Test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza: quanto tempo e come passare?

Fin dall'inizio del periodo di gravidanza, cambiamenti significativi nei processi metabolici, compresi quelli carboidrati, si verificano nel corpo della donna. Per rilevare le violazioni di quest'ultimo, viene utilizzata la determinazione del livello di zucchero nel sangue nel plasma sanguigno e il test di tolleranza al glucosio orale durante la gravidanza. Rispetto agli uomini, il diabete tra le donne è molto più comune e vi è una chiara associazione con il periodo gestazionale e il parto - GDM (diabete mellito gestazionale).

Metodi per rilevare il metabolismo dei carboidrati compromessa

La prevalenza del diabete tra le donne incinte è in media del 4,5% in Russia nel loro numero totale. Nel 2012, il Consenso Nazionale Russo ha definito il GDM e raccomandato per l'applicazione pratica nuovi criteri per la sua diagnosi, così come il trattamento e l'osservazione post-partum.

Il diabete mellito in gravidanza è una malattia caratterizzata da glicemia alta, che viene rilevata per la prima volta, ma non soddisfa i criteri adottati per la prima malattia (manifest). Questi criteri sono i seguenti:

  • il tenore di zucchero a digiuno è superiore a 7,0 mmol / l (di seguito denominati gli stessi nomi di unità) o uguale a tale valore;
  • la glicemia, confermata nella rianalisi, che è in qualsiasi momento durante il giorno e indipendentemente dalla dieta, è uguale o superiore a 11,1.

In particolare, se una donna ha un livello di zucchero a digiuno nel plasma venoso è inferiore a 5,1 e quando viene somministrata per via orale per la tolleranza al glucosio 1 ora dopo il carico è inferiore a 10,0, dopo 2 ore - inferiore a 8,5, ma superiore a 7,5 - Queste sono le opzioni standard per le donne incinte. Allo stesso tempo, per le donne non gravide, questi risultati indicano una violazione del metabolismo dei carboidrati.

Qual è la durata del test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza?

Il rilevamento del metabolismo dei carboidrati avviene in fasi:

  1. È richiesto il sondaggio di fase I. Viene nominato alla prima visita di un medico di qualsiasi profilo da una donna per un massimo di 24 settimane.
  2. Allo stadio II, un test orale di tolleranza al glucosio viene eseguito con 75 grammi di glucosio per un periodo di 24-28 settimane di gestazione (in modo ottimale, 24-26 settimane). In alcuni casi (vedi sotto), tale studio è possibile fino a 32 settimane; se c'è un rischio elevato - da 16 settimane; nel rilevamento dello zucchero nei test delle urine - da 12 settimane.

Lo stadio I deve condurre uno studio di laboratorio sul glucosio plasmatico a digiuno dopo un digiuno di 8 ore (non meno). È anche possibile un'analisi del sangue e indipendentemente dalla dieta. Se le norme vengono superate, ma il contenuto di glucosio nel sangue è inferiore a 11,1, questa è un'indicazione per ripetere lo studio a stomaco vuoto.

Se i risultati del test soddisfano i criteri per il diabete (manifest) diagnosticato di recente, la donna si rivolge immediatamente a un endocrinologo per ulteriori osservazioni e trattamenti appropriati. In caso di contenuto di glucosio a digiuno superiore a 5,1, ma inferiore a 7,0 mmol / l, viene diagnosticata la GSD.

Come condurre un test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

testimonianza

Il test per la tolleranza al glucosio viene effettuato per tutte le donne nei seguenti casi:

  1. L'assenza di deviazioni dalla norma nei risultati della prima fase dell'indagine all'inizio della gravidanza.
  2. La presenza di almeno uno dei segni di un alto rischio di HSD, segni ecografici di disturbi del metabolismo dei carboidrati nel feto o alcune dimensioni ultrasoniche del feto. In questo caso, il test potrebbe includere la 32a settimana.

I segni di alto rischio includono:

  • alto grado di obesità: indice di massa corporea è 30 kg / m 2 e superiore;
  • la presenza di diabete mellito nei prossimi parenti (di prima generazione);
  • la presenza nel passato di diabete mellito gestazionale o di disturbi del metabolismo dei carboidrati; in questo caso, i test vengono effettuati alla prima visita dai medici (da 16 settimane).

Il test di tolleranza al glucosio è pericoloso durante la gravidanza?

Questo studio non presenta rischi per donne e feti fino a 32 settimane. Trattenerlo dopo il periodo specificato può essere pericoloso per il feto.

I test non sono condotti in caso di:

  • tossicosi precoce delle donne in gravidanza;
  • osservanza del riposo a letto;
  • la presenza di malattie dello stomaco operato;
  • la presenza di colecistopancreatite cronica nella fase acuta;
  • la presenza di malattie infiammatorie acute infettive o acute.

formazione

Le condizioni per il test di tolleranza al glucosio includono:

  1. Nutrizione normale durante i precedenti 3 (almeno) giorni con un contenuto di carboidrati giornaliero di almeno 150 g.
  2. Contenuto di carboidrati richiesto nella quantità di 30-50 g nell'ultimo pasto.
  3. Digiunare (ma non limitare l'assunzione di acqua) per 8-14 ore notturne alla vigilia dei test.
  4. Esclusione (se possibile) dell'assunzione di medicinali contenenti zucchero (preparati farmaceutici di vitamine e ferro, antitosse, ecc.), Nonché preparazioni beta-bloccanti, beta-adrenomimetiche e glucocorticosteroidi; devono essere prelevati dopo il prelievo di sangue o informare il medico circa la necessità della loro ammissione prima del test (per l'interpretazione adeguata dei risultati del test).
  5. Un avvertimento del medico su un test sullo sfondo di assunzione di progesterone.
  6. Smettere di fumare e posizionare la posizione del paziente fino alla fine del test.

Fasi di

  1. Prendendo il primo campione di sangue da una vena e conducendo la sua analisi. Nel caso in cui i risultati indichino la presenza di diabete mellito di nuova diagnosi o gestazionale, lo studio è terminato.
  2. Condurre il carico di zucchero con i normali risultati del primo stadio. Consiste nel paziente che riceve 75 g di polvere di glucosio sciolta in 0,25 l di acqua calda (37-40 ° C) per 5 minuti.
  3. Successiva campionatura e analisi di campioni successivi dopo 60 minuti e poi dopo 120 minuti. Se il risultato della seconda analisi indica la presenza di GSD, la terza raccolta di sangue viene annullata.

Interpretazione dei risultati del test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Quindi, se la concentrazione di glucosio a digiuno nel sangue è inferiore a 5,1, questa è la norma, e sopra 7,0 è il diabete manifesto; se supera il 5.1, ma allo stesso tempo, sotto 7.0 o 60 minuti dopo il carico di glucosio - 10.0, o dopo 120 minuti - 8.5 - questo è GSD.

Tab. 1 Soglia di glucosio plasmatico venoso per la diagnosi di GSD

Tab. 2 Valori soglia di glucosio plasmatico venoso per la diagnosi di diabete manifesto durante la gravidanza

L'approccio corretto per identificare e trattare il diabete (se necessario) riduce notevolmente i rischi di complicazioni durante la gravidanza e il parto e il grado di rischio di sviluppare diabete in un futuro lontano tra le donne predisposte.

Test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza: è necessario?


La gravidanza per alcune donne diventa un catalizzatore per lo sviluppo di molte malattie. Cambiamenti fisiologici, cambiamenti ormonali nel corpo durante il periodo di trasporto di un bambino possono provocare una esacerbazione di malattie croniche o la comparsa di nuovi.

Secondo le statistiche, il 14% delle donne in gravidanza ha alti livelli di zucchero nel sangue per la prima volta, il che indica lo sviluppo del diabete gestazionale. Per identificare la malattia aiuta il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza.

Che cos'è un test di tolleranza al glucosio

Gli ormoni secreti durante la gravidanza possono aumentare la glicemia. Questo è dovuto fisiologicamente. Di conseguenza, il carico sul pancreas aumenta e può fallire. Secondo le norme nelle donne nella posizione di zucchero nel sangue dovrebbe essere inferiore a quella non gravida. Dopo tutto, un alto livello di glucosio suggerisce che non si produce abbastanza insulina nel corpo di una donna incinta, che dovrebbe regolare lo zucchero nel sangue.

La natura ha avuto cura di proteggere il pancreas in via di sviluppo del bambino dallo zucchero in eccesso. Ma dal momento che la dieta abituale di una donna incinta, di norma, è sovrasaturata con carboidrati, il pancreas del bambino è sempre più spesso sottoposto a carichi pesanti nel grembo materno. Leggi l'utile articolo sui dolci durante la gravidanza >>>

Cosa fa il test di tolleranza al glucosio (GTT) durante la gravidanza?

È necessario per scoprire come viene assorbito il glucosio nel corpo di una donna incinta, se ci sono delle violazioni. Con esso, è possibile confermare la diagnosi di "diabete mellito", per valutare il lavoro adeguato del pancreas.

La GTT è stata inclusa negli algoritmi federali di gestione della gravidanza già nel 2013, valutando i rischi e le possibili conseguenze del diabete gestazionale per un neonato (insufficienza fetoplacentare, ipoglicemia, ecc.) E una donna incinta (preeclampsia, parto pretermine, elevata idratazione, ecc.).

Si ritiene che molte di quelle donne incinte che per la prima volta hanno riscontrato elevati livelli di glucosio hanno avuto problemi con il metabolismo e l'assorbimento di zucchero e insulina prima del concepimento. Ma tali violazioni erano asintomatiche. Pertanto, è molto importante diagnosticare il diabete gestazionale in modo tempestivo.

GTT non è una procedura piacevole. Il test è condotto a 24-28 settimane di gravidanza. In un secondo momento, il test potrebbe essere pericoloso per il feto. Le donne sono offerte a bere un cocktail molto dolce dall'acqua con 75 g di glucosio (circa 20 cucchiaini di zucchero) e nel processo più volte per donare il sangue da una vena. Per molti, il test diventa un vero test, e debolezza, nausea e vertigini non ci mettono molto ad aspettare.

È importante! Il laboratorio in cui viene eseguita la GTT è obbligato a fornire alla donna incinta una soluzione di glucosio pronta. Solo con il suo aiuto sarà possibile ottenere risultati adeguati. Se a una donna viene chiesto di portare zucchero, acqua o qualche tipo di cibo, è meglio abbandonare immediatamente tali studi.

Indicazioni e controindicazioni per GTT

Indicazioni per il test:

  • L'indice di massa corporea è 30 kg / m2 o supera questo indicatore;
  • la nascita di un bambino di grandi dimensioni (di peso superiore a 4 kg) in gravidanze precedenti;
  • alta pressione;
  • patologia cardiaca;
  • una storia di natimortalità;
  • diabete in qualcuno della famiglia;
  • passato diabete gestazionale;
  • mioma, ovaio policistico o endometriosi prima della gravidanza.

Allo stesso tempo, GTT non è raccomandato nei seguenti casi:

  1. Con toxicosis (più su tossicosi durante la gravidanza >>>);
  2. dopo un intervento chirurgico allo stomaco a causa di un assorbimento alterato;
  3. con ulcere e infiammazione cronica del tratto gastrointestinale;
  4. in processo infettivo acuto o infiammatorio nel corpo;
  5. con alcune malattie endocrine;
  6. quando si assumono farmaci che cambiano il livello di glucosio.

Preparazione per il test e la procedura

Raccomandato per tutte le donne in cui fino a 24 settimane nel sangue non hanno rivelato un aumento di glucosio superiore a 5,1 mmol / l, sottoposti a GTT per escludere il diabete mellito, che è asintomatico.

Come prepararsi per il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza? 8 ore prima dello studio previsto, una donna incinta non dovrebbe mangiare nulla. Allo stesso tempo, di notte, è meglio mangiare un piatto contenente carboidrati. Ad esempio, 6 cucchiai di cereali o 3 pagnotte di pane. Evita accuratamente lo stress emotivo e fisico il giorno prima del GTT.

A proposito di come viene effettuato il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza, puoi chiedere al medico curante in dettaglio tutte le sfumature. Alle più piccole lamentele sulla salute (naso che cola, malessere) è meglio rimandare il test, perché può distorcere i risultati. Dovresti informare il medico dei farmaci che stai assumendo. Forse possono anche influenzare le analisi.

Di solito la procedura è la seguente: una donna incinta dà sangue a stomaco vuoto. Caffè e tè sono esclusi al mattino! Dopo che il sangue viene prelevato per l'analisi, viene offerta una donna a bere una soluzione di glucosio. Con un intervallo di 1 ora, una donna incinta dona il sangue due volte di più. In questo momento, alle donne non è permesso mangiare, bere o esercitare attività fisica, perché tutto ciò può influenzare i risultati finali del test. Nelle donne sane, un paio d'ore dopo lo sciroppo di glucosio, i livelli di zucchero nel sangue dovrebbero tornare alla normalità.

È importante! Se i disturbi del metabolismo dei carboidrati in una donna sono stati osservati prima della gravidanza, o sono stati trovati già nel processo di trasporto di un bambino, è meglio fare il test di tolleranza al glucosio a 25 settimane.

Come valutare i risultati?

Con l'aiuto del test del glucosio tollerante, è possibile rintracciare i livelli di zucchero nel sangue. E c'è qualche cambiamento nelle prestazioni? È logico che dopo aver preso una soluzione di glucosio, la concentrazione di zucchero nel sangue aumenti drammaticamente, ma dopo alcune ore questa cifra dovrebbe raggiungere il segno iniziale.

È possibile sospettare il diabete gestazionale in una donna incinta se il livello di glucosio a digiuno supera il livello di 5,3 mmol / l. Una donna entra nella zona a rischio se un'ora dopo il test questo indicatore è superiore a 10 mmol / l, e dopo 2 ore supera 8.6 mmol / l.

Di conseguenza, le norme del test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza saranno inferiori a questi indicatori. La diagnosi finale può essere fatta solo dopo un secondo test, effettuato in un altro giorno. Dopo tutto, non è possibile escludere risultati falsi positivi se la preparazione per il GTT è stata condotta in modo errato.

Cos'altro hai bisogno di sapere sul test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza prima di prenderlo? I risultati di GTT possono essere errati se si ha un fegato rotto, un abbassamento del potassio nel corpo o si hanno patologie endocrine.

Raccomandazioni per le donne incinte

Se tutti gli studi sono eseguiti correttamente e una donna ha ancora il diabete gestazionale, ciò non significa che sia necessario assumere l'insulina. In quasi l'80-90% dei casi, gli aggiustamenti nella dieta e nello stile di vita sono abbastanza sufficienti. Dieta, cibo vivo, ricco di frutta e verdura fresca, uno sforzo fisico moderato riduce delicatamente la glicemia e aiuta a evitare i farmaci.

Per quanto riguarda la nutrizione competente, consultare i segreti dell'e-book sull'alimentazione corretta per la futura gestante >>>

Il livello di complicanze della gravidanza e del parto a causa del diabete, che non è stato diagnosticato per nessuna ragione, è ancora molto basso. Ma se la diagnosi viene rivelata, è, al contrario, in alcuni casi può influire negativamente sulla condizione della donna. Frequenti visite alla clinica e test di laboratorio possono influire negativamente sulla salute psicologica della gestante.

Circa un mese e mezzo dopo il parto, le donne dovranno ripetere il test di tolleranza al glucosio, che mostrerà se il diabete è stato realmente associato solo a una "posizione interessante". Uno studio può confermare che i livelli di glucosio sono tornati alla normalità.

Per risultati accurati: un test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza e come prepararlo adeguatamente

La gravidanza è un periodo difficile per il corpo di ogni donna.

Quando un feto nasce nel corpo della futura madre, si verificano semplicemente cambiamenti "rivoluzionari", il cui sviluppo è in grado di influenzare assolutamente tutti i processi che si verificano nei tessuti e negli organi.

Sotto l'influenza di cambiamenti ormonali, i sistemi di organi iniziano a lavorare più attivamente per fornire condizioni di vita decenti non solo per la donna, ma anche per il futuro bambino.

Spesso tali cambiamenti provocano improvvisi salti di zucchero. Per controllare la situazione, la futura madre può essere sottoposta a ulteriori ricerche, una delle quali è il test di tolleranza al glucosio.

Il ruolo della corretta preparazione per il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Il test di tolleranza al glucosio è uno degli studi che forniscono il risultato più accurato e infine conferma o nega la presenza di diabete in una donna incinta.

Dura circa 2 ore, durante le quali la donna dà sangue venoso ogni 30 minuti.

Gli esperti eseguono il campionamento del biomateriale fino alla ricezione della soluzione di glucosio e dopo di esso, il che consente di ottenere informazioni dettagliate sul cambiamento degli indicatori. Come molte altre opzioni per la ricerca sullo zucchero, questo tipo di procedura richiede un'attenta preparazione del corpo per la raccolta di biomateriali.

La ragione di tali severi requisiti è che il livello di glicemia nel sangue di una persona è impermanente e cambia sotto l'influenza di vari fattori esterni, in conseguenza dei quali è impossibile ottenere un risultato affidabile senza una precedente preparazione.

Eliminando l'influenza estranea, gli esperti saranno in grado di ottenere dati accurati su come esattamente le cellule pancreatiche reagiranno al glucosio nel corpo.

Test di tolleranza al glucosio - come preparare una gravidanza?

È noto che il test di tolleranza al glucosio viene passato rigorosamente a stomaco vuoto, pertanto è severamente vietato mangiare la mattina del prelievo di sangue.

Inoltre, non è consigliabile utilizzare bevande, ad eccezione dell'acqua ordinaria senza dolcificanti, aromi e gas. La quantità di acqua non può essere limitata.

I pasti dovrebbero essere fermati per 8-12 ore prima della comparsa in laboratorio. Se sei affamato per più di 12 ore, corri il rischio di ottenere l'ipoglicemia, che sarà anche un indicatore distorto con il quale non è possibile confrontare tutti i risultati successivi.

Cosa non può mangiare e bere prima di prendere l'analisi?

Quindi, come abbiamo detto sopra, per le donne in gravidanza che stanno facendo un test di tolleranza al glucosio, è importante seguire una dieta.

Per stabilizzare il livello glicemico, si raccomanda di moderare il consumo o minimizzare nella dieta:

  • arrosto;
  • grasso;
  • dolciaria;
  • prelibatezze speziate e salate;
  • carne affumicata;
  • caffè e tè;
  • bevande dolci (succhi, Coca-Cola, Fanta e altri).

Tuttavia, questo non significa che una donna dovrebbe eliminare completamente i carboidrati e morire di fame.

Mangiare cibi con un basso indice ipoglicemico o malnutrizione avrà l'effetto opposto sotto forma di bassa glicemia.

Cosa puoi mangiare e bere?

Per mantenere il livello di zucchero a un livello stabile, eliminando i suoi salti, aiuterà la presenza nella base della dieta:

Si consiglia di includere i prodotti elencati nella dieta per un paio di giorni, rendendoli di base nel menu.

Il loro lento assorbimento contribuirà alla graduale penetrazione del glucosio nel sangue, con il risultato che il livello dello zucchero rimarrà all'incirca allo stesso livello durante l'intero periodo di preparazione.

Cos'altro deve essere considerato prima di donare il sangue per lo zucchero?

Oltre ai prodotti opportunamente selezionati e alla razione ben organizzata, l'osservanza di alcune altre semplici regole, la cui negligenza inciderà negativamente sul risultato dello studio, è altrettanto importante.

  • se eri nervoso il giorno prima, rimanda lo studio per un paio di giorni. Situazioni stressanti distorcono gli ormoni che, a loro volta, possono provocare un aumento o una diminuzione del livello di glucosio;
  • Non si dovrebbe fare il test dopo i raggi X, la fisioterapia, così come durante il raffreddore;
  • se possibile, devono essere esclusi i farmaci contenenti zucchero, i beta-bloccanti, i beta-adrenomimetici e i glucocorticosteroidi. Se non puoi fare a meno di loro, prendi il farmaco giusto subito dopo aver completato il test;
  • Prima di andare in laboratorio, non devi lavarti i denti o rinfrescare il respiro con il chewing gum. Contengono anche zucchero, che penetra istantaneamente nel sangue. Di conseguenza, riceverai inizialmente dati non corretti;
  • se hai una forte tossicosi, assicurati di avvisare il tuo medico di questo. In questo caso, non è necessario bere una soluzione di glucosio, il cui sapore può solo aggravare la condizione. La composizione verrà somministrata per via endovenosa, eliminando la comparsa di attacchi di vomito.

In alcune pubblicazioni, puoi vedere il seguente consiglio: "Se c'è un parco o una piazza vicino al laboratorio, negli intervalli tra il prelievo di sangue puoi camminare attraverso il suo territorio". Questa raccomandazione è considerata dalla maggior parte degli esperti come errata, poiché qualsiasi attività fisica può contribuire a ridurre i livelli di zucchero nel sangue.

Ma gli esperti, è importante vedere quale tipo di reazione sarà il pancreas senza l'influenza di fattori esterni. Pertanto, per evitare errori nei risultati, è meglio non trascurare la regola precedentemente stabilita.

A che ora devo testare la tolleranza al glucosio?

Secondo gli esperti, è in questo momento che il paziente è più probabile che resista a un lungo sciopero della fame a scapito delle ore di sonno.

Teoricamente, a condizione che le regole di preparazione siano seguite correttamente, il test può essere effettuato in qualsiasi momento della giornata.

Ma, tenendo conto del fatto di convenienza, la maggior parte dei centri medici prendono ancora sangue per l'analisi dai pazienti al mattino.

Video utile

Come prepararsi per il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza:

La preparazione competente per il test di tolleranza al glucosio è la chiave per un risultato corretto e una diagnosi corretta.

Lo studio delle dinamiche degli indicatori nel processo di test rende possibile non solo confermare il diabete gestazionale in una donna incinta, ma anche identificare patologie meno ampie associate al metabolismo dei carboidrati compromesso.

  • Stabilizza a lungo i livelli di zucchero
  • Ripristina la produzione di insulina da parte del pancreas

Test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza - norme

Il test per la tolleranza al glucosio durante la gravidanza è uno studio importante che consente di identificare il diabete gestazionale. Sebbene nella maggior parte dei casi passi da solo dopo il parto, i disturbi del metabolismo dei carboidrati sono pericolosi per la madre e il feto. Questo è un fattore di rischio per l'obesità, così come la causa di esiti negativi della gravidanza. La diagnosi precoce della patologia e l'inizio della terapia insulinica possono prevenire gli effetti negativi del diabete gestazionale.

Cosa fa il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza?

Il test del glucosio durante la gravidanza viene effettuato al fine di identificare il diabete gestazionale nel tempo e svolgere il trattamento. Portalo a quelle donne che non sono state rilevate violazioni del metabolismo dei carboidrati nelle fasi iniziali, quando hanno donato il sangue per il glucosio a digiuno.

Il test non viene eseguito solo in questi casi:

  • diabete precedentemente identificato;
  • intolleranza al glucosio;
  • malattie intestinali o gastriche, in cui il glucosio non viene assorbito.

Il test è fatto per tutti gli altri. Se una donna ha un'infezione acuta, riposo a letto o tossicosi precoce, il test può essere posticipato di diverse settimane.

Principi di diagnosi del diabete nelle donne in gravidanza

Il diabete mellito gestazionale è una malattia caratterizzata da glicemia di nuova diagnosi (glicemia elevata) durante la gravidanza. La diagnosi viene stabilita se il livello di glucosio nel sangue non soddisfa i criteri per il diabete manifesto.

Nelle donne in gravidanza, la diagnosi viene effettuata in 2 fasi. Alla prima visita dall'ostetrico-ginecologo per un periodo gestazionale fino a 24 settimane, tutte le donne senza eccezione subiscono lo screening. Passano sul palco 1:

  • sangue venoso per determinare il glucosio a digiuno in esso;
  • o glicemia in qualsiasi momento della giornata, indipendentemente dal pasto;
  • o sangue per emoglobina glicata (questo è un indicatore che riflette lo stato del metabolismo dei carboidrati negli ultimi mesi).

In futuro, ci sono varie opzioni per lo sviluppo degli eventi, a seconda del livello di zucchero nel sangue impostato. Se vengono identificati i valori corrispondenti al diabete manifest (non gestazionale!), La donna viene immediatamente trasferita all'endocrinologo per un'ulteriore gestione. Conduce ulteriori test per chiarire il tipo di malattia. Sono radicalmente diversi. Nel primo tipo di diabete, la patologia è associata a una ridotta formazione di insulina. Nel secondo caso, la malattia è causata dalla resistenza (insensibilità) dei tessuti a questo ormone. Cioè, l'insulina viene prodotta, ma le cellule "non la vedono".

Il diabete di tipo 1 o di tipo 2 in una donna incinta è sospettato se il livello di glucosio in qualsiasi momento della giornata supera 11,1 mmol per litro. In questo caso, condurre uno studio di chiarimento. Il paziente dà sangue a stomaco vuoto. Se nel sangue venoso supera i 7 mmol per litro, significa che la donna ha il diabete. È in questo caso che l'endocrinologo si occupa della sua ulteriore gestione. Ma ci sono anche situazioni limite. A volte il livello di zucchero è superiore al normale. Ma non tanto più alto che è stato possibile diagnosticare il diabete manifesto. Se il livello di digiuno supera 5,1 mmol per litro, ma non raggiunge 7,0, viene diagnosticato il diabete gestazionale. Per confermare questa diagnosi, è necessaria una seconda fase della diagnosi. Vale a dire - condurre test di tolleranza al glucosio.

Eseguire il test di tolleranza al glucosio in assenza di iperglicemia?

Abbiamo già scoperto che questo test diagnostico è obbligatorio nei casi in cui vi sono risultati borderline da uno studio precedente. Cioè, se la glicemia a stomaco vuoto è più alta del normale, ma non raggiunge quegli indicatori quando è possibile diagnosticare il diabete manifesto.

Ma alcune donne devono passare un'analisi anche in assenza di iperglicemia a digiuno. Cioè, se la resa in zucchero è inferiore a 5,1 mmol per litro. Questa necessità è associata alla presenza di uno o più dei seguenti fattori di rischio:

  • Presenza di obesità in una donna prima di concepire un bambino di almeno 1 grado (corrispondente a un indice di massa corporea superiore a 30 kg per metro quadrato);
  • dati storici: diabete di tipo 2 in 2 o più parenti prossimi (quelli sono considerati madre, padre, fratelli e sorelle, così come i bambini);
  • disordini metabolici dei carboidrati che sono stati diagnosticati durante una precedente gravidanza (incluso se i processi metabolici erano completamente normalizzati dopo la nascita del bambino);
  • determinazione del glucosio nelle urine (dice che il livello di zucchero è molto alto, poiché la soglia renale della sua concentrazione nel sangue è superata - con un basso livello di glucosio, non appare mai nelle urine).

Tutte le donne che hanno almeno uno di questi fattori sono ad alto rischio di diabete gestazionale. Ciò significa che devono essere esaminati, indipendentemente dai risultati della prima fase delle procedure diagnostiche.

Sottoesame e sovradiagnosi

L'esame in due fasi delle donne sul metabolismo dei carboidrati è necessario per evitare:

  • sottoesposizione - quando un diabete mellito gestazionale o manifesto esistente non si trova in una donna, lei non riceverà un trattamento, e questo minaccia il normale corso della gravidanza, può provocare complicazioni dal feto;
  • sovradiagnosi - quando una donna con normali indicatori di metabolismo dei carboidrati mostra erroneamente segni della sua violazione, e ciò porta alla creazione di una diagnosi inesistente.

Le conseguenze del sottoesame sono molto peggiori rispetto alla sovradiagnosi. Perché quando il diabete non rilevato sviluppa una complicazione. Molti di loro sono pericolosi. Alcuni addirittura rappresentano una minaccia per la vita della madre e di suo figlio.

Allo stesso tempo, gli effetti della sovradiagnosi non sono così tristi. Se una donna viene diagnosticata per errore, il trattamento iniziale include la dieta, l'aumento dell'attività fisica. Naturalmente, questi metodi di terapia non hanno mai danneggiato nessuno. Tale trattamento non causerà ipoglicemia e complicanze correlate.

Il diabete mellito gestazionale è talvolta trattato con insulina. In questo caso, l'ipoglicemia è effettivamente possibile. Tuttavia, è improbabile, perché nel processo di trattamento delle donne in gravidanza, gli indicatori del metabolismo dei carboidrati sono costantemente monitorati. Vengono eseguiti test del glucosio a digiuno e vengono effettuati test per l'emoglobina glicata. Pertanto, anche in caso di sovradiagnosi e diagnosi errate, i medici scopriranno rapidamente che non esiste il diabete in una donna. Quindi il trattamento sarà terminato.

Al fine di evitare un sotto-esame, in caso di risultati dei test del sangue borderline, il medico può chiedere a una donna di ripetere i test. Recenti studi hanno dimostrato che quando si esaminano gli stessi campioni di sangue in diversi laboratori, la diffusione dei risultati è in media dell'8,7%. In pratica, ciò significa che in un laboratorio si può ricevere un indicatore di 5,5 mmol per litro, che è un'indicazione per l'esecuzione di un test di tolleranza al glucosio. In un altro laboratorio, il risultato può essere 5,0 mmol, che non è un motivo per un ulteriore esame approfondito della donna, perché è incorporato nel quadro della norma.

I risultati dei test sono anche influenzati da vari fattori esterni e interni. Questo sta prendendo farmaci, mangiando troppo cibo, alcool la sera prima dell'esame, o, al contrario, un lungo periodo di digiuno. Il fumo o lo stress a breve termine possono influenzare. Pertanto, se i risultati dell'analisi sono vicini al limite, il medico può valutarli come dubbiosi e chiedere alla donna di donare di nuovo sangue.

Preparazione per il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Lo studio è condotto solo a stomaco vuoto. Il periodo di digiuno dovrebbe essere di almeno 8 ore. Ma è auspicabile che non superi le 14 ore. Pertanto, abbandonare la cena alla vigilia dello studio non vale la pena. Ma la colazione prima di andare dal dottore non può in ogni caso.

Il giorno prima il test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza non può assumere alcol. È necessario mangiare come al solito. Non dovresti cercare di "ingannare" i risultati del test, rifiutando i carboidrati o regolando la tua dieta in altro modo. Ricorda che stai facendo esami non per il medico, ma per te stesso. La diagnosi precoce del diabete o della sindrome metabolica è importante per il successo del trattamento.

Proibito un giorno prima dello studio:

  • superlavoro fisicamente;
  • fare sport;
  • muoia di fame per molto tempo;
  • mangiare troppo.

Va tenuto presente che molti farmaci falsano i risultati del test. Perché alcuni farmaci abbassano i livelli di glucosio nel sangue, altri lo aumentano. Se possibile, dovresti abbandonare qualsiasi farmaco per alcuni giorni prima della diagnosi. Tranne quelli che sono vitali. Se dubiti di quali farmaci sono richiesti e quali no, consulta il tuo dottore.

Pericolo per il test di tolleranza al glucosio fetale durante la gravidanza

Ci sono molti miti e paure infondate tra le donne riguardo a questa analisi. Si dice che durante la gravidanza un test di tolleranza al glucosio possa danneggiare un bambino o provocare il diabete nella madre.

Tutto questo non è vero. Il test è sicuro Perché nel processo di ricerca una donna beve una soluzione di zucchero e non avvelena. E il sangue viene preso da lei dalla vena cubitale, e non dal cordone ombelicale del bambino. Quindi lo studio non sopporta alcun rischio.

Ma è necessario condurre un test per periodi fino a 32 settimane. Nella maggior parte dei casi, è fatto in un periodo di 24 a 26 settimane. Autorizzato a tenere fino a 28 settimane incluse. Secondo la testimonianza, può essere eseguita da 29 a 32 settimane, se:

  • le donne hanno un alto rischio di diabete gestazionale;
  • dimensioni del feto troppo grandi che non soddisfano la durata della gravidanza;
  • ci sono segni ecografici di fetopatia diabetica.

Come fare un test per il THG durante la gravidanza?

Una donna a stomaco vuoto porta il sangue da una vena in un tubo freddo. Deve contenere inibitori di enolasi per prevenire la glicolisi spontanea, così come anticoagulanti in modo che il sangue non si coaguli. Il tubo può contenere anche conservanti. È posto al freddo. Entro 30 minuti, centrifugato per separare gli elementi sagomati. Il plasma è ottenuto - la parte liquida del sangue. In esso e determinare il glucosio.

La determinazione del livello di glucosio viene effettuata solo in laboratorio. I glucometri portatili non sono usati per questo scopo.

Entro 5 minuti, la donna beve una soluzione contenente 75 g di glucosio. Si scioglie in 250 ml di acqua. L'inizio del test è considerato il primo sorso.

Quindi, prendere il sangue dopo 1 ora e dopo 2 ore. Pertanto, solo una donna incinta passa questa analisi tre volte. Ma lo studio può essere interrotto in una qualsiasi delle fasi in cui viene diagnosticato il diabete. Compreso dopo il primo prelievo di sangue - prima di prendere 75 g di glucosio.

Standard di test del glucosio per la gravidanza

Il sangue da una vena durante il test è preso tre volte. La prima volta: a stomaco vuoto. Quindi dopo 1 e 2 ore. Le norme per le donne incinte sono in qualche modo diverse da quelle generalmente accettate. Il diabete gestazionale viene diagnosticato se:

  • glucosio a digiuno superiore a 7 mmol / l;
  • un'ora dopo averlo caricato più di 10 mmol / l;
  • dopo 2 ore, supera 8,5 mmol / l.

Normalmente, il glucosio non deve circolare nel sangue per molto tempo dopo aver mangiato. Deve immediatamente risaltare l'insulina. Dopo ciò, lo zucchero entra nelle cellule. Pertanto, nel sangue non è più definito in valori elevati. Ma nel caso del diabete, questo non succede. L'assorbimento del glucosio da parte dei tessuti è compromesso. Pertanto, lo zucchero rimane nel sangue in grandi quantità.

Se c'è una deviazione dalla norma del test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza, alla donna viene prescritto un trattamento. Riceve preparazioni di insulina che aiutano a normalizzare il metabolismo dei carboidrati, prevenendo gli effetti indesiderati del diabete mellito gestazionale per la madre e il suo bambino.

Test di tolleranza al glucosio durante la gravidanza

Il test di tolleranza al glucosio (GTT) è uno studio che consente di determinare la patologia del metabolismo dei carboidrati. Un'unica analisi viene mostrata a tutte le future mamme tra le 24 e le 28 settimane di gestazione.

Durante la gravidanza, i cambiamenti nel metabolismo del glucosio si verificano nel corpo femminile. Il periodo di gestazione è un fattore di rischio per lo sviluppo del diabete gestazionale e di altri disturbi del metabolismo dei carboidrati. GGT consente di identificare la patologia prima dell'inizio dei sintomi clinici.

Caratteristiche fisiologiche

Nel pancreas umano sono prodotti due principali ormoni che controllano il metabolismo dei carboidrati: insulina e glucagone. 5-10 minuti dopo aver mangiato un pasto, la concentrazione di glucosio aumenta nel sangue. In risposta, l'insulina viene rilasciata. L'ormone contribuisce all'assorbimento dello zucchero da parte dei tessuti e una diminuzione della sua concentrazione nel plasma.

Il glucagone è un antagonista dell'ormone dell'insulina. In caso di fame, provoca il rilascio di glucosio dal tessuto epatico nel sangue e fornisce un aumento della quantità di zucchero nel plasma.

Normalmente, una persona non ha episodi di iperglicemia - un aumento della glicemia superiore alla norma. L'insulina assicura il suo rapido assorbimento da parte degli organi. Quando si riduce la sintesi dell'ormone o la sensibilità ridotta ad esso, si manifestano patologie del metabolismo dei carboidrati.

La gravidanza è un fattore di rischio per le patologie metaboliche. Entro la metà del secondo trimestre del periodo di gestazione, si osserva una diminuzione fisiologica della sensibilità all'insulina. Ecco perché, in questo momento, alcune donne incinte hanno il diabete gestazionale.

date

La maggior parte degli esperti consiglia un sondaggio tra 24 e 26 settimane di gestazione. A questo punto, si verifica una diminuzione fisiologica della sensibilità all'insulina.

Se è impossibile condurre un'analisi in un momento specifico, è consentito un appuntamento fino a 28 settimane. L'esame in una data successiva di trasporto è possibile nella direzione del medico. All'inizio del terzo trimestre, viene registrata la massima diminuzione della sensibilità all'insulina.

È inappropriato testare fino a 24 settimane nelle donne senza concomitanti fattori di rischio. L'abbassamento fisiologico della tolleranza all'insulina è raramente osservato nella prima metà del periodo di gestazione.

Tuttavia, ci sono gruppi a rischio di interrompere il metabolismo dei carboidrati. A tali donne viene mostrato un test di tolleranza al glucosio a doppia condotta. La prima analisi è prescritta all'inizio del secondo trimestre di gravidanza - tra 16 e 18 settimane. La seconda raccolta di sangue viene effettuata in modo pianificato - da 24 a 28 settimane. A volte alle donne viene mostrata una ricerca aggiuntiva nel terzo trimestre di gravidanza.

testimonianza

Un singolo esame del sangue per la tolleranza viene mostrato a tutte le future mamme. L'analisi consente di diagnosticare la patologia e scegliere un trattamento efficace nelle fasi iniziali.

Ogni donna ha il diritto di decidere la questione del superamento del test. In caso di dubbio, la futura mamma può rifiutare lo studio. Tuttavia, i medici raccomandano il passaggio obbligatorio di GTT a tutte le donne incinte.

La maggior parte dei casi di diabete gestazionale sono asintomatici. La malattia rappresenta una seria minaccia per la vita e la salute del feto. È il test di tolleranza al glucosio che consente di stabilire una diagnosi prima dell'inizio dei sintomi.

Esistono 7 gruppi di rischio per i quali il passaggio del test per la tolleranza al glucosio viene mostrato almeno due volte:

  1. Donne incinte con una storia di diabete gestazionale.
  2. La presenza di obesità concomitante - indice di massa corporea superiore a 30.
  3. Quando si rileva lo zucchero nell'analisi clinica delle urine.
  4. Nascita di un bambino con una massa superiore a 4000 grammi nella storia.
  5. L'età della futura madre ha più di 35 anni.
  6. Durante la diagnosi di polidramnios durante l'ecografia.
  7. La presenza tra i parenti di pazienti con metabolismo dei carboidrati compromesso.

A questi gruppi di future madri è severamente sconsigliato rifiutarsi di superare il test di tolleranza.

Controindicazioni

Controindicazioni per l'analisi è la condizione generale grave di una donna incinta. Se non ti senti bene il giorno dell'indagine, ti consigliamo di trasferirlo in un altro giorno.

Il test di tolleranza al glucosio non è raccomandato durante l'infezione respiratoria acuta o altra risposta infiammatoria. Glucosio - un mezzo nutritivo per i microrganismi, quindi lo studio può contribuire al deterioramento.

Lo studio non è raccomandato per le persone con patologie delle ghiandole interne. Le malattie includono acromegalia, feocromocitoma, ipertiroidismo. Prima di passare l'analisi ai pazienti con le patologie elencate, è necessaria una consultazione endocrinologica.

Il test di tolleranza al glucosio non deve essere eseguito durante l'assunzione di glucocorticosteroidi, idroclorotiazidi, farmaci per l'epilessia. I farmaci possono distorcere i risultati dell'analisi.

È severamente vietato condurre uno studio con una diagnosi consolidata di diabete mellito non nazionale, che esisteva prima della gravidanza. L'iperglicemia che si verifica sullo sfondo è pericolosa per il corpo del feto.

Inoltre non è raccomandato condurre il test durante la tossicosi precoce delle donne in gravidanza. La patologia contribuisce a risultati di test errati. Il vomito accelera l'escrezione di zucchero dal corpo.

Non è appropriato condurre un sondaggio con il riposo a letto rigoroso. Sullo sfondo di bassa attività fisica, si forma una diminuzione dell'attività pancreatica.

formazione

Per l'affidabilità dei risultati dell'analisi della futura mamma mostra la formazione obbligatoria. Comprende l'abolizione dei farmaci dal gruppo di corticosteroidi, idroclorotiazide e farmaci antiepilettici. Non sono più presi tre giorni prima dello studio previsto.

10-12 ore prima del test per la tolleranza al glucosio della futura madre è vietato mangiare cibo. Al mattino prima del sondaggio non è raccomandato bere acqua, tè e altri liquidi. Inoltre, non lavarsi i denti, utilizzare gomma da masticare.

Digiuno a digiuno meno di 10 ore. Alcuni alimenti possono dividere a lungo nel tratto gastrointestinale e causare risultati falsi positivi. Inoltre, non morire di fame più di 14 ore - contribuisce al maggiore assorbimento del glucosio nel tessuto.

L'affidabilità dei risultati dello studio riguarda il fumo di sigaretta. Alla futura mamma è vietato consumare nicotina 12 ore prima del test previsto. Inoltre, la donna non è raccomandata per essere nervosa - lo stress contribuisce a conclusioni false.

condotta

Il test di tolleranza al glucosio viene effettuato nella stanza di trattamento di una clinica o di un'altra istituzione medica. L'ostetrico-ginecologo che conduce la gravidanza scrive l'analisi. Il prelievo di sangue viene effettuato da un'infermiera.

Il primo stadio del test di tolleranza al glucosio comprende il sangue a digiuno da una vena. La madre mette una bardatura sulla sua spalla, quindi un ago viene inserito nel vaso sulla curva interna del gomito. Dopo le manipolazioni descritte, il sangue viene aspirato nella siringa.

Il sangue raccolto viene testato per la quantità di glucosio. Quando i risultati corrispondono alla norma, viene mostrata la seconda fase: test orale. La futura mamma dovrebbe bere una soluzione di glucosio. Per la sua preparazione usa 75 grammi di zucchero e 300 millilitri di acqua calda pura.

Mezz'ora dopo aver consumato la soluzione, una donna incinta ri-dona il sangue da una vena. Al ricevimento dei risultati normali, vengono mostrati ulteriori recinti dopo 60, 120 e 180 minuti dall'assunzione di glucosio.

Durante il test per la tolleranza al glucosio, si raccomanda che la futura gestante sia sorvegliata da personale medico. L'intervallo di tempo tra il prelievo di sangue di una donna incinta trascorre nel corridoio dell'istituto medico. Alcune cliniche sono dotate di speciali aree di riposo con divani, librerie e TV.

Tasso di analisi

Nel normale metabolismo dei carboidrati, il livello di zucchero dopo il digiuno non supera 5,1 mmol / l. Tali figure indicano il lavoro fisiologico del pancreas - la corretta secrezione basale.

Dopo una prova orale in qualsiasi campione, il glucosio plasmatico normalmente non supera 7,8 mmol / l. I valori di analisi normali indicano una sufficiente secrezione di insulina e una buona sensibilità tessutale.

Come passare il GTT durante la gravidanza: preparazione, norme, interpretazione dei risultati

Durante la gravidanza, le donne devono superare più di una dozzina di questionari e superare lo stesso numero di test.

Gli ultimi anni hanno incluso il test di tolleranza al glucosio tra gli studi raccomandati. Aiuta a determinare con maggiore precisione la quantità di zucchero presente nel sangue ea prevedere il diabete in futuro.

Lettere dai nostri lettori

Mia nonna è stata malata di diabete per un lungo periodo (tipo 2), ma ultimamente le complicanze sono andate alle gambe e agli organi interni.

Accidentalmente trovato un articolo su Internet che ha letteralmente salvato delle vite. Mi hanno consultato telefonicamente gratuitamente e risposto a tutte le domande, mi hanno detto come trattare il diabete.

2 settimane dopo il corso del trattamento in nonna, anche l'umore è cambiato. Ha detto che le sue gambe non fanno più male e che le ulcere non progrediscono, andremo dal medico la prossima settimana. Lancio il link all'articolo

Informazioni sul test di tolleranza al glucosio

Il test di tolleranza al glucosio (GTT) è uno studio unico che consente di conoscere in modo più affidabile il livello di glucosio nel sangue di una donna incinta. Per le donne con una predisposizione al verificarsi del diabete gestazionale, questo test è obbligatorio. Per il resto, il suo passaggio è una raccomandazione. Se lo si desidera, una donna può rifiutarsi di superarla.

Quali settimane di gravidanza spendere GTT

Si raccomanda di eseguire GTT tra le 16 e le 18 settimane di gravidanza, ma non oltre le 24 settimane. Passare il test prima delle 16 settimane non ha senso, dal momento che l'insulino-resistenza della madre all'insulina inizia ad aumentare solo dopo il terzo mese.

Le eccezioni sono i casi in cui lo zucchero viene rilevato nelle urine in una donna incinta. In questo caso, è possibile superare il test di tolleranza al glucosio, a partire da 12 settimane.

Lo studio ripetuto è assegnato a 24-26 settimane. Deve andare fino a 32 settimane, perché alla fine del terzo trimestre, il carico di glucosio non è sicuro per la salute della madre e del bambino.

Se i risultati di entrambi gli studi hanno rivelato iperglicemia, la donna incinta viene indirizzata per consultazione ad un endocrinologo.

Fase preparatoria

Affinché i risultati dell'analisi siano più affidabili, una donna incinta deve iniziare a prepararsi con largo anticipo.

L'ultimo pasto dovrebbe essere non più tardi di 8-10 ore prima della resa prevista. Una porzione di cibo non deve essere sovrasatura di carboidrati, ma è impossibile escluderli specificamente dalla dieta. In questo caso, i risultati saranno distorti. La dose giornaliera di carboidrati non deve essere inferiore a 150 grammi.

Vale anche la pena notare che l'assunzione di determinati farmaci può innescare un aumento della concentrazione di glucosio nel sangue. Questo vale per quei farmaci che contengono zucchero e / o progesterone.

Vale la pena ricordare che il fumo e l'alcol sono controindicati per le donne incinte e non solo prima di fare esami.

Innovazione nel trattamento del diabete: basta bere ogni giorno.

Come viene eseguita l'analisi?

La glicemia si arrende di solito al mattino. Le ore ottimali sono 8-10 del mattino.

Il test di tolleranza al glucosio si svolge in più fasi:

  • 20-30 minuti prima dell'inizio dello studio, il paziente deve prendere una posizione seduta o sdraiata. Massimo relax e calma. L'assistente di laboratorio esegue il primo campione di sangue e viene immediatamente inviato per l'analisi.
  • Dopo un po 'di tempo, la donna è invitata a bere una soluzione di glucosio, questo è il cosiddetto "carico di zucchero". Bere non è abbastanza facile, soprattutto per le donne con toxemia. La soluzione è abbastanza viscosa, densa e stucchevole. In alcuni casi, nausea e vomito si verificano nelle donne in gravidanza. È molto importante rimanere in posizione seduta mentre si consuma una soluzione dolce e poi sdraiarsi di nuovo. Un'ora dopo, il tecnico effettua una seconda raccolta di sangue.
  • Due ore dopo il "carico", il terzo - l'ultimo prelievo di sangue - ha luogo.

La diagnosi di diabete gestazionale può essere identificata già nella prima fase dello studio del sangue a stomaco vuoto.

Analizzando i risultati

Se la concentrazione di glucosio nel sangue a digiuno è 5,1 mmol / lo meno, questa è la norma. Se lo zucchero supera i 7 mmol / l, la diagnosi è "diabete". Se il glucosio è compreso tra 5,1 e 7,0, viene diagnosticato il diabete gestazionale.

Tabella: "Valori massimi di zucchero nel sangue prelevato da una vena per determinare il diabete gestazionale"

Se, in base ai risultati della prima assunzione, la quantità di glucosio era superiore a 7,0 mmol / l, gli stati del medico manifestano diabete mellito. In questo caso, è proibito assumere la soluzione di glucosio.

Ci sono alcune sottigliezze nell'interpretazione dei risultati e nella condotta di GTT:

  • il biomateriale prioritario per il test del carico di glucosio è il sangue venoso;
  • I valori consentiti di concentrazione di glucosio indicati sono rilevanti per qualsiasi periodo della gravidanza;
  • se i risultati del test non possono essere interpretati in modo inequivocabile e sono in dubbio con il medico, la donna incinta è in programma per un secondo studio dopo due settimane;
  • Dopo il parto, una donna deve sottoporsi nuovamente a un test di tolleranza al glucosio per confermare la diagnosi di "diabete gestazionale" (in caso di esposizione).

Per qualche ragione, i risultati di GTT potrebbero essere falsi. I principali fattori che influenzano l'indicatore di zucchero nel sangue:

  • mancanza di potassio e magnesio nel corpo di una donna incinta;
  • malattia della tiroide;
  • stress e ansia;
  • sforzo fisico (anche camminare è sufficiente per le donne incinte);
  • assumere farmaci contenenti zuccheri e dolcificanti, progesterone, ferro;
  • terapia con farmaci anti-infiammatori steroidei.

Per ottenere una valutazione competente dei risultati del test di tolleranza al glucosio di una donna incinta, è necessario contattare il medico. Se necessario, verrà loro prescritto un trattamento.

I lettori del nostro sito offrono uno sconto!

Controindicazioni per l'esecuzione di GTT

In alcuni casi, l'esecuzione di un test del carico di glucosio può danneggiare la salute della madre. La principale controindicazione alla sua azienda è il diabete. Se l'iperglicemia è stata stabilita dopo il primo prelievo di sangue durante il GTT, non vengono effettuati ulteriori studi. Il test non ha altre controindicazioni. È assolutamente sicuro

Quando i risultati potrebbero essere errati

È già stato detto che l'assunzione di determinati farmaci, così come lo stato psicologico della madre, può influenzare i risultati del test. Tuttavia, questi non sono tutti fattori che possono falsamente aumentare o abbassare lo zucchero.

GTT non è raccomandato per:

  • tossicità precoce con sintomi pronunciati;
  • malattia del fegato;
  • malattie del tratto gastrointestinale, specialmente durante i periodi di esacerbazioni;
  • in presenza di malattie infettive, batteriche, virali;
  • gravidanza in ritardo.

Condurre GTT in presenza di questi fattori sarà poco informativo, quindi è meglio rimandarlo.

Le azioni dei medici in caso di deviazione dalla norma

Se il diabete gestazionale è stato diagnosticato, il medico curante raccomanderà misure per mantenere lo zucchero entro limiti accettabili. Di norma, l'adeguamento del potere della futura gestante avviene per primo.

I carboidrati semplici (zucchero, dolci, soda), verdure amidacee (mais, patate), miele, frutta secca, banane, uva e cachi dovrebbero essere esclusi dalla dieta. Nella dieta dovrebbero rimanere solo i carboidrati lunghi, cioè il porridge. Anche la quantità giornaliera di grasso dovrà essere ridotta.

Oltre alla dieta, sarà molto utile per una donna incinta fare un leggero esercizio fisico: yoga o aerobica speciale per le future mamme.

La consegna per diabete gestational è progettata, di regola, a 37-38 settimane. Due mesi dopo la nascita, la madre dovrà venire all'ospedale per GTT.

Le donne sono molto importanti per monitorare la loro salute, soprattutto durante la gravidanza. Come si sente la futura mamma, cosa mangia, quanto è attiva, determina in gran parte la salute del nascituro. È molto importante seguire tutte le raccomandazioni del medico e passare la ricerca raccomandata per identificare la patologia nascente in una fase precoce.

Il diabete porta sempre a complicazioni fatali. Suggerimenti per la glicemia sono estremamente pericolosi.

Lyudmila Antonova ha spiegato il trattamento del diabete. Leggi pieno

L'odore di acetone dalla bocca

Modi per perdere peso