Prurito, bruciore, la vita non dà - come affrontare il prurito nella zona della vulva e perché si verifica?

Una condizione in cui il prurito appare nell'area genitale esterna non solo è sgradevole, ma anche molto debilitante. Costringe una donna a cercare costantemente la solitudine e l'unico metodo disponibile - la stimolazione meccanica della mucosa - per cercare di sbarazzarsi del sintomo tormentoso.

Una tale "liberazione" a breve termine porta alla comparsa di graffi, che, a causa del fatto che prurito e dolore passano attraverso una delle fibre nervose, porteranno al fatto che i sintomi si intensificano. La via d'uscita da questo "circolo vizioso" è trovare le cause di un prurito vulvare ed eliminarle il prima possibile.

Come si manifesta il prurito vulvare?

La vulva è chiamata organi genitali esterni della donna, situati tra il pube di fronte, il perineo dietro e le grandi labbra sui lati. Sono innervati da un gran numero di nervi: l'iliaco, il plenum, il femore e il retto.

Le fibre C non mielinizzate partono da rami più grandi, il cui compito è quello di riportare gli impulsi derivanti da certi tipi di stimoli che si depositano sulla mucosa vulvare. Come risultato del passaggio attraverso il midollo spinale da tali impulsi nasce una sensazione di prurito.

Il maggior numero di terminazioni C si trova nella zona del vestibolo, del clitoride e delle piccole labbra. Cioè, se gli scarichi irritanti si accumulano in queste aree o, al contrario, la membrana mucosa si asciuga o si gonfia, e il prurito si farà sentire.

Cause della condizione patologica

La sensazione quando l'area genitale è prurita può essere dovuta a un numero enorme di motivi, che sono suddivisi in diversi gruppi:

Malattie infettive della sfera sessuale

Questi includono le malattie che possono essere infettate attraverso i rapporti sessuali e le patologie che sono sorte a causa della rottura della microflora vaginale come risultato di altre cause. Le cause infettive possono anche essere chiamate contatto con la membrana mucosa dei parassiti dal retto o dalla pelle del perineo.

Le principali malattie trasmesse da un partner sessuale infetto che possono causare prurito vulvare sono:

Quando l'infezione degli organi riproduttivi interni non si verifica a causa del contatto con un partner infetto, vari microrganismi possono causarlo: stafilococco, Escherichia coli, Streptococco, Pseudomonas aeruginosa.

Derivano dall'ipotermia; dopo aborto, chirurgia o raschiamento; quando il tatuaggio o il piercing hanno eseguito condizioni non sterili; come complicazione di bartolinite o uretrite; dopo il trattamento con farmaci antibatterici. Dopo l'assunzione di antibiotici, il prurito vulvare è più spesso causato dal fungo Candida.

Parassitario e alcune altre malattie

Le malattie parassitarie che causano prurito nella vulva sono: ossiuri, scabbia, peli pubici e pidocchi del corpo.

Condizioni favorevoli per lo sviluppo di un processo infettivo-infiammatorio sono create in caso di diabete mellito (una delle prime manifestazioni della malattia è il mughetto), infezione da HIV e anche durante la menopausa.

Malattie non infettive

La zona vulvare pruriginosa può verificarsi a seguito di:

  • vulvite delle cellule plasmatiche;
  • vulvite atrofica;
  • neoplasia intraepiteliale squamosa della vulva, una malattia precancerosa causata dal tipo papillomavirus 16;
  • cancro di una delle strutture genitali;
  • polipi, fibromi o fibromi uterini;
  • cisti canale gartner.

Irritazione meccanica

Le cause comuni di prurito della regione vulvare possono essere dovute allo sfregamento con biancheria intima o pantaloni attillati; pulizia vigorosa dei genitali con carta igienica; biancheria intima con residui di sapone o detersivo per bucato; lavaggi frequenti con detergenti (sapone, gel per la doccia), che lavano il loro strato superiore protettivo dalle mucose, che porta all'asciugatura delle membrane mucose.

Malattie della pelle

Prurito nella zona genitale di una donna può derivare da:

  • lichene sclerosante;
  • lichen planus;
  • psoriasi genitale;
  • lichene rosa;
  • lichene scleroatrofico della vulva;
  • eczema: contatto, atopico.

Patologie di organi interni e sangue

Le malattie di alcuni organi interni causano sia prurito alla pelle che prurito vulvare. Tali patologie sono in grado di fare questo:

  • disfunzione della tiroide;
  • malattie del fegato (epatite, cirrosi);
  • gli ultimi stadi dell'insufficienza renale cronica;
  • diabete mellito;
  • bassi livelli ematici di ferro;
  • ipervitaminosi D;
  • malattie maligne degli organi che formano il sangue: linfogranulematoz, leucemia;
  • gotta;
  • alcune malattie autoimmuni (ad esempio, la malattia di Sjogren).

Fattori mentali

Quando una donna vive in uno stato di stress o è molto nervosa, i suoi genitali possono cominciare a prudere.

Cause allergiche

Nella maggior parte dei casi, si osserva una reazione allergica su prodotti per la cura intima e detersivi per bucato, sperma partner sessuale, gel lubrificanti e preservativi in ​​lattice, nonché tinture per tessuti.

Stimoli chimici e fisici

A causa di ipotermia o costante inquinamento della zona vulvare con urina o feci (che si osserva quando sono incontinenti o fistole urinarie) una donna può soffrire di prurito periodico o costante.

Quando le cause - nello squilibrio degli ormoni sessuali femminili

Oltre agli ormoni tiroidei e all'insulina, gli ormoni femminili, di cui esistono diversi tipi, influenzano lo stato degli organi genitali. Durante la vita, la loro relazione cambia, provocando prurito vulvare.

Quando la zona vulvare inizia a prudere prima delle mestruazioni?

Prurito della vulva prima delle mestruazioni può iniziare una settimana o 1-2 giorni prima di loro. In donne diverse, la sua intensità varia da lieve a insopportabile. La causa di questa condizione è una combinazione di ridotta immunità della vulva e della vagina, alcalinizzazione del pH vaginale a causa di cambiamenti nel rapporto tra estrogeno e progesterone, sullo sfondo del quale:

  • o ci sono funghi (principalmente mughetto), batteri (in particolare gardnerellosi) o infezioni virali del tratto genitale, soppressi dal sistema immunitario;
  • o sviluppa ipersensibilità della vulva a stimoli meccanici;
  • o le norme igieniche sono violate - da inadeguato a eccessivo lavaggio dei genitali.

Se i genitali prurito durante la gravidanza

Un sintomo che è sorto in questo momento può parlare di un fenomeno fisiologico - un aumento dell'afflusso di sangue e un leggero gonfiore dei genitali, che causa prurito. D'altra parte, una diminuzione dell'immunità e un cambiamento nel livello del pH vaginale-vulvare rendono l'infezione più facile da penetrare qui. Il tifo e l'herpes genitale si sviluppano più spesso durante la gravidanza.

Prurito allattamento al seno

Dopo la nascita, c'è una diminuzione degli estrogeni, e questo provoca secchezza della vulva e della vagina, che provoca sensazioni spiacevoli.

Dopo la menopausa

Il prurito vulvare nella vecchiaia è un evento molto comune. È causato da una diminuzione del livello di estrogeni, a seguito della quale si sviluppa la membrana mucosa delle atropie vulvare e il tessuto connettivo. Il prurito con kraurosis può essere intollerabile ed estenuante. Deve essere trattato, e cede alla terapia, altrimenti un'infezione si rompe dalle ferite, il che porta ad un'intensificazione del sintomo e può causare complicazioni dagli organi riproduttivi interni.

In alcuni casi, la causa del sintomo non viene rilevata.

Quadro clinico

Sintomi caratteristici osservati nelle malattie infiammatorie e allergiche sopra elencate. L'intensità e la consistenza del sintomo sono accompagnate da prurito senile della vulva.

La maggior parte delle patologie sono accompagnate dall'apparizione di secrezioni: giallognolo chiaro - con herpes, verdastro - con tricomoniasi, bianco grigiastro - con gardnerella, formaggio - con candidosi, abbondante, liquido e giallo - con gonorrea.

Il prurito della vulva senza scarica si sviluppa quando:

  • privato: sclerosante, piatto;
  • psoriasi genitale;
  • prurito stressante;
  • eczema atopico;
  • vulvite delle cellule plasmatiche;
  • Kourosa della vulva;
  • vulvite atrofica e adesiva.

Non ci sono scariche, ma il sintomo principale è una sensazione di bruciore associata a:

  • violazione dell'igiene dell'area intima;
  • trauma all'area vulvare;
  • intolleranza allo sperma;
  • allergie a detergenti e prodotti da bagno;
  • malattie delle vie biliari e del fegato;
  • ipotiroidismo;
  • il diabete.

trattamento

Il trattamento del prurito vulvare viene effettuato dopo aver determinato la sua causa, per la quale è necessario consultare un ginecologo. Il medico chiederà quando è sorto questa sensazione, con la quale la donna associa il suo aspetto. Egli ispezionerà l'area genitale e prenderà uno striscio dalla vagina e dall'uretra, che aiuterà a determinare la natura dell'infiammazione, a vedere le cellule atipiche ei segni di patologia virale.

Se necessario, verrà assegnato un bacposa dalla vagina o un esame vaginale del metodo PCR. Se il ginecologo non vede cambiamenti infiammatori o trova il mughetto, pianificherà la consultazione di un endocrinologo per escludere problemi di diabete e tiroide.

Mentre la causa è nella fase di chiarificazione, così come nei casi in cui non viene rilevata, viene applicato il seguente trattamento:

  1. Adeguata igiene della zona genitale: composti a pH neutro o agenti contenenti acido lattico, estratti di erbe, D-pantenolo: Eplir, Ginocomfort, Epigen intim. Utilizzare questi strumenti almeno 2 volte al giorno.
  2. Fai un bagno sessile con decotti di camomilla, calendula, successione.
  3. Lavare la biancheria intima a mano, sapone per bambini.
  4. Nutrizione corretta rimuovendo cibi fritti, in scatola, cottura e dolci.
  5. Lubrificare la zona vulvare con idratanti: "Vagilak-gel", gel "Bliss", "Ginofit".
  6. La miscela di sfregamento da: acido carbolico 4.0 + acido acetico 15.0 + alcool rettificato 15.0 + liquido di Burov 20.0 + 2% di acido borico 200 ml soluzione aiuta bene.
  7. Assumere il calcio pangamat (vitamina B15) 0,1 mg tre volte al giorno.

Per il trattamento del prurito vulvare vengono prescritti pomate, supposte, creme:

  • per infezioni batteriche - contenenti antibiotici;
  • con herpes genitale - con acyclovir;
  • con psoriasi genitale, eczema, vulvite plasmacellulare, sclerosante e lichen planus - con glucocorticoidi;
  • con krauroz - con estrogeni.

È necessario fermare l'uso di tali farmaci non quando non c'è prurito (specialmente in caso di una patologia infettiva), ma dopo un periodo che il medico indica.

Se si scopre che la causa degli effetti negativi è nella malattia degli organi interni o endocrini, allora dovrebbero essere trattati esattamente. Per questo, il terapeuta o l'endocrinologo prescriveranno i farmaci sistemici appropriati.

Se il trattamento della malattia interna non ha eliminato il prurito, o la causa non è chiarita, e l'intensità del sintomo è estremamente alta, ricorro al blocco Novocainic del nervo sgradevole. Nei casi estremamente gravi, l'intervento chirurgico può essere eseguito sulla resezione dei nervi confinanti.

Genitali pruriti nelle donne

Ad un certo punto della loro vita, molte donne provano prurito ai genitali. Ogni donna che ha sperimentato un tale stato almeno una volta sa che prudere e bruciare una vulva può solo farla arrabbiare. Questo può causare molti problemi quando sei a lavoro o a scuola. Mentre stai cercando la causa e sono stati testati, i rimedi casalinghi aiuteranno per qualche tempo ad alleviare il prurito e il bruciore. I seguenti rimedi popolari ti aiuteranno a sentirti meglio.

Prurito della vulva. motivi

Quando una donna incontra il prurito vaginale, non significa affatto che non presti attenzione alla sua igiene. Il prurito genitale può essere causato da una serie di motivi.

Prurito o irritazione possono essere ovunque sul corpo e causare disagio. Ma quando si verifica in un'area molto sensibile, come la vagina e la vulva (clitoride, labbra esterne), può causare particolare disagio e disagio. Nella maggior parte dei casi, prurito e irritazione genitale non sono un problema serio.

La causa più comune di prurito vulvare può essere un'infezione da lievito o irritazione degli organi genitali con residui di detergenti, cuscinetti che una donna usa durante le mestruazioni.

Indossare abiti stretti può essere un'altra causa di prurito vaginale.

La mancanza di igiene personale dopo il rapporto sessuale è spesso anche causa di prurito e bruciore dei genitali.

Altre cause di prurito vulvare possono essere:

Vaginosi batterica Oltre alla comparsa di prurito e irritazione degli organi genitali, ci sono sempre altri sintomi: infiammazione degli organi genitali, bruciore, scarico e un odore sgradevole.

Malattie sessualmente trasmesse. Tali malattie includono l'herpes genitale, le verruche genitali, la gonorrea, la clamidia, la tricomoniasi. Oltre al prurito e al bruciore, queste malattie sono accompagnate da una serie di sintomi.

Il periodo della menopausa. La diminuzione della produzione di estrogeni che si verifica nelle donne alla fine del periodo riproduttivo può rendere sottili le pareti della vagina, che possono portare a prurito e irritazione. Il diradamento delle pareti vaginali può essere anche nelle donne che allattano.

Lichen sclerosi Questa è una malattia molto rara caratterizzata da piccole macchie bianche intorno alla vulva.

Oltre a questi motivi, prurito e irritazione della vulva possono causare malattie che non sono affatto correlate ai genitali, ad esempio il diabete.

In ogni caso, con la comparsa di prurito e irritazione nell'area genitale, una donna dovrebbe consultare un ginecologo e, possibilmente, altri specialisti.

Prurito della vulva. Rimedi popolari

Mentre stabilisci la causa, per alleviare il prurito e l'irritazione dei genitali aiuterà i rimedi popolari. I rimedi popolari possono essere efficaci quanto le droghe. Ecco alcuni rimedi casalinghi che puoi provare ad alleviare il disagio causato dall'irritazione e dal prurito della vulva.

Aceto di sidro di mele

L'aceto di mele ha buone proprietà antibatteriche e antimicotiche. Se il prurito genitale non è causato da una malattia, può aiutare a ridurre completamente il prurito e l'irritazione.

L'utilizzo di aceto di sidro di mele per un'infezione fungina o batterica può anche aiutare ad alleviare la condizione. Aggiungi due cucchiai di aceto di sidro naturale a un bicchiere di acqua tiepida. Risciacquare con questa acqua due volte al giorno per due, tre giorni. L'aceto di mele rende acida la microflora vaginale, in cui batteri e funghi non possono crescere.

Impacco freddo

Il prurito vaginale può causare soprattutto molti problemi di notte, disturbando il sonno, causando letargia e stanchezza al mattino. Per evitare prurito durante la notte, utilizzare cubetti di ghiaccio o un impacco freddo.

Sale da bagno

Il sale può anche essere un buon modo per alleviare il prurito e l'irritazione dei genitali. Utilizzare per lavare la soluzione salina concentrata. Dà un risultato buono e veloce, previene la crescita dei batteri. Puoi fare bagni sedentari con acqua salata.

L'aglio

L'aglio ha anche forti proprietà antibatteriche che possono alleviare i sintomi del prurito molto rapidamente. Qualunque sia la causa del prurito genitale, l'aglio può essere usato per alleviarlo.

Macinare in un frullatore o grattugiare due, tre spicchi d'aglio. Legare l'aglio grattugiato in garza o benda e inserirlo nella vagina. L'odore può essere... non molto piacevole, ma ne vale la pena.

Yogurt naturale

I probiotici inibiscono la crescita di batteri nocivi nel corpo e il loro uso per combattere tali batteri non è nuovo.

Lo yogurt naturale contiene batteri che possono inibire la crescita di batteri cattivi e stimolare la crescita di batteri che fanno bene al corpo.

Per trattare il prurito vaginale, bere un bicchiere di yogurt naturale ogni giorno.

Lo yogurt può essere utilizzato direttamente nella zona vaginale. A tale scopo, è possibile utilizzare tamponi imbevuti di yogurt naturale. Il tampone viene inserito nella vagina per diverse ore.

basilico

Le foglie di basilico hanno proprietà antimicrobiche, antibatteriche e antimicotiche. Versare le foglie di basilico con un bicchiere di acqua bollente e lasciare fermentare per 20 minuti. Bevi questo decotto per rimuovere i batteri e alleviare il prurito.

Talco antibatterico

Il talco con erbe antibatteriche o talco omeopatico agisce molto delicatamente, ma richiede più tempo per guarire.

Applicare talco alle labbra per distruggere e prevenire la crescita dei batteri. Inoltre, il talco può essere applicato a quei luoghi che sudano di più.

rosmarino

Il decotto di rosmarino può essere usato per il lavaggio. Preparare il rosmarino e lasciarlo fermentare per 15 minuti. Raffreddare per una temperatura confortevole e utilizzare per il lavaggio.

Prevenzione del prurito vulvare

Come accennato in precedenza, le infezioni e le malattie non sono sempre la causa del prurito vulvare. Pertanto, è sempre meglio prevenire l'insorgenza di prurito genitale che curare.

Mantenere la zona vaginale sempre asciutta. Questa zona del corpo in estate o in una stanza calda suda proprio come altre aree del nostro corpo. Applicare il talco antibatterico, indossare biancheria intima di cotone anziché sintetico, cambiare spesso la guarnizione. Questa sarà una buona prevenzione del sudore e della moltiplicazione dei batteri in quest'area intima.

Indossare abiti larghi. I vestiti stretti e stretti impediscono la circolazione dell'aria nella vagina, che non consente la "respirazione" in questa parte del corpo e può portare alla crescita di batteri e irritazioni.

Evitare saponi profumati, gel e altri prodotti per la cura personale. Carta igienica profumata, cuscinetti femminili possono anche causare prurito e irritazione dei genitali.

Usare sapone normale e acqua naturale per risciacquare. Non lavarti più spesso di una volta al giorno, non usare siringhe per questo. Tutto questo può causare secchezza delle labbra e della vagina.

Pulire l'area vaginale dalla parte anteriore a quella posteriore dopo la doccia. Ciò vale anche per l'uso della carta igienica dopo aver svuotato l'intestino.

Evitare i rapporti sessuali in un momento in cui vi è un problema di prurito e irritazione della vagina e delle labbra.

Dormi senza mutande in una camicia da notte, non in pigiama. Inoltre, evitare materiali sintetici che non hanno una buona umidità e traspirabilità.

Bevi molta acqua pura.

Evitare grandi quantità di zucchero e cibi zuccherati, bevande gassate e altri alimenti con molto zucchero. Lo zucchero favorisce la crescita e la riproduzione dei batteri.

Nelle ragazze, cambiare i pannolini più spesso, non permettere il surriscaldamento e la sudorazione nell'area genitale.

Tutti questi semplici rimedi casalinghi e popolari aiuteranno ad alleviare il prurito. Bruciore e irritazione della vulva.

Guarda il video per le cause del prurito genitale.

E da questo video, impara a lavare

Prurito nella zona intima delle donne: perché prude, cosa trattare

Il prurito nell'intimità delle donne è uno dei problemi più discussi nella pratica ginecologica. Tale disagio sconvolge in modo significativo lo stato generale di salute, provoca ansia e rigidità. A volte le cause dello sviluppo delle sensazioni pruriginose sono molto innocue, ma anche questo non dà motivo di pensare che questo sintomo scompaia da solo.

Spesso vengono infettati luoghi con peli e microtraumi di pelle delicata, che provocano la comparsa di gonfiore dei tessuti molli e aggravano il decorso della malattia di base. In questi casi, non è possibile rinviare la visita al ginecologo. L'ispezione tempestiva determinerà le vere cause e il trattamento della patologia.

Perché è intimo nelle donne: le ragioni

I medici conoscono molti fattori che provocano il prurito genitale. Non solo i sintomi del quadro clinico generale della malattia, ma anche le opzioni di trattamento per il disturbo dipendono dalla loro natura.

allergia

La dermatite allergica è una delle cause più comuni di prurito genitale esterno. La reazione del corpo a un potenziale allergene può essere causata dal suo contatto diretto con tessuti sintetici (biancheria intima), prodotti per la cura della pelle o soluzioni detergenti, sapone profumato e detersivo usato nel lavaggio. Le allergie possono anche verificarsi dopo l'assunzione di farmaci o il consumo di determinati alimenti. Questo dovrebbe essere ricordato soprattutto per le donne che sono inclini a prurito nei genitali.

Pelle secca

A volte il prurito nei genitali può essere associato a secchezza della pelle geneticamente determinata in luoghi intimi. La ragione di questo processo patologico è l'insufficiente idratazione della pelle e la comparsa di disagio sotto forma di prurito o sensazione di bruciore. In tali casi, si dovrebbe prestare attenzione al background ormonale della donna e utilizzare regolarmente idratanti per l'igiene intima con proprietà ipoallergeniche.

Fattori esterni

Spesso i pruriti in luoghi intimi nelle donne provocano vari fattori esogeni, che possono essere trovati nella tabella.

Scarsa igiene o mancanza di ciò

Biancheria intima scomoda

Danni meccanici durante la rasatura

Prurito genitale nelle donne con malattie

Spesso, il disagio nell'area genitale può essere innescato da fattori che a volte non sono correlati alla sfera riproduttiva. Le cause comuni di prurito nella zona intima delle donne sono malattie degli organi interni.

Malattie del sistema genito-urinario

Processi infiammatori degli organi riproduttivi

Nelle malattie della natura infiammatoria degli organi riproduttivi (vaginiti, endometrite, ecc.), Un segreto è secreto dalla vagina nelle donne, che ha un effetto irritante sulla pelle della zona intima. Questo contribuisce alla comparsa di prurito e bruciore nella zona genitale, causando il loro gonfiore e arrossamento.

stress

Lo stato di depressione, tensione nervosa e instabilità mentale spesso causano prurito in un posto intimo nelle donne. Questo sintomo è spiegato dal paziente con tutto tranne che con il suo background emotivo. In tali casi, i farmaci sedativi e l'autocontrollo contribuiranno ad alleviare il prurito.

Trattamento farmacologico di prurito in un posto intimo nelle donne

Come trattare il prurito, localizzato nell'area genitale? Sapendo perché i genitali sono prurito, il medico sarà in grado di prescrivere al paziente un piano per correggere la condizione patologica.

In caso di prurito allergico delle zone intime, il ginecologo prescrive antistaminici generali o locali alla donna, e in casi più avanzati - pomate ormonali. Molto spesso, questo problema è un'indicazione per l'uso dei seguenti medicinali:

  • Unguento Fenistil. Si consiglia di applicare più volte al giorno sulla pelle pruriginosa.
  • Diazolin. 1 compressa tre volte al giorno per una settimana.
  • Unguento Advantan - per applicazione due volte al giorno per 5-7 giorni.

Per la pelle secca, ai pazienti vengono assegnate le vitamine A ed E, così come i prodotti idratanti e ipoallergenici per l'igiene intima.

È possibile trattare il prurito nella zona intima, causata dai processi di invecchiamento, con l'aiuto delle candele Ovestin. Sono usati per normalizzare lo sfondo ormonale (1 supposta intravaginale per 7-10 giorni).

Se il prurito è il risultato dell'esposizione a fattori esterni sulla pelle, si dovrebbe eliminare tale contatto della pelle con una probabile sostanza irritante. Dopo tali azioni, anche il forte prurito nell'area intima passa senza lasciare traccia.

I farmaci lenitivi possono aiutare ad alleviare il prurito stressante e curare il prurito della pelle nell'area genitale con disturbi mentali:

  • Persino nella quantità di 1 compressa due volte al giorno.
  • Glitsized 1 compressa 2-3 volte al giorno per una settimana.

In caso di candidosi, gli agenti antifungini aiuteranno a rimuovere il prurito, vale a dire:

  • Fluconazolo: 150 mg una volta.
  • Candele Clotrimazolo - 1 supposta due volte al giorno per una settimana.
  • Candele Livarol - per la notte per 7-10 giorni;

Prima di sbarazzarsi di prurito in un luogo intimo, è necessario stabilire le probabili cause della sua insorgenza. Solo un medico può far fronte a tale compito nel corso di una diagnosi competente di una malattia e alla determinazione di fattori che provocano disagio intimo. Il trattamento del prurito causato da malattie degli organi interni deve essere effettuato in modo inseparabile dallo schema terapeutico per l'eliminazione della malattia di base.

Come rimuovere il prurito nell'intimità con metodi popolari

Per eliminare il prurito nella zona intima delle donne in casa si applicano ricette popolari. Per curare il disagio nell'area genitale aiuterà i bagni con il decotto di erbe, il douching, le soluzioni di azione locale e altri mezzi per aiutare a gestire efficacemente il problema.

La quantità specificata di erbe secche deve essere versata con acqua bollente e messa in un bagno d'acqua. Immergere per circa 15-20 minuti a fuoco basso, quindi filtrare accuratamente e versare in un contenitore (scodella, mestolo) con acqua tiepida. In questo bagno si consiglia di aggiungere sale marino. Un tale rimedio per il prurito nella zona intima elimina perfettamente i sintomi patologici, se applicato due volte al giorno per una settimana.

50 g di basilico versate mezzo litro di acqua calda e fate bollire a fuoco basso per 30 minuti. Dopo aver rimosso il brodo dal fuoco deve essere raffreddato e accuratamente pulito dalle parti della pianta. È necessario accettare mezzi su 100 millilitri quattro volte al giorno prima di scomparsa di sintomi di un prurito.

Le foglie fresche di aloe hanno bisogno di tagliare con un coltello o un frullatore in uno stato di pappa (puoi saltare un tritacarne) e spremere il succo dalla massa risultante. Inumidisci i normali tamponi con liquidi e inseriscili nella vagina durante la notte. Ciò stimolerà la rigenerazione del tessuto organico danneggiato ed eliminerà il prurito genitale.

Per preparare la soluzione deve essere diluito in 1000 ml di acqua calda 10 gocce di iodio, 10 g di sale e la stessa quantità di soda. La miscela deve essere mescolata accuratamente fino a che non sia liscia. La composizione risultante è raccomandata per lavarsi due volte al giorno (al mattino e alla sera) durante la settimana. Lo strumento ha diversi tipi di azioni, tra cui essiccazione, disinfezione, effetto antifungino.

Sciogliere un cucchiaio di soda in acqua ed eseguire la pulizia due volte al giorno fino a quando i sintomi della malattia scompaiono completamente. Lo strumento allevia l'infiammazione e disinfetta le aree interessate della pelle e delle mucose all'interno e all'esterno dei genitali.

Il latte fermentato ripristina perfettamente l'equilibrio della microflora vaginale, normalizza la condizione delle sue mucose ed elimina le manifestazioni di prurito. È il loro uso quotidiano che consente di rimuovere il disagio e ripristinare la microflora.

Cause e trattamento del prurito degli organi genitali femminili esterni

Un sintomo come il prurito degli organi genitali femminili esterni, il cui trattamento viene eseguito da un dermatologo o ginecologo, richiede una visita obbligatoria a un medico. Il prurito porta a grattarsi e l'infezione può graffiare le ferite.

Cause di prurito

Prestare attenzione ai genitali prurito dovrebbe essere sicuro e, senza intraprendere l'auto-trattamento, consultare un medico. Il prurito può essere una manifestazione di:

  • infezione da parassiti della pelle, come i pidocchi pubici;
  • infezioni trasmesse sessualmente, in particolare, vaginiti batteriche;
  • reazione allergica, spesso a sapone o gel doccia;
  • la presenza di tumori nel sistema riproduttivo, ad esempio fibromi;
  • infezioni del tratto urinario, cistite;
  • malattie non legate alla ginecologia.

Quest'ultima categoria include malattie del fegato, dei reni, del sistema circolatorio, della tiroide e dell'intestino. Se necessario, il ginecologo darà la direzione ad altri specialisti specializzati.

Reazione allergica

Molto spesso la causa del disagio nel perineo è un'allergia. Ciò può causare sgradevole gonfiore, arrossamento o bruciore. Cosa causa questo:

  1. Sapone e gel doccia. Un errore tipico di molte donne è l'uso di qualsiasi mezzo per il lavaggio, eccetto quelli adatti. Sapone da bucato, sapone per le mani liquido, shampoo per capelli, gel doccia - tutto questo non è adatto per l'uso nella zona bikini. Per l'igiene intima ha creato un sapone speciale, che include acido lattico. La mucosa degli organi genitali esterni è molto sensibile ai cambiamenti del pH, quindi tutto il sapone per l'igiene intima è neutro, non cambia l'acidità naturale della vagina. L'interno dei genitali non ha bisogno di essere lavato con il sapone. Grazie alla lubrificazione, la vagina mantiene la sua microflora a un livello sano da sola. È necessario lavare solo le labbra di vulva 2 volte al giorno, al mattino e alla sera, così come dopo il rapporto sessuale. Se una donna si toglie i capelli, non puoi mai usare il sapone. A causa di prodotti per l'igiene scelti in modo improprio, non solo appare il prurito, ma aumenta anche il rischio di insorgenza di mughetto e altre infezioni. L'immunità locale della vagina fornisce lubrificazione. Se interrompi costantemente la normale composizione del lubrificante, l'immunità diminuirà.
  2. Biancheria intima. Per le donne, l'uso quotidiano di biancheria intima sintetica molto stretta e aderente è controindicato. Se possibile, i tessuti sintetici dovrebbero essere evitati, e le mutandine molto strette e sottili dovrebbero essere indossate direttamente per lo scopo previsto, e non per l'intera giornata. Tutti i vestiti dopo l'acquisto devono essere lavati. Se c'è una reazione allergica al bucato, è sufficiente smettere di usare questi indumenti, i sintomi dovrebbero andare via da soli in 2-3 giorni.
  3. Contattare le allergie Questa categoria include una reazione negativa al detersivo per lavatrice, deodorante intimo, assorbenti, assorbenti, carta igienica, ecc. Indipendentemente è difficile scoprire di cosa si tratta esattamente, quindi è necessario contattare un ginecologo e un allergologo.
  4. Lubrificazione. Per ragioni fisiologiche e psicologiche, le donne hanno difficoltà a produrre una quantità sufficiente di lubrificante durante il sesso. Il rapporto sessuale senza lubrificazione non può essere effettuato, causa non solo irritazione, ma anche lesioni alla mucosa. Per risolvere questo problema, è necessario acquistare un lubrificante vaginale specializzato, a base di acqua e silicone. La composizione di questi lubrificanti può includere sostanze che causano una reazione allergica, quindi il disagio apparirà immediatamente dopo il sesso. In caso di allergie è necessario scegliere una diversa composizione di lubrificante. Alcune donne sono allergiche a determinati tipi di preservativi, quindi è necessario capire quali sono le cause del prurito. Per il sesso vaginale non è possibile utilizzare olio per massaggi, crema per le mani, ecc. Anche la crema ipoallergenica dei bambini, entrando nella vagina, può causare disagio e violare la microflora.

Eruzioni cutanee e prurito nel perineo possono essere una reazione a una rasatura impropria oa una lama affilata come rasoi. Per rimuovere i peli dalla zona bikini non è consigliabile usare la schiuma da barba maschile, specialmente con il mentolo. In caso di reazione allergica, è sufficiente escludere il contatto con una sostanza irritante e i sintomi spiacevoli scompariranno da soli. La dieta ha una grande influenza sul lavoro delle membrane mucose degli organi genitali, quindi, quando si mangia cibi speziati, ricchi di spezie e spezie, si possono verificare bruciore, secchezza e prurito della vulva. Se la natura della scarica cambia insieme al prurito, può indicare un'infezione batterica o fungina.

Malattie ginecologiche

Un numero di infezioni trasmesse sessualmente ha un sintomo come il prurito nel perineo. Per stabilire quale sia esattamente la causa del prurito, è necessario passare uno striscio dalla vagina per l'esame batteriologico. Quali sono i sintomi tipici delle malattie ginecologiche, oltre al prurito:

  1. Chlamydia. Può essere cronico e non si manifesta per molto tempo.
  2. Tricomoniasi. Oltre al forte disagio, ci sono le perdite vaginali di colore verde-giallo, così come l'odore caratteristico del pesce.
  3. Ureaplasmosis e micoplasmosi. La mucosa diventa irritata, appaiono gonfiore e arrossamento.
  4. Herpes genitale. Dalle manifestazioni esterne di herpes, una donna può rilevare in modo indipendente le bolle e le eruzioni cutanee.
  5. Verruche. Le verruche compaiono nella regione delle labbra, che prurito e possono infiammarsi.
  6. Candidosi. Il mughetto si manifesta con uno scarico di colore bianco o giallastro, la membrana mucosa delle labbra e della vagina è irritata, sono possibili micro-lacrime e ferite.

Queste infezioni causano complicanze molto gravi. Senza trattamento, il paziente può sperimentare infertilità, infiammazione della cervice e del corpo dell'utero. L'infezione può entrare nell'uretra e salire ai reni, quindi le malattie associate saranno uretrite, cistite e pielonefrite. Grazie alle possibilità della medicina moderna, la maggior parte delle infezioni trasmesse sessualmente può essere facilmente curata. Il trattamento di alta qualità richiede un'analisi di controllo, che confermerà che è stato possibile far fronte agli agenti infettivi e alla microflora vaginale - per normalizzarsi. Se il trattamento non è stato completato completamente, la malattia può diventare cronica. Ciò indebolisce il sistema immunitario e porta all'infezione dei partner sessuali.

Le infezioni croniche hanno periodi di remissione quando i sintomi non affliggono la donna e lei pensa di essersi ripresa.

E poi arriva il periodo di esacerbazione, di solito prima dell'inizio delle mestruazioni, e tutte le sensazioni spiacevoli ritornano. Per non affrontare questo problema, il trattamento deve essere completato quando il ginecologo lo raccomanda, e non immediatamente dopo aver ridotto il prurito. Quanto prima una donna cerca aiuto medico, tanto meno danno la malattia.

Altre malattie

La condizione della mucosa degli organi genitali è strettamente correlata al sistema endocrino, pertanto, in caso di malattie tiroidee, la consistenza del lubrificante può cambiare, compaiono irritazione e disagio. Le malattie del fegato, in particolare l'epatite e la cirrosi, possono dare questi sintomi. Il riferimento all'endocrinologo e altri specialisti ristretti dà, se necessario, un ginecologo.

Nessuno è assicurato contro l'infestazione da parassiti, è importante prendersi cura di sé in tempo e prendere misure per sbarazzarsi di ospiti indesiderati. Come parte di un esame completo da parte di un ginecologo sul prurito, a una donna verranno offerte le seguenti misure diagnostiche:

  • esame e raccolta di anamnesi;
  • spalmare su infezioni a trasmissione sessuale;
  • semina batteriologica;
  • ricerca della microflora vaginale.

In alcuni casi, è richiesta l'ecografia degli organi pelvici, poiché un numero di tumori, come i fibromi, può causare prurito. Solo un esame completo da parte di un ginecologo può rispondere inequivocabilmente alla domanda su cosa abbia causato il prurito agli organi genitali femminili esterni. Il sintomo è molto aspecifico e può parlare di molti disturbi.

Un'altra causa molto comune di prurito degli organi genitali femminili esterni sono i parassiti - vermi e pidocchi pubici.

Cause comuni e trattamento del prurito nella zona intima delle donne

Il prurito nella zona intima delle donne è un problema abbastanza comune. A volte non pone un serio problema di salute se la causa è eccessiva sudorazione o una reazione allergica.

Se continua a lungo e porta a gravi disagi, la causa potrebbe essere una serie di malattie, da infezioni della pelle e diabete a infezioni intime fungine o parassitarie.

Cause di prurito alle labbra genitali

Ci sono molte cause di prurito nei genitali delle donne, tra cui le infezioni trasmesse sessualmente: l'herpes genitale, la tricomoniasi, la clamidia. Il prurito intimo può essere un sintomo del diabete e, in rari casi, il cancro.

Se è accompagnato da minzione frequente, questo è un segno di cistite.

dermatite

Questa è una causa comune di prurito intimo negli adulti e nei bambini. Nelle ragazze in età prepuberale (7-10 anni), la dermatite atopica e irritabile è più comune. L'esame clinico mostra spesso le labbra eritematose a causa della lichenificazione.

Prurito delle piccole labbra può essere costante a causa di irritante dermatite da contatto.

Di solito è causato da cattive abitudini igieniche:

  • uso eccessivo di sapone profumato;
  • costumi da bagno bagnati da lungo tempo;
  • vestiti stretti, calze di nylon.

La dermatite allergica da contatto è insolita per i giovani, poiché hanno una bassa esposizione a potenziali allergeni. Nelle donne adulte, la dermatite allergica e irritabile da contatto rappresenta circa il 50% dei casi di prurito vulvovaginale cronico.

Regolazione ormonale

Il prurito delle labbra può essere il risultato di malattie genitali di natura infiammatoria, che accompagnano l'erosione cervicale, le verruche genitali e associate a malattie causate da cambiamenti ormonali.

Prurito nella zona intima a causa di cambiamenti ormonali si verifica durante la menopausa (menopausa). Le ovaie smettono di produrre estrogeni. L'ormone che risponde alle normali funzioni sessuali del sistema riproduttivo non viene più prodotto nella giusta quantità.

La diminuzione del livello di estrogeni porta all'asciugatura delle ghiandole segrete naturali e durante la menopausa la pelle attorno all'area della vulva diventa sottile e secca. Durante questo periodo, la donna sperimenta una sensazione di prurito e bruciore nella zona intima, a causa della mancanza di umidità nelle pareti degli organi riproduttivi.

I cambiamenti ormonali nei diversi periodi di età provocano anche dermatosi e irritazioni specifiche della zona intima.

A tale riguardo, vengono presi in considerazione i seguenti punti:

  • caratteristiche epiteliali della vulva nelle donne, a seconda della regione della loro residenza;
  • cambiamenti ormonali temporanei che influenzano le irregolarità mestruali;
  • la presenza di recettori di estrogeni sui cheratinociti.

Durante la regolazione ormonale del corpo, si osservano anche cambiamenti nella flora batterica.

Prurito durante la gravidanza

Gravidanza - un periodo ormonale specifico nella vita di una donna - il corpo viene trasformato in molti modi. Il prurito nella zona intima è un sintomo dermatologico frequente durante questo periodo.

Anche il prurito intimo è un segno di dermatosi specifiche per le donne in gravidanza:

  • gestazione pemfigoide;
  • eruzione polimorfica della gravidanza;
  • colestasi intraepatica della gravidanza;
  • dermatite atopica;
  • follicolite pruriginosa.

Durante la gravidanza, vi è un aumento della scarica, che provoca irritazione della pelle della vulva e, di conseguenza, prurito nella zona vaginale. Se lo scarico è chiaro o bianco, inodore, quindi, molto probabilmente, sono causati da ormoni della gravidanza e non c'è motivo di preoccupazione.

Una delle cause di irritazione della zona intima - detergenti. Ma a volte secrezioni eccessive segnalano un'infezione, in violazione del naturale equilibrio dei batteri nella vagina.

Quattro tipi di infezione rappresentano un potenziale rischio per le donne in gravidanza:

  1. vaginosi batterica;
  2. mughetto;
  3. infezione da streptococco del gruppo B;
  4. tricomoniasi.

Andare da un medico è necessario se arrossamento e prurito in un luogo intimo non scompaiono per un certo periodo, specialmente se le ulcere compaiono sulla pelle della vulva e le perdite vaginali sono anormali.

Reazione allergica

L'allergologia genitale dovrebbe essere considerata una possibile diagnosi, quando le donne prurito in un luogo intimo, la condizione è accompagnata da dolore o irritazione, ma l'infezione o dermatosi non viene diagnosticata.

Molti casi di reazioni allergiche nell'area intima non vengono rilevati, a causa del fatto che i pazienti non lamentano sintomi simili nell'area intima.

Sostanze irritanti della zona intima che possono causare una reazione allergica:

  • Penetrazione di polvere e sostanze irritanti durante le attività professionali (lavoro in zone polverose) oa casa (detersivo per il lavaggio).
  • Il surriscaldamento del perineo (ad esempio, quando si indossano biancheria intima sintetica e sudorazione della pelle) può anche causare pruriginose grandi labbra e bruciore della vulva.
  • Violazione dell'igiene personale - sia la sua insufficienza che l'attività eccessiva (pulizia, abuso di sapone antibatterico e così via).
  • Il liquido seminale o il lattice possono causare orticaria da contatto.
  • Il metilisotiazolinone (trovato nei cosmetici) è un allergene grave nella zona genitale.

Gli stimoli causano un'intensa reazione all'epitelio della vulva, causando prurito e arrossamento dei genitali, a causa dell'alta perdita d'acqua, della capacità e del flusso sanguigno nella vulva. Spesso l'eritema nella zona intima non è ovvio a causa della pigmentazione della pelle della vulva.

infezione

Le infezioni genitali che si verificano durante il rapporto senza preservativo causano prurito, a cui si aggiungono altri sintomi specifici.

Vaginite (o colpite) - infiammazione della vagina a causa della violazione del microbiota vaginale sano; vulvovaginite - infiammazione della vagina e della vulva. Segni di infezione - scarico, tenerezza e prurito delle labbra.

Gli agenti causali dell'infezione possono essere:

  • trichomonas;
  • clamidia;
  • aureus;
  • streptococco;
  • mikoplaza;
  • associazione microbica.

La causa più comune di vaginite è Candida albicans (Candida albicans).

Le forme di infiammazione vaginale nelle donne in età riproduttiva includono:

  1. candidosi;
  2. Vaginosi batterica;
  3. Vaginite aerobica.

Le infezioni vaginali sono spesso associate a diverse cause e presentano casi complessi di trattamento. Mentre una causa viene indagata, altri agenti patogeni sono resistenti al trattamento, causando nuove ricadute nell'area intima.

Pertanto, un fattore chiave del trattamento è la diagnosi accurata e il trattamento di un'ampia gamma di agenti anti-infettivi.

Tipi di infezione:

  1. La vaginite ormonale o atrofica si verifica nelle donne in postmenopausa, dopo il parto, a volte nelle ragazze prima della pubertà.
  2. Vaginite irritante, se il prurito alle labbra, può essere causato da allergie a preservativi (lattice), sperma, prodotti per l'igiene aromatica e microbi che possono essere su di loro.
  3. Stranieri (con conservazione casuale di corpi estranei nella vagina) sono associati a secrezioni estremamente sgradevoli, disagio e prurito tra le labbra.

diabete mellito

Il prurito nella zona genitale può essere un sintomo del diabete causato da frequenti infezioni da lieviti.

Con una malattia, il livello di glucosio nel sangue può svilupparsi in modo anomalo, fornendo le condizioni ideali per la crescita di funghi simili a lieviti e riducendo la capacità del corpo di combattere le infezioni.

Il diabete è associato a molti cambiamenti nei luoghi intimi:

  • sensazione di secchezza e desquamazione della pelle e delle mucose della zona intima
  • l'aspetto delle microfessure
  • la loro infezione da microrganismi, come conseguenza dello sviluppo di reazioni infiammatorie.

Nella vagina, una delle manifestazioni delle microcracks è il prurito delle labbra. Per lungo tempo, potrebbe essere l'unico sintomo della malattia.

psoriasi

Condizione infiammatoria, autoimmune - psoriasi - colpisce la pelle in qualsiasi parte del corpo, anche nell'area intima. Le lesioni psoriasiche sulla vulva sono più comuni nelle ragazze che nelle donne adulte.

La psoriasi colpisce il guscio esterno della vagina, di solito senza intaccare le mucose e causare prurito nella zona inguinale. Nella presentazione clinica, non c'è differenza negli adulti e nei bambini. Queste sono placche rosse chiaramente delimitate nell'area della vulva e dell'area perianale.

Nelle pieghe della pelle si incrina e si ammala. Vestiti stretti, uso di carta igienica grossolana o prodotti sanitari, tutto ciò che causa l'attrito, compresi i rapporti sessuali, aggravano i sintomi - il disagio che accompagna la psoriasi, il bruciore e il prurito delle labbra

I medici sono in grado di diagnosticare solo guardando la lesione, ma al fine di escludere infezioni batteriche o fungine, in alcuni casi viene prescritto un test aggiuntivo.

Vulvovaginite atrofica

Cambiamenti nel corpo di una donna spesso portano allo sviluppo di vulvovaginite atrofica, che è caratterizzata da prurito costante in un luogo intimo. Se la vagina è pruriginosa, fa agire la donna sulla zona. Questo porta alla formazione di ferite aperte alle infezioni.

La vulvovaginite atrofica è possibile in qualsiasi momento durante il ciclo di vita di una donna, sebbene sia più comune nella fase postmenopausale (tempo dell'ipoestrogeno).

Altre cause di condizione ipoestrogenica:

  • allattamento;
  • diversi trattamenti per il cancro al seno;
  • uso di determinati farmaci.

La vulvovaginite atrofica può essere risolta spontaneamente quando vengono ripristinati i livelli di estrogeni.

Durante la menopausa, con una diminuzione dei livelli di estrogeni, l'epitelio vaginale diminuisce. Quando le cellule epiteliali esfoliano e muoiono, rilasciano glicogeno, che idrolizza a glucosio.

È decomposto in acido lattico dall'azione dei lattobacilli, un comune organismo commensale vaginale.

Senza questo set, il pH nella vagina aumenta, portando alla perdita di lattobacilli e crescita eccessiva di altri batteri, tra cui streptococco di gruppo B, stafilococco, coliformi e difteroidi. Questi batteri causano infezioni vaginali sintomatiche e infiammazioni nell'area intima.

Dopo la menopausa, l'elasticità della vagina diminuisce e il tessuto connettivo aumenta. Una diminuzione dei livelli di estrogeni provoca una diminuzione del flusso sanguigno vaginale e della lubrificazione vaginale. Il sintomo iniziale è spesso la mancanza di lubrificazione durante il rapporto sessuale.

Il diradamento del rivestimento epiteliale provoca il prurito delle labbra, un dolore bruciante nella regione vaginale e vulvare, che a sua volta contribuisce alla dispareunia. Una scarica acquosa di giallo o grigio è un sintomo secondario rispetto ad un aumento del pH.

Pediculosi pubica

I piccoli insetti parassiti che vivono nei peli pubici causano un intenso prurito ai genitali.

Si verifica a causa di ipersensibilità alla saliva dei pidocchi pubici, che si nutrono di sangue, e diventa più forte per due o più settimane dopo la penetrazione dei parassiti, soprattutto di notte, quando i pidocchi sono particolarmente attivi.

A volte una caratteristica macula (blu-grigio o chiazzata) appare in un luogo intimo, che persiste per diversi giorni.

La pediculosi pubica, il cui sintomo principale è il prurito nella vagina, richiede un trattamento con unguenti insetticidi, creme, lozioni o shampoo che uccidono i parassiti e le loro uova, che possono essere portati a casa.

Se dai graffi sulla pelle in un luogo intimo ci sono graffi infetti, è necessaria assistenza medica qualificata.

Il metodo più comune di infezione da pidocchi è il rapporto sessuale. Ma puoi comprare pidocchi pubici usando lenzuola, asciugamani o vestiti di una persona infetta.

Groin Atleta

La causa dell'epidermofitosi dell'atleta è il fungo antropico Epidermophyton floccosum.

L'infezione, che provoca prurito ai genitali, avviene per contatto ravvicinato con una persona infetta, attraverso articoli di assistenza ospedaliera (letti non sufficientemente disinfettati, clisteri), attrezzature nei palazzetti dello sport.

È possibile l'infezione nelle docce o nei bagni pubblici.

L'atleta inguinale ha pronunciato sintomi nelle pieghe inguinali. Inizialmente, appaiono piccole macchie rosa squamose con bordi chiari. Gradualmente si fondono e formano focolai solidi con crescita periferica.

Nei fuochi ci sono vesciche, erosione e desquamazione - ciò che causa bruciore e prurito agli organi genitali esterni. Trattare l'infezione con fungicidi appropriati.

gonorrea

La gonorrea viene trasmessa attraverso il contatto sessuale con una persona infetta. L'infezione è possibile attraverso il sesso orale, anale e vaginale.

Neisseria gonorrhoeae (gonococcus) - l'agente eziologico della gonorrea - sviluppa resistenza agli antibiotici, che rende difficile il trattamento clinico a causa della resistenza a tutte le classi di farmaci antimicrobici disponibili per il trattamento dell'infezione.

Con la gonorrea incurabile, sono probabili le conseguenze di una serie di complicazioni:

  • malattia infiammatoria pelvica;
  • gravidanza ectopica;
  • infertilità tubarica;
  • infezioni oculari neonatali.

Il periodo di incubazione della malattia varia da 2 a 14 giorni, la maggior parte dei sintomi si verifica 4-6 giorni dopo l'infezione:

  • prurito dei genitali e dell'ano;
  • scarico di colore giallo o verdastro dalla vagina;
  • dolore nella regione pelvica;
  • sanguinamento tra cicli mestruali.

In alcuni casi, la gonorrea provoca non solo lesioni cutanee nell'area intima, ma anche dolore e gonfiore delle articolazioni.

La gonorrea viene diagnosticata con il metodo Gram (sulla rilevazione di gonococchi in uno striscio macchiato di grammo). Nuovi metodi di reazione a catena della polimerasi stanno diventando comuni.

Le donne con gonorrea sono testati per altre malattie sessualmente trasmissibili - clamidia, che ha sintomi simili, con prurito all'inguine nelle femmine, la sifilide e virus dell'immunodeficienza umana.

Herpes genitale

herpes genitale, che è l'agente eziologico di herpes simplex virus (HSV-1 e HSV-2), mostrato in forma di infezione primaria o ricorrente.

Può causare dolore, prurito all'inguine delle donne e ulcere nell'area intima. Il metodo principale per diffondere il virus è il contatto sessuale. Dopo un'infezione primaria, il virus è a riposo e può essere attivato più volte all'anno.

I segni clinici classici appaiono sotto forma di cute maculare o papulare e membrana mucosa della zona intestinale, circa 4-7 giorni dopo il contatto sessuale. Lo sviluppo di vescicole, pustole e ulcere può durare fino a 3 settimane.

I sintomi tipici includono:

  • arrossamento e gonfiore doloroso della vulva;
  • forte prurito ai genitali;
  • disuria;
  • cervicite;
  • linfoadenopatia.

L'herpes genitale può apparire atipico, il che complica la diagnosi clinica. I sintomi di lesioni erpetiche cervicali sono spesso asintomatici, mentre le manifestazioni uretrali sono associate a gravi problemi di minzione.

tricomoniasi

La ragione per trichomoniasis, malattie non virali più comuni, sessualmente trasmessa è Trichomonas vaginalis (Trichomonas vaginalis).

L'infezione porta a una varietà di manifestazioni cliniche, tra cui prurito genitale esterno, dolore e bruciore nella zona intima. Il disagio è aggravato durante il rapporto e durante la minzione.

Il parassita preferisce infettare le cellule dell'epitelio squamoso. Nelle donne, il sito principale di infezione è la vagina. Ma i trofozoiti sono in grado di raggiungere l'uretra e l'endocervice. Il pH della vagina è 4,5, e se ci sono i Riomon, aumenta a 5 o più.

Il miglioramento contribuisce alla riduzione del microbiota sano (Lactobacillus acidophilus), che protegge l'epitelio vaginale, promuovendo in tal modo la riproduzione dei batteri anaerobici responsabili della vaginosi batterica.

Il periodo di incubazione della tricomoniasi dura per 4-28 giorni, a volte più a lungo, in un terzo delle donne, i sintomi compaiono entro 6 mesi.

Principali lamentele:

  • perdite vaginali;
  • odore e prurito;
  • in alcuni casi disuria e dolore addominale.

Il classico segno della tricomoniasi è associato alle secrezioni causate dalla morte delle cellule epiteliali, che contribuisce all'infiammazione e porta ad un aumento del numero di leucociti polimorfonucleati nel liquido vaginale.

Di solito sono spumosi e di colore verde-giallastro, con un odore di pesce. La vagina e la cervice possono essere eritematose ed edematose. Quando si punge le macchie emorragiche sulla membrana mucosa, la condizione è nota come colpitis macularis o un sintomo di un collo alla fragola.

I sintomi dell'infezione, compreso il prurito vaginale, sono ciclici e più intensi durante i periodi mestruali a causa dell'effetto del ferro sulla patogenesi del parassita. Il principale problema con la tricomoniasi sono le gravi conseguenze per la salute.

Il trattamento viene effettuato con l'aiuto di farmaci come il metronidazolo o il tinidazolo.

mughetto

La candidosi vulvovaginale, detta anche candidosi vaginale o mughetto vaginale, è causata dall'eccessiva proliferazione dei funghi tipo lievito delle specie Candida nella vagina ed è caratterizzata da secrezioni di formaggio, prurito alle labbra ed eritema.

Di solito sono presenti nella vagina in piccole quantità, ma in alcune situazioni iniziano a svilupparsi attivamente.

Fattori predisponenti:

  • attività sessuale estrema;
  • antibiotici;
  • diabete;
  • HIV;
  • mangiare cibi ricchi di zuccheri;
  • ambiente caldo e umido.

In queste condizioni, il lievito inizia a crescere rapidamente e, entrando nella vagina, provoca prurito nella zona intima.

Sintomi di mughetto vaginale:

  • dolore e irritazione della vulva;
  • prurito all'inguine;
  • disagio durante il rapporto sessuale (dispareunia superficiale);
  • sensazione di bruciore durante la minzione;
  • fioritura bianca su piccole labbra;
  • scarico di formaggio inodore biancastro e denso.

I sintomi si aggravano prima dell'inizio del ciclo mestruale.

La candidosi vulvovaginale può essere trasmessa sessualmente e ha un alto tasso di incidenza. Colpisce seriamente la qualità della vita delle donne, specialmente nelle forme croniche recidivanti.

Come misura preventiva, si consiglia di indossare biancheria intima realizzata con materiali naturali, evitare di asciugare e non utilizzare prodotti per l'igiene aromatica. Il trattamento viene effettuato con l'aiuto di farmaci antifungini (clotrimazolo topico o farmaci orali come il fluconazolo).

clamidia

La clamidia è un'infezione trasmessa sessualmente causata dal batterio Chlamydia trachomatis. Conosciuta come la "infezione silenziosa", può essere immagazzinato nel corpo senza mostrare sintomi per mesi e anni, che porta alla danni devastanti per il sistema riproduttivo e gravi complicazioni.

sintomi:

  • sanguinamento vaginale anomalo o secrezione
  • inguine pruriginoso
  • urgenza minzione
  • dolore durante il rapporto
  • sensazione generale di stanchezza.

Il periodo di incubazione dura da 2 a 14 giorni, la maggior parte dei sintomi compaiono 4-6 giorni dopo l'infezione. Una reazione allergica ai batteri è possibile, e quindi tutti i sintomi, anche prurito e bruciore dei genitali, sono notevolmente esacerbati.

Trattare la clamidia con antibiotici (azitromicina o doxiciclina).

gardnerellez

Questa è un'infezione abbastanza comune nell'area intima nelle donne in età riproduttiva.

Gardnerella, i batteri anaerobici facoltativi, sono coinvolti nello sviluppo della gardnerella o della vaginosi batterica. Malattia intimale causata da un'eccessiva crescita di batteri, manifestata nel rilascio di odore sgradevole e prurito all'ingresso della vagina.

Un microbiota vaginale sano consiste principalmente di lattobacilli. La Gardnerellosi è causata da uno squilibrio di questi batteri naturali. Gardnerella vaginalis è in grado di aderire alle cellule epiteliali vaginali e successivamente sviluppa un biofilm sulla parete vaginale.

Iniziando la colonizzazione della mucosa della zona intima, il batterio funge da piattaforma su cui sono attaccati altri batteri pericolosi.

Sintomi comuni:

  • assegnazione di odore di "pesce";
  • irritazione delle pareti vaginali;
  • dolore ed eritema (arrossamento) in un luogo intimo;
  • lieve prurito all'inguine;
  • sensazione di bruciore durante la minzione.

I fattori di rischio includono la pulizia, l'uso di dispositivi intrauterini e frequenti cambiamenti di partner sessuali.

Il trattamento viene effettuato utilizzando antibiotici (clindamicina o metronidazolo). I probiotici aiutano con ricadute ripetute.

Diagnosi del prurito genitale

Prurito nella zona intima è possibile con alcune malattie sistemiche, tra cui insufficienza renale, colestasi, disturbi ematologici o malignità.

È considerato come una condizione secondaria e la diagnosi viene effettuata sulla base dell'intero quadro clinico.

È difficile calcolare la malattia se il prurito della vagina e delle labbra è l'unico sintomo.

Il ginecologo può condurre i seguenti studi:

  • Esame vaginale
  • Macchie da qualsiasi parte: i campioni vengono analizzati al microscopio per rilevare la presenza di organismi associati a infezioni nell'area intima.
  • Pap test per escludere il cancro cervicale.
  • I test basati sul DNA sono sufficientemente accurati per diagnosticare le infezioni vaginali.
  • Colposcopia o biopsia - se la cervice appare anormale.

Come sbarazzarsi di prurito in un luogo intimo?

Il trattamento per il prurito in luoghi intimi nelle donne dipende dalla causa. Solo un ginecologo sarà in grado di determinare esattamente perché il luogo intimo di una ragazza prude, quindi prima di tutto, devi andare da lui.

  • In caso di reazione allergica, la condizione migliora dopo essersi liberati di un irritante o di assumere antistaminici.
  • Le infezioni vaginali richiedono un trattamento intensivo con l'uso di farmaci antivirali, antimicotici, corticosteroidi topici e possibilmente terapia ormonale sostitutiva.
  • Per un'infezione da lievito che provoca un prurito persistente e grave nella vagina, il medico può prescrivere Clotrimazolo o Lomexin per le supposte.

Trattamento domiciliare

La scelta della medicina tradizionale nel trattamento del prurito intimo dipende dalla causa. Qualsiasi trattamento a casa dovrebbe essere concordato con il medico.

Per il trattamento utilizzare:

  • lozioni di erba - 3 cucchiaini. salvia, 1 cucchiaino. Olio di calendula, camomilla - infornare con acqua bollente e lasciare riposare per 60 minuti, applicare una garza imbevuta di brodo caldo.
  • lavaggio con agenti essiccanti (sale Epsom).
  • melissa, L-lisina, propoli se il forte prurito nei luoghi intimi è causato dall'herpes genitale

prevenzione

Il prurito delle labbra nelle donne può essere evitato adottando misure per l'igiene del perineo:

  1. Tieni i tuoi genitali puliti e asciutti.
  2. Dopo le feci, pulire l'area dalla parte anteriore a quella posteriore per prevenire i batteri dall'ano nella vagina.
  3. Non utilizzare prodotti speciali (ad esempio spray vaginali) che possono disturbare l'equilibrio acido della vagina.
  4. Non usare prodotti aromatici (salvaslip, sapone).
  5. Se le piccole labbra si graffiano, utilizzare un sapone delicato, evitare l'attrito nell'area genitale, indossare biancheria intima di cotone naturale e cambiarla tutti i giorni.
  6. Evita il sesso non protetto.
  7. Fai attenzione alla carta igienica, dato che alcune marche contengono prodotti chimici e deodoranti.

Se è graffiato all'inguine di una donna dopo un ciclo di antibootici, dovresti usare regolarmente yogurt ricchi di probiotici per diverse settimane.

È molto importante prestare attenzione alla salute intima, tuttavia, non usare l'autotrattamento per strada, poiché tutti i preparati e le ricette popolari dovrebbero essere utilizzati tenendo conto della storia e delle caratteristiche individuali del paziente.

Una visita a un ginecologo qualificato allevierà sia il prurito intimo che le spiacevoli conseguenze non pianificate.

Strisce reattive per la misurazione dell'acetone nelle urine

Dieta numero 16