Le cause del diabete sono visibili e nascoste

Per prima cosa devi decidere - e hai bisogno di conoscere la causa della manifestazione (manifestazione) della tua malattia? Potresti non averne bisogno personalmente, ma è di vitale importanza per il medico curante. Molto spesso, la strategia di trattamento cambia radicalmente a seconda di cosa ha causato esattamente il diabete.

Diabete mellito (lat. Diabete mellito) è un'iperglicemia cronica che si sviluppa sotto l'influenza di molti fattori che si completano a vicenda. L'iperglicemia (livelli elevati di "zucchero" nel sangue) è causata da una mancanza di insulina o da un eccesso di fattori che neutralizzano la sua attività. La malattia è caratterizzata da un decorso cronico e da una violazione di tutti i tipi di metabolismo: carboidrati, grassi, proteine, sali minerali e acqua.

Il diabete mellito insulino-dipendente è innescato da malattie virali sullo sfondo del fattore stagionale e, in parte, dall'età, poiché l'incidenza di picco, ad esempio nei bambini, è di 10-12 anni. Sviluppato in persone con l'incapacità di produrre insulina con specifiche cellule B pancreatiche. Il primo tipo di diabete si verifica più spesso in età precoce - nei bambini, negli adolescenti e nei giovani.

La causa del diabete di tipo I non è del tutto chiarita, ma esiste una stretta connessione con la funzione compromessa del sistema immunitario, manifestata dalla presenza di anticorpi nel sangue (i cosiddetti "autoanticorpi" diretti contro le cellule e i tessuti del paziente del paziente) che distruggono le cellule b pancreatiche.

Il diabete mellito di tipo 1 (DM1) rappresenta il 10% di tutti i casi di diabete. Ecco, caro lettore, chiedo la tua attenzione - solo il 10%. Il resto sono altre forme e tipi di diabete, comprese altre malattie in cui il livello di glicemia è elevato. A volte una diagnosi viene fatta in modo errato, molto raramente, ma succede anche.

Per verificare il processo autoimmune, si raccomandano pazienti con diabete di nuova diagnosi e soggetti a rischio di sviluppare diabete mellito, oltre a determinare gli autoanticorpi associati allo sviluppo del diabete mellito, per determinare la quantità di linfociti T CD4 + CD25 + hlgh regolatori e la loro attività funzionale (espressione FOXP3).

Una delle opzioni per il corso del diabete autoimmune è il diabete autoimmune latente negli adulti - "diabete autoimmune latente negli adulti" (LADA) [Zimmet P.Z, 1995]. È caratterizzato da un quadro clinico non tipico del diabete classico di tipo 1, nonostante la presenza di autoanticorpi, la distruzione autoimmune si sviluppa lentamente, il che non porta immediatamente allo sviluppo del fabbisogno di insulina. Studi epidemiologici hanno dimostrato che il LADA si trova nel 212% di tutti i casi di diabete [Borg N., Gottsäter A. 2002].

Questa forma di diabete è intermedia tra diabete e diabete e nell'ultima classificazione non è assegnata a un'unità di nomenclatura separata. Come il T1DM classico, LADA è associato a una perdita di tolleranza immunologica ai propri antigeni ed è caratterizzato dalla distruzione selettiva delle cellule beta delle isole pancreatiche da parte dei linfociti CD8 + (citotossico) e CD4 + (effettore).

Un fattore di rischio comune, soprattutto quando si eredita il diabete mellito di tipo 2, è un fattore genetico. Se uno dei genitori è malato, la probabilità di ereditare il diabete di tipo 1 è del 10% e il diabete di tipo 2 è dell'80%. Nel 1974, J. Nerup et al. A.G. Gudworth e J.C. Woodrow hanno trovato un'associazione del locus B dell'antigene di istocompatibilità leucocitaria con diabete di tipo I - insulino-dipendente (IDDM) e la sua assenza in pazienti con diabete mellito insulino-dipendente di tipo II.

I risultati dello studio hanno rivelato l'eterogeneità genetica (eterogeneità) del diabete mellito e un marker del diabete di tipo I. Ciò significa che teoricamente, dopo la nascita di un bambino, effettuando un'analisi genetica speciale, si può stabilire una predisposizione al diabete e, se possibile, prevenirne lo sviluppo.

Successivamente, sono state identificate diverse varianti genetiche, che si verificano significativamente più frequentemente nel genoma dei pazienti con diabete rispetto al resto della popolazione. Quindi, per esempio, la presenza di B8 e B15 nel genoma aumentava simultaneamente il rischio della malattia di circa 10 volte. La presenza di marcatori Dw3 / DRw4 aumenta il rischio di malattia di 9,4 volte. Circa l'1,5% dei casi di diabete sono associati alla mutazione A3243G del gene MT-TL1 mitocondriale. Tuttavia, va notato che nel diabete di tipo 1 c'è eterogeneità genetica, cioè la malattia può essere causata da diversi gruppi di geni.

Il segno diagnostico di laboratorio, che consente di determinare il diabete di tipo I, è la rilevazione nel sangue di anticorpi anti-β-cellule del pancreas. La natura dell'ereditarietà al momento non è del tutto chiara, la complessità del predire l'ereditarietà è associata con l'eterogeneità genetica del diabete mellito, la costruzione di un adeguato modello di eredità richiede ulteriori studi statistici e genetici.

Come cercare di prevenire lo sviluppo del diabete con una predisposizione genetica?

  1. Ritiro da vaccinazioni minori per le persone con ereditarietà gravata dal diabete. Il problema è complesso e controverso, ma sfortunatamente ogni anno molti casi di sviluppo del diabete di tipo I vengono registrati immediatamente dopo la vaccinazione.
  2. La massima protezione possibile contro l'infezione da infezioni da virus dell'herpes (nella scuola materna, a scuola). Herpes (herpes greco - strisciante). Il grande gruppo comprende: stomatite aftosa (herpes simplex virus 1 o 2 tipi), varicella (virus della varicella Zoster), mononucleosi infettiva (virus di Epstein-Barr), sindrome simile alla mononucleosi (citomegalovirus). L'infezione è spesso asintomatica e spesso atipica.
  3. Prevenzione della disbiosi intestinale e della rilevazione della fermentopatia.
  4. Massima protezione dallo stress: queste sono persone speciali, lo stress può portare alla manifestazione!

I principali fattori che provocano l'insorgenza del diabete di tipo I con una predisposizione genetica sono le infezioni virali, che provocano una reazione autoimmune.

Eziologia infettiva (causa). Dopo un'infezione virale, più spesso un gruppo di virus dell'herpes (rosolia, varicella, HVI, E. Barr, CMV), meno altre infezioni. Può essere latente (nascosto) per molto tempo.

Virus di vaiolo, Coxsacke B, adenovirus sono considerati avere un tropismo (relazione) al tessuto pancreatico insulare. La distruzione delle isole dopo un'infezione virale è confermata da particolari cambiamenti nel pancreas sotto forma di "insulite", espressa in infiltrazione con linfociti e plasmacellule. Quando si verifica il diabete "virale", nel sangue si rilevano autoanticorpi circolanti al tessuto delle isole. Di regola, dopo 1-3 anni gli anticorpi scompaiono.

Negli esseri umani, i collegamenti più studiati con il diabete sono virus Mumps, Coxsacke B, rosolia e citomegalovirus. La relazione tra la malattia della parotite e il diabete mi è stata notata già nel 1864. Condotto più tardi, numerosi studi hanno confermato questa associazione. Dopo aver sofferto la parotite, c'è un periodo di 3-4 anni, dopo il quale il diabete I è spesso manifestato (K. Helmke et al., 1980).

La rosolia congenita è strettamente associata al successivo sviluppo del diabete I (Banatvala J. E. et al., 1985). In questi casi, il diabete I è la conseguenza più frequente della malattia, ma anche le malattie autoimmuni della tiroide e la malattia di Addison si verificano insieme a esso (Rayfield E. J. et al., 1987).

Il citomegalovirus (CMV) è debolmente associato al diabete I (Lenmark A. et al., 1991). Tuttavia, il CMV è stato trovato nelle cellule delle isole di pazienti con diabete I bambini con infezione da citomegalovirus e in 20 su 45 bambini morti per infezione da CMV disseminata (Jenson A. B. et al., 1980). Le sequenze genomiche di CMV sono state trovate nei linfociti nel 15% dei pazienti che recentemente si sono ammalati di diabete I (Pak S. et al., 1988).

Un nuovo lavoro degli scienziati norvegesi sull'eziologia del diabete di tipo 1 è stato pubblicato sulla rivista Diabetes e gli autori hanno trovato proteine ​​virali e RNA di enterovirus nel tessuto pancreatico ottenuti in pazienti con diabete di nuova diagnosi. Pertanto, il legame tra l'infezione e lo sviluppo della malattia è inequivocabilmente dimostrato.

La presenza di enterovirus 1 proteina del capside (capsid protein 1 (VP1)) e un aumento della produzione di antigeni del complesso principale di istocompatibilità nelle cellule è stata confermata immunoistochimicamente. Il metodo di PCR e il metodo di sequenziamento è stato utilizzato per isolare l'RNA di enterovirus da campioni biologici. I risultati ottenuti confermano ulteriormente l'ipotesi che l'infiammazione lenta nel pancreas associata all'infezione da enterovirus contribuisca allo sviluppo del diabete mellito di tipo 1.

La causa del diabete può essere un virus

Il virus più comune può causare il diabete nei bambini. Questa conclusione è stata fatta da scienziati britannici. Tracce di infezione virale sono state trovate nei tessuti del 60% dei bambini con diabete di tipo 1 (insulino-dipendente o, come viene anche chiamato, diabete infantile) che hanno partecipato allo studio.

Tuttavia, quasi nessuno dei bambini che non hanno il diabete, tali tracce sono state trovate.

Test speciali hanno anche rivelato tracce di infezione virale nelle cellule responsabili della produzione di insulina, circa il 40% degli adulti con diabete di tipo 2.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica "Diabetologiya" e, sulla base dei dati ottenuti, gli scienziati hanno concluso che in alcuni casi il diabete può essere prevenuto con la vaccinazione, anche se questo, purtroppo, non annulla il fatto che il ruolo decisivo in questa materia è ancora gioca alla genetica.

I dati ottenuti, i ricercatori sono principalmente obbligati al Dr. Alan Polis, un patologo di Glasgow, che per 25 anni ha raccolto in tutto il Regno Unito.
campioni di tessuto di bambini morti a meno di 12 mesi dalla diagnosi di diabete di tipo 1.

Rileva tracce del virus nei tessuti è diventato possibile solo di recente, grazie alla più recente tecnologia. Di solito un tale virus viene facilmente trasmesso, la diarrea e il vomito tormentano quelli infetti per diversi giorni, e poi tutto svanisce senza lasciare traccia. Ma non per tutti.

Per coloro che hanno una predisposizione genetica per il diabete, il virus inizia ad attaccare le cellule pancreatiche produttrici di insulina.

Il diabete è una malattia virale

Scienziati britannici hanno scoperto che gli enterovirus che causano la diarrea e il vomito negli esseri umani possono provocare lo sviluppo del diabete di tipo 1 nelle persone localizzate geneticamente. Il diabete di tipo 1, che si chiama insulino-dipendente, di solito si sviluppa nei bambini. Questo tipo di diabete è associato alla morte delle cosiddette cellule beta produttrici di insulina del pancreas.

I ricercatori della Brighton University e del Royal Hospital di Glasgow hanno esaminato i tessuti dei bambini morti di diabete entro un anno dal momento in cui hanno diagnosticato la malattia. In parallelo, è stato esaminato un gruppo di controllo di bambini non diabetici. È stato trovato che nel 60% dei casi in bambini diabetici si trovano tracce del rivestimento proteico di enterovirus, mentre nel gruppo di controllo l'enterovirus è stato trovato solo in casi isolati.

Gli scienziati suggeriscono che gli enterovirus, che entrano nel corpo e causano disturbi gastrointestinali acuti, vengono espulsi principalmente dal corpo mentre si riprendono, senza causare alcun effetto residuo. Tuttavia, nei casi in cui i bambini sono esposti a una predisposizione genetica al diabete, il virus innesca il meccanismo di sconfitta autoimmune della produzione di insulina nei loro corpi.

Test speciali hanno anche rivelato tracce della presenza del virus nel corpo del 40% degli adulti con diabete di tipo 2. Gli scienziati hanno parlato del fatto che in molti casi la vaccinazione aiuta a evitare il diabete, che protegge dall'infezione da virus.

In Israele, un gruppo di scienziati dell'Istituto Weizmann ha creato un nuovo farmaco che può essere usato come vaccino per il diabete di tipo 1. Il meccanismo d'azione delle notizie israeliane si basa sulla protezione del corpo contro una reazione autoimmune che distrugge le cellule beta del pancreas. Il farmaco ha superato con successo studi clinici negli adulti. Ora c'è una ricerca per uno schema per il suo uso su pazienti giovani.

Gli scienziati hanno scoperto una nuova causa del diabete

Le notizie più importanti si sono diffuse in tutto il mondo sul fatto che gli scienziati impegnati nello studio del diabete hanno determinato sperimentalmente quattro nuove cause di questa malattia. In precedenza, era noto che questo disturbo, che causa il blocco del glucosio da parte del corpo umano, provoca il funzionamento scorretto dell'insulina ormonale (cessa parzialmente o completamente la funzione di interazione con le cellule).

Ma la nuova ragione ha una natura completamente diversa - virale. Questa scoperta offre l'opportunità di sperare che gli scienziati saranno in grado di studiare in modo più dettagliato i meccanismi specifici dell'insorgenza e dello sviluppo della malattia. Conducendo la ricerca sul genoma del virus, gli scienziati hanno identificato quattro agenti patogeni virali, nel cui genoma sono state individuate aree che codificano per proteine ​​simili all'insulina.

Questi virus si sentono più a loro agio nei pesci, ma il loro sviluppo e attività in altri organismi viventi non è escluso. Inizialmente, sono stati effettuati controlli sui topi e in seguito sugli umani. L'esperimento ha mostrato che le cellule virali agiscono ugualmente con gli ormoni in entrambe le varianti.

Una scoperta così sensazionale provoca molta ansia. Si scopre che mangiare pesce che è incluso nella dieta della maggior parte delle persone sul pianeta può facilmente portare allo sviluppo della malattia e potenzialmente rendere una persona completamente sana con il diabete.

Ma c'è un punto positivo. La scoperta della natura virale della malattia può aiutare con lo sviluppo di un farmaco che renderà il diabete mellito una malattia facilmente curabile.

Dettagli dello studio della natura virale del diabete

Prima di condurre ricerche, Ronald Kahn ei suoi colleghi hanno suggerito che una reazione autoimmune nel diabete di tipo 1 può essere scatenata da certi tipi di microrganismi che riproducono proteine ​​che assomigliano all'insulina nel corso della loro attività vitale.

Successivamente, un team di scienziati ha iniziato un'analisi scientifica del suo vasto database genomico costituito da diverse migliaia di campioni di virus. Il compito principale al primo stadio era la ricerca di quelle specie che assomigliavano al DNA umano. Come risultato di accurate attività, hanno risolto sedici virus, in cui una certa parte del genoma sembrava pezzi di DNA umano. E dopo questo, su 16, 4 sono stati ordinati, che avevano la proprietà di sintesi proteica e sarebbero simili all'insulina.

La cosa più interessante è che tutti questi quattro virus erano inizialmente in grado di causare infezioni solo nei pesci e non avevano alcun effetto sull'uomo. Gli esperti hanno deciso di verificare se i loro mezzi di sostentamento, quando entrano nel corpo umano, alla fine portano al diabete. Dopotutto, potenzialmente i loro peptidi influenzano gli esseri umani allo stesso modo dell'insulina.

In condizioni di laboratorio, è stato testato l'effetto del virus sulle cellule umane. L'ipotesi precedente è stata confermata, e dopo che l'esperimento è stato ripetuto nei topi, dopo di che il livello di glucosio nel sangue è diminuito come se fossero stati iniettati con insulina regolare.

Il capo di un progetto di ricerca spiega semplicemente le cause del diabete mellito di primo tipo a causa di questi virus. Secondo lui, dopo l'infezione nel corpo umano, il sistema immunitario inizia a combattere e produce anticorpi per distruggere il virus. Ma poiché alcune proteine ​​virali sono molto simili all'insulina, allora c'è un'alta probabilità di errore di un organismo, in cui il sistema immunitario attaccherà oltre al virus e alle sue cellule, che sono coinvolte nella sintesi naturale dell'insulina.

Gli scienziati confermano l'informazione che le persone spesso affrontano situazioni simili, ma la maggior parte è fortunata e l'immunità non commette errori. Tracce di confronto immunitario con virus simili possono essere viste anche da microrganismi contenuti nell'intestino.

È stato scoperto un nuovo virus che provoca il diabete di tipo 1 e una serie di altre malattie autoimmuni.

Uno studio condotto da scienziati del Center for Autoimmune Genomics and Etiology (CAGE) nei bambini di Cincinnati ha dimostrato che il virus Epstein-Barr (EBV), che causa la mononucleosi infettiva, aumenta anche il rischio di sviluppare il diabete mellito di tipo 1 e altre gravi malattie (sistemica lupus eritematoso, sclerosi multipla, artrite reumatoide, artrite giovanile idiopatica, malattia infiammatoria intestinale, malattia celiaca).

I risultati dello studio mostrano che la proteina prodotta dal virus Epstein-Barr, chiamato EBNA2, è associata a diverse posizioni lungo il genoma umano associate a queste sette malattie.

I risultati fanno luce su come fattori ambientali, come infezioni virali o batteriche, cattiva alimentazione, inquinamento o altri effetti pericolosi, possono interagire con il piano genetico umano e avere conseguenze per lo sviluppo della malattia.

I componenti creati dal virus interagiscono con il DNA umano in luoghi in cui aumenta il rischio genetico della malattia. EBV è un virus estremamente comune. Nei paesi sviluppati, oltre il 90% della popolazione viene infettato da loro prima dei 20 anni. Dopo l'infezione, il virus rimane nel corpo umano per tutta la vita.

Per molti anni, gli scienziati hanno collegato l'EBV a molte altre rare condizioni, inclusi alcuni tipi di cancro linfatico.

Questa scoperta è probabilmente abbastanza fondamentale, perché potrebbe incoraggiare molti altri scienziati in tutto il mondo a riconsiderare le loro opinioni su questo virus. Di conseguenza, e supponendo che gli altri possano ripetere le scoperte degli scienziati americani, ciò potrebbe portare a metodi di trattamento, metodi di prevenzione e metodi per prevenire malattie che non si sono ancora sviluppate. Non esiste ancora un vaccino che possa prevenire l'infezione da EBV.

Alcuni vaccini EBV sono in fase di sviluppo. Si spera che questa ricerca possa incoraggiare gli scienziati di tutto il mondo a procedere più velocemente e con sforzi all'avanguardia.

Cause del diabete

Il diabete mellito è una malattia in cui i livelli di zucchero aumentano troppo. Un ormone speciale, l'insulina, deve combatterlo. Se è troppo piccolo nel corpo, il lavoro delle cellule viene disturbato e la malattia causa conseguenze pericolose. Oggi guardiamo tutte le principali cause del diabete.

Eredità e genetica - cause del diabete

Molto spesso, la malattia del diabete viene ereditata. I geni svolgono un ruolo importante nello sviluppo di questa malattia.

  1. Geni e diabete di tipo 1. Sotto l'azione dei geni, l'immunità umana inizia a danneggiare le cellule beta. Dopo di ciò, perdono completamente la capacità di produrre l'insulina ormonale. I medici sono stati in grado di determinare quali antigeni predispongono alla comparsa del diabete. È la combinazione di alcuni di questi antigeni che comporta un maggior rischio di sviluppare la malattia. In questo caso, potrebbero esserci altri processi anti-immunitari nel corpo umano, ad esempio, gozzo tossico o artrite reumatoide. Se trovi la presenza di tali malattie, il diabete potrebbe anche apparire presto.
  2. Geni e diabete di tipo 2. Questo tipo di malattia si trasmette lungo il percorso dominante dell'eredità. In questo caso, l'insulina ormonale non scompare dal corpo, ma inizia a diminuire gradualmente. A volte il corpo stesso non può semplicemente riconoscere l'insulina e fermare la crescita di zucchero nel sangue.

Abbiamo appreso che le principali cause del diabete sono i geni. Tuttavia, anche con una predisposizione genetica, non puoi ammalarti di diabete. Considera altre cause che possono scatenare la malattia.

Fattori che provocano il diabete

Cause del diabete che provocano la malattia di tipo 1:

  • Infezioni virali. Può essere la rosolia, la parotite, l'enterovirus e il coxsackie.
  • Razza europea. Gli esperti hanno notato che gli asiatici, i neri e gli ispanici hanno una percentuale molto più piccola del rischio di diabete. Vale a dire, la razza europea è più colpita da questa malattia.
  • Storia di famiglia Se i tuoi parenti hanno questa malattia, c'è un grosso rischio che ti raggiunga geneticamente.

Consideriamo ora le cause del diabete, che predispongono allo sviluppo della malattia di tipo 2. Sono molto di più, ma anche la presenza di molti di loro non garantisce il 100% delle manifestazioni del diabete.

  • Malattie vascolari Questi includono ictus, infarto e ipertensione arteriosa.
  • Età uomo anziana. Solitamente contato dopo 50-60 anni.
  • Stress frequenti e disturbi nervosi.
  • Uso di determinati farmaci Il più delle volte si tratta di ormoni steroidei e diuretici tiazidici.
  • Sindrome dell'ovaio policistico.
  • Rara attività fisica nell'uomo.
  • Malattie dei reni o del fegato.
  • Sovrappeso o obesità estrema. Gli esperti notano che questo fattore causa più spesso il diabete. Non è un caso, perché il grande tessuto adiposo impedisce la corretta sintesi dell'insulina.
  • La manifestazione di aterosclerosi.

Quando conosciamo le principali cause del diabete, possiamo iniziare ad eliminare questi fattori. Osservare attentamente la salute del corpo può prevenire l'insorgere del diabete.

Malattie e danni delle cellule beta

Le cause del diabete sono malattie che distruggono le cellule beta. Ad esempio, pancreatite e cancro soffrono molto dal pancreas. A volte i problemi possono causare malattie delle ghiandole endocrine. Molto spesso questo accade con la ghiandola tiroidea e le ghiandole surrenali. L'influenza delle malattie sulla manifestazione del diabete non è casuale. Dopotutto, tutti gli ormoni del corpo sono strettamente correlati tra loro. E una malattia di un organo può scatenare lo sviluppo del diabete.

Molta attenzione dovrebbe essere prestata alla salute del pancreas. Spesso viene distrutto a causa dell'influenza di determinati farmaci. È influenzato negativamente da diuretici, psicofarmaci e ormoni. Dobbiamo fare attenzione con glucocorticoidi e medicinali che contengono estrogeni.

I medici dicono che quando viene prodotta una grande quantità di ormoni, il diabete può facilmente verificarsi. Ad esempio, la tireotossicosi dell'ormone viola la tolleranza al glucosio. E questo è un percorso diretto all'insorgenza del diabete.

L'ormone catecolamina riduce la sensibilità del corpo all'insulina. Dopo un po 'di tempo, questa reazione porta alla comparsa del diabete. L'ormone aldosterone aumenta la sintesi degli ormoni sessuali femminili troppo. Successivamente, la ragazza inizia a ingrassare e appaiono i depositi di grasso. Porta anche allo sviluppo della malattia.

Gli ormoni non sono le principali cause del diabete. Qui ci sono un certo numero di malattie che distruggono le cellule beta e portano allo sviluppo della malattia.

  • I medici prestano molta attenzione alla pancreatite. Questa malattia distrugge le cellule beta. Successivamente, lo sviluppo di questa malattia nel corpo inizia la carenza di insulina. Se l'infiammazione non viene eliminata, col tempo ridurrà sempre più il rilascio di insulina nel corpo.
  • Le lesioni sono anche una delle principali cause di diabete. Per qualsiasi danno nel corpo inizia il processo infiammatorio. Tutte le cellule infiammatorie iniziano a essere sostituite da quelle sane. A questo punto, la secrezione di insulina diminuisce notevolmente.
  • Il cancro del pancreas sta diventando una causa comune del diabete di tipo 2. Anche in questo caso, le cellule malate iniziano a cambiare in quelle sane e l'insulina cade.
  • La malattia della cistifellea influisce sullo sviluppo del diabete. Soprattutto devi essere attento ai coleciti cronici. Non è un caso, perché per il pancreas e per il dotto biliare c'è un posto nell'intestino. Se inizia l'infiammazione delle galline, può gradualmente passare al pancreas. Un tale processo porterà all'inizio del diabete.
  • La malattia del fegato è una delle cause del diabete. Se le cellule del fegato elaborano poco i carboidrati, allora l'insulina nel sangue inizia ad aumentare. Nel tempo, una grande dose di insulina ridurrà la sensibilità delle cellule a questo ormone.

Come hai notato, le cause del diabete mellito sono principalmente malattie del pancreas e del fegato. Poiché il lavoro di questi organi influenza la quantità di insulina nel corpo, è importante trattarli con cura e trattarli in tempo.

Come funzionano i virus sul diabete?

Gli scienziati sono stati in grado di notare l'importante legame del diabete con le infezioni virali. Molta attenzione è stata posta al virus Coxsackie. Può causare danni alle cellule che producono insulina. Qualsiasi bambino prima dello sviluppo del diabete può ammalarsi di questo virus. Se il tempo non elimina la malattia di Coxsackie, dopo un po 'di tempo porterà allo sviluppo del diabete. Molto spesso, il virus causa la malattia di tipo 1.

Le cause del diabete sono virus pericolosi, che includono:

Stress nervoso

I medici sono stati in grado di dimostrare che si trattava di stress nervoso che ha innescato l'insorgenza del diabete in un numero di pazienti che erano predisposti ad esso. Considera le conseguenze dello stress:

  1. Durante i periodi di grave stress, il corpo sopprime il rilascio di insulina. Allo stesso tempo, l'attività degli organi del tratto gastrico si ferma per un po '.
  2. Lo stress forte indebolisce l'immunità di tutto il corpo. A questo punto, il corpo può facilmente catturare qualsiasi malattia. Successivamente, questi disturbi possono provocare il diabete.
  3. I disturbi nervosi influenzano anche i livelli di glucosio. Lo stress distrugge drammaticamente il metabolismo del corpo. A questo punto, l'insulina cade e tutte le riserve di glicogeno nel corpo si trasformano in zucchero.
  4. Durante lo stress, tutta l'energia di una persona entra nei vasi sanguigni. A questo punto, la sensibilità all'insulina del corpo diminuisce drasticamente.
  5. Lo stress provoca un aumento dell'ormone cortisolo nel corpo. Provoca immediatamente una forte sensazione di fame. Questo porta a una grave obesità. Quel grasso corporeo è il problema principale del diabete.

Considera i principali sintomi dello stress nervoso:

  • Frequenti mal di testa
  • Malizia inspiegabile.
  • Molto stanco
  • Frequente senso di colpa e autocritica.
  • Fluttuazioni di peso
  • Insonnia.

Ecco cosa fare durante lo stress, in modo da non provocare il diabete mellito:

  1. Non consumare zucchero durante un esaurimento nervoso.
  2. Segui una dieta leggera. Meglio di tutti, è prescritto da un medico.
  3. Controlla il sangue per lo zucchero.
  4. Cerca di eliminare la causa dello stress e calmati il ​​più possibile.
  5. Puoi fare esercizi di respirazione o fare yoga per calmare il sistema nervoso.
  6. Sbarazzati di tutto il peso in eccesso che è stato acquisito durante lo stress.

Ora sai che stress e esaurimento nervoso sono cause importanti del diabete. Pertanto, è importante rimanere sempre calmi ed eliminare le fonti di stress e depressione. Non dimenticare di visitare il medico in questo momento e cambiare il livello di zucchero nel sangue.

Età umana

I medici hanno notato che il diabete mellito di tipo 1 si verifica più spesso fino a 30 anni. La malattia del secondo tipo si verifica all'età di 40-60 anni. Per il secondo tipo, questo non è casuale, perché l'organismo si indebolisce in età avanzata, molte malattie iniziano a manifestarsi. Possono provocare il diabete di tipo 2.

I bambini spesso sviluppano la malattia di tipo 1. Questo è ciò che provoca il diabete in un bambino:

  1. Eredità.
  2. Il bambino porta spesso malattie virali.
  3. Sovrappeso. La massa del bambino alla nascita era di oltre 4,5 chilogrammi.
  4. Malattie metaboliche Questi includono l'ipotiroidismo e l'obesità.
  5. L'immunità è troppo bassa in un bambino.

Altri punti importanti

  • Nel caso di una malattia infettiva, gli adolescenti e i bambini sono più sensibili al diabete. Pertanto, è importante migliorare l'immunità del bambino e iniziare immediatamente il trattamento dell'infezione. In questo caso, è necessario superare un esame del sangue e controllare lo zucchero.
  • Se sei predisposto alla comparsa del diabete, controlla attentamente i principali sintomi della malattia e la reazione del corpo. Se hai spesso sete, il tuo sonno è disturbato e l'appetito aumenta, è importante fare il test subito.
  • In caso di predisposizione ereditaria, provare a monitorare da vicino il livello di zucchero e nutrizione. Puoi contattare uno specialista che ti assegnerà una dieta speciale. Se viene osservato, il rischio di diabete sarà inferiore.
  • Quando un paziente sa cosa causa il diabete, può sempre eliminare la causa e prevenire lo sviluppo della malattia. Per fare questo, è necessario assumere un atteggiamento responsabile nei confronti della salute e visitare regolarmente il medico.

risultati

Ora conosci le principali cause del diabete. Se monitorate attentamente la vostra salute, evitate guasti nervosi e curate i virus in tempo, quindi anche un paziente con una predisposizione al diabete può evitare la malattia.

Diabete virus, che cos'è?

Una delle cause del diabete sono le infezioni virali. Questo fattore eziologico non è stato completamente studiato, ma la maggior parte degli endocrinologi ha notato che il modello di rilevamento di nuovi casi di diabete di tipo 1 dopo epidemie di malattie virali.

La difficoltà di determinare accuratamente la relazione causa-effetto rende difficile rispondere alla domanda: qual è il virus del diabete mellito, che i microrganismi sono in grado di provocare la distruzione delle cellule pancreatiche.

Poiché le manifestazioni del diabete mellito di tipo 1 si verificano durante questo periodo della malattia, quando quasi tutte le cellule che producono insulina vengono distrutte, la durata del periodo di latenza può variare da diverse settimane a un anno, e talvolta anche più. In molti casi, è difficile stabilire un fattore di danno specifico.

Il ruolo dei virus nella comparsa del diabete

Per il diabete insulino-dipendente, una caratteristica è la stagionalità del rilevamento. La maggior parte dei casi nuovi sono registrati in autunno e in inverno, il diabete mellito è diagnosticato soprattutto in ottobre e gennaio e l'incidenza minima si osserva nei mesi estivi. Tale periodicità ondulatoria è caratteristica di varie infezioni virali.

Allo stesso tempo, i virus colpiscono quasi tutte le persone, ma solo coloro che hanno una predisposizione genetica soffrono di diabete dopo aver sofferto di malattie infettive.

Pertanto, affinché il diabete mellito si manifesti, deve esserci un cambiamento nella struttura dei cromosomi e l'effetto di un fattore dannoso. Oltre ai virus, la causa dello sviluppo del diabete di tipo 1 può essere costituita da farmaci, sostanze chimiche, componenti della dieta (proteine ​​del latte di mucca, composti nitro prodotti affumicati).

I virus che possono essere coinvolti nella comparsa del diabete includono:

  1. Virus della rosolia congenito.
  2. Encefalomiocardite da virus.
  3. Reovirus di tipo 3.
  4. Parotite.
  5. Koksaki V.
  6. Citomegalovirus.
  7. Virus dell'epatite C.

È stato notato che durante l'anno dopo un'alta incidenza di parotite, il numero di casi di diabete nei bambini aumenta, e in alcuni pazienti, durante il periodo di malattia, possono verificarsi disturbi del metabolismo dei carboidrati fino all'iperglicemia e persino alla chetoacidosi.

Si sospetta anche il ruolo degli adenovirus e del virus dell'influenza nello sviluppo del danno delle cellule beta in soggetti con una predisposizione ereditaria al diabete.

Pertanto, per i pazienti appartenenti a gruppi a rischio è necessario prevenire il raffreddore virale durante la stagione.

Il meccanismo degli effetti dannosi dei virus nel diabete

Quando un virus entra nel corpo, può avere un effetto dannoso diretto sulle cellule beta, causandone la morte. Il secondo fattore che porta alla distruzione del tessuto delle isole è lo sviluppo di risposte immunitarie indirette. Allo stesso tempo, cambiano le proprietà delle membrane cellulari, dopo di che vengono percepite dal corpo come antigeni estranei.

In risposta all'apparizione di tali antigeni, inizia la produzione di anticorpi verso la membrana, che porta a un processo infiammatorio con successiva distruzione di cellule. Cambia anche il lavoro dell'intero sistema immunitario, le cui proprietà protettive sono indebolite e le reazioni alle proprie cellule sono migliorate.

L'effetto dei virus è più pronunciato con la distruzione simultanea delle cellule da sostanze tossiche - nitrati, medicinali, composti tossici, avvelenamento, se c'è una malattia del fegato.

La distruzione delle cellule pancreatiche e le corrispondenti manifestazioni cliniche del diabete mellito passano attraverso diverse fasi:

  • Stadio preclinico: non vi è alcuna manifestazione di diabete, la glicemia è normale, gli anticorpi alle cellule beta pancreatiche sono rilevati nel sangue.
  • Stadio del diabete latente: il glucosio a digiuno è normale, il test per la tolleranza al glucosio rivela una ridotta secrezione di insulina, poiché due ore dopo aver assunto il glucosio, il suo livello nel sangue è più alto del normale.
  • Diabete mellito evidente: ci sono i tipici primi segni di un aumento della glicemia (sete, aumento dell'appetito, eccessiva produzione urinaria, glicosuria). Più del 90% delle cellule beta è danneggiato.

Gli anticorpi verso gli antigeni e il citoplasma della superficie cellulare compaiono nei primi mesi della malattia, e quindi, con il progredire del diabete, il loro numero diminuisce.

La loro individuazione nel sangue indica la possibilità dello sviluppo del diabete mellito di tipo 1.

Prevenzione del diabete di tipo 1

Teoricamente, l'opzione ideale è eliminare i fattori dannosi per le persone che hanno una predisposizione genetica al diabete. In pratica, questo è abbastanza problematico, dal momento che virus, nitrati e tossine sono diffusi.

Dato il ruolo dei virus nello sviluppo del diabete mellito di tipo 1, viene proposta l'immunizzazione contro l'influenza, la parotite, la coxsackie e la rosolia. Ma finora questo non è diventato molto diffuso, dal momento che esiste una possibilità di risposta autoimmune ai vaccini.

Un metodo collaudato per prevenire il diabete in un bambino è l'allattamento al seno, dal momento che il latte materno contiene immunoglobuline protettive e proteine ​​del latte vaccino da bambini geneticamente predisposti aumenta il rischio di sviluppare il diabete, che si manifesta in una violazione dell'immunità cellulare, un aumento del titolo anticorpale alle cellule beta e insulina.

Metodi secondari per la prevenzione del diabete includono metodi che possono ritardare l'insorgenza di uno stadio manifesto, ovvio diabete mellito, o ridurre la gravità delle sue manifestazioni cliniche. Molti di questi metodi sono sperimentali:

  1. L'uso di un immunosoppressore - La ciclosporina A. rallenta la morte delle cellule beta. Può causare la remissione del diabete per un anno.
  2. La vitamina D inibisce lo sviluppo della distruzione autoimmune del pancreas. I migliori risultati si ottengono con l'appuntamento nella prima infanzia.
  3. Nikotianamid. L'acido nicotinico nel diabete di tipo 2 prolunga il periodo di remissione. Il farmaco può ridurre la necessità di insulina.
  4. Immunomodulatore a basse dosi Linamid protegge le cellule beta quando somministrato in fase preclinica.

L'insorgenza lenta del diabete nei parenti del primo grado di parentela può essere la profilassi dell'insulina. Esistono prove che anche l'introduzione temporanea di insulina può ritardare lo sviluppo del diabete mellito per 2-3 anni. Questo metodo ha prove insufficienti.

Anche i metodi sperimentali includono la vaccinazione di linfociti indeboliti che sono coinvolti in reazioni autoimmuni. Gli studi sono condotti sulla somministrazione profilattica di insulina quando assunto per via orale o intranasale sotto forma di un aerosol.

Al fine di ridurre la probabilità di sviluppare il diabete nei bambini, è necessario prevenire le infezioni quando si pianifica una gravidanza, così come durante il periodo di sviluppo intrauterino del feto. Pertanto, in caso di predisposizione ereditaria, è necessario un esame completo dei futuri genitori e l'osservazione della donna durante il trasporto del bambino.

Un esperto del video in questo articolo ti parlerà dei metodi per prevenire il diabete.

Diabete e infezioni

Le malattie infettive nel diabete mellito (DM) sono osservate molto più spesso rispetto ad altre persone, dal momento che un sistema immunitario indebolito non può fornire una protezione efficace del corpo. Le complicazioni da infezioni erano e rimangono le principali cause di morte nel diabete. I principali agenti causali delle malattie infettive sono funghi, batteri e virus.

Cause di infezioni da diabete

Il diabete mellito aumenta la suscettibilità dell'organismo alle infezioni.

La ragione di una debole protezione anti-infettiva durante l'iperglicemia è rappresentata da cambiamenti negativi nella funzionalità dei linfociti e dei monociti, nonché dei leucociti polimorfonucleati. C'è un fallimento nei processi di protezione - fagocitosi naturale, chemiotassi, uccisione intracellulare e migrazione. Un altro motivo è il frequente sviluppo di complicanze del diabete. Le complicanze vascolari, la polineuropatia diabetica e il metabolismo dei carboidrati compromessi forniscono ai diabetici un'aumentata suscettibilità alle infezioni con determinate localizzazioni. Alcuni patogeni con diabete hanno un meccanismo unico di virulenza, che è aggravato dall'iperglicemia.

Tipi di malattie infettive

Alcune malattie infettive non sono una complicazione del diabete, ma ci sono anche malattie che sono caratteristiche solo per i diabetici. Le categorie di diabete sono mostrate nella tabella:

Sintomi comuni di malattie infettive

Al fine di prevenire lo sviluppo di complicazioni, i diabetici devono ricevere assistenza medica qualificata ai primi sintomi di infezione. I primi segni di infezione del corpo sono:

    Alle prime manifestazioni di infezione, è necessario consultare un medico, in quanto vi sono più possibilità di evitare conseguenze negative nella fase iniziale.

aumento della temperatura;

  • tosse, dolore durante la deglutizione, naso che cola, brividi o sensazione di caldo;
  • eruzioni cutanee;
  • taglio o ferita non guarigione;
  • nausea, vomito, indigestione;
  • sindrome del dolore;
  • prurito;
  • problemi di urinare.
  • La maggior parte delle malattie infettive nel diabete sono trattate con successo in una fase iniziale di sviluppo.

    Gruppi di agenti patogeni nel diabete mellito

    fungine

    Gli agenti patogeni sono funghi microscopici patogeni. La specie più comune è la Candida. Una volta nel corpo, il fungo si deposita sulle membrane mucose, sugli organi interni, sulla pelle e sulle unghie. L'indebolimento delle difese immunitarie nei pazienti con diabete e zucchero alto crea un terreno fertile per la riproduzione della Candida e di altri rappresentanti fungini. Le malattie più comuni sono:

    • L'atleta inguinale compare più spesso negli uomini con diabete. Si fa sentire rosso prurito eruzioni cutanee all'inguine o sui genitali. L'agente eziologico - fungo Trikhofiton.
    • Tigna. Lesioni: viso, corpo, capelli e unghie. È possibile riconoscere un lichene con caratteristici colori a fiocchi. Contagioso al contatto. L'immunità indebolita aumenta il rischio di infezione diverse volte.
    • Fungo delle unghie L'agente eziologico è un fungo parassita della famiglia dei dermatofiti. Il fungo parassita l'unghia, modificandone la struttura e la forma esterna. La mancanza di trattamento nei diabetici porta alla cancrena e all'amputazione.
    • Mukoroz. Grave malattia causata da funghi del genere Shngorie o Misog, che si moltiplica nei polmoni. Alta probabilità di morte.
    Torna al sommario

    batterico

    Le infezioni batteriche di solito iniziano quando microrganismi unicellulari (batteri) entrano nel corpo. L'aggiunta di infezioni batteriche a una comune malattia porta a gravi scompensi del diabete, quindi aumenta la necessità di insulina. I batteri causano le seguenti malattie

      I diabetici hanno spesso una malattia batterica come l'orzo.

    Orzo. Questo è un acuto ascesso purulento del bulbo pilifero delle ciglia. L'agente eziologico è lo Staphylococcus aureus. Sintomi: dolore alla palpebra, offuscamento della vista, lacrimazione. Nel diabete, l'orzo è un evento frequente, poiché lo zucchero nel sangue funge da terreno di coltura eccellente per l'allevamento di stafilococco.

  • Bolle. Nodi dolorosi densi, localizzati in luoghi con elevata umidità della pelle o in cui la pelle è soggetta a frequenti attriti - collo, viso, ascelle, glutei. Il diabete complica la malattia con frequenti recidive, che sono molto più difficili da trattare. La foruncolosi è causata da streptococco o stafilococco.
  • Follicolite. Processo infettivo infiammatorio nelle sezioni superiori del follicolo pilifero, manifestato da brufoli dolorosi e purulenti con un pelo al centro.
  • Carbuncle. Ascesso purulento acuto di follicoli piliferi a distanza ravvicinata, con la formazione di un focus necrotico sulla pelle. La ragione principale della comparsa di carbonchi è la penetrazione nell'organismo di stafilococco, streptococco o Escherichia coli.
  • Torna al sommario

    virus

    Le infezioni virali rappresentano un vasto gruppo di malattie causate da vari tipi di virus. I virus sono divisi nei seguenti tipi:

    • respiratoria;
    • gastrointestinale;
    • arbovirus;
    • Epatite A, B, C, B, D, E, F, G;
    • HIV;
    • papillomavirus umano;
    • virus dell'herpes.

    Alcuni tipi di virus rimangono a lungo nel corpo, ma si manifestano solo con una diminuzione dell'immunità. Con il mantenimento dello zucchero nella norma e uno stile di vita corretto, la riproduzione dei virus nel diabete si interrompe con successo, ma la mancanza di controllo porta alla cronicità del processo e allo sviluppo di gravi complicanze, che a volte portano alla disabilità o alla morte.

    Il virus provoca il diabete?

    Non è ancora noto se i virus studiati nello studio possano influenzare gli esseri umani, ma i risultati indicano il ruolo chiave dei virus e di altri microrganismi nello sviluppo del diabete e persino di altre malattie.

    Nel diabete di tipo 1, il corpo riconosce le proprie cellule produttrici di insulina come estranee e le distrugge. Questo è un processo autoimmune. Il 30% di tutte le malattie autoimmuni sono ereditarie, mentre il restante 70% è attivato da fattori esterni: tossine, nutrizione, infezioni, ecc.

    Il diabete di tipo 1 è anche chiamato giovanile perché si sviluppa in giovane età. È noto che allo stesso tempo il sistema immunitario inizia ad attaccare le proprie cellule, ma non è noto il motivo per cui "sceglie" determinate cellule. Una precedente ricerca ha portato gli scienziati a credere che i fattori genetici e le infezioni virali possano essere la causa.

    Fino ad oggi, l'interesse degli scienziati si è concentrato sul fatto che una delle cause del diabete può essere un processo infettivo o infiammatorio nel pancreas. Le teorie più popolari dicono che coxsack B4, virus della parotite e della rosolia possono provocare il diabete, ma non spiegano il meccanismo della malattia.


    Come le cellule umane, virus e batteri producono proteine, e gli scienziati si sono chiesti se alcune di queste proteine ​​potessero assomigliare all'insulina, innescando così un processo autoimmune.

    Per scoprirlo, gli scienziati hanno dovuto studiare il DNA attualmente noto dei virus alla ricerca di frammenti simili a quelli che programmano i prodotti a base di insulina. Dei 300.000 virus in grado di infettare i mammiferi, solo 7500 sono stati scansionati, tuttavia 4 sono stati trovati con frammenti simili. Tutti appartengono alla famiglia degli iridovirus, che colpisce principalmente il pesce, comprese le specie mangiate da una persona (branzino, ad esempio).

    Non è noto se questi virus influenzino direttamente gli esseri umani, ma si presume che l'ingestione di tali proteine ​​nel corpo possa essere sufficiente a provocare lo sviluppo del diabete.

    Presumibilmente, quando il corpo "vede" molecole simili all'insulina, inizia ad attaccarle, poiché sono abbastanza diverse da essere riconosciute come aliene. Ma in futuro, il sistema immunitario può erroneamente lanciare un attacco incrociato sulla propria insulina e danneggiare le proprie cellule.

    In uno studio su cellule murine e umane, le proteine ​​virali hanno attirato l'attenzione dei recettori cellulari che rispondono all'insulina, stimolando l'assorbimento del glucosio.

    Nei topi a cui è stata iniettata una proteina virale, è stata osservata una diminuzione del livello di zucchero nel sangue, e questo potrebbe indicare che il corpo percepiva queste proteine ​​come insulina, "pensando" che fosse più del necessario.

    Ciò potrebbe spiegare il meccanismo per lo sviluppo del diabete di tipo 2 - una malattia metabolica in cui l'insulina è prodotta in quantità sufficiente, ma i tessuti non rispondono ad essa (resistenza all'insulina).

    Il prossimo compito degli scienziati è quello di ricreare il meccanismo della risposta autoimmune nel diabete di tipo 1, oltre a campionare le feci umane al fine di rilevare le proteine ​​virali negli esseri umani.

    Esistono molti virus inesplorati, quindi gli scienziati ritengono che il loro sviluppo sia solo la punta dell'iceberg rispetto all'effetto dei virus sullo sviluppo del diabete.

    NOTIZIE DI MEDICINA

    Gli specialisti della Harvard School of Public Health hanno condotto una valutazione dell'attività fisica, del girovita e del peso di 10.500 uomini sani.

    Il diabete è provocato dai virus?

    Gli specialisti del diabete presso l'Università di Tampere (Finlandia) sono convinti dell'esistenza di un gruppo di enterovirus direttamente responsabili dello sviluppo del diabete di tipo 1.

    Stiamo parlando di virus Coxsackie, che sono, tra le altre cose, gli agenti causali della meningite. Gli autori, che hanno pubblicato i risultati del loro lavoro sulla rivista Diabetes, riferiscono di essere riusciti a sviluppare un vaccino che può proteggere specificamente contro l'infezione da virus Coxsackie, rispettivamente, e dal diabete di tipo 1. Inoltre, sono pronti per iniziare i test clinici.

    Un gruppo di lavoro di scienziati guidato dal professor Heikki Hiyoti ha condotto ricerche per quasi un decennio per identificare la natura virale dell'insorgenza del diabete mellito insulino-dipendente (tipo 1), che di solito si verifica durante l'infanzia, che è associato alla morte delle cellule produttrici di insulina pancreatica (cellule beta). Si presume che la malattia, il cui sviluppo è in certa misura associato alla predisposizione genetica, ha una natura autoimmune. Ma ciò che può servire da innesco che scatena una risposta immunitaria inadeguata del corpo non è completamente compreso fino ad ora.

    Negli ultimi anni, vari gruppi di scienziati che non si sono intersecati nella ricerca hanno trovato conferma che l'infezione da enterovirus funge da fattore scatenante, l'inizio del processo di morte delle cellule beta, che spiega la crescente prevalenza del diabete di tipo 1.

    Tuttavia, quali gruppi specifici di enterovirus svolgono un ruolo importante in questo processo, il gruppo Hiyoti è stato in grado di essere stabilito solo ora, quando sono stati resi noti i dati finali di due studi su larga scala. Il primo ha riunito i bambini finlandesi con una predisposizione genetica al diabete di età compresa tra 0 e 15 anni, e il secondo - i bambini con diabete di recente diagnosi provenienti da 5 paesi europei. Gli esperti hanno controllato i loro campioni biologici per la presenza di anticorpi a più di quaranta tipi di enterovirus, confrontandoli con quelli del gruppo di controllo.

    Il lavoro ha portato ad una stretta associazione con l'insorgenza del diabete di tipo 1, i virus di tipo Coxsackie di tipo B e, prima di tutto, il ceppo B1. I ceppi B3, B6 sono anche coinvolti in questo processo, ma in misura molto minore.

    I virus Coxsackie sono diversi tipi di enterovirus che sono in grado di moltiplicarsi bene nel tratto digestivo. Gruppi di questi virus sono agenti causativi di meningite sierosa, miocardite infettiva e stomatite vescicolare enterovirale. Esistono prove che i virus di Coxsack tipo B infettano principalmente il cuore, il fegato, la pleura e, naturalmente, il pancreas.

    Come è emerso dalla dichiarazione del Dr. Hiyoti a MedicalDaily, un prototipo di vaccino che protegge specificamente contro l'infezione da virus Koksaki B1 e altri ceppi affini, è già stato sviluppato e testato con successo nei topi. La vaccinazione proteggerà i bambini con una predisposizione al diabete insulino-dipendente dallo sviluppo della malattia. Il prossimo passo dovrebbe essere il test clinico del vaccino. Tuttavia, secondo Hiyoti, la carenza di fondi è un serio ostacolo, perché secondo le stime degli esperti, le sperimentazioni cliniche potrebbero richiedere circa 700 milioni di euro di investimenti, e l'Università di Tampere, anche se sponsorizzata da fondi europei e americani, non riesce a trovare tale importo.

    I benefici dell'olio di pesce per il corpo umano

    Quello che puoi e non puoi mangiare quando fa male il pancreas