  • Isolamento, purificazione e identificazione del principio attivo della ghiandola
  • Soppressione selettiva della secrezione dell'ormone
  • Trapianto di ghiandole endocrine
  • Confronto della composizione del sangue che scorre e scorre dalla ghiandola
  • Determinazione quantitativa degli ormoni nei fluidi biologici (sangue, urina, liquido cerebrospinale, ecc.):
    • biochimica (cromatografia, ecc.);
    • test biologici;
    • analisi radioimmune (RIA);
    • analisi immunoradiometrica (IRMA);
    • analisi del radioricevitore (PPA);
    • analisi immunocromatografica (strisce per test diagnostici rapidi)
  • Introduzione degli isotopi radioattivi e della scansione dei radioisotopi
  • Monitoraggio clinico di pazienti con patologia endocrina
  • Esame ecografico delle ghiandole endocrine
  • Tomografia computerizzata (TC) e risonanza magnetica (MRI)
  • Ingegneria genetica

Metodi clinici

Si basano su dati provenienti dall'interrogatorio (anamnesi) e identificano i segni esterni di disfunzione delle ghiandole endocrine, inclusa la loro dimensione. Ad esempio, i segni oggettivi di disfunzione delle cellule ipofisarie acidofile nell'infanzia sono il nanismo pituitario - nanismo (altezza inferiore a 120 cm) con insufficiente rilascio di ormone della crescita o gigantismo (crescita superiore a 2 m) con il suo rilascio eccessivo. Importanti segni esterni di disfunzione del sistema endocrino possono essere il peso corporeo eccessivo o insufficiente, l'eccessiva pigmentazione della pelle o la sua assenza, la natura del pelo del capello, la gravità delle caratteristiche sessuali secondarie. I segni diagnostici molto importanti della disfunzione endocrina sono sintomi di sete, poliuria, disturbi dell'appetito, vertigini, ipotermia, disturbi mestruali nelle donne e disturbi del comportamento sessuale rilevati con attento interrogatorio di una persona. Nell'individuare questi e altri segni, si può sospettare che una persona abbia una serie di disturbi endocrini (diabete, malattie della tiroide, disfunzione delle ghiandole sessuali, sindrome di Cushing, morbo di Addison, ecc.).

Metodi di ricerca biochimici e strumentali

Si basano sulla determinazione del livello di ormoni stessi e dei loro metaboliti nel sangue, fluido cerebrospinale, urina, saliva, e la dinamica dei tassi giornalieri di loro tassi di secrezione da esse controllate, lo studio dei recettori ormonali e singoli effetti nei tessuti bersaglio, nonché le dimensioni ghiandola e la sua attività.

Gli studi biochimici utilizzano metodi chimici, cromatografici, radiorecettori e radioimmunologici per determinare la concentrazione di ormoni, oltre a testare gli effetti degli ormoni sugli animali o sulle colture cellulari. Determinare il livello degli ormoni tripli liberi, tenendo conto dei ritmi circadiani di secrezione, sesso ed età dei pazienti, è di grande importanza diagnostica.

Radioimmunoassay (RIA, saggio radioimmunologico, immunodosaggio isotopica) - Metodo quantificare le sostanze fisiologicamente attive in vari mezzi, basato sul legame competitivo dei composti desiderati e simili radionuclide sostanza marcata vincolante ai sistemi specifici, con conseguente rilevazione sui banchi specifici rf.

L'analisi immunoradiometrica (IRMA) è un tipo speciale di RIA che utilizza anticorpi marcati con radionuclidi e antigene non marcato.

L'analisi dei radiorecettori (PPA) è un metodo per la determinazione quantitativa di sostanze fisiologicamente attive in vari media, in cui i recettori ormonali sono usati come un sistema legante.

tomografia computerizzata (TC) - X-ray metodo esame sulla base di radiazioni a raggi X assorbimento irregolare vari tessuti del corpo, che si differenziano per la densità dei tessuti duri e molli ed è usato nella diagnosi della tiroide, pancreas, ghiandole surrenali, e altri.

La risonanza magnetica (MRI) è un metodo diagnostico strumentale che aiuta a valutare lo stato del sistema ipotalamo-ipofisi-surrene, dello scheletro, degli organi addominali e della pelvi in ​​endocrinologia.

La densitometria è un metodo a raggi X utilizzato per determinare la densità ossea e diagnosticare l'osteoporosi, che consente di rilevare già una perdita ossea del 2-5%. Applicare densitometria a singolo fotone e due fotoni.

La scansione dei radioisotopi (scansione) è un metodo per ottenere un'immagine bidimensionale che riflette la distribuzione del radiofarmaco in vari organi mediante uno scanner. In endocrinologia viene utilizzato per diagnosticare la patologia della ghiandola tiroidea.

L'esame ecografico (ultrasuoni) è un metodo basato sulla registrazione dei segnali riflessi degli ultrasuoni pulsati, che viene utilizzato nella diagnosi delle malattie della tiroide, delle ovaie, della ghiandola prostatica.

Il test di tolleranza al glucosio è un metodo di stress per studiare il metabolismo del glucosio nel corpo, utilizzato in endocrinologia per diagnosticare una ridotta tolleranza al glucosio (prediabete) e diabete. Il livello di glucosio viene misurato a stomaco vuoto, quindi per 5 minuti si propone di bere un bicchiere di acqua calda in cui il glucosio si scioglie (75 g) e il livello di glucosio nel sangue viene nuovamente misurato dopo 1 e 2 ore. Un livello inferiore a 7,8 mmol / l (2 ore dopo il carico di glucosio) è considerato normale. Livello superiore a 7,8, ma inferiore a 11,0 mmol / l - tolleranza al glucosio ridotta. Livello più di 11,0 mmol / l - "diabete mellito".

Orchiometria: misurazione del volume dei testicoli mediante un dispositivo dell'orchiometro (misuratore di prova).

L'ingegneria genetica è un insieme di tecniche, metodi e tecnologie per produrre RNA e DNA ricombinanti, isolando i geni dal corpo (cellule), manipolando i geni e introducendoli in altri organismi. In endocrinologia viene utilizzato per la sintesi di ormoni. La possibilità di terapia genica delle malattie endocrinologiche è in fase di studio.

La terapia genica è il trattamento delle malattie ereditarie, multifattoriali e non ereditarie (infettive) introducendo i geni nelle cellule dei pazienti per modificare i difetti genetici o per dare nuove funzioni alle cellule. A seconda del metodo di introduzione del DNA esogeno nel genoma del paziente, la terapia genica può essere effettuata sia in coltura cellulare o direttamente nel corpo.

Il principio fondamentale della valutazione della funzione delle ghiandole pituitarie è la determinazione simultanea del livello degli ormoni tropici ed effettori e, se necessario, la determinazione aggiuntiva del livello dell'ormone di rilascio dell'ipotalamo. Ad esempio, la determinazione simultanea di cortisolo e ACTH; ormoni sessuali e FSH con LH; ormoni tiroidei contenenti iodio, TSH e TRH. Vengono effettuati test funzionali per determinare la capacità secretoria della ghiandola e la sensibilità dei recettori CE all'azione degli ormoni ormonali regolatori. Ad esempio, determinare la dinamica della secrezione di secrezione ormonale da parte della ghiandola tiroidea sulla somministrazione di TSH o sull'introduzione di TRH in caso di sospetta insufficienza della sua funzione.

Per determinare la predisposizione al diabete mellito o per rivelare le sue forme latenti, viene eseguito un test di stimolazione con l'introduzione del glucosio (test di tolleranza al glucosio orale) e la determinazione della dinamica dei cambiamenti nel suo livello ematico.

Se si sospetta un'iperfunzione, vengono eseguiti test soppressivi. Ad esempio, per valutare la secrezione di insulina nel pancreas misurata la concentrazione nel sangue durante il digiuno prolungato (72 h) quando il livello di glucosio (stimolante naturale della secrezione insulinica) nel sangue è significativamente ridotto e in circostanze normali questa riduzione è accompagnata dalla secrezione di ormone.

Per identificare le violazioni della funzione delle ghiandole endocrine, l'ecografia strumentale (il più delle volte), i metodi di imaging (tomografia computerizzata e tomografia a magnetoresionanza), nonché l'esame microscopico del materiale da biopsia sono ampiamente utilizzati. Sono anche utilizzati metodi speciali: angiografia con disegno selettivo del sangue che scorre dalla ghiandola endocrina, studi di radioisotopi, densitometria - determinazione della densità ottica delle ossa.

Identificare la natura ereditaria dei disturbi delle funzioni endocrine utilizzando metodi di ricerca genetica molecolare. Ad esempio, il cariotipo è un metodo abbastanza informativo per la diagnosi della sindrome di Klinefelter.

Metodi clinici e sperimentali

Utilizzato per studiare le funzioni della ghiandola endocrina dopo la sua rimozione parziale (ad esempio, dopo la rimozione del tessuto tiroideo nella tireotossicosi o nel cancro). Sulla base dei dati sulla funzione ormonale residua della ghiandola, viene stabilita una dose di ormoni, che deve essere introdotta nel corpo ai fini della terapia ormonale sostitutiva. La terapia sostitutiva per quanto riguarda il fabbisogno giornaliero di ormoni viene effettuata dopo la completa rimozione di alcune ghiandole endocrine. In ogni caso, la terapia ormonale è determinata dal livello di ormoni nel sangue per la selezione della dose ottimale di ormone e previene il sovradosaggio.

La correttezza della terapia sostitutiva può anche essere valutata dagli effetti finali degli ormoni iniettati. Ad esempio, un criterio per il corretto dosaggio di un ormone durante la terapia insulinica è di mantenere il livello fisiologico di glucosio nel sangue di un paziente con diabete mellito e impedirgli di sviluppare ipo- o iperglicemia.

Sistema endocrino umano

Il sistema endocrino umano nel campo della conoscenza di un personal trainer svolge un ruolo importante, dal momento che controlla il rilascio di molti ormoni, tra cui il testosterone, che è responsabile della crescita muscolare. Non è certamente limitato al testosterone da solo, e quindi colpisce non solo la crescita muscolare, ma anche il lavoro di molti organi interni. Qual è il compito del sistema endocrino e come funziona, ora capiremo.

introduzione

Il sistema endocrino è un meccanismo per regolare il funzionamento degli organi interni con l'aiuto di ormoni che vengono secreti dalle cellule endocrine direttamente nel sangue o penetrando gradualmente nello spazio intercellulare in cellule vicine. Questo meccanismo controlla l'attività di quasi tutti gli organi e i sistemi del corpo umano, contribuisce al suo adattamento alle condizioni ambientali in costante cambiamento, pur mantenendo la costanza degli interni, che è necessario per mantenere il normale corso dei processi vitali. Al momento, è stato chiaramente stabilito che l'implementazione di queste funzioni è possibile solo con una costante interazione con il sistema immunitario del corpo.

Il sistema endocrino è diviso in ghiandole (ghiandole endocrine) e diffuse. Le ghiandole endocrine producono ormoni ghiandolari, che comprendono tutti gli ormoni steroidei, così come gli ormoni tiroidei e alcuni ormoni peptidici. Il diffuso sistema endocrino è rappresentato da cellule endocrine disseminate in tutto il corpo, che producono ormoni chiamati peptidi aglandolari. Praticamente qualsiasi tessuto del corpo contiene cellule endocrine.

Sistema endocrino ghiandolare

È rappresentato dalle ghiandole endocrine, che svolgono la sintesi, l'accumulo e il rilascio nel sangue di vari componenti biologicamente attivi (ormoni, neurotrasmettitori e non solo). Ghiandole endocrine classiche: la ghiandola pituitaria, l'epifisi, la tiroide e le ghiandole paratiroidi, l'apparato insulare del pancreas, la corteccia e il midollo delle ghiandole surrenali, i testicoli e le ovaie sono riferiti al sistema ghiandolare endocrino. In questo sistema, l'accumulo di cellule endocrine si trova all'interno della stessa ghiandola. Il sistema nervoso centrale è direttamente coinvolto nel controllo e nella gestione della produzione di ormoni da parte di tutte le ghiandole endocrine, e gli ormoni, a loro volta, a causa del meccanismo di feedback, influenzano il lavoro del sistema nervoso centrale, regolando la sua attività.

Ghiandole del sistema endocrino e ormoni secreti da loro: 1- Epifisi (melatonina); 2- Timo (timosine, timopoetine); 3- Tratto gastrointestinale (glucagone, pancreas, enterogastrina, colecistochinina); 4- Reni (eritropoietina, renina); 5- Placenta (progesterone, relaxina, gonadotropina corionica); 6- Ovario (estrogeni, androgeni, progestinici, rilassanti); 7- Ipotalamo (liberina, statina); 8- Pituitaria (vasopressina, ossitocina, prolattina, lipotropina, ACTH, MSH, STH, FSH, LH); 9- Ghiandola tiroide (tiroxina, triiodotironina, calcitonina); 10- ghiandole paratiroidi (ormone paratiroideo); 11- Ghiandola surrenale (corticosteroidi, androgeni, adrenalina, norepinefrina); 12- Pancreas (somatostatina, glucagone, insulina); 13- Pianta dei semi (androgeni, estrogeni).

La regolazione nervosa delle funzioni endocrine periferiche del corpo è realizzata non solo dagli ormoni trofici dell'ipofisi (ormoni ipofisari e ipotalamici), ma anche sotto l'influenza del sistema nervoso autonomo. Inoltre, una certa quantità di componenti biologicamente attivi (monoamine e ormoni peptidici) sono prodotti direttamente nel SNC, molti dei quali sono prodotti anche dalle cellule endocrine del tratto gastrointestinale.

Le ghiandole endocrine (ghiandole endocrine) sono organi che producono sostanze specifiche e li gettano direttamente nel sangue o nella linfa. Poiché queste sostanze sono ormoni - regolatori chimici necessari per garantire i processi di vita. Le ghiandole endocrine possono essere rappresentate sia sotto forma di organi indipendenti, sia sotto forma di derivati ​​di tessuti epiteliali.

Sistema endocrino diffuso

In questo sistema, le cellule endocrine non sono raccolte in un posto, ma disperse. Molte funzioni endocrine vengono eseguite dal fegato (produzione di somatomedina, fattori di crescita simili all'insulina e non solo), reni (produzione di eritropoietina, medulina e non solo), stomaco (produzione di gastrina), intestino (produzione di peptide intestinale vasoattivo e non solo) e milza (produzione di splenins). Le cellule endocrine sono presenti in tutto il corpo umano.

La scienza conosce più di 30 ormoni che vengono rilasciati nel sangue da cellule o gruppi di cellule situate nei tessuti del tratto gastrointestinale. Queste cellule e il loro accumulo gastrina sintetizzato, peptide gastrinsvyazyvayuschy, secretina, colecistochinina, somatostatina, vasoattivo polipeptide intestinale, sostanza P, motilina, galanin peptidi gene glucagone (glicentina, oxyntomodulin, glucagone-like peptide), neurotensina, neuromedin N, peptide YY, polipeptide pancreatico, neuropeptide Y, cromogranina (cromogranina A, relativo peptide GAWK e secretogranina II).

Coppia ipotalamo-ipofisi

Una delle ghiandole più importanti del corpo è la ghiandola pituitaria. Controlla il funzionamento di più ghiandole endocrine. La sua dimensione è piuttosto piccola, pesa meno di un grammo, ma il suo valore per il normale funzionamento del corpo è piuttosto grande. Questa ghiandola si trova alla base del cranio, è collegata al centro ipotalamico del cervello e consiste di tre lobi - l'anteriore (adenoipofisi), intermedio (sottosviluppato) e posteriore (neuroipofisi). Gli ormoni ipotalamici (ossitocina, neurotensina) lungo lo stelo ipofisario fluiscono nel lobo posteriore dell'ipofisi, dove vengono depositati e da dove entrano nel flusso sanguigno quando necessario.

Un paio di ipotalamo-ipofisi: 1- elementi che producono ormoni; 2- lobo frontale; 3- Comunicazione ipotalamica; 4- nervi (movimento degli ormoni dall'ipotalamo al lobo posteriore dell'ipofisi); 5- tessuto ipofisario (secrezione di ormoni dall'ipotalamo); 6- Lobo posteriore; 7- Vaso sanguigno (assorbimento degli ormoni e loro trasferimento nel corpo); I- Ipotalamo; II- Ipofisario.

Il lobo anteriore della ghiandola pituitaria è l'organo più importante che regola le funzioni principali del corpo. Ci sono generati tutti i principali ormoni che controllano l'attività escretore delle ghiandole endocrine periferiche: ormone stimolante la tiroide (TSH), ormone adrenocorticotropo (ACTH), ormone della crescita (GH), ormone lactotropic (prolattina) e due ormoni gonadotropinici: luteinizzante (LH) e ormone follicolo stimolante (FSH ).

Il lobo posteriore dell'ipofisi non produce i suoi ormoni. Il suo ruolo nell'organismo consiste solo nell'accumulo e rilascio di due importanti ormoni prodotti dalle cellule neurosecretive dei nuclei dell'ipotalamo: l'ormone antidiuretico (ADH), che è coinvolto nella regolazione dell'equilibrio idrico del corpo, aumentando il grado di assorbimento inverso del fluido nei reni e ossitocina, che controlla la contrazione della muscolatura liscia.

Ghiandola tiroide

La ghiandola endocrina, che immagazzina lo iodio e produce ormoni contenenti iodio (iodotironina), che sono coinvolti nei processi metabolici, così come la crescita delle cellule e dell'intero organismo. Questi sono i suoi due principali ormoni: la tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3). Un altro ormone che secerne la tiroide è la calcitonina (un polipeptide). Controlla la concentrazione di calcio e fosfato nel corpo e previene anche la formazione di osteoclasti, che possono portare alla distruzione del tessuto osseo. Attiva anche la riproduzione degli osteoblasti. Pertanto, la calcitonina è coinvolta nella regolazione delle attività di queste due entità. È solo a causa di questo ormone che il nuovo tessuto osseo si forma più velocemente. L'azione di questo ormone è opposta al paratiroideido, che è prodotto dalla ghiandola paratiroidea e aumenta la concentrazione di calcio nel sangue, aumentando il suo flusso dalle ossa e dall'intestino.

La struttura della ghiandola tiroidea: 1- Lobo sinistro della ghiandola tiroidea; 2- Cartilagine tiroidea; 3- Parte piramidale; 4- Lobo destro della tiroide; 5- vena giugulare interna; 6- Arteria carotide comune; 7- Vene della tiroide; 8- trachea; 9- Aorta; 10, 11- arterie tiroidee; 12- Capillare; 13- Cavità riempita di colloide, in cui è conservata la tiroxina; 14- Cellule che producono la tiroxina.

pancreas

Grande organo secretorio a doppia azione (produce succo pancreatico nel lume del duodeno e ormoni direttamente nel sangue). Situato nella cavità addominale superiore, tra la milza e il duodeno. La sezione endocrina del pancreas è rappresentata dalle isole di Langerhans, che si trovano nella coda del pancreas. Nell'uomo queste isole sono rappresentate da vari tipi di cellule che producono diversi ormoni polipeptidici: le cellule alfa producono glucagone (regola il metabolismo dei carboidrati), le cellule beta producono insulina (abbassa la glicemia), le cellule delta producono la somatostatina (inibisce la secrezione molte ghiandole), le cellule PP producono un polipeptide pancreatico (stimola la secrezione di succo gastrico, inibisce la secrezione pancreatica), le cellule epsilon producono la grelina (questo ormone della fame aumenta l'appetito).

La struttura del pancreas: 1- Dotto pancreatico aggiuntivo; 2- Dotto pancreatico principale; 3- Coda del pancreas; 4- Corpo del pancreas; 5- Il collo del pancreas; 6- Processo di aggancio; 7- papilla di Vater; 8- Piccola papilla; 9- Dotto biliare comune.

Ghiandole surrenali

Piccole ghiandole piramidali situate nella parte superiore dei reni. L'attività ormonale di entrambe le parti delle ghiandole surrenali non è la stessa. La corteccia surrenale produce mineralcorticoidi e glicocorticoidi, che hanno una struttura steroidea. Il primo (il principale dei quali è l'aldosterone) partecipa allo scambio ionico nelle cellule e mantiene il loro equilibrio elettrolitico. Il secondo (ad esempio il cortisolo) stimola la degradazione delle proteine ​​e la sintesi dei carboidrati. Il midollo surrenale produce adrenalina, un ormone che mantiene il tono del sistema nervoso simpatico. Aumentare la concentrazione di adrenalina nel sangue porta a tali cambiamenti fisiologici come un aumento della frequenza cardiaca, costrizione dei vasi sanguigni, pupille dilatate, attivazione della funzione contrattile dei muscoli e non solo. Il lavoro della corteccia surrenale è attivato centrale, e il midollo allungato - il sistema nervoso periferico.

Struttura della ghiandola surrenale: 1 - Corteccia surrenale (responsabile della secrezione di adrenosteroidi); 2- Arteria surrenale (fornisce sangue ossigenato al tessuto surrenale); 3- midollare surrenale (produce adrenalina e norepinefrina); I- Ghiandole surrenali; II- Reni.

timo

Il sistema immunitario, compreso il timo, produce una quantità piuttosto grande di ormoni, che di solito sono suddivisi in citochine o linfochine e ormoni timici (timici) - timopoietina. Questi ultimi controllano la crescita, la maturazione e la differenziazione delle cellule T, nonché l'attività funzionale delle cellule adulte del sistema immunitario. Citochine secrete dalle cellule immunitarie comprendono: interferone gamma, interleuchine, fattore di necrosi tumorale, fattore stimolante le colonie di granulociti, fattore stimolante le colonie granulotsitomakrofagalny, fattore stimolante colonie di macrofagi, fattore inibitorio della leucemia, oncostatina M, fattore delle cellule staminali e altri. Nel tempo, il timo degrada, sostituendo gradualmente il suo tessuto connettivo.

La struttura del timo: 1 - Vena testa a spalla; 2- lobi sinistro e destro del timo; 3- Arterie e vena toraciche interne; 4- Pericardio; 5- polmone sinistro; 6- Capsula del timo; 7- Timo abbaia; 8-timo midollo; 9- corpi di timo; 10- Partizione interlobulare.

gonadi

I testicoli umani sono il sito di formazione di cellule germinali e la produzione di ormoni steroidei, incluso il testosterone. Svolge un ruolo importante nella riproduzione, è importante per il normale funzionamento della funzione sessuale, la maturazione delle cellule germinali e degli organi sessuali secondari. Colpisce la crescita del muscolo e tessuto osseo, processi ematopoietiche, la viscosità del sangue, livelli di lipidi nel plasma è suo scambio metabolico di proteine ​​e carboidrati, e la funzione cognitiva e psicosessuale. Produzione di androgeni nel testicolo è controllata principalmente luteinizzante (LH), mentre per quanto riguarda la formazione di cellule germinali richiede l'azione coordinata di ormone follicolo stimolante (FSH) e vnutrisemennikovoy aumento della concentrazione di testosterone che viene prodotto dalle cellule di Leydig esposte a LH.

conclusione

Il sistema endocrino umano è progettato per produrre ormoni, che a loro volta controllano e controllano una varietà di azioni mirate al normale svolgimento dei processi vitali del corpo. Controlla il lavoro di quasi tutti gli organi interni, è responsabile delle reazioni adattative del corpo agli effetti dell'ambiente esterno e mantiene una costante interna. Gli ormoni prodotti dal sistema endocrino sono responsabili del metabolismo del corpo, dei processi di formazione del sangue, della crescita del tessuto muscolare e non solo. Lo stato fisiologico e mentale generale di una persona dipende dal suo normale funzionamento.

Sistema endocrino

Menu di navigazione

casa

Cosa principale

informazioni

Dagli archivi

Il sistema endocrino è un sistema per regolare l'attività degli organi interni attraverso ormoni secreti dalle cellule endocrine direttamente nel sangue o diffondersi attraverso lo spazio intercellulare in cellule vicine.

Il sistema endocrino è diviso nel sistema ghiandolare endocrino (o apparato ghiandolare), in cui le cellule endocrine sono riunite e formano la ghiandola endocrina e il sistema endocrino diffuso. La ghiandola endocrina produce ormoni ghiandolari, che comprendono tutti gli ormoni steroidei, gli ormoni tiroidei e molti ormoni peptidici. Il sistema endocrino diffuso è rappresentato da cellule endocrine che sono sparse in tutto il corpo, producendo ormoni chiamati peptidi aglandolari (ad eccezione del calcitriolo). Ci sono cellule endocrine in quasi tutti i tessuti del corpo.

Sistema endocrino. Le principali ghiandole endocrine. (a sinistra - un uomo, a destra - una donna): 1. Epifisi (riferita al sistema endocrino diffuso) 2. Pituitaria 3. Tiroide 4. Timo 5. Adrenale 6. Pancreas 7. Ovario 8. Testicolo

Funzione endocrina

  • Partecipa alla regolazione umorale (chimica) delle funzioni corporee e coordina le attività di tutti gli organi e sistemi.
  • Garantisce la conservazione dell'omeostasi dell'organismo in condizioni ambientali mutevoli.
  • Insieme al sistema nervoso e immunitario regola
    • crescita
    • sviluppo dell'organismo
    • la sua differenziazione sessuale e la sua funzione riproduttiva;
    • prende parte ai processi di formazione, uso e conservazione dell'energia.
  • Insieme al sistema nervoso, gli ormoni sono coinvolti nel fornire
    • reazioni emotive
    • attività mentale umana.

Sistema endocrino ghiandolare

Il sistema endocrino ghiandolare è rappresentato da singole ghiandole con cellule endocrine concentrate. Le ghiandole endocrine (ghiandole endocrine) sono organi che producono sostanze specifiche e le rilasciano direttamente nel sangue o nella linfa. Queste sostanze sono ormoni - regolatori chimici necessari per la vita. Le ghiandole endocrine possono essere sia organi separati che derivati ​​di tessuti epiteliali (di confine). Le ghiandole endocrine includono le seguenti ghiandole:

Ghiandola tiroide

La ghiandola tiroidea, il cui peso varia da 20 a 30 g, si trova nella parte anteriore del collo e consiste di due lobi e un istmo - si trova a livello di ΙΙ-Ι V della cartilagine del collo respiratorio e collega entrambi i lobi. Sulla superficie posteriore dei due lobi, quattro ghiandole paratiroidi si trovano a coppie. All'esterno della ghiandola tiroidea è coperto con i muscoli del collo situati sotto l'osso ioide; il suo sacchetto fasciale di ferro è saldamente connesso con la trachea e la laringe, quindi si muove dopo i movimenti di questi organi. La ghiandola è costituita da vescicole ovali o arrotondate che sono riempite con una sostanza contenente iodio proteico come un colloide; tra le bolle è tessuto connettivo lasso. Il colloide delle bolle è prodotto dall'epitelio e contiene ormoni prodotti dalla ghiandola tiroidea - tiroxina (T4) e triiodotironina (T3). Questi ormoni regolano l'intensità del metabolismo, favoriscono l'assorbimento del glucosio da parte delle cellule del corpo e ottimizzano la ripartizione dei grassi in acidi e glicerina. Un altro ormone secreto dalla tiroide è la calcitonina (per sua natura chimica, un polipeptide), che regola il contenuto di calcio e fosfato nel corpo. L'azione di questo ormone è direttamente opposta al paratiroideido, che è prodotto dalla ghiandola paratiroidea e aumenta il livello di calcio nel sangue, migliora il suo afflusso dalle ossa e dall'intestino. Da questo punto di vista, l'azione della paratiroidina ricorda la vitamina D.

Ghiandole paratiroidi

La ghiandola paratiroidea regola il livello di calcio nel corpo in una struttura stretta, in modo che i sistemi nervoso e motorio funzionino normalmente. Quando il livello di calcio nel sangue scende al di sotto di un certo livello, i recettori paratiroidi sensibili al calcio vengono attivati ​​e secernono l'ormone nel sangue. L'ormone paratiroideo stimola gli osteoclasti a secernere calcio dal tessuto osseo nel sangue.

timo

Il timo produce ormoni solitari timici (o timici) - timopoietine che regolano la crescita, la maturazione e la differenziazione delle cellule T e l'attività funzionale delle cellule mature del sistema immunitario. Con l'età, il timo degrada, sostituendo la formazione del tessuto connettivo.

pancreas

Il pancreas è un organo secretorio di grandi dimensioni (lungo 12-30 cm) a doppia azione (secerne il succo pancreatico nel lume del duodeno e gli ormoni direttamente nel sangue), situato nella parte superiore della cavità addominale, tra la milza e il duodeno.

La sezione endocrina del pancreas è rappresentata dalle isole di Langerhans, situate nella coda del pancreas. Nell'uomo, le isole sono rappresentate da diversi tipi di cellule che producono diversi ormoni polipeptidici:

  • cellule alfa - secernono glucagone (regolatore del metabolismo dei carboidrati, antagonista diretto dell'insulina);
  • cellule beta - secernono insulina (un regolatore del metabolismo dei carboidrati, riduce il livello di glucosio nel sangue);
  • cellule delta - secernono la somatostatina (inibisce la secrezione di molte ghiandole);
  • Cellule in PP - secernono polipeptide pancreatico (inibisce la secrezione pancreatica e stimola la secrezione di succo gastrico);
  • Cellule di Epsilon - secernono ghrelin ("ormone della fame" - stimola l'appetito).

Ghiandole surrenali

Ai poli superiori di entrambi i reni ci sono piccole ghiandole triangolari - le ghiandole surrenali. Consistono nello strato corticale esterno (80-90% della massa di tutta la ghiandola) e nel midollo interno, le cui cellule giacciono in gruppi e sono intrecciate da ampi seni venosi. L'attività ormonale di entrambe le parti delle ghiandole surrenali è diversa. La corteccia surrenale produce mineralcorticoidi e glicocorticoidi, che hanno una struttura steroidea. I mineralcorticoidi (i più importanti di loro, ammide ooh) regolano lo scambio ionico nelle cellule e mantengono il loro equilibrio elettrolitico; i glicocorticoidi (ad esempio il cortisolo) stimolano la disgregazione delle proteine ​​e la sintesi dei carboidrati. La sostanza cerebrale produce adrenalina - un ormone proveniente dal gruppo delle catecolamine che mantiene il tono del sistema nervoso simpatico. L'adrenalina è spesso chiamata l'ormone del combattimento o del volo, dal momento che il suo rilascio aumenta drammaticamente solo nei momenti di pericolo. Un aumento del livello di adrenalina nel sangue comporta i corrispondenti cambiamenti fisiologici - i battiti del cuore diventano più frequenti, i vasi sanguigni si restringono, i muscoli si stringono e le pupille si dilatano. Più sostanza corticale in piccole quantità produce ormoni sessuali maschili (androgeni). Se ci sono anomalie nel corpo e gli androgeni iniziano a fluire in quantità straordinaria, i segni del sesso opposto aumentano nelle ragazze. La corteccia e il midollo delle ghiandole surrenali si distinguono non solo dalla produzione di vari ormoni. Il lavoro della corteccia surrenale è attivato centrale, e il midollo allungato - il sistema nervoso periferico.

DANIIL e l'attività sessuale umana sarebbero impossibili senza il lavoro delle gonadi, o gonadi, che includono i testicoli maschili e le ovaie femminili. Nei bambini piccoli, gli ormoni sessuali sono prodotti in piccole quantità, ma mentre il corpo matura a un certo punto, si verifica un rapido aumento del livello degli ormoni sessuali, e poi gli ormoni maschili (androgeni) e gli ormoni femminili (estrogeni) causano la comparsa di caratteristiche sessuali secondarie negli esseri umani.

Sistema ipotalamo-ipofisario

L'ipotalamo e l'ipofisi hanno cellule secretorie, mentre l'ipotalamo è considerato un elemento dell'importante "sistema ipotalamico-pituitario".

Una delle ghiandole più importanti del corpo è la ghiandola pituitaria, che controlla il lavoro della maggior parte delle ghiandole endocrine. La ghiandola pituitaria è piccola, pesa meno di un grammo, ma è molto importante per la vita del ferro. Si trova nel recesso alla base del cervello e consiste di tre lobi - il anteriore (ghiandolare o adenoipofisi), il mezzo (è meno sviluppato) e il posteriore (lobo nervoso). Dall'importanza delle funzioni eseguite nel corpo, la ghiandola pituitaria può essere paragonata al ruolo del direttore d'orchestra, che mostra con un colpetto della bacchetta quando un particolare strumento dovrebbe entrare in gioco. La ghiandola pituitaria produce ormoni che stimolano il lavoro di praticamente tutte le altre ghiandole della secrezione interna.

Il lobo anteriore della ghiandola pituitaria è l'organo più importante che regola le funzioni principali del corpo: è qui che vengono prodotti i sei ormoni più importanti, chiamati dominanti - tireotropina, ormone adrenocorticotropo (ACTH) e 4 ormoni gonadotropici che regolano la funzione delle ghiandole sessuali. La tireotropina accelera o rallenta la ghiandola tiroidea e l'ACTH è responsabile del lavoro delle ghiandole surrenali. Il lobo anteriore della ghiandola pituitaria produce un ormone molto importante - la somatotropina, detta anche ormone della crescita. Questo ormone è il principale fattore che influenza la crescita del sistema scheletrico, della cartilagine e dei muscoli. L'eccessiva produzione di ormone della crescita in un adulto porta ad acromegalia, che si manifesta in un aumento di ossa, arti e faccia. La ghiandola pituitaria funziona in tandem con l'ipotalamo, con cui è il ponte tra il cervello, il sistema nervoso periferico e il sistema circolatorio. La connessione tra l'ipofisi e l'ipotalamo viene effettuata con l'aiuto di varie sostanze chimiche prodotte nelle cosiddette cellule neurosettore.

Sebbene il lobo posteriore dell'ipofisi stessa non produca un singolo ormone, tuttavia il suo ruolo nel corpo è anche molto grande e consiste nel regolare due importanti ormoni prodotti dall'epifisi - l'ormone antidiuretico (ADH), che regola l'equilibrio idrico del corpo e l'ossitocina, che è responsabile per contrazione della muscolatura liscia e, in particolare, dell'utero durante il parto.

epifisi

La funzione della ghiandola pineale non è completamente compresa. L'epifisi secerne le sostanze ormonali, la melatonina e la norepinefrina. La melatonina è un ormone che controlla la sequenza delle fasi del sonno e la noradrenalina colpisce il sistema circolatorio e il sistema nervoso.

Sistema endocrino diffuso

Nel diffuso sistema endocrino, le cellule endocrine non sono concentrate, ma disperse.

Alcune funzioni endocrine sono eseguite dal fegato (secrezione di somatomedina, fattori di crescita insulino-simili, ecc.), Rene (secrezione di eritropoietina, medulline, ecc.), Stomaco (secrezione di gastrina), intestino (secrezione di peptide vasoattivo intestinale, ecc.), Milza (secrezione di sinfisi). e altri Le cellule endocrine sono contenute in tutto il corpo umano.

Regolazione del sistema endocrino

  • Il controllo endocrino può essere considerato come una catena di effetti regolatori, in cui il risultato dell'azione dell'ormone influenza direttamente o indirettamente l'elemento che determina il contenuto dell'ormone disponibile.
  • L'interazione si verifica, di regola, secondo il principio del feedback negativo: quando l'ormone agisce sulle cellule bersaglio, la loro risposta, influenzando la fonte della secrezione dell'ormone, provoca una soppressione della secrezione.
    • Il feedback positivo, in cui aumenta la secrezione, è estremamente raro.
  • Il sistema endocrino è anche regolato dal sistema nervoso e immunitario.

Malattie endocrine

Le malattie endocrine sono una classe di malattie che derivano da un disturbo di una o più ghiandole endocrine. La base delle malattie endocrine sono iperfunzione, ipofunzione o disfunzione delle ghiandole endocrine.

Pronto soccorso per un attacco di pancreatite

Preparati per il miglioramento del pancreas