Nutrizione per la neuropatia

nbsp La base di questo gruppo di malattie è la distruzione simultanea di molte radici nervose o nervi periferici. Il quadro clinico è caratterizzato da ridotta sensibilità e debolezza dei muscoli, che sono accompagnati da perdita dei riflessi tendinei e atrofia muscolare.

Sommario:

Viral. Poliradicolopatia acuta classica (sindrome di Guillain-Barre)

nbsp Sintomi. In circa tre quarti dei casi, le manifestazioni neurologiche sono precedute da infezioni del tratto respiratorio superiore e del tratto gastrointestinale. Dopo 2-4 giorni, meno di 7 giorni o più, il paziente inizia a sentire intorpidimento della pelle, prima sulle gambe, poi sulle braccia. A volte c'è dolore, che può anche precedere la paralisi (forza ridotta). Allo stesso tempo o poco dopo, la debolezza nelle gambe diventa evidente, che in alcuni giorni raggiunge il grado di paresi marcata o addirittura tetraplegia (debolezza in tutte le arti). La paralisi può alzarsi più in alto e catturare il diaframma, causando problemi respiratori.

trattamento nbsp. Cura attenta del paziente e prevenzione delle complicanze secondarie. Molta attenzione viene prestata alla prevenzione della trombosi e del blocco dell'arteria polmonare. Nei casi con progressione particolarmente rapida e insufficienza respiratoria, è indicato l'uso di plasmaferesi o immunoglobulina per via endovenosa.

previsioni nbsp. Nella maggior parte dei pazienti, vi è una graduale regressione dei sintomi nella sequenza opposta al loro aspetto, con un completo recupero può essere previsto entro pochi mesi. La mortalità dipende dalla qualità della cura del paziente e dalla necessità di connettersi a un respiratore. In metà dei pazienti si osservano effetti residui.

Microbica. Polineuropatia nella sifilide

nbsp Il midollo spinale si sviluppa in media 8-12 anni dopo l'infezione iniziale.

nbsp Sintomi. Il verificarsi di dolore parossistico, instabilità, incertezza durante la deambulazione, disfunzione della vescica. Il dolore si manifesta principalmente nelle gambe e sta sparando attraverso la natura, spesso intorpidimento, sensazione di gattonamento nelle mani, i piedi, disturbi della sensibilità, sensazione di "cotone", impotenza.

nbsp La diagnosi e il trattamento hanno lo scopo di trattare la malattia di base (sifilide) e le sue complicanze neurologiche.

Infettive-allergiche

nbsp Si verificano principalmente nelle infezioni infantili: morbillo, rosolia.

nbsp I sintomi sono simili a quelli con altre polineuropatie. L'unica differenza è la presenza di una storia di infezione.

nbsp Il trattamento si rivolge principalmente al trattamento della malattia di base (infezione).

tossico

nbsp La polineuropatia con avvelenamento esogeno è una delle varianti più comuni di polineuropatia. La polineuropatia può essere associata a intossicazione da alcol, droghe, veleni industriali.

Alcolismo cronico

nbsp L'impatto negativo sul corpo è proporzionale alla dose totale di alcol consumato. Pertanto, con un consumo giornaliero di 20-40 ml di alcol, il rischio di sviluppare cirrosi epatica aumenta di 3 volte e usando 140 ml di alcol aumenta di 600 volte. Insieme con gli effetti tossici di etanolo e acetaldeide, la malnutrizione gioca un ruolo importante, che si verifica in tutti i casi di alcolismo cronico.

nbsp Sintomi. In primo piano sono le sensazioni soggettive sotto forma di dolore neuropatico, di solito molto intenso, aggravato di notte, sentito principalmente negli arti inferiori. Il dolore è spesso accompagnato da spasmi muscolari. Meno comunemente, la prima lamentela riguarda la debolezza muscolare. I riflessi sono ridotti, la sensibilità e l'ipoestesia nella forma di «calze» sono disturbate, la tenerezza è annotata premendo sui muscoli gastrocnemius e il tremore di gamba è possibile. La sconfitta del sistema nervoso autonomo porta a una sudorazione alterata, specialmente nella zona dei piedi, a disordini trofici (ulcere), raucedine, ridotta potenza.

trattamento nbsp. Completo rifiuto di assumere alcol. Anche con una polineuropatia severa, l'arresto del flusso di alcol può portare a miglioramento o remissione. Nell'alcolismo cronico, dovresti prescrivere tiamina, un complesso di vitamine per la somministrazione orale, il trattamento della sindrome da dolore neuropatico è lo stesso del diabete mellito.

Avvelenamento da nitrofurano

nbsp I nitrofurani sono usati per trattare le infezioni del tratto urinario. Anche alla solita dose terapeutica, il farmaco può causare polineuropatia, specialmente se si osserva contemporaneamente insufficienza renale. La gravità delle manifestazioni neurologiche e la loro prognosi dipendono dalla gravità dell'insufficienza renale. Se quest'ultimo è pronunciato in modo significativo, la polineuropatia grave si sviluppa già entro 1-2 settimane, che di solito non tende a invertire lo sviluppo.

Polineuropatia con toxicoinfections

nbsp Veleno botulinico - il più forte dei veleni, sempre fatale quando in contatto con il cervello. Tuttavia, quando ingerito, il veleno non penetra nel sistema nervoso centrale, poiché non supera la barriera emato-encefalica. Il sito d'azione della tossina botulinica rimane solo la zona di trasmissione neuromuscolare.

nbsp La polineuropatia del botulino non è una complicazione della malattia, ma la sua manifestazione. Questa è essenzialmente polineuropatia primaria, che per lungo tempo è stata erroneamente attribuita all'encefalite tossica, e alla base della già descritta "sindrome bulbare" (in realtà, polineuropatica) si trova un difetto neuromuscolare mediatore.

nbsp Sintomi. Le manifestazioni cliniche iniziano entro poche ore dopo aver consumato cibi in scatola di scarsa qualità, salsicce, in cui il batterio del botulismo si moltiplica. Vomito, diarrea, dolore addominale, secchezza delle mucose e pelle appaiono. Presto si uniscono la paralisi dell'alloggio, l'immobilità riflessa, le pupille dilatate, la doppia visione, le voci nasali, il disordine della deglutizione, la debolezza dei muscoli del collo.

trattamento nbsp. L'introduzione del siero antitossico. In assenza di un trattamento adeguato, la morte si verifica nel 50-60% dei casi. L'inizio della regressione dei sintomi di solito finisce con il recupero completo.

nbsp con difterite
nbsp La polineurite della difterite è causata da danni alle radici e ai nervi periferici da parte della tossina difterica. La tossina della difterite è fissata principalmente nel sistema nervoso periferico.

nbsp Il trattamento viene eseguito in ospedale sotto la costante supervisione di un medico.
nbsp La prognosi diventa estremamente grave con la sconfitta dei nervi vago e frenico.

Polineuropatia diabetica

nbsp Danno al sistema nervoso autonomo nel diabete:

  • disturbo della minzione
  • impotenza nei giovani
  • diarrea (soprattutto di notte)
  • atrofia della pelle nelle donne
  • ulcere trofiche (principalmente sulla pianta dei piedi)

trattamento nbsp. Il componente più importante è il controllo ottimale dei livelli di glucosio nel sangue. Sullo sfondo di un declino, alcune delle sindromi descritte tendono a diminuire. I farmaci antiepilettici sono usati per alleviare il dolore e le parestesie.
nbsp Si raccomanda anche l'uso di sali di acido tiottico. Efficace azione centrale analgesica non narcotica. Inoltre, prescrivi vitamine del gruppo B, vasodilatatori, sedativi, creme e unguenti.

Dieta per polineuropatia diabetica

nbsp Elenco dei prodotti approvati:

  • La quantità giornaliera di frutta - mele, pompelmi e pesche - dovrebbe essere divisa in 5 parti, ciò contribuirà ad evitare un improvviso aumento dei livelli di zucchero nel sangue
  • Mangiare cibi che contengono grandi quantità di fibre vegetali - cereali grossolani, frutta, verdura, noci.
  • Puoi usare cereali non cotti, spaghetti integrali e riso scuro, non bianco.
  • Più volte alla settimana, puoi prepararti piatti a base di carne o frattaglie - rene, fegato, cuore
  • Devo andare alla carne di pollame
  • Ottimi pasti possono essere preparati da pesce e frutti di mare. È meglio cuocere, far bollire, spezzettare e non friggere
  • Può mangiare uova
  • Usa grassi leggeri - olio di oliva, girasole o soia

nbsp Prodotti da evitare:

  • Elimina gradualmente lo zucchero, i dolcificanti artificiali e il miele. Utilizzare invece i dolcificanti speciali. Se vuoi davvero, è meglio acquistare cioccolato fondente con il 70% di cacao contenuto
  • Limitare l'uso di cereali
  • Evita le verdure che contengono grandi quantità di amido e carboidrati: patate, carote, piselli, fagioli, barbabietole
  • Evita anche i frutti dolci - banane, uva, fragole.
  • Puoi usare il latte, ma in piccole quantità. Limitare lo yogurt intero grasso, formaggio e cagliata
  • Evita il fast food
  • Limitare l'uso di succhi di frutta, perché contengono grandi quantità di carboidrati, o bevono succhi, diluiti con acqua in un rapporto di 1: 3
  • Non mangiare cibi che contengono grassi saturi: carni grasse, prodotti caseari integrali, burro, strutto

Fitoterapia in polineuropatia diabetica

nbsp Si raccomandano le seguenti piante:

  • foglie di betulla, cowberry, mirtillo, ribes nero, fragoline di bosco, menta piperita, tè del rene, ortica, noce, piantaggine
  • erba officinalis di Veronica, piccolo centauro, motherwort a cinque pale, timo di giardino, Hypericum perforatum, larva di palude
  • radice di bardana, cannella rosa selvatica, liquirizia, cicoria ordinaria, asparagi medicinali
  • frutti di biancospino rosso sangue, cannella rosa canina
  • stimmi di mais
  • gemme lilla comuni
  • fiori di sambuco neri
  • seme di lino
  • baccelli di fagioli comuni
  • varie parti di ginseng, eleutherococcus spinoso, alga giapponese, zamanihi

nbsp La maggior parte dei fitoterapisti ritiene che tale terapia debba essere effettuata ininterrottamente, per tutta la vita del paziente senza interruzione, con l'alternanza di diverse tasse di impianto o singole piante.

nbsp Prendere 20 g di foglie di more con foglie di ribes nero, foglie di menta piperita, foglie di uva ursina, foglie di mirtillo. versare 1 cucchiaio. cucchiaio della miscela con un bicchiere di acqua bollente e infondere per 30 minuti. Prendi 1/2 tazza 3 volte al giorno.

nbsp Prendere 10 g di radici zamani, erba equiseto, fianchi corona, erba divisa in tre parti, radici di elecampane, foglie di mirtillo, erba di erba di San Giovanni, fiori di camomilla, erbe di menta piperita. 1 cucchiaio. cucchiaio della miscela versare un bicchiere di acqua bollente e infondere per 30 minuti. Prendi 1/3 tazza prima dei pasti 3 volte al giorno.

nbsp Prendere 20 g di foglie di noce, foglie di mirtillo, foglie di fagiolo, radici di bardana, fiori di sambuco o radici. Mescolare la miscela con 2 tazze di acqua bollente, lasciare per 5 ore, filtrare. Assumere 1/2 tazza dopo i pasti 3 volte al giorno.

nbsp Prendere 25 g di foglie di mirtillo, foglie di mora di grigio, foglie di fragola selvatica, bacche di rosa selvatica. versare 1 cucchiaio. cucchiaio schiacciato miscela con un bicchiere di acqua bollente e infondere per 30 minuti. Strain. Assumere 1/2 tazza 3 volte al giorno prima dei pasti.

nbsp Prendere 20 g di foglie di mirtillo e foglie di fagioli. 1 cucchiaio. cucchiaio della miscela versare 1 tazza di acqua bollente e far bollire per 15 minuti. Infondere 30 minuti Assumere 1/2 tazza 3-4 volte al giorno prima dei pasti.

nbsp Prendere 20 g di foglie di mirtillo, radici di dente di leone medicinali, foglie di ortica, erba di erba di San Giovanni, erba di equiseto scavata. 1 cucchiaio. cucchiaio versare il composto con 1 tazza di acqua bollente e lasciare per 30 minuti.
nbsp Prendere 1/3 di tazza 3 volte al giorno prima dei pasti per un mese. Dopo una pausa di due mesi, il corso può essere ripetuto.

nbsp Prendere 25 g di frutti di ginepro, semi di lino, foglie di mirtillo, foglie di cowberry. 1 cucchiaino della miscela versare acqua bollente e far bollire con il coperchio chiuso per 5 minuti. Infondere 30 minuti Strain. Assumere 1/3 di tazza 3 volte al giorno prima dei pasti.

nbsp Prendere 10 foglie di alloro versare 3 tazze di acqua bollente, lasciare per 2-3 ore Prendere 1 1/2 tazza di infusione 3 volte al giorno.

nbsp Prendere 100 g di chicchi di avena, versare 3 tazze di acqua. L'infusione richiede 1/2 tazza 3-4 volte al giorno prima dei pasti.

Rimedi popolari per la polineuropatia

nbsp C'è una ricetta efficace e molto semplice per il trattamento di questo disturbo: 3 volte al giorno per 15-20 minuti, è necessario imprimere i piedi nudi su steli di ortica.

nbsp Puoi fare bagni caldi per arti dolenti con steli e foglie di topinambur, salvia, origano, motherwort. Macinare e mescolare 100 g di queste erbe e versare 3 litri di acqua bollente. Infondere per 1 ora, filtrare e aggiungere un po 'd'acqua a temperatura ambiente. La durata della procedura è di 10-15 minuti.

nbsp Prendi un normale bagno caldo per i piedi, quindi lubrifica i piedi con crema con veleno d'api o estratto di sanguisughe.

nbsp Attaccare la buccia di limone inzuppata con poche gocce di olio d'oliva ai piedi durante la notte. Questo eliminerà il disagio agli arti, allevia i crampi e ammorbidisce la pelle secca e ruvida.

nbsp Quando la polineuropatia diabetica aiuta il topinambur: riduce il livello di glucosio nel sangue, migliora il metabolismo dei grassi, lo stato del fegato, la ghiandola tiroidea e tutti gli organi dell'apparato digerente.

nbsp Il topinambur può essere mangiato in qualsiasi forma: foglie e radici, condite con olio vegetale o di oliva, sono adatte alla preparazione di insalate.
nbsp Sbucciare 200 g di tuberi di topinambur, grattugiare, aggiungere 200 g di carote grattugiate. Mescolare, salare e condire con olio vegetale.

Attenzione! l'informazione sul sito Web non è una diagnosi medica o guida all'azione ed è intesa solo come riferimento.

Nutrizione per la neuropatia degli arti inferiori

Polineuropatia: diabetici, arti inferiori, alcolici (tossici) e altri

Per molti anni, lottando senza successo con l'ipertensione?

Il capo dell'Istituto: "Sarai stupito di quanto sia facile curare l'ipertensione assumendola ogni giorno.

La polineuropatia è una lesione dei nervi periferici e dei vasi sanguigni che fornisce loro nutrizione. Questo processo patologico è talvolta chiamato polineuropatia, che modifica una lettera, neuropatia, poliradicoloneuropatia o polineurite, ma quest'ultima (polineurite) è percepita come infiammazione, e per i nervi periferici, il vero processo infiammatorio non è in qualche modo caratteristico, è, se si verifica, molto raramente.

La base della polineuropatia è costituita da altri fattori: i disordini metabolici (la polineuropatia diabetica è un ottimo esempio), i fattori ischemici e il danno meccanico che danno cambiamenti morfologici alle fibre nervose. E persino un'infezione infettata dalle fibre nervose non produce un'infiammazione tipica, ma si manifesta come reazione allergica. Ecco perché la parola "polineurite" lascia gradualmente la terminologia.

Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori usano con successo ReCardio. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
Leggi di più qui...

Se, oltre ai nervi periferici, i disturbi colpiscono le radici del midollo spinale, la malattia inizia a chiamarsi polyradiculoneuropathy. Il processo patologico è più evidente in caso di lesioni delle gambe distali (polineuropatia degli arti inferiori) - è dato dalla caratteristica "andatura" del paziente.

Le ragioni per lo sviluppo di questa patologia sono diverse, quasi ogni fattore che ha avuto un effetto negativo sul corpo almeno una volta può portare alla comparsa della malattia, mentre i singoli casi della malattia rimangono un mistero per sempre.

Come capire la diagnosi?

Nella maggior parte dei casi, i pazienti nella "diagnosi" non vedono solo la parola "polineuropatia", di solito viene aggiunta qualche definizione. E se le parole "alcolico" o "tossico" sono più o meno capite dalle persone, altri termini ("assonale" e "demielinizzante") sollevano domande. Affinché il lettore possa comprendere i significati di queste definizioni, è necessario, sulla base di dati provenienti da varie fonti, cercare di classificare in qualche modo questa patologia, poiché l'opzione di classificazione generalmente accettata non è stata ancora sviluppata.

Per origine, si distinguono le seguenti forme di polineuropatia:

  • Alimentare.
  • Ereditaria.
  • Autoimmune.
  • Polineuropatia metabolica (epatica, uremica, diabetica).
  • Toxic.
  • Infettiva tossico.

Nel frattempo, nella letteratura si può anche trovare un'altra divisione della malattia secondo il fattore eziologico, dove si distinguono: infiammatoria, anche se la vera infiammazione è classificata come varianti estremamente rare, tossiche, allergiche e traumatiche.

A seconda del tipo di processo patologico, si distinguono due forme di malattia e sembra che le opinioni non differiscano qui:

  1. Polineuropatia assonale: si verifica quando un assone è danneggiato;
  2. Demielinizzante - formato dalla demielinizzazione delle fibre nervose.

Va notato che queste due forme sono di breve durata, e quindi non sempre, esistono nella loro forma pura: nella lesione primaria dell'assone, la componente demielinizzante si unisce come patologia secondaria, e nella demielinizzazione, quella assonale.

Non c'è disaccordo particolare riguardo alla classificazione della polineuropatia secondo la natura del decorso, quindi, nella descrizione della malattia che si può incontrare:

  • Processi acuti;
  • Opzione subacuta;
  • Corso cronico

Inoltre, a seconda della prevalenza dei sintomi di un particolare tipo di neuropatia, si distinguono forme motorie, sensoriali e autonome, che, tuttavia, si verificano in forma isolata molto raramente, i tipi di malattia motorio-sensoriale o sensoriale-autonomica sono più comuni.

È piuttosto difficile descrivere (o semplicemente elencare) tutti i tipi di neuropatia - ce ne sono molti, tuttavia, va tenuto presente che, indipendentemente dal fattore eziologico, tutte le forme hanno manifestazioni cliniche comuni che, oltre alla loro origine, determinano l'approccio terapeutico e la prognosi della malattia..

Sintomi di polineuropatia

Le lesioni sistemiche del nervo periferico sono riferite alle principali manifestazioni cliniche caratteristiche dell'intero gruppo di neuropatie e non è così importante: a che tipo appartiene il processo patologico e in quale direzione - i sintomi principali saranno presenti:

  1. Debolezza muscolare e atrofia;
  2. Diminuzione dei riflessi tendinei;
  3. Paresi periferica;
  4. Disturbo della sensibilità negli arti distali (ipostezia, parestesia, iperestesia);
  5. Disturbi vegetativo-vascolari trofici.

Le PNP demielinizzanti si manifestano principalmente nella sofferenza delle fibre nervose di grandi dimensioni della mielina (motorie e sensoriali), mentre i nervi vegetativi e sensoriali della mielina, che forniscono sensibilità superficiale, non si coinvolgono nel processo, rimangono intatti e intatti. Questa variante della malattia si manifesta con la perdita dei riflessi profondi e il disturbo delle sensazioni vibrazionali con relativa conservazione della sensibilità superficiale. La demielinizzazione, che colpisce non solo le parti distali degli arti, col tempo espande i confini e inizia a diffondersi alle radici, manifestandosi:

  • Paresi periferica;
  • Debolezza degli arti (distali);
  • Ispessimento nervoso in caso di decorso cronico.

Tale polineuropatia degli arti inferiori non appartiene a processi irreversibili. Soggetto all'eliminazione del fattore eziologico e un adeguato trattamento delle guaine mieliniche vengono ripristinati e entro 1,5 - 2 mesi si verifica regressione dei sintomi neurologici.

Le neuropatie assonali possono influenzare diversi tipi di fibre con lo sviluppo graduale di una condizione patologica. I sintomi caratteristici di questo tipo di PNP includono:

  1. Disturbi sensibili (dolore, temperatura);
  2. Disturbi vegetativi;
  3. L'assenza di violazioni dei riflessi profondi nella fase iniziale della malattia.

Difficilmente si può aspettare il pieno ripristino delle capacità funzionali perse nel caso dell'assiopatia. Gli assoni vengono rigenerati lentamente e i processi degli assoni sopravvissuti, sebbene stiano cercando di compensare la perdita, non hanno la possibilità di farlo in pieno.

Tuttavia, tenendo conto del fatto che un fattore causale è principalmente importante per ottenere un buon effetto dalle misure terapeutiche, un'attenzione particolare è rivolta alla sua ricerca.

Quali fattori patiscono i nervi periferici?

Il diabete mellito è la causa principale

Il più delle volte, la neuropatia si intende quando parlano delle complicazioni di una malattia molto diffusa in tutto il mondo - diabete mellito (neuropatia diabetica, piede diabetico), quindi, non si può non sottolineare la sua posizione dominante nell'elenco delle cause. La sconfitta delle piccole navi nel diabete mellito è osservata in metà o più pazienti affetti da diabete. Quando una malattia si manifesta - è difficile da prevedere, può accadere all'inizio della malattia e diventare i primi sintomi del diabete, oppure lo sviluppo della malattia può essere posticipato per un periodo indefinito, calcolato per molti anni.

Il principale fattore che scatena lo sviluppo della neuropatia diabetica è la componente ischemica e i disordini metabolici nella fibra nervosa.

L'apparizione dei primi segni neurologici di polineuropatia diabetica (la sensazione di vibrazione alle caviglie è accorciata, la diminuzione dei riflessi di Achille) non dà motivo di credere che la malattia inizierà a svilupparsi rapidamente. Con questi sintomi, un diabetico può vivere per molti anni senza fare altre lamentele prima che inizi la progressione del processo, quando il quadro clinico assume una colorazione tipica della neuropatia:

  • C'è un forte dolore molto straziante ai piedi e agli stinchi, che, in calore e in pace, diventa ancora più acuto;
  • I piedi diventano deboli;
  • L'innervazione vegetativa inizia a soffrire;
  • L'intensità del dolore nel tempo continua ad aumentare - diventano insopportabili;
  • Contemporaneamente all'aumento del dolore, compare il prurito (non sempre, ma molto spesso), il colore della pelle cambia (dal viola al nero);
  • Si forma il piede diabetico, che non solo porta a una diminuzione della funzionalità degli arti inferiori, ma spesso causa la loro amputazione.

La polineuropatia degli arti inferiori, che si sviluppa sullo sfondo del diabete mellito, è la più frequente complicanza grave della malattia di tipo 2 "zucchero" e mal di testa degli endocrinologi, quindi la diagnosi stabilita (DM) è già un motivo per prevenire il danno alle fibre nervose e la comparsa dei primi segni è di rivedere la terapia in lato dell'efficienza. Oltre alle misure volte a compensare la malattia di base (DM), il trattamento è prescritto per migliorare la circolazione sanguigna, alleviare il gonfiore e prevenire l'infezione (terapia antibiotica locale).

Neuropatia diabetica, video - il programma "Vivere è fantastico!"

Altre malattie possono anche innescare la formazione di neuropatia e renderla concomitante, oltre al diabete mellito: patologia ematologica, collagenosi, cirrosi biliare, neoplasie, ipotiroidismo, mieloma multiplo, ecc.

Carenza di vitamina B

La carenza di singole vitamine del gruppo B (B1, B12, B6), che per loro natura hanno un effetto neurotropico (influenzano positivamente il sistema nervoso centrale e i nervi periferici), pertanto sono utilizzate in forma medicinale come mezzo importante per il trattamento patogenetico. Naturalmente, se il corpo per qualche motivo sviluppa una carenza di queste vitamine, che non saranno rapidamente reintegrate, i sintomi della polineuropatia assonale cronica si manifesteranno presto.

  1. La carenza di vitamina B1 (tiamina) causa neuropatia degli arti inferiori, simile a quella diabetica o alcolica;
  2. La deficienza di B6 (piridossina) forma prevalentemente disturbi sensoriali, manifestati da intorpidimento e formicolio;
  3. La mancanza di B12 (cianocobalin) - il più delle volte porta alla degenerazione del midollo spinale e al danneggiamento delle corde posteriori, talvolta allo sviluppo di disturbi sensoriali con intorpidimento e formicolio.

Il principale metodo di trattamento di questo tipo di polineuropatia è la somministrazione di vitamine del gruppo B e acido ascorbico in dosi terapeutiche, nonché una dieta ricca di queste sostanze benefiche.

Forma tossica

La forma tossica della malattia con lesioni dei nervi cranici può svilupparsi come complicazione del processo infettivo causato da agenti quali Bacillus Leffler (difterite bacillus - difterite neuropatia), il virus dell'herpes e il virus dell'immunodeficienza umana (HIV).

Grave intossicazione, che si sviluppa a causa della penetrazione nel sangue di sostanze estranee al corpo umano che arrivano accidentalmente o deliberatamente allo scopo di ridurre la vita stessa: arsenico, metanolo, che viene confuso con etanolo, monossido di carbonio, diclorvos e altri composti chimici organofosforici (o semplicemente tossici). Forme di polineuropatia tossica e uso cronico di bevande alcoliche, l'unica differenza è che i suddetti veleni agiscono molto rapidamente e influenzano i nervi per 2-4 giorni, provocando polineuropatia assonale acuta e un intossicazione alcolica del suo corpo per mesi e anni, creando il terreno per la progressione del processo patologico. Nella maggior parte dei casi, entro sei mesi la persona che soffre di alcolismo "usa le sue possibilità" per ottenere la malattia.

La polineuropatia alcolica si sviluppa nel 2 - 3% delle persone che non conoscono le misure nelle bevande forti, ed è al secondo posto dopo il diabete. Il ruolo principale nella formazione del processo patologico è giocato da 2 fattori: 1) l'effetto tossico dell'etanolo sul sistema nervoso, 2) i disturbi metabolici nei nervi. Non sono solo i nervi periferici a subire l'influenza dell'alcol, alcuni cambiamenti colpiscono anche il cervello e il midollo spinale.

I sintomi della neuropatia alcolica si sviluppano gradualmente:

  • Il dolore nei polpacci, aggravato dalla pressione e le parestesie nelle parti distali appaiono prima;
  • Un po 'più tardi arriva la debolezza e la paralisi, che colpiscono sia gli arti superiori che quelli inferiori;
  • La muscolatura paretica inizia rapidamente a atrofia;
  • I riflessi profondi aumentano, le loro zone si espandono;
  • Inizia a comparire una violazione della sensibilità superficiale di calze e guanti;
  • L'approfondimento delle manifestazioni cliniche in assenza di trattamento può portare al fatto che i segni esterni del PNP iniziano ad assomigliare a uno strappo spinale nella sifilide, ma l'assenza di sintomi caratteristici (RW è positivo, disturbo urinario, "tiro") indica un diverso fattore causale e un altro tipo di neuropatia, nulla in comune con la sifilide che non ha.

Talvolta la polineuropatia alcolica si sviluppa rapidamente e di solito si manifesta dopo grave ipotermia. Questo tipo è caratterizzato da una vasta gamma di cambiamenti nel sistema nervoso, i pazienti, di regola, hanno un aspetto "eloquente" e presentano molte lamentele. Disturbi vasomotori, secretori e trofici sono la causa dell'aumento della sudorazione, del gonfiore delle parti distali degli arti inferiori e superiori, dei cambiamenti di temperatura e del colore della pelle.

Il dolore nella neuropatia alcolica può aumentare in pochi mesi. Nel frattempo, un trattamento tempestivo, che include terapia vitaminica, nootropia, fisioterapia, prozerina, può invertire lo sviluppo del processo.

In conclusione, questa sezione dovrebbe ricordare la neuropatia che si sviluppa dall'uso di sostanze intese per il trattamento e la prevenzione delle malattie. La polineuropatia farmacologica si sviluppa sullo sfondo del trattamento con farmaci difficili da attribuire ai semplici: sali d'oro, bismuto, sulfamidici, anticonvulsivanti, farmaci antibatterici e chemioterapici. In altri casi, i nervi periferici possono essere colpiti dopo aver camminato sul vaccino (somministrazione di vaccini e sieri).

Lesioni, compressione, ipotermia e fattore sconosciuto

In questa sezione, abbiamo raccolto molte ragioni simili, perché è spesso possibile sentire che le manifestazioni della malattia si sono sviluppate dopo un livido o un'ipotermia, a volte i segni di polineuropatia sono risultati come conseguenza dell'infezione o come risultato di sindromi da compressione con cui l'osteocondrosi è così ricca.

Pertanto, la causa della neuropatia spesso agisce:

    Lesioni. Danni meccanici ai nervi a seguito di ferite (contusioni, lussazioni, fratture aperte e chiuse, interventi chirurgici infruttuosi) possono causare neuropatia degli arti inferiori o superiori con parestesia, intorpidimento, formicolio. Ad esempio, una violazione traumatica dell'integrità del nervo ulnare di uno degli arti superiori dà un quadro tipico della neuropatia ulnare: dita senza vita piegate, una mano con segni di atrofia muscolare, perdita di capacità funzionale.

Compressione delle radici nervose. La sindrome da compressione nell'osteocondrosi o nei dischi intervertebrali erniati, dove i sintomi dei nervi periferici sono più spesso transitori, può causare radicolopatia sia agli arti superiori che agli arti inferiori, accompagnata da disturbi motori, sensoriali e autonomi. Le alterazioni degenerative-distrofiche interessano principalmente le parti inferiori della colonna vertebrale (osteocondrosi e le sue conseguenze) e, in assenza o inefficacia del trattamento, spesso portano alla compressione delle radici nervose, che può facilmente portare allo sviluppo della neuropatia degli arti inferiori. La sindrome da compressione risultante dalla progressione dell'artrite reumatoide, dallo sviluppo del tumore, dalla manipolazione medica, minaccia la violazione dei nervi degli arti superiori, che spesso si traduce in neuropatia del plesso brachiale (plexite brachiale) o neuropatia del gomito.

  • Ipotermia. Insieme ad altri fattori (otite, diabete mellito, lesioni, ictus, chirurgia, tumore, manipolazioni dentali), l'effetto di correnti d'aria e freddo provoca un processo infiammatorio che cambia significativamente l'aspetto (la faccia è inclinata, l'occhio non si chiude) e consegna l'inconveniente supplementare (violazione di gusto, qualche volta sconfitta di ghiandole lamentose). Il nome di questa malattia è la neuropatia del nervo facciale.
  • Alcune delle forme ereditarie, così come la poliarticoloneuropatia demielinizzante infiammatoria acuta, chiamata sindrome di Guillain-Barré, sono considerate forme misteriose della malattia, poiché l'origine non è completamente definita. È noto che la sindrome di Guillain-Barrè spesso si manifesta dopo un'infezione acuta, sofferta da una persona e, possibilmente, causata da un virus filtrante, che, per inciso, non è ancora stato isolato. Molti autori attribuiscono questa sindrome a una manifestazione peculiare di una reazione allergica e considerano il processo patologico come una patologia autoimmune.
  • Di particolare interesse è la polineuropatia, che in origine era chiamata polineurite postpartum. Dopo ulteriori studi su questa condizione patologica, si è scoperto che non è così postnatale e può svilupparsi in qualsiasi stadio della gravidanza, così ora alla malattia viene dato un altro nome: la polineuropatia delle donne incinte.

    L'origine del socio in gravidanza PNP:

    • Con una mancanza di vitamine (gruppo B - in particolare) durante la gravidanza;
    • Con una maggiore sensibilità alle proteine ​​che entrano nel corpo della donna dalla placenta e dal feto e sono estranee ad esso;
    • Con effetti tossici dei prodotti metabolici sui nervi periferici.

    I sintomi della polineuropatia degli arti inferiori (parestesie, paresi, paralisi e dolore) appaiono sullo sfondo del benessere completo, tuttavia lo sviluppo della malattia spesso non finisce qui ei segni di intossicazione (debolezza generale, nausea, vomito, ecc.) Sono associati ai sintomi del PNP.

    Il trattamento principale per questa patologia è la prescrizione di complessi vitaminici contenenti vitamine B, terapia di desensibilizzazione.

    eredità

    Le neuropatie ereditarie rappresentano un gruppo eterogeneo di stati patologici: alcune mutazioni genetiche causano un singolo sintomo, mentre altre, al contrario, danno molti sintomi diversi, tra i quali si manifesta come una lesione dei nervi periferici.

    Le neuropatie metaboliche includono l'amiloidosi ereditaria, così come i disturbi del metabolismo dei porfiria e dei lipidi della stessa origine. Le forme misteriose rappresentano la sindrome ereditaria motorio-sensoriale (sindrome di Charcot-Marie-Tuta) e quella sensoriale-vegetativa (malattia di Fabry). Come esempio di PNP ereditario, diamo la malattia di Fabry (malattia legata allo stoccaggio lisosomiale legata al sesso), in cui la neuropatia agisce come uno dei molti sintomi. Dal momento che il gene che controlla questa patologia è sul cromosoma X, sono soprattutto gli uomini che sono malati, il che è comprensibile - hanno solo un cromosoma X e, se risulta essere difettoso, la malattia è inevitabile. Tuttavia, ci sono casi noti di malattia delle donne, ma perché questo sta accadendo - dai genetisti non hanno ancora ricevuto una risposta chiara. La malattia ha una ricca sintomatologia (intolleranza allo sforzo, riduzione della sudorazione, danni agli organi interni) e l'aspetto caratteristico del paziente (acromegalia). Le manifestazioni di neuropatia possono influire in ugual misura sugli arti inferiori e superiori: i piedi e le palme manifestano costante bruciore, intorpidimento, dolore. I sintomi sono aggravati da una crisi, che è innescata dallo stress, dall'esposizione al freddo o al caldo.

    Per il trattamento dell'ipertensione, i nostri lettori usano con successo ReCardio. Vedendo la popolarità di questo strumento, abbiamo deciso di offrirlo alla tua attenzione.
    Leggi di più qui...

    trattamento

    Sebbene il trattamento della polineuropatia sia determinato prendendo in considerazione il fattore causale e preveda l'impatto sulla malattia sottostante che ha causato la sconfitta dei nervi periferici, le misure terapeutiche dovrebbero essere complete con attenzione simultanea all'eliminazione dei sintomi dell'ANP.

    Il problema del trattamento delle forme metaboliche di PNP, che sono principalmente i tipi più comuni: polineuropatia diabetica (una complicazione del diabete di tipo 2) e polineuropatia alcolica (una conseguenza dell'intossicazione da alcol cronica). Di norma, queste e spesso altre neuropatie sono accompagnate da un'intensa sindrome dolorosa e una marcata compromissione della sensibilità. Per ridurre le manifestazioni cliniche della medicina moderna offre vari metodi di trattamento:

    1. Terapia vitaminica I preparati combinati contenenti vitamine B1, B6, B12 (neuromultivite, milgamma) in dosi farmaceutiche sono tra i primi. Danno un buon effetto analgesico, eliminano il disordine della sensibilità migliorando la capacità dei nervi di ripristinare i loro componenti strutturali, forniscono una protezione antiossidante. Le forme naturali delle vitamine elencate sono attratte dal trattamento della PNP, combinandole, così come da altri farmaci di questo gruppo farmacologico (vitamine A, C, E).
    2. Antidolorifici. Per il sollievo dal dolore, vengono utilizzati principalmente analgesici non narcotici (aspirina, tramiva) e antiinfiammatori non steroidei (FANS), ma con dolore forte, codeina e persino morfina vengono prescritti in altri casi. Ritengono consigliabile aggiungere Magne B6 alla terapia analgesica, che aumenta l'efficacia del trattamento con analgesici.
    3. Glucocorticoidi, plasmaferesi, immunosoppressori. Gli ultimi risultati di studi scientifici hanno dimostrato che il ruolo principale nella patogenesi di alcuni PNP è la distruzione dell'immunità tissutale, pertanto l'immunomodulazione a lungo termine con l'aiuto di farmaci è molto giustificata. In questi casi, l'uso di farmaci come azatioprina, ciclosporina, irradiazione del sistema linfatico + ciclofosfamide. Tuttavia, nelle gravi condizioni di un paziente, gli immunosoppressori sono spesso associati a ormoni o plasmaferesi (azatioprina + prednisone, azatioprina + plasmaferesi). Spesso, l'erbisol, che è un complesso di composti organici naturali, ha un effetto multidirezionale (immunomodulatore, anti-infiammatorio, antiossidante, stabilizzante della membrana). Nel frattempo, gli schemi di terapia ormonale (prednisone, metilprednisolone) con dosi crescenti e decrescenti (tenendo conto delle condizioni del paziente) sono determinati solo da un medico. Egli combina anche la terapia ormonale con immunoglobuline (immunoglobulina umana normale, sandoglobulina) o plasmaferesi. Queste attività sono svolte in condizioni stazionarie.
    4. Altre droghe In caso di polineuropatia, vengono prescritti altri farmaci: accelerazione dell'utilizzo del glucosio, miglioramento della nutrizione tissutale e delle proprietà reologiche del sangue, possesso di un diuretico, vasodilatatore, effetto venotonico (tutte queste qualità sono contenute in instenon), nonché farmaci che migliorano il metabolismo cellulare (actovegin) e nervosamente - conduttività muscolare (prozerina), normalizzazione del flusso sanguigno nella microvascolarizzazione (trental), regolazione delle reazioni di ossidoriduzione nei tessuti (fosfatide). In alcuni casi, viene eseguita la terapia di disintossicazione o desensibilizzazione. È possibile trovare una vasta gamma di farmaci da vari gruppi farmacologici: cerebrolysin, hydroxypin, picamelone, encade, pantotenato di calcio... nelle note di prescrizione per il paziente di PNP... Cosa prescrivere e come giustificarlo - pensa il dottore.

    La polineuropatia (a seconda dell'origine e delle manifestazioni cliniche) può a volte inchiodare il paziente a letto per un lungo periodo di tempo. E lui stesso, e, soprattutto, i suoi parenti dovrebbero ricordare che non tutti sono in balia di composti chimici chiamati medicinali. Un ruolo significativo è svolto da un'alimentazione corretta, misure di riabilitazione e, soprattutto, cura e assistenza.

    Video: polineuropatia periferica, sul programma più importante

    Malattie delle navi delle gambe e metodi del loro trattamento

    L'essenza della malattia è la rottura del normale flusso sanguigno attraverso i vasi di alimentazione delle gambe - arterie. Molto probabilmente, questo è dovuto al fatto che il restringimento dei vasi delle gambe o il loro blocco completo si verifica. L'offerta limitata di tessuti con ossigeno spesso porta a varie complicazioni. Diventa più difficile muoversi, dolore doloroso alle gambe. Nelle fasi critiche dell'ischemia, il tessuto muore, che può minacciare la gangrena e l'amputazione.

    Malattie delle navi delle gambe

    Un ampio gruppo di malattie può essere attribuito a lesioni vascolari delle gambe.

    • Aterosclerosi dei vasi degli arti inferiori. Manifestata dal dolore nei muscoli del polpaccio quando si cammina, claudicatio intermittente.
    • L'endarterite è una malattia cronica dei vasi della gamba, principalmente con lesioni delle arterie della gamba. I vasi si restringono gradualmente, fino al blocco perfetto del loro lume con la morte di tessuti privi di afflusso di sangue. Sintomi: convulsioni, affaticamento delle gambe, claudicatio intermittente e dolore lancinante.
    • L'aterosclerosi obliqua dei vasi della gamba è una malattia che si verifica quando le pareti dei vasi arteriosi si ispessiscono, a causa dei depositi di colesterolo e lipidi, che a loro volta formano placche aterosclerotiche che provocano una riduzione graduale delle arterie e una sovrapposizione assoluta. I segni caratteristici aumentano il dolore durante l'arrampicata su scale, corsa, camminata veloce.
    • L'ostruzione acuta delle arterie delle estremità - si verifica in conseguenza di ipercoagulazione, cambiamenti nella parete arteriosa come risultato di un processo aterosclerotico o infiammatorio, così come patologia della scorrevolezza del sangue. Accompagnato da spasmo arterioso sul paziente e su una gamba sana.
    • Vene varicose - una malattia in cui le vene perdono la loro elasticità, si espandono e si allungano. Sintomi: presenza di vene dilatate, crampi notturni, sensazione di pesantezza alle gambe, iperpigmentazione cutanea nell'area della caviglia interna. Possibili complicazioni - sanguinamento o tromboflebite acuta.
    • La trombosi venosa acuta è la formazione di un coagulo di sangue in una vena associata a ipercoagulazione, traumi alla parete della vena o infiammazione, alterazione del flusso sanguigno. Sintomi: gonfiore rapido dell'arto, ipertermia locale, dolore e cianosi, che si verifica in casi gravi ed è accompagnato da spasmo arterioso acuto.
    • La trombosi del sistema venoso superficiale è una malattia dei vasi della gamba, che ha origine sullo sfondo delle vene varicose, che è spesso associata all'infezione. Il paziente lamenta un forte rossore, dolore alla gamba, infiltrazione lungo la vena trombizzata.

    Come curare l'infiammazione dei vasi delle gambe

    • È necessario eseguire esercizi per il deflusso di sangue.
    • Combinazione obbligatoria di lavoro fuori dalle navi e riscaldamento con bendaggi elastici degli arti inferiori.
    • Come anti-infiammatorio, anti-infettivo, i mezzi trofici applicano le compresse con la vodka.
    • Mostra bevande abbondanti con la raccolta di erbe.

    Durante il corso di raffreddori acuti con complicazioni ai vasi della gamba è importante tenere conto del fatto che anche se il paziente ha guarito e si sente meglio, non sta bene. Ciò è evidenziato da problemi con i vasi delle gambe, sotto forma di piccoli edemi, arrossamento delle gambe, a volte contrazioni dei muscoli delle gambe, piccoli crampi al polpaccio e dolore tollerabile lungo le vene.

    Ciò indica in realtà i gravi processi patologici che hanno iniziato a verificarsi nei vasi degli arti inferiori. E con qualsiasi raffreddore, questi fenomeni si intensificheranno, perché i focolai infettivi cronici sono attivati, di conseguenza, gli arti inferiori devono essere trattati insieme a raffreddori. È necessario fermare i processi negativi alle loro prime manifestazioni, è anche necessario controllare i vasi sanguigni dei piedi di uno specialista e la cosa principale da trattare fino al completo recupero.

    Come misurare la pressione sanguigna nelle gambe?

    A causa del funzionamento continuo della piccola pompa nel nostro petto, l'intero sistema circolatorio umano è costantemente sotto pressione. Ad ogni battito del cuore scorre una nuova porzione di sangue, per una persona media, il suo volume è di 70 ml. Questo sangue scorre attraverso le arterie fino alle estremità e agli organi vitali, in modo che, attraverso vasi più piccoli e capillari, fornisca loro ossigeno e sostanze nutritive. La pressione in diverse navi non è la stessa. Spesso, per ottenere un quadro diagnostico più completo, i medici misurano la pressione sulle gambe, i cui valori normali sono importanti quanto gli indicatori dell'arteria brachiale.

    Qual è la norma?

    La pressione del sangue non è costante. Oltre al fatto che cambia durante il ciclo di lavoro del muscolo cardiaco (sono questi indicatori che registriamo con un tonometro), si verificano anche cambiamenti di età.

    La pressione può salire e scendere durante il giorno a seconda di:

    • stress fisico e psico-emotivo;
    • condizioni meteorologiche;
    • pasti o bevande che influenzano la permeabilità vascolare e l'attività dei muscoli cardiaci;
    • altri fattori.

    Ci sono molti fattori del genere. A rigor di termini, ogni persona ha il proprio livello individuale di pressione a cui si sente a proprio agio. Questo valore viene spesso definito come pressione di lavoro ed è la norma per un particolare paziente. Tuttavia, i dati generalizzati ci consentono di parlare del parametro medio, che è considerato normale.

    Dimensione classica

    Quando parliamo di indicatori della pressione sanguigna, per impostazione predefinita, intendiamo i valori ottenuti sull'arteria brachiale. In effetti, puoi misurare la pressione su gambe e braccia. I metodi moderni forniscono dati sulla pressione sanguigna direttamente nell'aorta o in un'altra singola imbarcazione.

    L'arteria brachiale non è scelta a caso per una diagnosi rapida:

    • è abbastanza vicino al muscolo cardiaco e, quindi, dà un'idea del lavoro di tutto l'organismo nel suo insieme;
    • prendere le misure sulla mano è comodo e conveniente.

    Con questo metodo, le indicazioni di un misuratore di Hg da 120/80 mm vengono considerate come il livello medio normale. Queste cifre, tenendo conto di piccole deviazioni individuali, sono rilevanti per un giovane adulto. Con l'età, la pressione normale aumenta. Ad esempio, per un uomo di settant'anni, la pressione di 140/90 mm Hg. è normale, anche se gli stessi tassi sono inaccettabili per un venticinquenne. Nelle donne in giovane età, il tasso è 5-8 unità inferiore a quello maschile, nel corso degli anni è stato in testa agli indicatori del sesso più forte. Dopo 70 anni, la pressione è di 150/90 mm Hg. per una donna media, è considerato conforme.

    Arti inferiori

    Molto meno spesso misurare la pressione sanguigna nelle gambe. Ciò è dovuto, in primo luogo, a un certo inconveniente di questo metodo. In alcuni casi, tali dati diventano un aiuto inestimabile nella diagnosi di un certo numero di malattie cardiovascolari. A causa della distanza delle arterie degli arti inferiori dal muscolo cardiaco, le letture della pressione sanguigna ottenute come risultato di tali misurazioni differiscono in qualche modo dai risultati del metodo classico. La gamma delle tolleranze è piuttosto ampia: un medico esperto può interpretarlo correttamente. È considerato normale quando la pressione sulle braccia e sulle gambe è la stessa, o la pressione sanguigna negli arti inferiori è leggermente superiore a quella superiore. La tolleranza può essere di 20 mm Hg. Le differenze quando si confrontano le gambe sinistra e destra non dovrebbero essere superiori a 5 mm Hg.

    Quando fare ricerca

    La pressione sulle gambe è misurata per scopi diagnostici. In questo caso, solitamente vengono perseguiti due obiettivi:

    • calcolare l'indice caviglia-brachiale;
    • determinare il restringimento delle arterie principali degli arti inferiori.

    Inoltre, una tale misurazione può confermare indirettamente il deterioramento dell'afflusso di sangue agli arti superiori.

    Il restringimento dei vasi sanguigni nelle gambe si verifica per vari motivi. Ciò può essere dovuto a una diminuzione del lume di lavoro delle navi a causa di depositi di colesterolo. Problemi simili possono derivare da un trauma. Il deterioramento del flusso sanguigno agli arti inferiori è un grave problema vascolare che richiede un trattamento professionale. Per monitorare il decorso della malattia e l'efficacia delle procedure e dei farmaci prescritti, il medico curante calcola l'indice caviglia-braccio - questo è il rapporto tra la pressione sanguigna nelle braccia e nelle gambe.

    In alcuni paesi del mondo hanno cessato di applicare questo metodo di ricerca. Ad esempio, l'Associazione statunitense dei cardiologi non raccomanda di usarlo per la diagnosi, "in quanto non sufficientemente accurato e non informativo". Tuttavia, nella maggior parte dei casi, la medicina usa questo metodo collaudato per diagnosticare i vasi degli arti inferiori.

    Come misurare la pressione sulle gambe

    Misuri la pressione sanguigna negli arti inferiori in due modi:

    • nella zona della caviglia;
    • nell'area dell'anca.

    In entrambi i casi, non sarai in grado di misurarlo da solo. Per determinare questi indicatori è meglio contattare la clinica nella comunità.

    1. Misura nella zona della caviglia. Prima della procedura, il paziente si trova in posizione supina. Allo stesso tempo, le gambe dovrebbero essere distese e essere allo stesso livello del cuore. In nessun caso non è possibile aumentarli. Prima di iniziare lo studio, il paziente riceve 5-10 minuti per il riposo e la stabilizzazione. Il polsino del tonometro si trova sulla caviglia nella zona, che è 2-3 cm sopra la parte posteriore del piede. Per controllare il polso, viene utilizzata l'arteria tibiale, che si trova a tentoni dietro l'osso all'interno della caviglia. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata per assicurare che la cuffia fosse di dimensioni sufficienti - nello stato sgonfiato dovrebbe essere facile passare un dito sotto di essa. La misurazione è fatta nello stesso modo in cui avviene sulla mano.
    2. Misura nell'area dell'anca. Le procedure preparatorie sono simili al primo metodo, tranne che il paziente è sottoposto a uno studio sdraiato a pancia in giù. Per misurare la pressione in quest'area sarà necessario un bracciale speciale, poiché il volume della coscia è molto più grande della circonferenza della mano. Si trova sulla parte inferiore della coscia, un centimetro tre sopra l'arco del ginocchio. Per controllare il polso, viene utilizzata l'arteria poplitea, che si trova a tentare nella fossa poplitea. Con l'aiuto di un fonendoscopio e di un tonometro, le misurazioni vengono eseguite nello stesso modo di una mano.

    Ottenere risultati accurati

    Per ottenere risultati corretti, la procedura di misurazione viene ripetuta più volte (almeno tre), dopo di che gli indicatori vengono calcolati come media aritmetica. La pressione sanguigna è controllata su entrambi gli arti e confrontata con le indicazioni sulle mani.

    I seguenti fattori possono influenzare l'ottenimento di risultati corretti se si sono verificati poco prima della misurazione della pressione:

    • alcol;
    • il fumo;
    • bevande toniche;
    • attività fisica;
    • assunzione di cibo;
    • farmaci che influenzano la pressione sanguigna.

    Per ottenere un risultato adatto a scopi diagnostici, è necessario soddisfare tutti i requisiti specificati.

    Il risultato non è corretto.

    Dopo aver ricevuto dati sugli indicatori della pressione arteriosa negli arti del paziente, il medico può eseguire una diagnosi preliminare di possibili problemi del sistema circolatorio.

    • Se la pressione sulle gambe è superiore a quella delle braccia e la differenza non supera i 20 mm Hg, allora questa è una delle varianti normali.
    • Quando il livello di pressione arteriosa sul braccio è significativamente inferiore rispetto all'arto inferiore, ciò potrebbe indicare un problema con l'afflusso di sangue all'arto superiore. Tale anomalia può essere causata, ad esempio, dalla sindrome della rapina succlavia, che si verifica a seguito della formazione di una placca aterosclerotica.
    • Se la pressione nelle gambe è inferiore a quella delle mani (la differenza è superiore al 25-30%), allora ci sono tutte le ragioni per sospettare che il paziente abbia la coartazione dell'aorta. In questa malattia, il lume di questa nave si restringe segmentato. Lo sviluppo della patologia porta alla rottura dell'aorta e alla morte.

    Durante la diagnosi primaria, la pressione sistolica viene solitamente presa in considerazione, poiché la diastolica differisce raramente.

    Perché la pressione è diversa

    La normale pressione nelle gambe è maggiore rispetto alle mani. La ragione principale di ciò è che l'apporto di sangue agli arti inferiori richiede più sangue della parte superiore. Questo è semplicemente spiegato - il volume della coscia nella circonferenza è più grande della circonferenza della spalla. Il differenziale, definito come critico, è di 20 mm Hg. I medici sono arrivati ​​a questa cifra come risultato di molti anni di ricerca ed è di natura media. Nel condurre le misurazioni e la successiva diagnosi, il medico prende in considerazione le caratteristiche individuali del paziente, la sua incarnazione, la presenza di malattie concomitanti e possibili errori nella misurazione della pressione.

    Metodo semplice ed economico

    I medici hanno utilizzato questo metodo di diagnostica per più di cento anni. Negli ultimi anni sono apparsi molti metodi basati sull'hardware per identificare le malattie del sistema cardiovascolare, che consentono di identificare i cambiamenti patologici nelle fasi iniziali. Sfortunatamente, il costo per il superamento di tali studi è piuttosto alto, e non tutte le cliniche distrettuali hanno un tale arsenale di diagnostica hardware. Al fine di valutare la necessità di ulteriori ricerche approfondite, un metodo collaudato nel tempo accessibile a tutti è del tutto appropriato. Inoltre, la misurazione della pressione sulle gambe non può essere sovrastimata nei casi in cui è necessario adottare misure di emergenza e non è possibile aspettarsi risultati hardware.

    Possono esserci pietre nel pancreas: sintomi e trattamento

    Pancreatite e alcol