Prevenzione del diabete - saggio su medicina, educazione fisica e salute

Dottore in Scienze Mediche, Professore, MMA. I.M. Sechenov, Mosca

L'incidenza del diabete mellito (DM) continua a crescere, che è servita come base per gli esperti dell'OMS per dichiararla un'epidemia non infettiva. I risultati degli studi epidemiologici condotti sotto la guida dell'Accademico I. I. Dedov indicano che oggi ci sono più di 8 milioni di pazienti nella Federazione Russa, e questa cifra è in costante crescita [1].

Il diabete mellito è una malattia eterogenea. La forma più comune di questo è il diabete mellito di tipo 2 (circa il 95% dei pazienti), che si verifica principalmente nelle persone di età matura e anziana. Tuttavia, ad oggi non esiste una classificazione accettabile di questo tipo di diabete. È classificata in base all'età all'inizio della manifestazione della malattia, alla presenza di obesità, in particolare alla forma viscerale, alla necessità di terapia insulinica.

Il marker genetico del DM di tipo 2 non è definito, ma è ovvio che l'insulino-resistenza e il difetto secretorio delle cellule beta sono la base della patogenesi della malattia. Sia la resistenza all'insulina che il difetto secretorio delle cellule beta possono essere determinati geneticamente. Il 90% dei pazienti è in sovrappeso o obeso, il che peggiora il decorso del diabete e rende difficile ottenere un risarcimento per la malattia. Ridurre il peso di soli 5-10 kg in tali pazienti porta ad un miglioramento della glicemia e in alcuni casi alla loro completa normalizzazione. I cibi a basso contenuto calorico e l'attività fisica sono le fondamenta su cui è costruito il diabete mellito di tipo 2. Ma molti pazienti trascurano queste misure, condannandosi a scompenso a lungo termine e, di conseguenza, allo sviluppo delle complicazioni tardive. Basti dire che l'infarto miocardico si verifica in pazienti con diabete mellito di tipo 2 3 volte, ictus 2-3 volte, e il rischio di amputazione degli arti è 40 volte più frequente che nelle persone che non hanno il diabete. La cecità diabetica ha acquisito un significato medico e sociale. Ma tutte queste complicazioni possono essere prevenute o ritardate se tenute sotto controllo e corretto i livelli glicemici.

I cibi ipocalorici sono alimenti a basso contenuto di grassi e carboidrati facilmente digeribili. Gli alimenti ricchi di fibre sono vari tipi di cavoli, carote, ravanelli, fagiolini, rape, peperoni, melanzane e frutti saporiti. Dovresti mangiare carne magra, pesce bollito, cotto e stufato, fritto, da evitare. Molti pazienti aumentano significativamente la quota di olio vegetale nella razione giornaliera, il che è impossibile perché è calorico come il grasso animale. Normalmente, dopo l'ingestione, il pancreas secerne insulina, il cui livello aumenta 10 volte 10-30 minuti dopo aver mangiato.

Nel diabete mellito di tipo 2, il pancreas è significativamente più basso a causa dello sviluppo del difetto delle cellule beta, e quindi il livello di glicemia dopo il pasto è notevolmente aumentato (iperglicemia postprandiale). Per prevenire un tale aumento della glicemia senza stimolare la secrezione di insulina, usare acarbose (glucobay). Con il cibo, zuccheri complessi entrano nel tratto gastrointestinale, che non può essere assorbito attraverso la mucosa dell'intestino tenue. Per fare questo, devono essere scomposti sotto l'influenza degli enzimi in zuccheri semplici, che includono il glucosio. L'acarbosio inibisce gli enzimi (a-glucosidasi-glucoamilasi, sucrasi, maltasi) che scompongono gli zuccheri complessi, riducendo in tal modo la formazione e l'assorbimento del glucosio. Questo meccanismo ci consente di prevenire con successo l'iperglicemia postprandiale in pazienti con diabete di tipo 2 senza stimolare la secrezione di insulina. Prevenendo un aumento eccessivo del livello di glicemia, il glucobay riduce in modo affidabile l'aumento dei livelli sierici di insulina. A questo proposito, il glucobay può essere considerato un farmaco sicuro, dal momento che quando lo si usa non c'è rischio di sviluppare stati ipoglicemici. E dato il fatto che alcuni carboidrati nel trattamento del glucobay non vengono assorbiti ed escreti dal corpo con le feci, i pazienti non guadagnano, e anche in una certa misura, perdono peso. La regolazione prandiale a lungo termine della glicemia e dell'insulinemia migliora la qualità della compensazione metabolica, come evidenziato dalla diminuzione dell'emoglobina glicata (HbA1c). L'effetto del glucosio è dose-dipendente e più alto è il dosaggio del farmaco, meno carboidrati vengono scomposti e assorbiti nell'intestino tenue. Nei casi in cui la monoterapia con glucobay non è sufficiente per ottenere la piena compensazione del diabete di tipo 2, ricorrono alla combinazione con metformina, specialmente nei casi di obesità, sulfonilurea e insulina. La combinazione di glucobay con metformina consente di ottenere una buona compensazione del diabete mellito con dosi moderate di metformina, che è molto importante per gli anziani. La combinazione di glucobio con farmaci sulfonilurea e insulina consente di evitare alte concentrazioni di insulina nel sangue - un fenomeno indesiderabile in IHD, infarto miocardico, ipertensione arteriosa, obesità, ecc.

Sulla base di test biochimici ed ematologici è emersa una buona tollerabilità del glucobay. Il farmaco non influisce negativamente sul livello degli enzimi epatici, della bilirubina, degli elettroliti, della creatinina, dell'urea, dell'acido urico; è ben tollerato dai pazienti anziani, in particolare quelli che soffrono di stitichezza cronica. Malattie del fegato e dei reni non influenzano la tollerabilità di questo farmaco.

Nonostante tutti i vantaggi del glucobay e, prima di tutto, della sua sicurezza, i medici tuttavia non usano questo farmaco per il trattamento del diabete. Ciò è dovuto al fatto che il glucobay è attribuito alla presenza di un effetto collaterale sul tratto gastrointestinale. Infatti, gli effetti collaterali sono dovuti all'eccessivo consumo di carboidrati da parte dei pazienti e all'inibizione della loro rottura e assorbimento da parte della fermentazione dei polisaccaridi. I carboidrati non assorbiti, spostati nell'intestino distale, sono sottoposti a scissione batterica a diossido di carbonio, metano e catene corte di acidi grassi, che si manifesta con una maggiore formazione di gas e talvolta con diarrea. Questi sintomi sono naturalmente spiacevoli, ma sono clinicamente sicuri. Indicano solo che i pazienti trascurano i regimi dietetici. Come dimostra la nostra esperienza, l'uso di glucobay ha un effetto disciplinante sui pazienti. Inoltre, gli effetti collaterali di solito si verificano con l'uso della dose massima giornaliera del farmaco (100 mg 3 volte al giorno). L'uso di una dose minore consente di evitare i fenomeni descritti del tratto gastrointestinale, sebbene ciò riduca l'effetto ipoglicemico del farmaco.

Oggi il diabete, in un certo senso, è una malattia incurabile [2] ed è naturale che aumenti l'importanza di prevenire la malattia in tale situazione. La Dichiarazione di St. Vincent (1989) afferma che il diabete sta diventando un problema di salute pubblica sempre più grave nei paesi europei. Colpisce persone di qualsiasi età e porta a una lunga perdita di salute e alla morte prematura dei pazienti. La dichiarazione richiede lo sviluppo e l'attuazione di programmi completi per la diagnosi, la prevenzione, la cura del diabete e le sue complicanze; allo stesso tempo, tutti i costi saranno rimborsati a causa di significativi risparmi in risorse umane e materiali. Sfortunatamente, dobbiamo ammettere che la prevenzione del diabete di tipo 2 viene prestata pochissima attenzione. Nel frattempo, recenti studi sulla prevenzione del diabete (Diabetes Prevention Study) hanno dimostrato che la perdita di peso moderatamente moderata in pazienti con ridotta tolleranza al glucosio (IGT) è sufficiente a ridurre significativamente la percentuale della sua transizione verso il diabete [3]. Ogni anno il 1,5-7,3% delle persone con IGT sviluppa diabete di tipo 2 [4] e la glicemia a digiuno, 5,6 mmol / l, aumenta il rischio di trasferimento di IGT al diabete di tipo 2 di 3,3 volte [5].

Pertanto, nella popolazione di NTG, la frequenza di conversione prevista dovrebbe teoricamente essere del 10% circa all'anno.

Quando si sviluppano misure per prevenire il diabete di tipo 2, si deve tenere presente che l'obesità e la resistenza all'insulina sono le cause più importanti di ridotta tolleranza al glucosio e disfunzione secretoria delle cellule beta. L'iperinsulinemia che si sviluppa allo stesso tempo non è altro che una risposta compensativa del corpo alla resistenza all'insulina e allo stesso tempo un fattore importante nello sviluppo dell'ipertensione arteriosa e dell'aterosclerosi. Il concetto di prevenzione del diabete mellito di tipo 2 deve essere costruito sulla base della fisiopatologia dell'IGT e, ovviamente, i prodotti e i farmaci che stimolano la secrezione di insulina dovrebbero essere evitati. Un regolatore prandiale unico che non stimola la secrezione di insulina, ma previene l'assorbimento del glucosio, è glucoico in questo caso, soprattutto per scopi profilattici la dose raccomandata del farmaco 50 mg 3 volte al giorno poco prima di un pasto o con il primo sorso di cibo non causa effetti collaterali significativi.

Uno studio multicentrico, controllato con placebo, sull'efficacia di un inibitore della α-glucosidasi (glucobay) nella prevenzione del diabete di tipo 2 in una popolazione di persone con IGT è stato condotto in Canada, Israele e 7 paesi dell'Europa occidentale [5]. 1418 pazienti con NTG erano sotto osservazione (dopo 2 ore dopo aver caricato 75 g di plasma plasmatico di glucosio era ≥7.8 mmol / le ≤ 11.1 mmol / l, inoltre, tutti i pazienti avevano glucosio plasmatico a digiuno ≥5.6 mmol / l, ma ≤7.8 mmol / l). I pazienti hanno ricevuto glucobay alla dose di 100 mg 3 volte al giorno o placebo. La durata dello studio era di 3,9 anni. Il parametro principale per valutare l'efficacia era la frequenza dello sviluppo del diabete di tipo 2, e i parametri secondari erano cambiamenti nella pressione sanguigna, profilo lipidico, sensibilità all'insulina e parametri di morfometria. Questo studio, soprannominato "The Stop NIDDM", è stato completato alla fine del 2001. I risultati finali non sono ancora stati pubblicati e dati preliminari suggeriscono un'efficace prevenzione del diabete mellito di tipo 2 e una diminuzione del grado di insulino-resistenza [6].

Di particolare interesse è uno studio prospettico di 3 anni, multicentrico, condotto in Cina, per studiare l'effetto preventivo di acarbose e metformina in IGT [7]. I pazienti osservati sono stati randomizzati in quattro gruppi (vedi tabella).

Gruppo di pazienti glicemia a digiuno (mmol / l) postprandiale della glicemia (mmol / l) L'incidenza annuale del diabete (%) prima dello studio dopo 3 anni prima dello studio dopo 3 anni K 6.02 6.59 8.83 9.13 11.6 D + Y 6,11 6,21 9,28 8,98 8,2 A 5.47 8.34 7.21 6.03 * 2.0 M * 6.01 5.85 9.05 7.92 * 4 1 *

I pazienti del gruppo di controllo K sono stati addestrati in misure tradizionali per la prevenzione del diabete.

Ai pazienti del gruppo D + U è stato richiesto di seguire una dieta ed esercizio fisico calcolati individualmente. I pazienti nel gruppo A hanno ricevuto glucobay 50 mg 3 volte al giorno. I pazienti nel gruppo M hanno ricevuto metformina nella modalità di 250 mg 3 volte al giorno. I risultati dello studio sono presentati nella tabella.

È dimostrato che il glucobay aumenta l'espressione di Glut 4 principalmente nel tessuto muscolare, il che consente di qualificare la terapia glucobay come patogeneticamente giustificata. Inoltre, le osservazioni indicano che il glucobay abbassa i trigliceridi e il colesterolo, oltre a ridurre l'indice di massa corporea [8].

Quando si assegna un bug, è importante evitare alcuni errori. Il paziente deve essere spiegato che quando si prende una dieta glucobay deve essere seguito. Il farmaco viene assunto immediatamente prima di un pasto o con il primo sorso di cibo. Glucobay in monoterapia non causa ipoglicemia, ma in combinazione con altri agenti ipoglicemici o insulina, è possibile. In questo caso, il glucosio deve essere assunto, e in sua assenza, lo zucchero, che non deve essere ingerito, ma tenuto dietro la guancia. Gli antiacidi (droghe alcalinizzanti), carbone attivo o altri assorbenti, enzimi (festal, mezim forte, pancreatina, ecc.) Non devono essere assunti con il glucobay.

Quindi, possiamo concludere che il glucobay è in grado di prevenire o rallentare efficacemente lo sviluppo del diabete di tipo 2, prevenendo lo sviluppo dell'iperglicemia. Glucobay può essere usato come farmaco di scelta con insufficiente efficacia della dieta e dell'esercizio fisico. Inoltre, è un esclusivo regolatore prandiale della glicemia senza stimolare la secrezione di insulina endogena.

Per il trattamento dell'IGT e la prevenzione del diabete mellito di tipo 2, si raccomanda l'uso di basse dosi di glucobay (50 mgx3), evitando così effetti collaterali gastrointestinali.

Nonni I. I., Fadeev V. V. Introduzione alla diabetologia. M., 1998. Pag. 15-18.

Balabolkin MI Endocrinologia. M., 1998. S. 438-470.

Hollander P. A., Elbein S. C., Hirsch I. B. et al. Ruolo di orlistat con cura del diabete. 1998. 21. 1288-1294.

Harris M. I. Tolleranza al glucosio compromessa: divalenza e conversione a NIDDM // Diabet Med. 1996. 13. 9-11.

Saad, M.F., Knowler, W.C., Pettitt, D.J., Nelson, R.G. et al. Pima Indians ha alterato la tolleranza al glucosio // N Engl J Med. 1988. 319. 1500-1506.

Chiasson J.L. Lo stop-prova NIDDM. Uno studio internazionale dell'inibitore della glucosidasi a una popolazione di diagenti nel diabete in una popolazione con IGT // Diabetes Care. 1998. 21. 1720-1725.

Yang Wenying, Lin Lixiang, Qi Jinwu et al. Lo studio prospettico multicentrico di 3 anni: The Clinical J Endocrinol. 2001. 3. 1-7.

Roslyakova L.V. et al. Effetto dell'acarbosio (glucobay) sul metabolismo lipidico dei pazienti con diabete mellito insulino-dipendente // Archivio terapeutico. 2000. № 8. S. 54-56.

Saggi di medicina
Diabete mellito: eziologia, patologia, trattamento

Eziologia e patogenesi

Fattori di rischio e prognosi

Diagnosi e diagnosi differenziale

Sintomi e segni

Supervisione clinica dei pazienti con diabete

Anatomia patologica del diabete

Coma diabetico e trattamento

Il diabete mellito è una malattia causata da insufficienza assoluta o relativa di insulina e caratterizzata da una grave violazione del metabolismo dei carboidrati con iperglicemia e glicosuria, nonché da altri disturbi metabolici.

In eziologia, la predisposizione ereditaria, le malattie autoimmuni, i disturbi vascolari, l'obesità, i traumi mentali e fisici, le infezioni virali sono importanti.

Quando una carenza assoluta di insulina ha ridotto i livelli di insulina nel sangue a causa della violazione della sua sintesi o la secrezione dalle cellule beta delle isole di Langerhans. La relativa insulina insufficienza può essere il risultato di una diminuita attività insulinica a causa della sua forte legame alle proteine, maggiore distruzione di enzimi epatici, effetti di dominanza di antagonisti ormonali e non ormonali insulina (glucagone, surrenale ormone corticale, tiroide, ormone della crescita, acidi grassi non esterificati), cambiamenti nella sensibilità dei tessuti insulino-dipendente all'insulina

La carenza di insulina porta a compromissione del metabolismo dei carboidrati, dei grassi e delle proteine. La permeabilità al glucosio delle membrane cellulari nel tessuto adiposo e nei muscoli diminuisce, aumentano la glicogenolisi e la gluconeogenesi, l'iperglicemia, la glicosuria, che sono accompagnate da poliuria e polidipsia. La formazione di grasso viene ridotta e la ripartizione dei grassi aumenta, il che porta ad un aumento del livello ematico dei corpi chetonici (acetoacetico, beta-idrossibutirrico e prodotto di condensazione dell'acido acetoacetico - acetone). Ciò causa uno spostamento dello stato acido-base verso l'acidosi, promuove una maggiore escrezione di potassio, sodio, ioni magnesio nelle urine, altera la funzione renale.

Una significativa perdita di liquidi dovuta alla poliuria porta alla disidratazione. L'escrezione di potassio, cloruri, azoto, fosforo, calcio è migliorata.

Il diabete mellito è una malattia endocrina caratterizzata da un aumento cronico dei livelli di zucchero nel sangue a causa di carenza di insulina assoluta o relativa, l'ormone pancreatico. La malattia porta alla violazione di tutti i tipi di metabolismo, danni ai vasi sanguigni, sistema nervoso, così come altri organi e sistemi.

1. Il diabete insulino-dipendente (diabete mellito di tipo 1) si sviluppa principalmente nei bambini e nei giovani;

2. Il diabete insulino-indipendente (diabete di tipo 2) di solito si sviluppa in persone sopra i 40 anni in sovrappeso. Questo è il tipo più comune di malattia (si verifica nell'80-85% dei casi);

3. diabete secondario (o sintomatico);

4. Diabete in stato di gravidanza.

5. Diabete dovuto alla malnutrizione

Nel diabete mellito di tipo 1, esiste una carenza assoluta di insulina causata da un malfunzionamento del pancreas.

Nel diabete mellito di tipo 2, c'è una deficienza relativa dell'insulina. Le cellule pancreatiche allo stesso tempo producono abbastanza insulina (a volte anche una maggiore quantità). Tuttavia, sulla superficie cellulare, il numero di strutture che assicurano il suo contatto con la cellula e aiuta il glucosio dal sangue a entrare nella cellula viene bloccato o ridotto. La carenza di glucosio nelle cellule è un segnale per una maggiore produzione di insulina, ma ciò non ha alcun effetto e nel tempo la produzione di insulina è significativamente ridotta.

Eziologia e patogenesi

Predisposizione ereditaria, autoimmune, disturbi vascolari, obesità, traumi mentali e fisici, infezioni virali sono importanti.

patogenesi

1. produzione insufficiente d'insulina da celle endocrine del pancreas;

2. violazione delle interazioni insulina con cellule, tessuti (resistenza all'insulina) in conseguenza di cambiamenti nella struttura o riducendo il numero di recettori specifici per l'insulina, modificare la struttura della insulina o disturbi di meccanismi cellulari retseptorovorganellam trasmissione del segnale intracellulare.

Esiste una predisposizione genetica al diabete. Se uno dei genitori è malato, la probabilità di ereditare il diabete di tipo 1 è del 10% e il diabete di tipo 2 è dell'80%.

Una corretta dieta per il diabete è di fondamentale importanza. Scegliendo la dieta giusta con una forma lieve (e spesso moderata) del diabete di tipo 2, puoi ridurre al minimo il trattamento farmacologico e persino farne a meno.

Si raccomanda di utilizzare i seguenti prodotti con il diabete:

· Pane: fino a 200 grammi al giorno, per lo più neri o diabetici speciali.

· Zuppe, principalmente vegetali. Le zuppe, cotte in una carne debole o in un brodo di pesce, possono essere consumate non più di due volte a settimana.

· Carne a basso contenuto di grassi, pollame (fino a 100 grammi al giorno) o pesce (fino a 150 grammi al giorno) in forma bollita o in gelatina.

· Piatti e contorni di cereali, legumi, pasta possono essere forniti occasionalmente, in piccole quantità, riducendo il consumo di pane in questi giorni. Tra i cereali, è preferibile utilizzare farina d'avena e grano saraceno, inoltre sono accettabili miglio, orzo perlato e cereali di riso. Ma la semola è meglio escluderla.

· Verdure e verdure. Si consiglia di utilizzare patate, barbabietole e carote per non più di 200 grammi al giorno. Ma altri ortaggi (cavoli, lattuga, ravanelli, cetrioli, zucchine, pomodori) e verdi (eccetto il piccante) possono essere consumati senza alcuna restrizione in forma cruda e cotta e, occasionalmente, in quelli al forno.

· Uova - non più di 2 pezzi al giorno: morbidi, sotto forma di frittata o quando si cuociono altri piatti.

· Frutta e bacche di varietà agrodolce (mele Antonovka, arance, limoni, mirtilli rossi, ribes rosso...) - fino a 200-300 grammi al giorno.

· Latte - con il permesso del medico. Latticini (kefir, latte acido, yogurt non zuccherato) - 1-2 bicchieri al giorno. Formaggio, panna acida, crema - occasionalmente e un po '.

· Si consiglia di consumare ricotta giornaliera con diabete, fino a 100-200 grammi al giorno nella sua forma naturale o sotto forma di ricotta, cheesecake, budini, casseruole. Ricotta, porridge di farina d'avena e grano saraceno, crusca, rosa selvatica migliora il metabolismo dei grassi e normalizza la funzionalità epatica, previene i cambiamenti di grasso nel fegato.

· Bevande Consentito tè verde o nero, è possibile con latte, caffè debole, succo di pomodoro, succo di bacche e frutta, varietà aspre.

Mangiare con diabete mellito almeno 4 volte al giorno, e meglio - 5-6 volte alla stessa ora. Il cibo dovrebbe essere ricco di vitamine, micro e macronutrienti. Cerca di diversificare la tua dieta il più possibile, perché l'elenco dei prodotti consentiti per il diabete non è affatto piccolo.

restrizioni

§ Prima di tutto, ed è improbabile che sarà una scoperta per qualcuno, in caso di diabete, è necessario limitare l'uso di carboidrati facilmente digeribili. uvetta, date. Spesso ci sono anche raccomandazioni per escludere completamente questi prodotti dalla dieta, ma questo è davvero necessario solo in caso di diabete grave. Con la stessa luce e il medesimo mezzo, soggetto al monitoraggio regolare dei livelli di zucchero nel sangue, l'uso di una piccola quantità di zucchero e dolci è abbastanza accettabile.

§ Non molto tempo fa, a seguito di una serie di studi, è emerso che un elevato contenuto di grassi nel sangue contribuisce alla progressione del diabete mellito. Pertanto, la restrizione del consumo di alimenti grassi nel diabete non è meno importante della restrizione dei dolci. La quantità totale di grassi consumati in forma libera e per la cottura (burro e olio vegetale, strutto, oli da cucina) non deve superare i 40 grammi al giorno, è anche necessario limitare il consumo di altri prodotti contenenti grandi quantità di grassi (carni grasse, salsicce, salsicce, salsicce, formaggi, panna acida, maionese).

§ Si dovrebbe anche limitare seriamente, ed è meglio non mangiare cibi fritti, speziati, salati, piccanti e affumicati, cibo in scatola, pepe, senape, bevande alcoliche.

§ E per i diabetici è troppo brutto avere alimenti che contengano un sacco di grassi e carboidrati allo stesso tempo: cioccolato, gelato, torte alla crema e torte... Dovrebbero essere completamente esclusi dalla dieta.

· Test della glicemia a digiuno

· Studio della glicemia dopo i pasti

· Studio del glucosio nel sangue durante la notte

· Ricerca del livello di glucosio nelle urine

· Test di tolleranza al glucosio

· Studio dell'emoglobina glicata

· Studio del livello di fruttosamina nel sangue

· Test dei lipidi nel sangue

· Studio della creatinina e dell'urea

· Determinazione della proteina urinaria

· Ricerca sui corpi chetonici

Fattori di rischio e prognosi

I fattori di rischio per il diabete di tipo 1 includono l'ereditarietà. Se un bambino ha una predisposizione genetica allo sviluppo del diabete, è quasi impossibile prevenire il corso di eventi indesiderati.

Fattori di rischio per il diabete di tipo 2

A differenza del diabete di tipo 1, la malattia di tipo 2 è causata dalle peculiarità della vita e della nutrizione del paziente. Pertanto, se si conoscono i fattori di rischio per il diabete di tipo 2, oltre a cercare di evitare molti di essi, anche con l'ereditarietà gravata, è possibile ridurre il rischio di sviluppare questa malattia al minimo.

Fattori di rischio per il diabete di tipo 2:

· Il rischio di sviluppare il diabete aumenta se i parenti stretti hanno diagnosticato la malattia;

· Età superiore a 45 anni;

· Presenza di sindrome da insulino-resistenza;

· La presenza di eccesso di peso (BMI);

· Frequenza alta della pressione sanguigna;

· Elevato colesterolo;

· Diabete gestazionale.

I fattori di rischio per il diabete includono:

· Lesioni neuropsichiatriche e fisiche,

· Dotto pancreatico di pietra,

· Cancro al pancreas,

· Malattie di altre ghiandole endocrine,

· Aumento dei livelli di ormoni ipotalamici-ipofisari,

· Una varietà di infezioni virali

· L'uso di determinati farmaci,

prospettiva

Attualmente, la prognosi per tutti i tipi di diabete mellito è condizionatamente favorevole, con trattamento adeguato e conformità con la dieta, la capacità di lavoro rimane. La progressione delle complicanze rallenta significativamente o si ferma completamente. Tuttavia, va notato che nella maggior parte dei casi, a causa del trattamento, la causa della malattia non viene eliminata e la terapia è solo sintomatica.

Diagnosi e diagnosi differenziale

La diagnosi di diabete di tipo 1 e di tipo 2 è facilitata dalla presenza dei principali sintomi: poliuria, polifagia e perdita di peso. Tuttavia, il principale metodo diagnostico è determinare la concentrazione di glucosio nel sangue. Il test di tolleranza al glucosio viene utilizzato per determinare la gravità del decompensa- mento del metabolismo dei carboidrati.

La diagnosi di "diabete" è stabilita in caso di coincidenza di questi segni: [24]

· La concentrazione di zucchero (glucosio) nel sangue a digiuno capillare supera 6,1 mmol / L (millimoli per litro), e dopo 2 ore dopo un pasto (glicemia postprandiale) supera 11,1 mmol / l;

· Come risultato del test di tolleranza al glucosio (nei casi dubbi) il livello di zucchero nel sangue supera 11,1 mmol / l (nella ripetizione standard);

· Il livello di emoglobina glicata supera il 5,9% (5,9-6,5% - dubitativamente, più del 6,5% è una maggiore probabilità di diabete);

· Lo zucchero è presente nelle urine;

· Nelle urine contiene acetone (acetonuria, (l'acetone può essere presente senza diabete mellito)).

Diagnosi differenziale (DIF) del diabete

Il problema del diabete mellito si è recentemente diffuso ampiamente nel mondo della medicina. Rappresenta circa il 40% di tutti i casi del sistema endocrino. Questa malattia porta spesso ad alta mortalità e disabilità precoce.

Per la diagnosi differenziale nei pazienti con diabete, è necessario identificare le condizioni del paziente, riferendole a una delle classi: neuropatico, angiopatico, corso combinato del diabete.

I pazienti con un numero fisso di sintomi simile sono considerati appartenenti alla stessa classe. In questo documento, il diff. la diagnosi viene presentata come un compito di classificazione.

Come metodo di classificazione, vengono utilizzate l'analisi del cluster e il metodo mediano Kemeny, che sono formule matematiche.

Nella diagnosi differenziale del diabete in ogni caso non può essere guidato dai livelli di GC. In caso di dubbio, fai una diagnosi preliminare e assicurati di controllarla.

La forma esplicita o manifestata del diabete ha un quadro clinico chiaramente stabilito: poliuria, polidipsia, perdita di peso. Nello studio di laboratorio del sangue c'è un alto contenuto di glucosio. Nello studio dell'urina - glicosuria e aceturia. Se non ci sono sintomi di iperclimico, ma durante lo studio della glicemia, viene rilevato un livello elevato di glucosio. In questo caso, per escludere o confermare la diagnosi in condizioni di laboratorio, viene eseguito un test speciale per la reazione del glucosio.

È necessario prestare attenzione al peso specifico dell'urina (densità relativa), che viene rilevato durante le analisi eseguite nel trattamento di altre malattie o nell'esame clinico.

Per diff. diagnosi del diabete, la selezione della terapia e del farmaco terapeutico è estremamente necessaria per determinare il livello di concentrazione di insulina nel sangue. La determinazione dell'insulina è possibile nei pazienti che non assumono farmaci insulinici. L'aumento dei livelli di insulina a basse concentrazioni di glucosio è un indicatore di iperinsulinemia patologica. Alti livelli di insulina nel sangue durante il digiuno a concentrazioni elevate e normali di glucosio sono indicativi di intolleranza al glucosio e, di conseguenza, diabete

Una diagnosi completa della malattia, finalizzata ad un serio esame del corpo. La diagnosi differenziale non consentirà lo sviluppo del diabete mellito e permetterà il tempo di nominare il trattamento necessario.

trattamento

Il trattamento del diabete, ovviamente, prescritto da un medico.

Il trattamento per il diabete comprende:

1. dieta speciale: è necessario escludere zucchero, alcool, sciroppi, torte, biscotti, frutta dolce. Il cibo dovrebbe essere preso in piccole porzioni, preferibilmente 4-5 volte al giorno. Si raccomandano prodotti contenenti vari sostituti dello zucchero (aspartame, saccarina, xilitolo, sorbitolo, fruttosio, ecc.).

2. L'uso giornaliero di insulina (terapia insulinica) è necessario per i pazienti con diabete mellito di primo tipo e con la progressione del diabete del secondo tipo. Il farmaco è disponibile in speciali penne a siringa, con le quali è facile fare iniezioni. Quando il trattamento con insulina è necessario per monitorare indipendentemente il livello di glucosio nel sangue e nelle urine (utilizzando strisce speciali).

3. l'uso di pillole che aiutano a ridurre i livelli di zucchero nel sangue. Di regola, il trattamento del diabete mellito del secondo tipo inizia con tali farmaci. Con il progredire della malattia, è necessaria la somministrazione di insulina.

I compiti principali del medico nel trattamento del diabete sono:

· Compensazione del metabolismo dei carboidrati.

· Prevenzione e trattamento delle complicanze.

· Normalizzazione del peso corporeo.

Per le persone con diabete, l'esercizio è benefico. Il ruolo terapeutico della perdita di peso e ha nei pazienti con obesità.

Il trattamento del diabete si svolge per tutta la vita. L'autocontrollo e il follow-up accurato delle raccomandazioni di un medico aiutano a evitare o rallentare in modo significativo lo sviluppo delle complicanze della malattia.

Il diabete mellito è necessario per monitorare costantemente. Con uno scarso controllo e uno stile di vita inappropriato, possono verificarsi frequenti e brusche fluttuazioni dei livelli di glucosio nel sangue. Ciò a sua volta porta a complicazioni. Prima ad acuta, come ipo- e iperglicemia, e poi a complicanze croniche. La cosa più terribile è che si manifestano 10-15 anni dopo l'insorgenza della malattia, si sviluppano impercettibilmente e in un primo momento non influenzano in alcun modo lo stato di salute. A causa dell'alta glicemia, le complicanze specifiche del diabete da occhi, reni, gambe e non specifici del sistema cardiovascolare stanno gradualmente emergendo e progredendo molto rapidamente. Ma, sfortunatamente, è molto difficile far fronte a complicazioni che si sono già manifestate.

o ipoglicemia - abbassamento dello zucchero nel sangue, può portare a coma ipoglicemico;

o iperglicemia: aumento dei livelli di zucchero nel sangue, che può causare coma iperglicemico.

Sintomi e segni

Entrambi i tipi di diabete hanno sintomi simili. I primi sintomi del diabete, di regola, appaiono a causa dell'alto livello di glucosio nel sangue. Quando la concentrazione di glucosio nel sangue raggiunge 160-180 mg / dl (oltre 6 mmol / l), inizia a entrare nelle urine. Nel tempo, quando le condizioni del paziente peggiorano, il livello di glucosio nelle urine diventa molto alto. Di conseguenza, i reni espellono più acqua per diluire l'enorme quantità di glucosio escreta nelle urine. Pertanto, il sintomo principale del diabete mellito è la poliuria (il rilascio di oltre 1,5-2 litri di urina al giorno). Il prossimo sintomo, che è una conseguenza della minzione frequente, è la polidipsia (sete costante) e il consumo di grandi quantità di liquidi. A causa del fatto che con l'urina si perde un gran numero di calorie, le persone perdono peso. Di conseguenza, le persone provano una sensazione di fame (aumento dell'appetito). Pertanto, la classica triade dei sintomi è caratteristica del diabete mellito:

· Poliuria (più di 2 litri di urina al giorno).

· Polidipsia (sete).

· Polifagia (aumento dell'appetito).

Anche per ogni tipo di diabete ha le sue caratteristiche.

Per le persone con diabete di tipo 1, di regola, i primi sintomi si verificano improvvisamente, in un periodo di tempo molto breve. E una condizione come la chetoacidosi diabetica può svilupparsi molto rapidamente. Nei pazienti con diabete di tipo 2, per lungo tempo la malattia è asintomatica. Anche se ci sono alcuni reclami, la loro intensità è trascurabile. A volte nelle prime fasi dello sviluppo del diabete mellito di tipo 2, i livelli di glucosio nel sangue possono essere ridotti. Questa condizione è chiamata ipoglicemia. A causa del fatto che il corpo umano ha una certa quantità di insulina nei pazienti con diabete di tipo 2 nelle prime fasi di chetoacidosi di solito non si verifica.

Altri segni meno specifici del diabete possono essere:

· Debolezza, stanchezza

· Malattie cutanee purulente, foruncolosi, comparsa di ulcere difficili da guarire

· Grave prurito nell'area genitale

I pazienti con diabete di tipo 2 spesso scoprono per caso la loro malattia, molti anni dopo l'inizio. In questi casi, la diagnosi di diabete viene stabilita o sulla base della determinazione dell'elevato livello di glucosio nel sangue o sulla base della presenza di complicanze del diabete.

Il diabete è principalmente una malattia ereditaria. I gruppi di rischio identificati ci permettono di orientare le persone oggi, per metterle in guardia da un atteggiamento negligente e sconsiderato nei confronti della loro salute. Il diabete è sia ereditato che acquisito. La combinazione di diversi fattori di rischio aumenta la probabilità di contrarre il diabete: per un paziente con obesità, spesso affetto da infezioni virali - influenza, ecc., Questa probabilità è quasi la stessa che per le persone con ereditarietà aggravata. Quindi tutte le persone a rischio dovrebbero essere vigili. Dovresti essere particolarmente attento alle tue condizioni tra novembre e marzo, perché la maggior parte dei casi di diabete si verificano durante questo periodo. La situazione è complicata dal fatto che durante questo periodo, le sue condizioni possono essere scambiate per un'infezione virale.

Per la prevenzione primaria, le misure mirano a prevenire il diabete mellito:

1. Cambiamento dello stile di vita ed eliminazione dei fattori di rischio per il diabete mellito, misure preventive solo negli individui o in gruppi con un alto rischio di sviluppare diabete in futuro.

2. Ridurre il sovrappeso.

3. Prevenzione dell'aterosclerosi.

4. Prevenzione dello stress.

5. Ridurre il consumo di quantità eccessive di prodotti contenenti zucchero (utilizzando un sostituto naturale di zucchero) e grassi animali.

6. Alimentazione moderata dei bambini per la prevenzione del diabete nel bambino.

Prevenzione del diabete secondario

La prevenzione secondaria comprende misure volte a prevenire le complicanze del diabete mellito - il controllo precoce della malattia, prevenendone la progressione.

Supervisione clinica dei pazienti con diabete

L'esame clinico dei pazienti con diabete è un sistema di misure preventive e terapeutiche volte a individuare precocemente la malattia, prevenendone la progressione, il trattamento sistematico di tutti i pazienti, mantenendo le loro buone condizioni fisiche e spirituali, preservando la capacità di lavorare e prevenire le complicanze e le malattie associate. osservazione dispensario ben organizzata dei pazienti dovrebbe assicurare che eliminano i sintomi clinici della -zhazhdy diabete, poliuria, debolezza generale e altri restauro e la conservazione di disabilità, prevenzione delle complicanze: chetoacidosi, ipoglicemia, microangiopatia diabetica e la neuropatia e l'altro modo per ottenere un risarcimento stabile del diabete e la normalizzazione massa corporea.

Gruppo di dispensario - D-3. Gli adolescenti con IDDM non vengono rimossi dalla registrazione del dispensario. Il sistema di esame clinico dovrebbe essere basato su dati sulla natura immunopatologica del diabete mellito. È necessario che gli adolescenti con IDDM si registrino come persone immunopatologiche. Gli interventi sensibilizzanti sono controindicati. Questa è la base per il farmaco da vaccinazioni, per limitare l'introduzione di farmaci antigenici. La terapia insulinica continua è un compito difficile e richiede la pazienza di un adolescente e di un medico. Il diabete spaventa molte restrizioni, cambia lo stile di vita di un adolescente. Devi insegnare ad un adolescente a superare la paura dell'insulina. Quasi il 95% degli adolescenti con IDDM non ha una corretta comprensione della dieta, non sa come cambiare la dose di insulina durante i cambiamenti dietetici, durante l'esercizio fisico, riducendo la glicemia. Le classi più ottimali nelle "Scuole di diabetici" o "Università della salute per i diabetici". Almeno 1 volta all'anno richiede l'esame del paziente con aggiustamento della dose di insulina. Cliniche di osservazione endocrinologica - almeno 1 volta al mese. Oftalmologo, terapeuta, neuropatologo e, se necessario, un urologo, ginecologo, nefrologo dovrebbe essere consulente permanente. Viene condotta l'antropometria, viene misurata la pressione arteriosa. Vengono regolarmente esaminati i livelli di glicemia, glicosuria e acetonuria, periodicamente lipidi ematici e funzionalità renale. Tutti gli adolescenti con diabete mellito hanno bisogno di un esame della TBC. Con ridotta tolleranza al glucosio - 1 volta in 3 mesi, osservazione dinamica, esame di un oculista 1 volta in 3 mesi, ECG - 1 volta in mezzo anno e con normali indicatori della glicemia per 3 anni - deregistrazione.

Anatomia patologica del diabete

Macroscopicamente il pancreas può essere ridotto in volume, rugoso. Cambiamenti nella sua escretore reparto impermanente (atrofia, lipomatosi, degenerazione cistoide, emorragie, ecc) e di solito si verificano negli anziani. Istologicamente, quando in sulinzavisimom diabete sono infiltrazione linfocitaria delle isole pancreatiche (insulitis). Questi ultimi si trovano prevalentemente in quelle isole che contengono cellule p. Dato che la durata della malattia sono progressiva distruzione delle cellule p-di fibrosi e atrofia psevdoatroficheskie isolotti senza p-cellule. La fibrosi diffusa delle isole pancreatiche è nota (più spesso quando il diabete mellito insulino-dipendente è combinato con altre malattie autoimmuni). Spesso si osservano ialinosi delle isole e accumulo di masse ialine tra le cellule e attorno ai vasi sanguigni. Si notano le cellule di rigenerazione delle cellule P (nelle prime fasi della malattia), che scompaiono completamente con un aumento della durata della malattia. Nel diabete mellito non insulino dipendente si osserva una diminuzione del numero di cellule P. In alcuni casi, i cambiamenti nell'apparato delle isole sono associati alla natura della malattia sottostante (emocromatosi, pancreatite acuta, ecc.).

I cambiamenti morfologici in altre ghiandole endocrine sono variabili. Le dimensioni delle ghiandole pituitarie e paratiroidi possono essere ridotte. A volte nella ghiandola pituitaria, i cambiamenti degenerativi si verificano con una diminuzione del numero di cellule eosinofile e, in alcuni casi, di cellule basofile. Nei testicoli è possibile una ridotta spermatogenesi e, nelle ovaie, atrofia dell'apparato follicolare. Microangiopatia e macroangiopatia spesso marcata. Nei polmoni, a volte vengono determinati i cambiamenti tubercolari. Di regola si osserva l'infiltrazione glicogenica del parenchima renale. In alcuni casi, identificato diabete specifici glomerulosclerosi nodulare (interkapillyarny glomerulosclerosi, sindrome Kimmelstila-Wilson) e nefropatia tubulare. Ci possono essere cambiamenti nei reni e essudativa caratteristici glomerulosclerosi diffusa, arteriosclerosi, pielonefrite, papillita necrotizzante che si combina con diabete mellito frequenza che con altre malattie. glomerulosclerosi nodulare si verifica in circa il 25% dei pazienti con diabete mellito (spesso con diabete insulino-dipendente) e correla con la sua durata. glomerulosclerosi nodulare è caratterizzata da microaneurismi, ialina organizzata in fasci (nodi Kimmelstila - Wilson) disposto sulla periferia o al centro del glomerulo, ispessimento della membrana basale e capillari. I noduli (con un numero significativo di nuclei di cellule mesangiali e matrice ialina) restringono o bloccano completamente il lume dei capillari. In glomerulosclerosi diffusa (intracapillare) osservato un ispessimento della membrana basale dei capillari delle sezioni glomeruli, riduzione del lume dei capillari e la loro occlusione. Di solito trovare una combinazione di cambiamenti nei reni, caratteristica della glomerulosclerosi sia diffusa che nodulare. Si ritiene che la glomerulosclerosi diffusa possa precedere il nodulo. Quando tubolare nefrosi osservato accumulo di vacuoli contenenti glicogeno nelle cellule epiteliali, più tubulo prossimale, e la deposizione nelle loro membrane citoplasmatiche PAS-positivi sostanze (glicoproteine, mucopolisaccaridi neutri). La gravità della nefrosi tubulare è correlata all'iperglicemia e non corrisponde alla natura della funzione compromessa dei tubuli. Il fegato è spesso ingrossato, lucido, di colore giallo-rossastro (a causa di infiltrazioni di grasso) di colore, spesso con contenuto di glicogeno ridotto. A volte c'è cirrosi epatica. Infiltrazione glicogenica del sistema nervoso centrale e di altri organi.

Al morti di coma diabetico all'esame autoptico rivelare lipomatosi, alterazioni infiammatorie o necrotiche nel pancreas, steatosi epatica, glomerulosclerosi, fenomeni osteomalacia, sanguinamento nel tratto gastrointestinale, l'aumento e lavaggio dei reni, e in alcuni casi - infarto miocardico, trombosi, mesenterica vasi, embolia polmonare, polmonite. L'edema cerebrale è notato, spesso senza cambiamenti morfologici nei suoi tessuti.

Coma diabetico e trattamento

Il diabete mellito in alcuni pazienti ha un decorso grave e richiede un trattamento attento e attento con l'insulina, che in questi casi viene somministrato in grandi quantità. Grave, così come moderata gravità del diabete mellito può dare una complicazione sotto forma di coma.

Le circostanze in cui può verificarsi il coma diabetico sono principalmente le seguenti:

1) carboidrati Overeating porta all'assorbimento nel sangue di grandi quantità di glucosio, una parte considerevole della quale in tali casi non possono essere associati con insulina;

2) una diminuzione improvvisa della dose di insulina iniettata;

3) aumento del consumo di energia con l'aumento della temperatura corporea, con un pesante lavoro fisico, durante la gravidanza, ecc. Il ruolo di forti disordini, in cui una grande quantità di adrenalina viene rilasciata nel sangue, portando ad un aumento dei livelli di zucchero nel sangue, è anche importante.

La causa del coma diabetico. In tutti questi casi, si sviluppa una deficienza di insulina che determina un aumento del consumo di acidi grassi con la formazione di un numero molto elevato di prodotti ossidati. Quest'ultima circostanza porta all'esaurimento del sangue alcalino. Di conseguenza, la reazione del sangue diventa acida, in altre parole, si sviluppa acidosi (chetosi), che è la causa diretta di gravi disturbi della funzione degli organi interni, e in particolare del sistema nervoso centrale.

Come si può vedere da quanto sopra, l'essenza del coma diabetico non è un eccesso di zucchero (lo zucchero nel sangue allo stesso tempo è facilmente e nella quantità richiesta entra nelle cellule nervose, dove è usato), ma nell'accumulo nel sangue di prodotti acido-reattivi di combustione incompleta di grassi. La comprensione di questi disordini metabolici è necessaria per il trattamento razionale dei diabetici caduti in coma.

Lo sviluppo di acidosi (chetosi) a causa della mancanza di insulina nel sangue causa l'inibizione del sistema nervoso centrale, in particolare la corteccia cerebrale. Le prime manifestazioni dell'avvelenamento del sistema nervoso con prodotti non ossidati nel diabete mellito sono raggruppate in fenomeni patologici, che nell'aggregato sono chiamati precoma diabetico.

I segni e i sintomi del precoma diabetico consistono nel fatto che un paziente diabetico ha una forte debolezza generale, a causa della quale non è in grado di compiere sforzi fisici, il paziente non può camminare per molto tempo. A poco a poco, lo stato di stordimento aumenta, il paziente perde interesse per ciò che lo circonda, pone domande a domande lente e con difficoltà. Il paziente giace con gli occhi chiusi e sembra essere addormentato. Già in questo momento puoi notare l'approfondimento della respirazione. Lo stato del precoma diabetico può durare un giorno o due e poi andare in completo stato, cioè in uno stato con completa perdita di coscienza.

L'assistenza di emergenza per i pazienti diabetici è un trattamento vigoroso con insulina. Quest'ultimo viene iniettato sotto la pelle immediatamente nella quantità di 25 U.

Poiché il livello di zucchero nel sangue nei pazienti con precoma è alto, l'insulina somministrata per due o tre ore contribuirà alla spesa di questo zucchero. Tuttavia, gli usi del corpo accumulati nel sangue di prodotti velenosi di decomposizione incompleta dei grassi (corpi chetonici). 2 ore dopo l'iniezione di insulina, al paziente deve essere somministrato un bicchiere di tè o caffè dolce (4-5 cucchiaini da tè per bicchiere). Il fatto è che l'effetto dell'insulina dura a lungo - 4 ore e più, e questo può portare a una così forte diminuzione della glicemia che può causare una serie di disturbi (vedi "Clinica dell'ipoglicemia"). Ciò è impedito dall'assunzione di zucchero, come sopra indicato.

Il trattamento porta a un rapido miglioramento delle condizioni del paziente. Tuttavia, se non ci sono miglioramenti dopo 2 ore dalla somministrazione di insulina, è necessario reinserire 25 U di insulina, quindi dopo 1 ora (nota - ora dopo 1 ora!) Dare un bicchiere di tè o caffè molto dolce.

Per combattere l'acidosi, è possibile eseguire un lavaggio gastrico con soluzione di soda calda o immettere una soluzione di soda all'1,3% (100-150 ml) per via endovenosa.

Segni e sintomi di coma diabetico compaiono con un ulteriore aumento di autoavvelenamento da prodotti di ossidazione insufficiente di carboidrati e grassi. Gradualmente, a quelle manifestazioni che sono presenti con il precoma, viene aggiunta una lesione in profondità della corteccia cerebrale e, infine, appare uno stato inconscio - un coma completo. Quando un paziente si trova in tale stato, si dovrebbe accuratamente scoprire dai parenti quali circostanze hanno preceduto la caduta del paziente in stato comatoso, quanto il paziente ha ricevuto insulina.

Quando si esamina un paziente con coma diabetico, la respirazione rumorosa profonda di Kusmaul attira l'attenzione. L'odore dell'acetone è facilmente intrappolato (l'odore delle mele in salamoia). La pelle dei pazienti con coma diabetico è secca, flaccida e gli occhi sono morbidi. Dipende dalla perdita di tessuto del fluido tissutale, che passa nel sangue a causa del suo elevato contenuto di zucchero. L'impulso in tali pazienti è aumentato, la pressione sanguigna diminuisce.

Come si può vedere da quanto sopra, la differenza tra un precoma diabetico e un coma si trova nella severità degli stessi segni, la cosa principale è ridotta allo stato del sistema nervoso centrale, alla profondità della sua oppressione.

Il trattamento di emergenza per il coma diabetico è l'introduzione di una quantità sufficiente di insulina. Quest'ultimo nel caso di coma è introdotto da un paramedico sotto la pelle immediatamente nella quantità di 50 U.

Oltre all'insulina, si deve inserire sotto la pelle 200-250 ml di soluzione di glucosio al 5%. Il glucosio viene iniettato lentamente con una siringa o, meglio ancora, attraverso una flebo con una velocità di 60-70 gocce al minuto. Se c'è glucosio al 10% a portata di mano, quando viene iniettato in una vena dovrebbe essere diluito a metà con una soluzione salina e questa soluzione viene iniettata nel muscolo senza diluizione.

Se non vi è alcun effetto dall'insulina somministrata, dopo 2 ore, 25 U di insulina devono essere reiniettati sotto la pelle. Dopo questa dose di insulina, la stessa quantità di soluzione di glucosio viene iniettata sotto la pelle per la prima volta. In assenza di glucosio, la soluzione salina fisiologica viene iniettata nella quantità di 500 ml sotto la pelle. Al fine di ridurre l'acidosi (chetosi), dovrebbe essere effettuato un lavaggio del sifone intestinale. Per fare questo, vengono presi 8-10 litri di acqua calda e il bicarbonato di sodio viene aggiunto al ritmo di 2 cucchiaini per ogni litro di acqua.

Con una probabilità leggermente inferiore di successo, invece di un sifone che lava l'intestino con la soluzione di soda, puoi fare un clistere dalla soluzione di soda al 5% in 75-100 ml di acqua. (Questa soluzione deve essere iniettata nel retto in modo che il liquido rimanga lì).

Con frequenti impulsi, è necessario prescrivere un mezzo che stimoli i centri nervosi - canfora o cordiamina, che vengono iniettati in 2 ml sotto la pelle. L'introduzione dell'uno o dell'altro farmaco deve essere ripetuta ogni 3 ore.

È necessario considerare obbligatoria la partenza rapida di un paziente con un precoma diabetico e un coma all'ospedale. Pertanto, le suddette misure terapeutiche per rimuovere tali pazienti da una condizione grave vengono eseguite quando ci sono ritardi nell'invio del paziente all'ospedale immediatamente e quando ci vuole molto tempo per consegnare il paziente lì, per esempio, 6-10 ore o più.

Coma diabetico si verifica in pazienti diabetici con una grave violazione della dieta, errori nell'uso di insulina e la cessazione del suo utilizzo, con malattie intercorrenti (polmonite, infarto miocardico, ecc.), Lesioni e interventi chirurgici, sovraccarico fisico e neuropsichico.

Il coma ipoglicemico si sviluppa più spesso a causa di un sovradosaggio di insulina o altri agenti ipoglicemizzanti.

Ipoglicemia può causare insufficiente apporto di carboidrati quando somministrato alla dose di insulina o lunghi periodi di assunzione di cibo, e un grande volume e forzare il lavoro fisico, intossicazione da alcol, bloccanti del recettore, salicilati, anticoagulanti, antitubercolari farmaci serie p-adrenergici. Inoltre, ipoglicemia (coma) si verifica quando insufficiente apporto di carboidrati nel corpo (inedia, enterite) o con la loro spesa tagliente (stress fisico), così come l'insufficienza epatica.

L'assistenza medica dovrebbe essere fornita immediatamente. L'esito favorevole del coma diabetico e ipoglicemico dipende dal periodo trascorso dal momento in cui il paziente è caduto in uno stato di incoscienza fino al momento in cui è stato fornito l'aiuto. Le misure precedenti sono adottate per eliminare il coma, più favorevole è l'esito. Le cure mediche per il coma diabetico e ipoglicemico dovrebbero essere sotto il controllo di test di laboratorio. Questo può essere fatto in ambiente ospedaliero ospedaliero. I tentativi di trattare un tale paziente a casa potrebbero non avere successo.

Algoritmi per la diagnosi e il trattamento delle malattie del sistema endocrino, ed. I.I. Dedova. - M., 2005 - 256 p.

Balabolkin MI Endocrinologia. - M.: Medicina, 2004 - 416 p.

Davlitsarova K.E. Nozioni di base di assistenza infermieristica. First Medical Aid: Tutorial - M.: Forum: Infa - M, 2004-386с.

Endocrinologia clinica: una guida per i medici / Ed. T. Starkova. - M.: Medicina, 1998 - 512 p.

MI Balabolkin, E.M. Klebanov, V.M. Kreminskaya. Patogenesi dell'angiopatia nel diabete mellito. 1997

Dreval A.V. Diabete mellito e altre endocrinopatie pancreatiche (lezioni). Istituto clinico di ricerca regionale di Mosca.

Andreeva, LP e altri: il valore diagnostico delle proteine ​​nel diabete mellito. // Medicina sovietica. 1987. № 2. S. 22-25.

Balabolkin MI Diabete mellito. M.: Medicina, 1994. S. 30-33.

Belovalova I. M., Knyazeva A. P., et al. Studio della secrezione di ormoni pancreatici in pazienti con diabete di nuova diagnosi. // Problemi di endocrinologia. 1988. № 6. S. 3-6.

Berger M. et al. Pratica della terapia insulinica. Springen, 1995, p. 365-367.

Malattie interne / Ed. A.V. Sumarkova. M.: Medicina, 1993. T. 2, S. 374-391.

Vorobiev V. I. Organizzazione della terapia dietetica nelle istituzioni mediche. M.: Medicina, 1983. S. 250-254.

Galenok V.A., Zhuk EA Terapia immunomodulatoria per IDDM: problemi e nuove prospettive. // Ter. archivio. 1995. № 2. S. 80-85.

Golubev M. A., Belyaeva I. F., et al. Un potenziale test clinico e di laboratorio in diabetologia. // Diagnostica di laboratorio clinica. 1997. № 5. S. 27-28.

Goldberg E.D., Yeshchenko V.A., Bovt V.D. Diabete mellito. Tomsk, 1993. C 85-91.

Gryaznova I. M., Vtorova V. G. Diabete mellito e gravidanza. M.: Medicina, 1985. S. 156-160.

Olio di pesce - indicazioni e controindicazioni: istruzioni per l'uso

Acetone in un bambino - un brutto sogno per i genitori