Cura del paziente per il diabete

I pazienti diabetici necessitano di assistenza qualificata e assistenza infermieristica. Nel ruolo di assistente in ospedale ea casa può essere un'infermiera, che corre con il paziente della clinica tutte le fasi di esame, trattamento, processo di riabilitazione. Maggiori informazioni sul processo infermieristico nel diabete, assistenza, parlare nel nostro articolo.

Qual è il processo infermieristico per il diabete?

L'obiettivo prioritario del processo infermieristico è monitorare lo stato di salute e aiutare il paziente diabetico. Grazie alla cura del personale medico, una persona si sente a suo agio, al sicuro.

Un'infermiera viene assegnata a un gruppo di pazienti, studia approfonditamente le loro caratteristiche, insieme al medico curante sviluppa un piano diagnostico, studia la patogenesi, possibili problemi, ecc. Quando si lavora a stretto contatto con i pazienti, è importante considerare le loro abitudini culturali e nazionali, le tradizioni, il processo di adattamento, l'età.

Insieme alla fornitura di servizi medici, il processo infermieristico fornisce conoscenze scientifiche sul diabete. Vengono delineate le manifestazioni cliniche, l'eziologia, l'anatomia e la fisiologia di ciascun paziente. I dati raccolti vengono utilizzati per scopi scientifici, per la preparazione di saggi e conferenze, nel processo di scrittura di tesi, nello sviluppo di nuovi farmaci per il diabete. Le informazioni ottenute sono il modo principale per approfondire la malattia dall'interno, imparare come prendersi cura dei diabetici in modo rapido ed efficiente.

È importante! Come personale medico del processo infermieristico, gli studenti universitari sono spesso utilizzati da corsi recenti. Passano il diploma e le pratiche del corso. Non c'è bisogno di temere l'inesperienza di questi fratelli e sorelle. Le loro azioni, le decisioni sono controllate da esperti con esperienza ed educazione.

Caratteristiche e fasi dell'assistenza infermieristica per il diabete

I compiti principali dell'assistenza infermieristica per i pazienti con diabete sono:

  1. Raccogli informazioni sul paziente, la sua famiglia, lo stile di vita, le abitudini, il processo iniziale della malattia.
  2. Creare un quadro clinico della malattia.
  3. Delineare un breve piano d'azione per l'assistenza infermieristica per i pazienti diabetici.
  4. Per aiutare il diabetico nel processo di diagnosi, trattamento, prevenzione della malattia da zucchero.
  5. Monitora l'esecuzione della prescrizione del medico.
  6. Parlare con i parenti sulla creazione di condizioni confortevoli per un paziente con diabete mellito a casa, dopo la dimissione dall'ospedale, sulle specificità dell'assistenza infermieristica.
  7. Per insegnare al paziente a usare un glucometro, creare un menu per diabetici, imparare GI, AI secondo la tabella dei cibi.
  8. Convincere il diabetico a controllare la malattia, per essere costantemente esaminati da specialisti stretti. Impostare un diario di nutrizione, la registrazione di un passaporto della malattia, per superare le difficoltà nella cura della propria.

L'organizzazione del processo consiste in 5 fasi

L'algoritmo del processo infermieristico è costituito da 5 fasi principali. Ognuno stabilisce un obiettivo specifico per il medico e comporta l'attuazione di azioni competenti.

  • compilato un'analisi scritta del processo infermieristico;
  • conclusione sui risultati delle cure;
  • le modifiche sono apportate al piano di assistenza;
  • la causa delle carenze è identificata se le condizioni del paziente peggiorano.

L'organizzazione del processo consiste in 5 fasi

È importante! Tutti i dati, il risultato di esami, sondaggi, prove di laboratorio, test, un elenco di procedure eseguite, la nomina di un infermiere registra nella storia della malattia.

Il ruolo dell'infermiere nel diabete negli adulti

Il processo infermieristico per adulti e diabetici anziani ha le sue caratteristiche. Le preoccupazioni degli infermieri comprendono i seguenti doveri quotidiani:

  • Controllo del glucosio
  • Misura di pressione, impulso, temperatura, uscita del fluido.
  • Creare una modalità di riposo.
  • Controllo sul farmaco.
  • Introduzione di insulina.
  • Ispezione dei piedi per la presenza di crepe, ferite non cicatrizzate.
  • Soddisfazione delle istruzioni del medico per lo sforzo fisico, anche minimo.
  • Creare un ambiente confortevole nel reparto.
  • Cambio letto paziente.
  • Controllo su nutrizione, dieta.
  • Disinfezione della pelle, se ci sono ferite sul corpo, gambe, mani del paziente.
  • Pulizia della bocca diabetica, prevenzione della stomatite.
  • Prendersi cura della calma emotiva del paziente.

La presentazione del processo infermieristico per le persone con diabete può essere vista qui:

Processo infermieristico nei bambini con diabete

Quando si prendono cura di bambini con diabete, le infermiere devono:

  1. Monitorare attentamente la nutrizione del bambino.
  2. Controlla la quantità di urina e di fluido che bevi (specialmente per il diabete insipido).
  3. Ispezionare il corpo per lesioni, danni.
  4. Monitorare i livelli di glucosio nel sangue.
  5. Insegnare l'auto-monitoraggio dello stato, l'introduzione di insulina. Puoi guardare le istruzioni video qui.

È molto difficile per i bambini con diabete abituarsi al fatto che si differenziano dai loro coetanei. Il processo infermieristico nella cura dei giovani diabetici dovrebbe tenerne conto. Lo staff medico è incoraggiato a parlare della vita con il diabete, spiega che non bisogna soffermarsi sulla malattia, aumentare l'autostima di un piccolo paziente.

Cos'è una scuola per diabetologia?

Ogni anno un gran numero di persone in Russia, al mondo viene diagnosticato il diabete. Il loro numero sta crescendo. Per questo motivo, in ospedale, i centri di medicina aprono "Scuole di cura per il diabete". Le aule sono i diabetici e i loro parenti.

Le lezioni sulla diabetologia sul processo di cura possono essere trovate:

  • Cos'è il diabete, come conviverci.
  • Qual è il ruolo della nutrizione nel diabete.
  • Caratteristiche dell'attività fisica nel diabete.
  • Come sviluppare menu per diabetici per bambini e adulti.
  • Impara a controllare lo zucchero, la pressione, il polso.
  • Caratteristiche del processo di igiene.
  • Impara a introdurre l'insulina, impara le regole per il suo uso.
  • Quali misure preventive possono essere prese se c'è una predisposizione genetica al diabete, il processo patologico è già visibile.
  • Come sopprimere la paura della malattia, per eseguire il processo di sedazione.
  • Quali sono i tipi di diabete, le sue complicanze.
  • Com'è il processo della gravidanza con il diabete.

È importante! Le lezioni sull'informazione della popolazione sulle caratteristiche del diabete, la cura del diabete sono condotte da specialisti certificati, infermieri con una lunga storia di lavoro. Seguendo le loro raccomandazioni è possibile liberarsi di molti problemi con il diabete, migliorare la qualità della vita, semplificare il processo di cura.

Le lezioni per i diabetici e i loro parenti sull'assistenza infermieristica vengono svolte gratuitamente presso centri medici e cliniche specializzate. Le lezioni sono dedicate a singoli argomenti o sono di carattere generale, introduttive. È particolarmente importante frequentare le lezioni per coloro che hanno incontrato per la prima volta una malattia endocrina, non ha esperienza pratica nella cura dei parenti malati. Dopo la conversazione con lo staff medico, vengono distribuiti promemoria, libri sul diabete e regole per la cura degli ammalati.

È impossibile sopravvalutare l'importanza e l'importanza del processo infermieristico nel diabete mellito. Lo sviluppo dell'assistenza sanitaria, il sistema di assistenza medica nel 20-21 secolo ha permesso di comprendere le cause del malfunzionamento della tiroide, che ha notevolmente facilitato la lotta contro le complicanze della malattia, riducendo la percentuale di mortalità dei pazienti. Chiedi assistenza ospedaliera qualificata, impara come prendersi cura di un parente malato o te stesso a casa, quindi il diabete diventerà davvero uno stile di vita, non una frase.

Circa l'autore

Mi chiamo Andrew, sono diabetico da oltre 35 anni. Grazie per aver visitato il sito Web di Diabay per aiutare le persone con diabete.

Scrivo articoli su varie malattie e consiglio personalmente le persone a Mosca che hanno bisogno di aiuto, perché nel corso dei decenni della mia vita ho visto molte cose dalla mia esperienza personale, provato molti mezzi e medicine. Nell'attuale 2019, la tecnologia si sta sviluppando molto, le persone non sono consapevoli di molte cose che sono state inventate al momento per una vita comoda per i diabetici, quindi ho trovato il mio obiettivo e aiuto, per quanto posso, le persone con diabete rendono più facile e più felice vivere.

Assistenza infermieristica per il diabete

Eziologia, segni clinici e tipi di diabete. Trattamento e misure preventive per la malattia endocrina caratterizzata da sindrome da iperglicemia cronica. Manipolazioni eseguite dall'infermiera nella cura dei malati.

Invia il tuo buon lavoro nella base di conoscenza è semplice. Utilizza il modulo sottostante.

Studenti, dottorandi, giovani scienziati che usano la base di conoscenze negli studi e nel lavoro saranno molto grati a te.

Pubblicato su http://www.allbest.ru/

Istituto statale di educazione autonoma

Istruzione professionale secondaria della regione di Saratov

Università medica di base regionale di Saratov

sull'argomento: processo infermieristico in terapia

argomento: assistenza infermieristica per il diabete

Karmanova Galina Maratovna

1. Diabete

4. Segni clinici.

8. Misure preventive

9. Processo infermieristico nel diabete

10. Manipolazioni dell'infermiera

11. Numero di osservazione 1

12. Numero di osservazione 2

Il diabete mellito (DM) è una malattia endocrina caratterizzata da una sindrome da iperglicemia cronica derivante da produzione insufficiente o dall'azione dell'insulina, che porta all'interruzione di tutti i tipi di metabolismo, principalmente carboidrati, danni vascolari (angiopatia), sistema nervoso (neuropatia) e altro organi e sistemi. All'inizio del secolo, il diabete mellito (DM) acquisì un carattere epidemico, essendo una delle cause più frequenti di disabilità e mortalità. Entra nella prima triade nella struttura delle malattie degli adulti: cancro, sclerosi, diabete. Tra le gravi malattie croniche nei bambini, il diabete mellito si colloca al terzo posto, cedendo al primato dell'asma bronchiale e della paralisi cerebrale. Il numero di persone con diabete in tutto il mondo è di 120 milioni (2,5% della popolazione). Ogni 10-15 anni il numero di pazienti raddoppia. Secondo l'International Diabetes Institute (Australia), entro il 2010 ci saranno 220 milioni di pazienti nel mondo. In Ucraina, ci sono circa 1 milione di pazienti, di cui il 10-15% soffre del più grave diabete insulino-dipendente (tipo I). Infatti, il numero di pazienti è 2-3 volte maggiore a causa di forme nascoste non diagnosticate. Questo si riferisce principalmente al diabete di tipo II, che rappresenta 85-90 di tutti i casi di diabete.

Argomento: processo infermieristico in diabete mellito.

Oggetto di studio: processo infermieristico nel diabete mellito.

Lo scopo dello studio: lo studio del processo infermieristico nel diabete. assistenza infermieristica per il diabete

Per raggiungere questo obiettivo di ricerca è necessario studiare.

· Eziologia e fattori che contribuiscono al diabete.

· Patogenesi e sue complicanze

· Segni clinici di diabete in cui è consuetudine distinguere tra due gruppi di sintomi: maggiore e minore.

· Manipolazioni eseguite da un'infermiera

Per raggiungere questo obiettivo di ricerca è necessario analizzare:

· Descrivere le tattiche di un infermiere nell'implementazione del processo infermieristico in un paziente con questa malattia.

Per lo studio utilizzando i seguenti metodi.

· Analisi teorica della letteratura medica sul diabete

· Biografico (studio delle cartelle cliniche)

Dettagliata divulgazione di materiale sull'argomento del corso: "Il processo infermieristico nel diabete mellito" migliorerà la qualità dell'assistenza infermieristica.

1. Diabete

Il diabete mellito era noto nell'antico Egitto nel 170 ° anno AC. I medici cercarono di trovare una cura, ma non conoscevano la causa della malattia; e le persone con diabete erano condannate. Questo andò avanti per molti secoli. Solo alla fine del secolo scorso, i medici hanno condotto un esperimento per rimuovere il pancreas da un cane. Dopo l'intervento, l'animale ha sviluppato il diabete. Sembrava che la causa del diabete diventasse chiara, ma era ancora molti anni prima, nel 1921, a Toronto, un giovane medico e uno studente della scuola medica identificavano una particolare sostanza pancreatica del cane. Si è scoperto che questa sostanza riduce i livelli di zucchero nel sangue nei cani con diabete. Questa sostanza è chiamata insulina. Già nel gennaio del 1922, il primo paziente con diabete iniziò a ricevere iniezioni di insulina e questo gli salvò la vita. Due anni dopo la scoperta di insulina, un giovane medico portoghese, che curava i pazienti con diabete, pensava che il diabete non fosse solo una malattia, ma uno stile di vita molto speciale. Per assimilarlo, il paziente ha bisogno di una solida conoscenza della sua malattia. Poi è apparsa la prima scuola al mondo per pazienti con diabete. Ora ci sono molte di queste scuole. In tutto il mondo, i pazienti con diabete e i loro parenti hanno l'opportunità di acquisire conoscenze sulla malattia e questo li aiuta a essere membri a pieno titolo della società.

Il diabete è una malattia per la vita. Il paziente deve costantemente esercitare la perseveranza e l'autodisciplina, e questo può rompere psicologicamente chiunque. Nel trattamento e nella cura dei pazienti con diabete mellito, perseveranza, umanità e un cauto ottimismo sono anche necessari; altrimenti, non sarà possibile aiutare i pazienti a superare tutti gli ostacoli nel loro modo di vivere. Il diabete si verifica sia in carenza o in violazione dell'azione dell'insulina. In entrambi i casi, la concentrazione di glucosio nel sangue aumenta (si sviluppa l'iperglicemia), combinata con molti altri disturbi metabolici: ad esempio, quando c'è una marcata carenza di insulina nel sangue, aumenta la concentrazione di corpi chetonici. Il diabete in tutti i casi viene diagnosticato solo dai risultati della determinazione della concentrazione di glucosio nel sangue in un laboratorio certificato.

Un test per la tolleranza al glucosio nella pratica clinica normale, di regola, non viene utilizzato, ma viene eseguito solo con una diagnosi dubbia nei pazienti giovani o per verificare la diagnosi nelle donne in gravidanza. Per ottenere risultati affidabili, il test di tolleranza al glucosio deve essere eseguito al mattino a stomaco vuoto; il paziente dovrebbe sedere tranquillamente durante il campionamento del sangue e non dovrebbe fumare; per 3 giorni prima del test, deve seguire una dieta normale, non priva di carboidrati. Durante il periodo di recupero dopo la malattia e con un riposo a letto prolungato, i risultati del test potrebbero essere falsi. Il test viene effettuato come segue: a stomaco vuoto viene misurato il livello di glucosio nel sangue, al paziente vengono somministrati 75 g di glucosio sciolto in 250-300 ml di acqua (per i bambini 1,75 g per 1 kg di peso, ma non più di 75 g; gusto, è possibile aggiungere, ad esempio, succo di limone naturale) e ripetere la misurazione del glucosio nel sangue dopo 1 o 2 ore. I test delle urine vengono raccolti tre volte - prima di assumere la soluzione di glucosio, dopo 1 ora e 2 ore dopo l'assunzione. Il test di tolleranza al glucosio rivela anche:

1. Glucosuria renale - lo sviluppo della glicosuria sullo sfondo dei livelli normali di glucosio nel sangue; questa condizione è generalmente benigna e raramente a causa di malattia renale. Si consiglia ai pazienti di rilasciare un certificato di presenza di glucosuria renale, in modo che non debbano ripetere il test di tolleranza al glucosio dopo ogni analisi delle urine in altre istituzioni mediche;

2. Curva piramidale della concentrazione di glucosio - una condizione in cui il livello di glicemia a digiuno e 2 ore dopo l'assunzione della soluzione di glucosio è normale, ma tra questi valori si sviluppa l'iperglicemia, che causa glucosuria. Questa condizione è anche considerata benigna; il più delle volte si verifica dopo la gastrectomia, ma può essere osservato anche nelle persone sane. La necessità di trattamento in violazione della tolleranza al glucosio è determinata individualmente dal medico. Di solito, i pazienti più anziani non vengono curati e ai giovani viene raccomandato di seguire una dieta, esercizio fisico e perdita di peso. In quasi la metà dei casi, una ridotta tolleranza al glucosio per 10 anni porta al diabete, in un quarto persiste senza deterioramento, in un quarto scompare. Le donne in gravidanza con ridotta tolleranza al glucosio sono trattate in modo simile al trattamento del diabete.

Attualmente considerata una comprovata predisposizione genetica al diabete. Per la prima volta tale ipotesi fu espressa nel 1896, a quel tempo fu confermata solo dai risultati delle osservazioni statistiche. Nel 1974, J. Nerup e co-autori, A.G. Gudworth e J.C. Woodrow, scoprirono il legame B-locus degli antigeni di istocompatibilità dei leucociti e il diabete mellito di tipo 1 e la loro assenza nelle persone con diabete di tipo 2. Successivamente, sono state identificate diverse varianti genetiche, che si verificano significativamente più frequentemente nel genoma dei pazienti con diabete rispetto al resto della popolazione. Quindi, per esempio, la presenza di B8 e B15 nel genoma aumentava simultaneamente il rischio della malattia di circa 10 volte. La presenza di marcatori Dw3 / DRw4 aumenta il rischio di malattia di 9,4 volte. Circa l'1,5% dei casi di diabete sono associati alla mutazione A3243G del gene MT-TL1 mitocondriale. Tuttavia, va notato che nel diabete di tipo 1 c'è eterogeneità genetica, cioè la malattia può essere causata da diversi gruppi di geni. Il segno diagnostico di laboratorio, che consente di determinare il 1o tipo di diabete, è la rilevazione nel sangue di anticorpi contro le cellule B del pancreas. La natura dell'ereditarietà al momento non è del tutto chiara, la complessità del predire l'ereditarietà è associata con l'eterogeneità genetica del diabete mellito, la costruzione di un adeguato modello di eredità richiede ulteriori studi statistici e genetici.

Nella patogenesi del diabete mellito, ci sono due collegamenti principali:

· Insufficiente produzione di insulina da parte delle cellule endocrine pancreatiche;

· Interruzione dell'interazione dell'insulina con le cellule dei tessuti corporei (resistenza all'insulina) come risultato di un cambiamento nella struttura o diminuzione del numero di specifici recettori per l'insulina, un cambiamento nella struttura dell'insulina stessa o una violazione dei meccanismi intracellulari di trasmissione del segnale dai recettori agli organelli cellulari.

Esiste una predisposizione genetica al diabete. Se uno dei genitori è malato, la probabilità di ereditare il diabete di tipo 1 è del 10% e il diabete di tipo 2 è dell'80%.

Indipendentemente dai meccanismi di sviluppo, una caratteristica comune di tutti i tipi di diabete è un aumento persistente dei livelli di glucosio nel sangue e un metabolismo compromesso dei tessuti corporei che non sono in grado di assorbire il glucosio.

· L'incapacità dei tessuti di utilizzare il glucosio porta ad un aumento del catabolismo di grassi e proteine ​​con lo sviluppo della chetoacidosi.

· L'aumento della concentrazione di glucosio nel sangue porta ad un aumento della pressione osmotica del sangue, che causa una grave perdita di acqua ed elettroliti nelle urine.

· Un persistente aumento della concentrazione di glucosio nel sangue influisce negativamente sullo stato di molti organi e tessuti, che alla fine porta allo sviluppo di gravi complicanze, come nefropatia diabetica, neuropatia, oftalmopatia, micro e macroangiopatia, vari tipi di coma diabetico e altri.

· I pazienti con diabete hanno una diminuzione della reattività del sistema immunitario e un grave decorso di malattie infettive.

Il diabete e, ad esempio, l'ipertensione, è una malattia geneticamente patofisiologicamente, clinicamente eterogenea.

4. Segni clinici

Le principali lamentele dei pazienti sono:

· Grave debolezza generale e muscolare,

· Minzione frequente e abbondante sia di giorno che di notte

· Perdita di peso (tipica per i pazienti con diabete di tipo 1),

· Aumento dell'appetito (con pronunciato scompenso della malattia, l'appetito è nettamente ridotto),

· Prurito della pelle (soprattutto nell'area genitale femminile).

Questi disturbi di solito compaiono gradualmente, tuttavia, i sintomi del diabete di tipo 1 della malattia possono comparire abbastanza rapidamente. Inoltre, i pazienti presentano una serie di disturbi causati da danni agli organi interni, ai sistemi nervosi e vascolari.

Pelle e sistema muscolare

Nel periodo di scompenso, la pelle è secca, il suo turgore e l'elasticità diminuiscono. I pazienti hanno spesso lesioni cutanee pustolose, foruncolosi ricorrente e idradenite. Lesioni cutanee molto fungine (piede d'atleta). A causa dell'iperlipidemia, si sviluppa la xantomatosi cutanea. Gli xantomi sono papule e noduli giallastri pieni di lipidi, situati nell'area dei glutei, gambe, ginocchia e gomiti, avambracci.

Nello 0,1-0,3% dei pazienti si osserva la necrobiosi lipidica della pelle. È localizzato principalmente sulle gambe (una o entrambe). Inizialmente appaiono noduli o macchie densamente bruno-rossastro o giallastro, circondati da un bordo eritematoso di capillari dilatati. Quindi la pelle su queste aree gradualmente atrofizza, diventa liscia, lucida, con pronunciata lichenizzazione (ricorda la pergamena). A volte le aree colpite sono ulcerate, guariscono molto lentamente, lasciando le aree pigmentate. Spesso ci sono cambiamenti nelle unghie, diventano fragili, opachi, appare un colore giallastro.

Per il diabete mellito di tipo 1 è caratterizzata da significativa perdita di peso, grave atrofia muscolare, diminuzione della massa muscolare.

Il sistema degli organi digestivi.

Le più caratteristiche sono le seguenti modifiche:

· Malattia parodontale, mobilizzazione e perdita dei denti,

· Gastrite cronica, duodenite con diminuzione graduale della funzione secretoria gastrica (a causa di una carenza di insulina, uno stimolatore della secrezione gastrica),

· Ridotta funzione motoria dello stomaco,

· Funzione intestinale compromessa, diarrea, steatorrea (a causa di una diminuzione della funzione secretoria esterna del pancreas),

· L'ipotesi del grasso (ipopatia diabetica) si sviluppa nell'80% dei pazienti con diabete; manifestazioni caratteristiche sono l'ingrossamento del fegato e il suo leggero dolore,

· Discinesia della cistifellea.

Cardio - sistema vascolare.

Il diabete contribuisce alla sintesi eccessiva di lipoproteine ​​aterogeniche e al precedente sviluppo di aterosclerosi e cardiopatia ischemica. La malattia coronarica nei pazienti con diabete si sviluppa prima ed è più grave e spesso dà complicazioni.

Il "cuore diabetico" è una distrofia miocardica dismetabolica in pazienti con diabete mellito prima dei 40 anni senza chiari segni di aterosclerosi coronarica. Le principali manifestazioni cliniche della cardiopatia diabetica sono:

· Leggera dispnea durante lo sforzo, a volte palpitazioni e interruzioni nel cuore,

· Vari disturbi del ritmo cardiaco e della conduzione,

· Sindrome ipodinamica, manifestata nella diminuzione del volume della corsa nel ventricolo sinistro,

· Diminuzione della tolleranza alle attività fisiche.

Sistema respiratorio

I pazienti con diabete sono predisposti alla tubercolosi polmonare. La microangiopatia dei polmoni è caratteristica, che crea i prerequisiti per la polmonite frequente. I pazienti con diabete spesso soffrono di bronchite acuta.

Nel diabete si sviluppa una malattia infettiva infiammatoria delle vie urinarie, che si manifesta nelle seguenti forme:

· Infezione urinaria asintomatica

· Pielonefrite che scorre lentamente,

· Suppurazione acuta del rene,

· Cistite emorragica grave.

Come metabolismo dei carboidrati, si distinguono le seguenti fasi del diabete:

· La compensazione è un decorso del diabete quando la normoglicemia e l'aglucosuria sono raggiunte sotto l'influenza del trattamento,

· Subcompenso: iperglicemia moderata (non superiore a 13,9 mmol / l), glicosuria, non superiore a 50 g al giorno, assenza di acetonuria,

· Scompenso - glicemia superiore a 13,9 mmol / l, presenza di vari gradi di acetonuria

5. Tipi di diabete

Diabete di tipo I:

Il diabete di tipo I si sviluppa con la distruzione delle cellule p delle isole pancreatiche (isole di Langerhans), causando una diminuzione della produzione di insulina. La distruzione delle cellule p è causata da una reazione autoimmune associata all'azione combinata di fattori ambientali e fattori ereditari in individui geneticamente predisposti. Questa complessa natura dello sviluppo della malattia può spiegare perché tra gemelli identici, il diabete di tipo I si sviluppa solo in circa il 30% dei casi e il diabete di tipo II si sviluppa in quasi il 100% dei casi. Si presume che il processo di distruzione delle isole di Langerhans inizi in età molto precoce, diversi anni prima dello sviluppo delle manifestazioni cliniche del diabete.

Lo stato del sistema HLA.

Gli antigeni del complesso maggiore di istocompatibilità (sistema HLA) determinano la suscettibilità di una persona a vari tipi di reazioni immunologiche. Nel diabete di tipo I, gli antigeni DR3 e / o DR4 sono rilevati nel 90% dei casi; L'antigene DR2 inibisce lo sviluppo del diabete.

Autoanticorpi e immunità cellulare.

Nella maggior parte dei casi, al momento del rilevamento del diabete mellito di tipo I i pazienti hanno anticorpi alle cellule delle isole di Langerhans, il cui livello diminuisce gradualmente, e dopo alcuni anni scompaiono. Recentemente, sono stati anche rilevati anticorpi contro determinate proteine, l'acido glutammico decarbossilasi (GAD, antigene 64-kDa) e il tirosinofosfato (37 kDa, IA-2, più spesso associato allo sviluppo del diabete). La rilevazione di anticorpi> 3 tipi (a cellule delle isole di Langerhans, anti-GAD, anti-1A-2, insulina) in assenza di diabete mellito è accompagnata da un rischio dell'88% del suo sviluppo nei prossimi 10 anni. Le cellule di infiammazione (linfociti T citotossici e macrofagi) distruggono le cellule P, a seguito delle quali l'insulite si sviluppa nelle fasi iniziali del diabete di tipo I. L'attivazione dei linfociti è dovuta alla produzione di citochine da parte dei macrofagi. Studi per prevenire lo sviluppo del diabete mellito di tipo I hanno dimostrato che l'immunosoppressione della ciclosporina aiuta parzialmente a preservare la funzione delle isole di Langerhans; tuttavia, è accompagnato da numerosi effetti collaterali e non fornisce una completa soppressione dell'attività del processo. Anche l'efficacia della prevenzione del diabete mellito di tipo I da parte della nicotinamide, che sopprime l'attività dei macrofagi, non è stata dimostrata. L'introduzione di insulina contribuisce in parte alla conservazione della funzione delle cellule delle isole di Langerhans; Attualmente sono in corso studi clinici per valutare l'efficacia del trattamento.

Diabete di tipo II

Ci sono molte ragioni per lo sviluppo del diabete mellito di tipo II, poiché questo termine indica un'ampia gamma di malattie con diversi modelli di corso e manifestazioni cliniche. Sono uniti da una patogenesi comune: una diminuzione della secrezione di insulina (dovuta alla disfunzione delle isole di Langerhans combinata con un aumento della resistenza periferica all'insulina, che porta ad una diminuzione dell'assorbimento di glucosio da parte dei tessuti periferici) o ad un aumento della produzione di glucosio da parte del fegato. Nel 98% dei casi, la causa dello sviluppo del diabete mellito di tipo II non può essere determinata - in questo caso si parla di diabete "idiopatico". Quale delle lesioni (diminuzione della secrezione di insulina o resistenza all'insulina) è principalmente sconosciuta; forse la patogenesi è diversa nei diversi pazienti. Il più delle volte, la resistenza all'insulina è causata dall'obesità; cause più rare di resistenza all'insulina. In alcuni casi, i pazienti di età superiore ai 25 anni (specialmente in assenza di obesità) non sviluppano il diabete di tipo II, ma il diabete autoimmune latente degli adulti, LADA (Diabete autoimmune latente dell'età adulta), che diventa insulino-dipendente; tuttavia, vengono spesso rilevati anticorpi specifici. Il diabete mellito di tipo II progredisce lentamente: la secrezione di insulina diminuisce gradualmente per diversi decenni, portando impercettibilmente ad un aumento della glicemia, che è estremamente difficile da normalizzare.

Nell'obesità si verifica una relativa resistenza all'insulina, probabilmente a causa della soppressione dell'espressione dei recettori dell'insulina dovuta all'iperinsulinemia. L'obesità aumenta significativamente il rischio di sviluppare il diabete mellito di tipo II, in particolare con il tipo di distribuzione del tessuto adiposo (obesità viscerale, obesità simile alla mela, il rapporto tra circonferenza della vita e difficoltà> 0,9) e in misura minore con il tipo ginoide di distribuzione del tessuto adiposo ( obesità tipo pera, il rapporto tra circonferenza della vita e circonferenza del bacino è di 4 kg.

Recentemente è stato dimostrato che il basso peso alla nascita è accompagnato dallo sviluppo di insulino-resistenza, diabete mellito di tipo II e cardiopatia coronarica in età adulta. Più basso è il peso alla nascita e più supera la norma all'età di 1 anno, maggiore è il rischio. Nello sviluppo del diabete mellito di tipo 2, i fattori ereditari svolgono un ruolo molto importante, che si manifesta con un'alta frequenza del suo sviluppo simultaneo in gemelli identici, un'alta frequenza di casi familiari della malattia e un'alta incidenza in alcuni gruppi etnici. I ricercatori identificano nuovi difetti genetici che causano lo sviluppo del diabete di tipo II; alcuni di essi sono descritti di seguito.

Il diabete di tipo II nei bambini è stato descritto solo in alcuni piccoli gruppi etnici e con raro MODY-syn-droma congenito (vedi sotto). Attualmente nei paesi industrializzati, l'incidenza dei bambini di tipo II diabetici è aumentata in modo significativo: negli Stati Uniti rappresenta l'8-45% di tutti i casi di diabete nei bambini e negli adolescenti e continua a crescere. Gli adolescenti di 12-14 anni, per lo più femmine, sono i casi più comuni; Di regola, sullo sfondo dell'obesità, bassa attività fisica e presenza di diabete mellito di tipo II nella storia familiare. Nei pazienti giovani che non sono obesi, il diabete di tipo LADA, che deve essere trattato con insulina, è principalmente escluso. Inoltre, quasi il 25% dei casi di diabete mellito di tipo II in giovane età è causato da un difetto genetico nel quadro di MODY o altre sindromi rare. Il diabete mellito può anche essere causato da insulino-resistenza. In alcune rare forme di insulino-resistenza, la somministrazione di centinaia o addirittura migliaia di insulina è inefficace. Tali condizioni sono solitamente accompagnate da lipodistrofia, iperlipidemia, acantosi nigricans. L'insulino-resistenza di tipo A è dovuta a difetti genetici nei meccanismi di trasduzione del segnale intracellulare del recettore dell'insulina o del segnale post-recettore. La resistenza all'insulina di tipo B è dovuta alla produzione di autoanticorpi verso i recettori dell'insulina; è spesso combinato con altre malattie autoimmuni, per esempio il lupus eritematoso sistemico (specialmente nelle donne nere). Queste opzioni per il diabete sono molto difficili da trattare.

Questa malattia è un gruppo eterogeneo di malattie autosomiche dominanti causate da difetti genetici che portano a un deterioramento della funzione secretoria delle cellule B pancreatiche. Il diabete MODY si verifica in circa il 5% dei pazienti diabetici. Differisce all'inizio in un'età relativamente giovane. Il paziente ha bisogno di insulina, ma, a differenza dei pazienti con diabete di tipo 1, ha un fabbisogno insulinico basso, raggiunge con successo un compenso. Gli indicatori di C-peptide corrispondono alla norma, la chetoacidosi è assente. Questa malattia può essere attribuita condizionalmente ai tipi di diabete "intermedi": ha caratteristiche tipiche del diabete di tipo 1 e di tipo 2.

I principi principali del trattamento del diabete sono:

2) Esercizio individuale,

3) Farmaci riducenti dello zucchero:

B) farmaci per ridurre lo zucchero a base di compresse,

4) Educare i pazienti nelle scuole di diabetologia.

Dieta. La dieta è il fondamento su cui si basa la terapia complessa del diabete per tutta la vita. Gli approcci alla dieta con diabete 1 e diabete 2 sono fondamentalmente diversi. Con il diabete mellito 2 stiamo parlando di terapia dietetica, il cui scopo principale è quello di normalizzare il peso corporeo, che è la posizione base per il trattamento del diabete mellito 2. Con il diabete mellito 1, la domanda è diversa: la dieta in questo caso è una restrizione forzata associata all'incapacità di simulare con precisione l'insulina fisiologica. Quindi, non è un trattamento dietetico, come nel caso del diabete mellito 2, in termini di nutrizione e stile di vita che contribuisce al mantenimento di una compensazione ottimale del diabete. Idealmente, la dieta del paziente in terapia intensiva con insulina sembra completamente liberalizzata, vale a dire mangia come una persona sana (quello che vuole, quando vuole, quanto vuole). L'unica differenza è che si dà le iniezioni di insulina, padroneggiando magistralmente la selezione della dose. Come ogni ideale, la completa liberalizzazione della dieta è impossibile e il paziente è costretto ad osservare alcune restrizioni. Consigliato per i pazienti con DM il rapporto tra proteine, grassi e carboidrati => 50%:

© 2000 - 2018, Olbest LLC. Tutti i diritti riservati.

INFERMIERISTICO SECONDARIO INFANTILE SECONDO TIPO Infermieristica

Caratteristiche speciali dell'assistenza infermieristica per i pazienti con diabete e per migliorare la qualità della vita del paziente.

Sviluppo del contenuto

"Processo infermieristico" è un termine applicato a un sistema di tipi caratteristici di interventi infermieristici nell'area della protezione della salute degli individui, delle loro famiglie e / o dei gruppi della popolazione. Nello specifico, implica l'uso di metodi scientifici per determinare i bisogni di salute di un paziente, famiglia o società e, su questa base, selezionare quelli che possono essere soddisfatti efficacemente attraverso l'assistenza infermieristica. Comprende anche la pianificazione di misure per soddisfare queste esigenze, organizzare l'assistenza e valutare i risultati. L'infermiera, in collaborazione con altri membri del team di assistenza sanitaria, determina i compiti, la priorità, il tipo di assistenza necessaria e mobilita le risorse necessarie. Quindi, direttamente o indirettamente, fornisce assistenza infermieristica. Dopo di ciò, lei valuta i risultati. Le informazioni ottenute nella valutazione dei risultati dovrebbero costituire la base delle modifiche necessarie, i successivi interventi in situazioni simili di assistenza infermieristica. Pertanto, l'assistenza infermieristica si sta trasformando in un processo dinamico del proprio adattamento e miglioramento.

Il processo è una serie di azioni pianificate volte a raggiungere un determinato risultato, obiettivo. Nel caso di un processo infermieristico, questa è una serie di misure adottate da un'infermiera durante l'assistenza infermieristica.

Il processo infermieristico è caratterizzato dalle seguenti caratteristiche principali:

- al centro del paziente e dei suoi problemi, l'assistenza infermieristica è focalizzata e rivolta al paziente;

- definisce un sistema aperto e flessibile che soddisfa i bisogni e risponde allo stato mutevole del paziente;

- Questo è un processo che richiede una stretta collaborazione e una cooperazione costante tra l'infermiere e il paziente, i suoi parenti, ecc.

- è universalmente applicabile, può essere utilizzato come base per l'assistenza infermieristica in tutte le istituzioni mediche e nella fornitura di assistenza domiciliare, per i pazienti di tutte le età, per i pazienti con qualsiasi diagnosi medica e in qualsiasi condizione;

- richiede un approccio creativo dall'infermiera e dal paziente nel risolvere i problemi identificati del paziente;

- È focalizzato e pianificato.

Il processo infermieristico è definito come un metodo scientifico. Come ogni metodo scientifico di ricerca, si basa sull'approccio problematico ed è paragonabile al metodo di risoluzione dei problemi professionale. Tuttavia, il processo infermieristico non si sviluppa linearmente - dal problema alla sua soluzione, e non ciclicamente. È un processo che si svolge nel corso dell'interazione tra l'infermiera e il paziente e non ha un inizio e una fine "assoluti".

L'applicazione del processo infermieristico richiede in pratica all'infermiere non solo un approccio creativo, ma anche varie abilità:

- interpersonale - capacità comunicative, capacità di ascolto e percezione, creazione di un'atmosfera di fiducia, ricezione di informazioni, accettazione delle opinioni e opinioni altrui e empatia;

- intellettuale: capacità di pensare in modo critico, capacità di analisi, sintesi e processo decisionale;

- tecnico - l'uso di attrezzature per la movimentazione, attrezzature, ecc.

Il processo infermieristico ha i seguenti vantaggi:

- consente una pianificazione infermieristica individuale quando un infermiere può soddisfare le esigenze del paziente come individuo;

- stimola la partecipazione dei pazienti alle cure; il paziente e i suoi parenti sono partecipanti attivi nel processo; il grado di partecipazione del paziente è determinato dalle opinioni personali sulla salute, il livello di conoscenza, la creazione di un bisogno di cura, nonché la natura e la qualità della relazione tra il paziente e l'infermiere;

- consente l'implementazione di una continua assistenza al paziente;

- la documentazione infermieristica, che è parte integrante del processo infermieristico, contiene informazioni che sono necessarie non solo per il personale infermieristico, ma anche per altri professionisti medici; l'uso del processo infermieristico incoraggia la collaborazione, l'interazione di tutti i professionisti coinvolti nella fornitura di assistenza;

- promuove l'apprendimento continuo;

- consente un uso diffuso degli standard nelle attività infermieristiche e contribuisce alla qualità dell'assistenza;

- contribuisce alla formazione del senso di soddisfazione di un'infermiera dal lavoro svolto;

- presenta l'opportunità per le sorelle mediche di definire chiaramente il loro ruolo per dimostrare chiaramente il contributo infermieristico alla salute del paziente.

L'obiettivo del processo infermieristico è stabilire lo stato di salute del paziente, identificare i problemi attuali o potenziali dei pazienti, sviluppare un piano per risolvere i problemi e raggiungere i risultati attesi, condurre interventi infermieristici e valutare l'efficacia.

Assistenza infermieristica per il lavoro sul diabete

Capitolo 1. Revisione della letteratura sul tema della ricerca

1.1 Diabete di tipo I

1.2 Classificazione del diabete

1.3 Eziologia del diabete

1.4 Patogenesi del diabete

1.5 fasi dello sviluppo del diabete mellito di tipo uno

1.6 Sintomi del diabete

1.7 Trattamento del diabete

1.8 Condizioni di emergenza per il diabete

1.9 Complicazioni del diabete mellito e loro prevenzione

1.10 Esercizio con il diabete

Capitolo 2. Parte pratica

2.1 Luogo di studio

2.2 Oggetto di studio

2.4 Risultati dello studio

2.5 Esperienza della "Scuola del diabete" nell'istituzione medica statale RME DRKB

introduzione

Il diabete mellito (DM) è uno dei principali problemi medici e sociali della medicina moderna. La prevalenza, la disabilità precoce dei pazienti, l'elevata mortalità sono state la base per gli esperti dell'OMS per considerare il diabete un'epidemia di una specifica malattia non infettiva e la lotta contro di essa dovrebbe essere considerata una priorità dei sistemi sanitari nazionali.

Negli ultimi anni, in tutti i paesi altamente sviluppati, si è registrato un marcato aumento dell'incidenza del diabete. I costi finanziari per il trattamento di pazienti con diabete e le sue complicanze raggiungono cifre astronomiche.

Il diabete mellito di tipo I (insulino-dipendente) è una delle più comuni malattie endocrine nell'infanzia. Tra i bambini malati sono il 4-5%.

Quasi ogni paese ha un programma nazionale per il diabete. Nel 1996, in conformità con il decreto del Presidente della Federazione Russa "Sulle misure di sostegno statale per le persone con diabete mellito", è stato adottato il programma federale "Diabete mellito", tra cui, tra l'altro, l'organizzazione dei servizi per il diabete, la fornitura di farmaci per i pazienti e la prevenzione del diabete. Nel 2002 è stato nuovamente adottato il programma federale "Diabete mellito".

Rilevanza: il problema del diabete mellito è predeterminato da una significativa prevalenza della malattia, nonché dal fatto che è la base per lo sviluppo di complesse comorbidità e complicanze, disabilità precoce e mortalità.

Obiettivo: esplorare le caratteristiche dell'assistenza infermieristica per i pazienti con diabete.

obiettivi:

1. Studiare le fonti di informazione sull'eziologia, sulla patogenesi, sulle forme cliniche, sui metodi di trattamento, sulla riabilitazione preventiva, sulle complicanze e sulle condizioni di emergenza dei pazienti con diabete mellito.

2. Identificare i principali problemi nei pazienti con diabete.

3. Mostrare la necessità di addestrare i pazienti con diabete nella scuola del diabete.

4. Sviluppare conversazioni preventive sui principali metodi di terapia dietetica, autocontrollo, adattamento psicologico e attività fisica.

5. Testare queste conversazioni tra i pazienti.

6. Sviluppa un promemoria per aumentare la conoscenza della cura della pelle, i benefici dell'attività fisica.

7. Per familiarizzare con l'esperienza della scuola di diabete mellito, dell'Istituto statale per i bilanci della Repubblica di Bielorussia, Repubblica di Bielorussia.

Capitolo 1. Revisione della letteratura sul tema della ricerca

1.1 Diabete di tipo I

Il diabete mellito di tipo I (IDDM) è una malattia autoimmune caratterizzata da carenza di insulina assoluta o relativa dovuta al danneggiamento delle cellule pancreatiche. Nello sviluppo di questo processo, la predisposizione genetica è importante, così come i fattori ambientali.

I fattori principali che contribuiscono allo sviluppo di IDDM nei bambini sono:

  • infezioni virali (enterovirus, virus della rosolia, parotite, virus di coxsackie B, virus dell'influenza);
  • infezioni intrauterine (citomegalovirus);
  • l'assenza o la riduzione dei termini di alimentazione naturale;
  • vari tipi di stress;
  • la presenza di agenti tossici nel cibo.

Nel diabete di tipo I (insulino-dipendente), l'unico trattamento è la somministrazione regolare di insulina dall'esterno in combinazione con una dieta e una dieta rigorose.

Il diabete di tipo I si verifica tra i 25 ei 30 anni, ma può verificarsi a qualsiasi età: nell'infanzia, a quarant'anni ea 70 anni.

La diagnosi di diabete mellito è impostata in base a due indicatori principali: il livello di zucchero nel sangue e nelle urine.

Normalmente, il glucosio viene ritardato dalla filtrazione nei reni e lo zucchero nelle urine non viene rilevato, poiché il filtro renale mantiene tutto il glucosio. E quando il livello di zucchero nel sangue è superiore a 8,8-9,9 mmol / l, il filtro renale inizia a passare lo zucchero nelle urine. La sua presenza nell'urina può essere determinata utilizzando speciali strisce reattive. Il livello minimo di zucchero nel sangue a cui inizia a essere rilevato nelle urine è chiamato soglia renale.

Un aumento della glicemia (iperglicemia) a 9-10 mmol / l porta alla sua escrezione con urina (glicosuria). Distinguendosi con le urine, il glucosio porta con sé una grande quantità di acqua e sali minerali. A causa della mancanza di insulina nel corpo e dell'impossibilità di entrare glucosio nelle cellule, quest'ultimo, essendo in uno stato di fame di energia, inizia a usare i grassi corporei come fonte di energia. Prodotti di degradazione del grasso: i corpi chetonici, e in particolare l'acetone, che si accumulano nel sangue e nelle urine, portano allo sviluppo della chetoacidosi.

Il diabete è una malattia cronica ed è impossibile sentirsi male per tutta la vita. Pertanto, quando si apprende, è necessario abbandonare parole come "malattia", "paziente". Invece, è necessario sottolineare che il diabete non è una malattia, ma uno stile di vita.

La peculiarità della gestione dei pazienti con diabete è che il ruolo principale nel raggiungimento dei risultati del trattamento è dato al paziente stesso. Pertanto, egli dovrebbe essere ben consapevole di tutti gli aspetti della propria malattia al fine di adattare il regime di trattamento a seconda della situazione specifica. I pazienti devono in gran parte assumersi la responsabilità per il loro stato di salute, e questo è possibile solo se sono adeguatamente formati.

I genitori hanno un'enorme responsabilità per la salute di un bambino malato, dal momento che non solo la loro salute e il loro benessere, ma anche la loro prognosi di vita intera dipende dalla loro alfabetizzazione in materia di SD, dalla correttezza del loro comportamento.

Attualmente il diabete non è più una malattia che priverebbe i pazienti dell'opportunità di vivere, lavorare e praticare sport. Con la dieta e la modalità corretta, con opzioni di trattamento moderne, la vita del paziente non è molto diversa dalla vita delle persone sane. L'educazione del paziente nella fase attuale dello sviluppo della diabetologia è una componente necessaria e la chiave per il successo del trattamento dei pazienti con diabete insieme alla terapia farmacologica.

Il moderno concetto di gestione dei pazienti con diabete tratta questa malattia come un certo modo di vivere. Secondo i compiti fissati al momento attuale, la disponibilità di un sistema efficace di assistenza per il diabetico implica il raggiungimento di obiettivi quali:

  • completa o quasi completa normalizzazione dei processi metabolici per eliminare le complicanze acute e croniche del diabete mellito;
  • migliorare la qualità della vita del paziente.

Risolvere questi problemi richiede un grande sforzo da parte degli operatori sanitari di base. L'attenzione all'apprendimento come mezzo efficace per migliorare la qualità dell'assistenza infermieristica per i pazienti è in crescita in tutte le regioni della Russia.

1.2 Classificazione del diabete

I. Forme cliniche:

1. Primario: genetico, essenziale (con obesità II. Per gravità:

3. corso grave. Tipi di diabete mellito (la natura del flusso):

Tipo 1 - insulino-dipendente (labili con tendenza all'acidosi e ipoglicemia
1. compensazione;

1.3 Eziologia del diabete

Il diabete 1 è una malattia con una predisposizione genetica, ma il suo contributo allo sviluppo della malattia è piccolo (determina il suo sviluppo di circa 1/3) - La concordanza tra due gemelli identici nel diabete-1 è solo del 36%. La probabilità di sviluppare il diabete mellito in un bambino con una madre malata è dell'1-2%, un padre del 3-6%, un fratello o una sorella del 6%. Uno o più marker umorali di danno autoimmune - cellule che includono anticorpi alle isole del liquido pancreatico, anticorpi contro glutammato decarbossilasi (GAD65) e anticorpi contro tirosina fosfatasi (IA-2 e IA-2?), Si trovano nell'85-90% pazienti. Tuttavia, l'importanza principale nella distruzione delle cellule? È legata ai fattori dell'immunità cellulare. DM-1 è associato a aplotipi HLA come DQA e DQB, mentre alcuni alleli HLA-DR / DQ possono essere predisposti allo sviluppo della malattia, mentre altri sono protettivi. Con una maggiore incidenza di DM-1, è combinato con altri autoimmuni endocrini (tiroidite autoimmune, malattia di Addison) e malattie non endocrine come l'alopecia, la vitiligine, il morbo di Crohn, le malattie reumatiche.

1.4 Patogenesi del diabete

SD-1 si manifesta alla distruzione del processo autoimmune dell'80-90%? - cellule. La velocità e l'intensità di questo processo possono variare in modo significativo. Molto spesso, con un decorso tipico della malattia nei bambini e nei giovani, questo processo procede abbastanza rapidamente, seguito da una violenta manifestazione della malattia, in cui possono passare solo poche settimane dall'apparizione dei primi sintomi clinici allo sviluppo della chetoacidosi (fino al coma chetoacidotico).

In altri casi, molto più rari, di regola, negli adulti sopra i 40 anni, la malattia può manifestarsi in modo latente (diabete autoimmune latente degli adulti - LADA), mentre nell'insorgenza della malattia tali pazienti vengono spesso diagnosticati con diabete mellito e per diversi anni Il diabete può essere ottenuto prescrivendo sulfoniluree. Ma in futuro, di solito dopo 3 anni, ci sono segni di una carenza assoluta di insulina (perdita di peso, chetonuria, grave iperglicemia, nonostante l'assunzione di compresse di farmaci ipolipemizzanti).

La base della patogenesi di DM-1, come accennato, è la mancanza assoluta di insulina. L'incapacità del glucosio di entrare nei tessuti insulino-dipendenti (adiposo e muscolare) porta alla carenza di energia, a seguito della quale si intensificano la lipolisi e la proteolisi, con cui è associata la perdita di peso corporeo. L'aumento dei livelli di glucosio nel sangue causa iperosmolarità, che è accompagnata da diuresi osmotica e grave disidratazione. In condizioni di carenza di insulina e carenza di energia, la produzione di ormoni contro-insulari (glucagone, cortisolo, ormone della crescita), che, nonostante l'aumento della glicemia, causa la stimolazione della gluconeogenesi, è inibita. L'aumento della lipolisi nel tessuto adiposo porta ad un aumento significativo della concentrazione di acidi grassi liberi. Quando la deficienza di insulina, la capacità liposintetica del fegato viene soppressa, e gli acidi grassi liberi iniziano a essere inclusi nella chetogenesi. L'accumulo di corpi chetonici porta allo sviluppo di chetosi diabetica e ulteriore chetoacidosi. Con un progressivo aumento della disidratazione e dell'acidosi, si sviluppa uno stato comatoso che, in assenza di terapia insulinica e reidratazione, finisce inevitabilmente con la morte.

1.5 fasi dello sviluppo del diabete mellito di tipo uno

1. Predisposizione genetica al diabete associata al sistema HLA.

2. L'ipotetico momento di partenza. Danno di? - cellule da vari fattori diabetogenic e innesco di processi immuni. I pazienti già rilevano anticorpi contro le cellule insulari in un piccolo titolo, ma la secrezione di insulina non ne risente ancora.

3. Insulite autoimmune attiva. Il titolo anticorpale è alto, il numero di cellule - diminuisce, la secrezione di insulina diminuisce.

4. Diminuzione della secrezione di insulina stimolata dal glucosio. In situazioni di stress, un paziente può rivelare una tolleranza al glucosio transitoria ridotta (IGT) e un glucosio plasmatico a digiuno compromesso (IGPN).

5. Manifestazione clinica del diabete, compreso il possibile episodio della "luna di miele". La secrezione di insulina è nettamente ridotta, poiché oltre il 90% delle cellule beta è morto.

6. Completa distruzione di cellule? -, completa cessazione della secrezione di insulina.

1.6 Sintomi del diabete

  • alti livelli di zucchero nel sangue;
  • minzione frequente;
  • vertigini;
  • senso di sete inestinguibile;
  • perdita di peso corporeo, non causata da cambiamenti nell'alimentazione;
  • debolezza, stanchezza;
  • disabilità visiva, spesso sotto forma di "velo bianco" davanti agli occhi;
  • intorpidimento e formicolio agli arti;
  • sensazione di pesantezza alle gambe e crampi ai muscoli del polpaccio;
  • lenta guarigione delle ferite e lunga guarigione da malattie infettive.

1.7 Trattamento del diabete

Autocontrollo e tipi di autocontrollo

L'autocontrollo del diabete mellito è chiamato determinazione frequente indipendente del contenuto di zucchero del paziente nel sangue e nelle urine, il mantenimento di diari quotidiani e settimanali di autocontrollo. Negli ultimi anni sono stati creati molti metodi di alta qualità per la determinazione rapida della glicemia o delle urine (strisce reattive e glucometri). È nel processo di autocontrollo che viene la corretta comprensione della propria malattia e vengono sviluppate le abilità per gestire il diabete.

Ci sono due possibilità: autodeterminazione della glicemia e dello zucchero delle urine. Lo zucchero delle urine è determinato da strisce reattive visive senza l'ausilio di strumenti, semplicemente confrontando la colorazione con una striscia di urina inumidita con la scala di colori disponibile sulla confezione. Più intensa è la colorazione, maggiore è il contenuto di zucchero nelle urine. L'urina deve essere esaminata 2-3 volte a settimana, due volte al giorno.

Esistono due tipi di mezzi per determinare la glicemia: le cosiddette strisce visive test, che funzionano allo stesso modo delle strisce di urina (confrontando la colorazione con una scala cromatica) e dispositivi compatti, misuratori di glucosio nel sangue, che danno il risultato di misurare il livello di zucchero sotto forma di una cifra sullo schermo. Lo zucchero nel sangue deve essere misurato:

  • ogni giorno prima di coricarsi;
  • prima di mangiare, fare esercizio

Inoltre, ogni 10 giorni è necessario monitorare lo zucchero nel sangue per l'intera giornata (4-7 volte al giorno).

Lo strumento funziona anche con l'uso di strisce reattive, con una sola striscia "propria" corrispondente a ciascun dispositivo. Pertanto, acquisendo il dispositivo, è necessario soprattutto provvedere all'ulteriore fornitura di strisce reattive adeguate.

Gli errori più comuni quando si lavora con strisce reattive :

  • Strofinare un dito liberamente con l'alcol: la sua impurità può influenzare il risultato dell'analisi. È sufficiente prelavare le mani con acqua calda e asciugare, non utilizzare antisettici speciali.
  • Non perforano la superficie laterale della falange distale del dito, ma sul suo pad.
  • Forma una goccia di sangue insufficiente. La dimensione del sangue quando si lavora visivamente con strisce reattive e quando si lavora con alcuni misuratori di glucosio nel sangue può essere diversa.
  • Spalmare il sangue sul campo di prova o "scavare" la seconda goccia. In questo caso, è impossibile contrassegnare con precisione il tempo di riferimento iniziale, in conseguenza del quale il risultato della misurazione potrebbe essere errato.
  • Quando lavorano con strisce reattive visive e misuratori di glicemia della prima generazione, non osservano il tempo di mantenimento del sangue sulla striscia reattiva. È necessario seguire con precisione i segnali sonori del misuratore o avere un orologio con una lancetta dei secondi.
  • Non è abbastanza per cancellare delicatamente il sangue dal campo di prova. Il sangue o il cotone rimanente sul campo di prova quando si utilizza il dispositivo riduce l'accuratezza della misurazione e contamina la finestra fotosensibile del misuratore.
  • Il paziente deve essere addestrato indipendentemente, prendere il sangue, usare strisce reattive visive, glucometro.

Con una scarsa compensazione del diabete, una persona può formare troppi corpi chetonici, il che può portare a una seria complicanza del diabete - chetoacidosi. Nonostante il lento sviluppo della chetoacidosi, è necessario cercare di ridurre i livelli di zucchero nel sangue, se in base ai risultati degli esami del sangue o delle urine risulta essere elevato. In situazioni di dubbio, è necessario determinare se ci sia o meno acetone nelle urine usando compresse o strisce speciali.

Obiettivi di autocontrollo

Il significato dell'autocontrollo non è solo quello di controllare periodicamente il livello di zucchero nel sangue, ma anche di valutare correttamente i risultati, di pianificare determinate azioni, se non si raggiungono gli obiettivi per gli indicatori di zucchero.

Tutti i diabetici devono padroneggiare la conoscenza della loro malattia. Un paziente competente può sempre analizzare le ragioni del deterioramento dello zucchero: forse questo è stato preceduto da gravi errori nutrizionali e dall'aumento di peso? Forse c'è un freddo, temperatura corporea aumentata?

Tuttavia, non solo la conoscenza è importante, ma anche le abilità. Essere in grado di prendere la decisione giusta in qualsiasi situazione e iniziare ad agire correttamente non è solo il risultato di un alto livello di conoscenza del diabete, ma anche della capacità di gestire la malattia, ottenendo buoni risultati. Ritornare all'alimentazione corretta, liberarsi del peso in eccesso e ottenere un migliore autocontrollo significa controllare veramente il diabete. In alcuni casi, la decisione giusta sarà quella di consultare immediatamente un medico e abbandonare tentativi indipendenti per far fronte alla situazione.

Dopo aver discusso l'obiettivo principale dell'autocontrollo, ora possiamo formulare i suoi compiti individuali:

  • valutazione degli effetti dell'alimentazione e dell'attività fisica sui livelli di zucchero nel sangue;
  • valutazione dello stato della compensazione del diabete;
  • gestione di nuove situazioni nel corso della malattia;
  • identificazione di problemi che richiedono trattamento al medico e cambiamenti nel trattamento.

Programma di autocontrollo

Il programma di autocontrollo è sempre individuale e deve tenere conto delle possibilità e dello stile di vita della famiglia del bambino. Tuttavia, una serie di raccomandazioni generali può essere offerta a tutti i pazienti.

1. È sempre meglio registrare i risultati dell'autocontrollo (con l'indicazione della data e dell'ora), per utilizzare note più dettagliate da discutere con il medico.

. In realtà, la modalità di autocontrollo dovrebbe avvicinarsi allo schema seguente:

  • determinare il contenuto di zucchero nel sangue a stomaco vuoto e 1-2 ore dopo aver mangiato 2-3 volte a settimana, a condizione che gli indicatori corrispondano ai livelli target; un risultato soddisfacente è l'assenza di zucchero nelle urine;
  • per determinare il contenuto di zucchero nel sangue 1-4 volte al giorno, se la compensazione del diabete è insoddisfacente (in parallelo - un'analisi della situazione, se necessario, la consultazione con un medico). La stessa modalità di autocontrollo è necessaria anche con indicatori dello zucchero soddisfacenti, se viene eseguita la terapia insulinica;
  • determinare il livello di zucchero nel sangue 4-8 volte al giorno durante i periodi di malattie associate, cambiamenti significativi nello stile di vita;
  • discutere periodicamente la tecnica (meglio con una dimostrazione) dell'autocontrollo e della sua modalità, nonché correlare i suoi risultati con l'indice di emoglobina glicata.

Diario di autocontrollo

Il paziente registra i risultati dell'autocontrollo in un diario, creando così le basi per l'autotrattamento e la sua successiva discussione con un medico. Determinando lo zucchero costantemente in momenti diversi durante il giorno, il paziente ei suoi genitori, avendo le competenze necessarie, possono modificare i dosaggi di insulina o adeguare la loro dieta, raggiungendo valori accettabili di zucchero, che possono prevenire lo sviluppo di gravi complicanze in futuro.

Molte persone con diabete tengono diari dove contribuiscono con tutto ciò che riguarda la malattia. Quindi, è molto importante valutare periodicamente il tuo peso. Questa informazione dovrebbe essere registrata ogni volta nel diario, quindi ci saranno buone o cattive dinamiche di un indicatore così importante.

Successivamente, è necessario discutere di tali problemi che spesso si verificano nei pazienti con diabete come ipertensione arteriosa, aumento del colesterolo nel sangue. I pazienti hanno bisogno di controllare questi parametri, è consigliabile annotarli nei diari.

Attualmente, uno dei criteri per la compensazione del diabete mellito è il normale livello di pressione arteriosa (BP). L'aumento della pressione sanguigna è particolarmente pericoloso per questi pazienti, perché sviluppano ipertensione 2-3 volte più spesso della media. La combinazione di ipertensione arteriosa e diabete mellito porta al reciproco appesantimento di entrambe le malattie.

Pertanto, il paramedico (infermiere) dovrebbe spiegare al paziente la necessità di un monitoraggio regolare e indipendente della pressione sanguigna, insegnare loro il metodo corretto per misurare la pressione e convincere il paziente a consultare uno specialista in tempo utile.

Negli ospedali e nelle cliniche ora stiamo studiando il contenuto della cosiddetta emoglobina glicata (HbA1c); Questo test consente di specificare la quantità di zucchero nel sangue durante le ultime 6 settimane.

Si consiglia ai pazienti con diabete di tipo I di determinare questo indicatore una volta ogni 2-3 mesi.

L'indice di emoglobina glicata (HbA1c) indica quanto bene il paziente gestisce la sua malattia.

Cosa fa l'indicatore di emologlobina glicata (HbA1 s)

Meno del 6% del paziente non ha il diabete o si è perfettamente adattato alla vita con la malattia.

- 7,5% - il paziente sta bene (in modo soddisfacente) adattato alla vita con il diabete.

7,5 -9% - il paziente è insoddisfacente (scarsamente) adattato alla vita con il diabete.

Più del 9% - il paziente è molto poco adattato alla vita con il diabete.

Considerando che il diabete mellito è una malattia cronica che richiede il monitoraggio ambulatoriale a lungo termine dei pazienti, la sua terapia efficace a livello moderno richiede l'autocontrollo obbligatorio. Tuttavia, si deve ricordare che l'autocontrollo di per sé non influisce sul livello di compensazione se il paziente che è stato addestrato non utilizza i suoi risultati come punto di partenza per un adeguato adeguamento della dose di insulina.

Principi di base della terapia dietetica

I pasti per i pazienti con diabete mellito di tipo I includono il monitoraggio costante dell'assunzione di carboidrati (unità di pane).

Gli alimenti contengono tre principali gruppi di nutrienti: proteine, grassi e carboidrati. Il cibo contiene anche vitamine, sali minerali e acqua. Il componente più importante di tutti questi è i carboidrati, poiché solo loro, direttamente dopo aver mangiato, aumentano il livello di zucchero nel sangue. Tutti gli altri componenti del cibo non influenzano il livello di zucchero dopo un pasto.

C'è una cosa come calorie. La caloria è la quantità di energia che si forma nella cellula del corpo durante il "bruciore" in essa contenuto di una particolare sostanza. È necessario imparare che non esiste una connessione diretta tra il contenuto calorico del cibo e l'aumento del livello di zucchero nel sangue. Il livello di zucchero nel sangue aumenta solo i prodotti contenenti carboidrati. Quindi, terremo conto solo di questi prodotti nella dieta.

Come puoi contare i carboidrati che vengono ingeriti con il cibo?

Per comodità di contare i carboidrati digeribili usa un concetto come un'unità di pane (XE). Si ritiene che un XE conti da 10 a 12 g di carboidrati digeribili, e XE non dovrebbe esprimere un numero rigorosamente definito, ma serve per convenienza nel conteggio dei carboidrati consumati, che alla fine consente di selezionare una dose adeguata di insulina. Conoscendo il sistema XE, puoi rinunciare alla pesata del cibo. HE ti permette di calcolare la quantità di carboidrati per occhio, appena prima di un pasto. Questo rimuove molti problemi pratici e psicologici.

Alcune linee guida nutrizionali generali per il diabete :

  • Per un pasto, per una iniezione di insulina corta, si raccomanda di consumare non più di 7 XE (a seconda dell'età). Con le parole "un pasto" intendiamo la colazione (primo e secondo insieme), il pranzo o la cena.
  • Tra due pasti, un XE può essere mangiato senza prendere in giro l'insulina (a condizione che lo zucchero nel sangue sia normale e costantemente monitorato).
  • Uno XE richiede circa 1,5-4 unità di insulina da assorbire. Il fabbisogno di insulina per XE può essere accertato solo utilizzando un diario di autocontrollo.

Il sistema XE ha i suoi svantaggi: non è fisiologico scegliere una dieta solo secondo XE, poiché tutti i componenti vitali del cibo devono essere presenti nella dieta: carboidrati, proteine, grassi, vitamine e microelementi. Si raccomanda di distribuire l'apporto calorico giornaliero come segue: 60% di carboidrati, 30% di proteine ​​e 10% di grassi. Ma non contate specificamente la quantità di proteine, grassi e calorie. Basta mangiare meno olio e carne grassa possibile e il più possibile verdure e frutta.

Ecco alcune semplici regole da seguire:

  • Il cibo dovrebbe essere preso in piccole porzioni e spesso (4-6 volte al giorno) (la seconda colazione, merenda pomeridiana, la seconda cena sono obbligatorie).
  • Aderire alla dieta stabilita - prova a non saltare i pasti.
  • Non mangiare troppo - mangiare quanto raccomandato da un medico o un infermiere.
  • Utilizzare il pane fatto con farina integrale o crusca.
  • Verdure da mangiare ogni giorno.
  • Evitare grassi e zuccheri

In caso di diabete mellito insulino-dipendente (tipo I DM), l'assunzione di carboidrati nel sangue deve essere uniforme per tutto il giorno e nel volume corrispondente all'insulinemia, ad es. dose di insulina iniettata.

Terapia farmacologica

Il trattamento del diabete viene eseguito per tutta la vita sotto la supervisione di un endocrinologo.

I pazienti dovrebbero saperlo, che l'insulina è un ormone prodotto dal pancreas e abbassa i livelli di zucchero nel sangue. Esistono tipi di preparati a base di insulina, che differiscono per origine, durata d'azione. I pazienti devono essere consapevoli degli effetti dell'insulina breve, prolungata, combinata; nomi commerciali delle più comuni preparazioni di insulina sul mercato russo con particolare attenzione all'intercambiabilità dei farmaci con la stessa durata d'azione. I pazienti imparano a distinguere visivamente l'insulina "corta" dall'insulina "lunga" che è utilizzabile da quella viziata; regole di conservazione dell'insulina; I sistemi più comuni per la somministrazione di insulina sono: siringhe - penne, pompe per insulina.

Terapia insulinica

Attualmente è in corso una terapia intensiva con insulina, in cui l'insulina ad azione prolungata viene somministrata 2 volte al giorno e l'insulina ad azione rapida viene iniettata prima di ogni pasto con un calcolo esatto dei carboidrati che ne derivano.

Indicazioni per la terapia insulinica:

Assoluto: diabete mellito di tipo I, prekomatoznye e stato comatoso.

Relativo: diabete mellito di tipo II, non corretto da farmaci orali, con sviluppo di chetoacidosi, lesioni gravi, chirurgia, malattie infettive, gravi malattie somatiche, esaurimento, complicanze microvascolari del diabete, epatite grassa, neuropatia diabetica.

Il paziente deve padroneggiare le capacità di una corretta somministrazione di insulina al fine di trarre il massimo vantaggio da tutti i vantaggi dei moderni preparati e dispositivi per l'insulina per la loro somministrazione.

Tutti i bambini e gli adolescenti affetti da diabete di tipo I devono essere dotati di iniettori di insulina (penne).

La creazione di una penna a siringa per l'introduzione di insulina ha notevolmente semplificato l'introduzione del farmaco. A causa del fatto che queste penne a siringa sono sistemi completamente autonomi, non è necessario prelevare l'insulina da una fiala. Ad esempio, nella penna NovoPen, una cartuccia a 3, denominata Penfill, contiene la quantità di insulina che dura per diversi giorni.

Gli aghi ultrasottili rivestiti in silicone rendono l'iniezione di insulina praticamente indolore.

Le penne a siringa possono essere conservate a temperatura ambiente per tutto il tempo in cui vengono utilizzate.

Caratteristiche della somministrazione di insulina

  • L'insulina ad azione rapida deve essere somministrata 30 minuti prima di un pasto (40 minuti se necessario).
  • L'insulina ad azione ultracorta (humalog o Novorapid) viene somministrata immediatamente prima di un pasto, se necessario, durante o immediatamente dopo un pasto.
  • L'iniezione di insulina ad azione rapida è raccomandata nel tessuto sottocutaneo dell'addome, insulina di media durata d'azione - sottocutanea nelle cosce o nei glutei.
  • Si raccomanda un cambio giornaliero dei siti di somministrazione di insulina all'interno della stessa area per prevenire lo sviluppo di lipodistrofie.

Regole di amministrazione della droga

Prima di iniziare La prima cosa da fare è pulire le mani e il sito di iniezione. Basta lavarsi le mani con sapone e doccia quotidiana. I pazienti inoltre trattano il sito di iniezione con soluzioni antisettiche per la pelle. Dopo il trattamento, il sito dell'iniezione desiderata deve asciugarsi.

L'insulina, attualmente utilizzata, deve essere conservata a temperatura ambiente.

Scegliendo il sito di iniezione, è necessario ricordare prima di tutto due compiti:

1. Come garantire la necessaria dose di assorbimento di insulina nel sangue (da diverse aree del corpo, l'insulina viene assorbita a velocità diverse).

2. Come evitare iniezioni troppo frequenti nello stesso luogo.

Velocità di aspirazione. L'assorbimento di insulina dipende da:

  • dal luogo della sua introduzione: quando iniettato nello stomaco, il farmaco inizia ad agire in 10-15 minuti, nella spalla - in 15-20 minuti, nella coscia - in 30 minuti. Si raccomanda di iniettare insulina a breve durata d'azione nell'addome e insulina a lunga durata d'azione nelle cosce o nei glutei;
  • dall'esercizio: se il paziente ha iniettato l'insulina e gli esercizi, il farmaco entra nel sangue molto più velocemente;
  • a temperatura corporea: se il paziente è congelato, l'insulina sarà assorbita più lentamente, se si fa un bagno caldo, quindi più veloce;
  • da procedure terapeutiche e ricreative che migliorano la microcircolazione del sangue nei siti di iniezione: massaggio, bagno, sauna, fisioterapia per accelerare l'assorbimento di insulina;

La distribuzione dei siti di iniezione. Bisogna fare attenzione a fare un'iniezione a una distanza sufficiente da quella precedente. L'alternanza dei siti di iniezione eviterà la formazione di sigilli sotto la pelle (infiltrati).

Le aree più comode della pelle sono la superficie esterna della spalla, l'area sottoscapolare, la superficie anteriore anteriore della coscia, la superficie laterale della parete addominale. In questi luoghi, la pelle viene ben catturata nella piega e non vi è alcun pericolo di danni ai vasi sanguigni, ai nervi e al periostio.

Preparazione per l'iniezione

Prima di fare un'iniezione di insulina prolungata, è necessario mescolare bene. Per fare ciò, la penna con una cartuccia ricaricata viene sollevata e abbassata almeno 10 volte. Dopo la miscelazione, l'insulina deve essere uniformemente bianca e torbida. L'insulina ad azione rapida (soluzione limpida) non è necessaria per miscelare prima dell'iniezione.

Luoghi e tecnica di iniezioni di insulina

L'insulina viene solitamente iniettata per via sottocutanea ad eccezione di situazioni speciali quando viene somministrata per via intramuscolare o endovenosa (di solito in un ospedale). Se nel sito di iniezione lo strato di grasso sottocutaneo è troppo sottile o l'ago è troppo lungo, l'insulina può entrare nel muscolo quando viene iniettata. L'introduzione di insulina nel muscolo non è pericolosa, tuttavia, l'insulina viene assorbita nel sangue più velocemente dell'iniezione sottocutanea.

1.8 Condizioni di emergenza per il diabete

Durante la sessione, i valori di glicemia normale a stomaco vuoto e prima dei pasti (3,3-5,5 mmol / l), e anche 2 ore dopo i pasti (

Diuretici - diuretici

Pancreatite cronica del pancreas